Il regista sardo Giovanni Columbu torna sullo schermo con 'Surbiles'. Il nuovo film, il successore del fortunato 'Su re', è stato presentato in anteprima mondiale al 70esimo Locarno Festival nella sezione Signs of Life. L'opera è prodotta da Luches in associazione con Istituto Luce Cinecittà e Rai Cinema, sostenuto dalla Regione, dalla Sardegna Film Commission e dal Comune di Cagliari, distribuito in Italia e per l'estero da Luce-Cinecittà.

Chi sono le Surbiles che danno il titolo al lavoro di Columbu? Creature femminili vicine ai vampiri protagonisti di miti e racconti della fantasia popolare della Sardegna. Il regista va cercarle nelle parole di chi ne parla o di chi ha quasi paura a parlarne. "Un film documentario - spiega il regista - nato come ricerca etnografica, e approdato a un modo di riscoprire e far rivivere leggende e storie fantastiche, attraverso il coinvolgimento dei testimoni nella messa in scena dei racconti, e dunque attraverso una rappresentazione del tutto cinematografica".

Soddisfazione della Regione per l'approdo del film al Festival svizzero. "Torniamo a Locarno come Fondazione - commenta Nevina Satta, direttrice della Sardegna Film Commission - dopo il successo di 'Perfida' di Bonifacio Angius per sostenere e promuovere nei mercati esteri il talento di Giovanni Columbu, selezionato per un'opera poetica che combina l'immaginario ancestrale della cultura sarda e mediterranea con l'attualità dell'alta qualità realizzativa dei professionisti isolani". 
   

© ANSA

Autore dell'articolo
Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dello stesso autore: