Luglio 15, 2024

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Arte e Cultura

    Arte e Cultura

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

    Ci sono storie che meritano un lieto fine. Lo meritano soprattutto quando intorno a noi le storie, le nostre, quelle di tutti i giorni, ci indeboliscono con il loro peso e le loro complicazioni, sopratutto oggi, in questo strano nuovo tempo di mezzo.

    Ed ecco perché abbiamo bisogno di belle storie e di recuperare i finali, di concederci il piacere di riscriverli, quei finali, qualora non siano la risposta a un momento in cui serve un lieto fine.

    E abbiamo bisogno, anche, di circondarci di quei piccoli piaceri densi di bellezza, in grado di sorprenderci, a ogni età.

    Arte e Cultura

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

    «Scusi, cosa vendete qui?», chiede un passante incuriosito da quell’uscio con una porta in ferro battuto addobbata con vasi di fiori. «Io non vendo niente. Distribuisco cultura, diffondo storie» risponde ferma Mercedes. Ed è la verità. Mercedes racconta la storia di una città, di un regno, dei suoi abitanti. Racconta in particolare le storie di Castello, quartiere storico di Cagliari, e lo fa attraverso mattonelle di ceramica. Cinquecento, per la precisione. Cinquecento frammenti di ceramica decorata, ognuna con una vicenda da narrare ma parte di un racconto condiviso: Contus de Arrejolas, racconti delle riggiole, così si chiama il piccolo museo di via Lamarmora, 67. Uno scrigno che contiene piccoli tesori, un luogo fuori dai percorsi del turismo di massa della città. Eppure lì,  a un passo, alla portata di chiunque spinto da un pizzico di curiosità vuole conoscere storie fuori dall’ordinario.

    Arte e Cultura

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

    La Sardegna è la terra natia di numerosi intellettuali e artisti apprezzati e lodati in tutto il mondo. Abbiamo avuto l’enorme piacere, dopo un primo incontro nel 2015, di rinnovare il confronto con il regista sardo probabilmente più celebre al di fuori dell’isola. Si tratta di Salvatore Mereu, classe 1965, David di Donatello per il miglior regista esordiente (2004) e Ciak d’oro per la migliore opera prima (2004).
    L'occasione di un nuovo incontro è l'uscita del suo ultimo film Assandira, presentato in anteprima il 6 settembre 2020 fuori concorso alla 77ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.

    Share


    X

    Right Click

    No right click