Gennaio 22, 2022

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Sardegna Domani

    Sardegna Domani
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Per il gelato Nutraceutico all'azoto liquido apprezzato a Golosaria 2016 ha preso ispirazione dalle nonne Giovanna e Pietrina. L'antichissima arte di cucinare il maialetto sotto terra l'ha invece appresa da nonno Antoniangelo. I piatti di Federico Lai, 25 anni, chef e biologo di Oliena, racchiudono moderna tecnologia e saperi di un tempo. Nella sua arte gastronomica si riconoscono gli elementi identitari della cultura sarda madre che lo ha formato ma anche quelli innovativi e sofisticati dovuti ai suoi studi di Biologia della Nutrizione all'Università di Urbino.

    Sardegna Domani
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    L’innovazione passa dalla nuova vita degli scarti, dei materiali, dei fili. Per creare arte, moda e design. Il tutto all’insegna della sostenibilità e del dialogo, costante, tra tradizione e modernità. Barbara Pala e Antonella Tedde, co-fondatrici del marchio LabPLATDD hanno fatto di questi temi un vero e proprio manifesto che si rinnova giorno dopo giorno negli spazi del loro laboratorio, a Macomer. Qui Barbara, fashion designer e Antonella Tedde dopo essersi formate a Milano e Firenze ed aver maturato una serie di esperienze professionali, hanno unito passioni e competenze in occasione del rientro in Sardegna per avviare un progetto di sperimentazione tessile fortemente dinamico che unisce tradizioni artigianali, moda e arte. Incontriamo Barbara Pala all’indomani della partecipazione alla mostra “Re.volvèr /cultura da indossare/” che ha visto nella galleria Edarcom Europa di Roma, dal 21 al 28 gennaio, una selezione di lavori artistici dedicati all’intrigante rapporto  tra fashion, cultura e design.

    Sardegna Domani
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Un meraviglioso mini documentario realizzato dai ragazzi delle classi seconda del Liceo delle scienze umane e musicali “Sebastiano Satta" di Nuoro che raccontando la tradizione del pane carasau ci fa rivivere l'atmosfera narrata dal poeta nuorese Sebastiano Satta mostrandoci immagini d'epoca e rivisitazioni contemporanee del nostro pane sardo più illustre. I ragazzi vincono il primo premio del concorso dedicato al tema del Digital food indetto dall'Ufficio Scolastico Regionale della Sardegna e AICA, Associazione Italiana per l'Informatica ed il Calcolo Automatico, avendo curato suoni, testi ed immagini attraverso la valorizzazione didattica delle tecnologie multimediali attualmente più diffuse.

    Share


    X

    Right Click

    No right click