Settembre 23, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    La voce del lettore

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Siamo alla vigilia della beatificazione della Venerabile Maria Cristina di Savoia (1812 – 1836), regina delle due Sicilie. Già il titolo è sufficiente, forse, a farci considerare lontana la sua figura. Ma nessun santo è tanto lontano da non poter parlare ad epoche distanti dalla sua. Il santo parla sempre del Vangelo. Non dice altre parole che quelle del Vangelo. Sbaglierebbe di grosso chi considerasse questa beatificazione come evento da leggere in chiave politica.

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Crisi economica, industrie in fallimento, inquinamento, campagne svuotate, crisi sociale, disoccupazione, scioperi, crisi politica, corruzione, peculato. Questa è la Sardegna, territorio al collasso, che con i suoi 24mila km² è diventata lo specchio d'Italia, forse più di ogni altra Regione italiana. Il popolo sardo si trova come intrappolato in un enorme incubo, stretto fra la rabbia per la situazione odierna e la paura per la mancanza di futuro.

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Il 2 maggio 2013, papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del Decreto super miro compiuto per intercessione della venerabile Maria Cristina di Savoia. La beatificazione avverrà significativamente il 25 gennaio, anniversario dell’annuncio della convocazione concilio Vaticano II da parte del beato Giovanni XXIII. La beatificazione di Maria Cristina di Savoia, regina di Napoli, rientra in un certo qual modo nella “santità regale” che ha coinvolto anche casa Savoia. Infatti diversi membri di tale casa reale sono stati riconosciuti santi o beati mentre di altri è in atto la causa di beatificazione o canonizzazione.

    Share


    X

    Right Click

    No right click