Maggio 19, 2022

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Sardegna Ieri

    Sardegna Ieri
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Un pastorello e un rinnegato passati alla storia della reggenza di Algeri, una ragazza rapita e divenuta favorita del Bey, una bandiera della discordia che, forse, avrebbe svettato a Lepanto e un centinaio di torri disseminate su tutte le coste. Se anche in Sardegna il detto «Mamma li turchi» o, meglio «Is moros, is moros!» è diventato sinonimo di terrore vi sono delle valide ragioni storiche ma, anche, delle curiose sorprese. Le incursioni musulmane in Sardegna iniziarono a meno di cento anni dalla morte di Maometto.
    A ricordare un tempo, nemmeno troppo antico - le ultime avvisaglie di pirateria si riscontravano ancora a metà Ottocento - sono toponimi, iscrizioni e un numero indefinito di leggende dal dubbio valore scientifico.

    Sardegna Ieri

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

    La Carta de Logu è il Codice delle leggi dello "Stato" (Logu) dei Giudicati sardi. La più notevole è stata quella del Giudicato d'Arborea che fu promulgata, nella sua prima versione, da Mariano IV d'Arborea, poi aggiornata ed ampliata dai figli Ugone III ed Eleonora verso la fine nel XIV secolo, e rimasta in vigore fino a quando venne sostituita dal Codice feliciano nel 1827.

    L'articolo 47- De fogu in lauore prevedeva venisse tagliata la mano destra ai piromani

    Item ordinamus: qui si alcuna persona ponneret fogu istudiosamenti a laure messadu over ad messare o a bingia:o at ortu et est indi binchidu paghit pro maquicia liras l, et issu dannu a quillat auire factu:et si nò pagat ipso over atero pro se seghit silli sa manu destra. Et issos jurados siant tenudos de prouare et de tenne sus malusfactores adicussa pena qui narat su secundu capidulu.

    Sardegna Ieri
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Su 4 de Aprile de su 1297, in Santu Predu de Roma, Jacu II Su Zustu, re de s'Aragona, at retzidu da Papa Bonifacio VIII sa simbolica coppa de oro chi lu proclamabat, de lumene, “Dei gratia rex Sardiniae et Corsicae”, pro grassia de Deus re de Sardigna e Corsica. S'attu fit iscrittu su 5 de Aprile e narabat chi su regnu de Sardigna e Corsica apparteniat a sa Cresia ca l'abiat istituidu; ma beniat dadu pro semper, arrè, a sos res de sa Corona de Aragona in cambiu de su zuramentu de Bassallaggiu, de su Servissiu de chimbighentos fantes e chentu caballeris, de su pagamentu de duamiza marcos de prata cad'annu. S'ateru pattu mannu fit chi su rennu non depiat esser mai dibibidu.

    Custa detzisione de Papa Bonifacio VIII, chi abiat pigadu isse e tottu, motu proprio, at permittidu de risorbere sa gherra de su “Vespro” tra Aragonesos cun sa paghe de Anagni. Dae como sos Aragonesos poden picare possessu de sa Sardigna ma amus a bier ci non bastabat sa bolla papale, ma at cherfidu gherras longas e lottas contra a sos sardos, chi non si cherian lassare ponner su pede supra, dae rennos istranzos. 28 Aprile 1794: custa data est considerada Sa Die de sa Sardigna pro ammentare chi sos sardos ch'an bogau sos funzionarios piemontesos e su vicerè. Sa ribellione de su 28 aprile, est partida dae su malumore de su populu ca su re Vittorio Amedeo III no at tentu contu de sas dimandas chi una Delegatzione de sos istamentos l'aian fattu.

    Share


    X

    Right Click

    No right click