Settembre 21, 2021

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    La voce del lettore

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    4 giugno ore 5,40 ingresso porto Olbia.Chi ama la Sardegna arriva in nave con la propria auto,magari facendo enormi sacrifici..prenotando in inverno per risparmiare. Ma poi quando è sbarcato si mette in viaggio alla ricerca non solo delle spiagge e del mare fantastico ma sopratutto dei paesi interni dove si trova il vero artigianato locale e i veri prodotti locali genuini.

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Da Capo Teulada, lembo estremo poetico

    il mar Tirreno che si riflette sulle bianche

    spiagge e le dune, gobbe al sole mai stanche

    né esausto agli occhi un caldo saturo cuore

    d’ isola il suo patrimonio assolato di colore.

    Giare e tacchi colline come in un quadrante

    d’orologio una clessidra vasta e pianeggiante;

    rocce di calcare e di dolomia

    come sul Gennargentu catena coi rifugi

    al vento l’aria pettinando la Taxus baccata

    i pochi residui della vita sulla morte

    che speranza sui rami, dell’altura prospera

    e procrea l’aria  di Sardegna che

    del vento spira la sua porta, su “ pietre spaccate “

    cima rotonda e spoglia Punta La Marmora

    coi suoi nevai di temperatura l’altitudine.

    FABIO STRINATI

    La voce del lettore
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    365 giorni..questi i lunghi giorni che mi separano da LEI, da viaggio a viaggio. Ogni anno l’estate dovrà scorrere in fretta per accogliere, al più presto, SETTEMBRE…quel mese che per me, ormai, significa SARDEGNA! Il lungo viaggio in traghetto è il mio dormiveglia, un momento di sospensione  finchè, alle prime luci dell’alba o allo spuntare della luna, riesco a scorgere- nonostante la miopia- la sagoma di Tavolara che, imponente, sembra aspettarmi con impazienza e salutarmi…in quell’attimo mi si gonfia il cuore e mi abbandono al mio SOGNO. Sogno che da qualche anno è diventato nostro, perché la meraviglia è ancora più bella in due. Non so spiegarmi la natura o l’intensità di questo legame con l’isola anche se, velatamente ed in sordina, ha sempre fatto parte della mia vita.

    Share


    X

    Right Click

    No right click