Settembre 23, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Itinerari di viaggio

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Da vestali di Adone a devote di San Giovanni Battista. C’è una tradizione antica di tremila anni dietro la festa che, a partire dall’ultimo sabato di luglio, anima per diversi giorni Quartu Sant’Elena. È la terza città della Sardegna: come un prezioso gioiello, è incastonata tra una delle zone umide più interessanti d’Europa, il parco di Molentargius (è qui che nidifica una nutrita colonia di fenicotteri rosa), e ventisette chilometri di costa che ancora conservano scorci incantevoli e insenature incontaminate. Terra e mare si incontrano proprio per la festa di San Giovanni: una vetrina per ammirare tutte assieme le ricchezze delle tradizioni quartesi. Protagoniste sono sette ragazze, le traccheras, che con abiti ornati dei più bei gioielli in filigrana e al ritmo di trallalera (canzoni tradizionali sarde in versi), ogni anno su carro detto tracca partono dal centro storico per raggiungere l’antica chiesa campestre del litorale quartese, dedicata a Sant’Andrea.

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Dal silenzio della sua chiesetta nel cuore del quartiere di Stampace, si risveglia Sant’Efisio. È arrivato il primo maggio, il giorno della grande festa. Quello in cui da tutta la Sardegna i fedeli arrivano a Cagliari per rendere omaggio al santo protettore che liberò la città dalla peste e dai pirati. Il rito si rinnova oggi, come 351 anni fa. Allora (era il 1656) la peste si era diffusa in tutta l’Isola e aveva mietuto oltre 10 mila vittime. I cittadini disperati invocarono il santo: “O Efis libera nos de su mali e ti promitteus una festa manna” (“Efisio, liberaci dalla pestilenza e ti promettiamo grandi festeggiamenti”). Poco tempo dopo, una pioggia battente cadde sulla città liberandola finalmente dal morbo.

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Acque limpide, spiagge dotate di tutti i servizi, barconi da pesca che costituiscono la principale attività economica. Crocevia della cultura medievale umanistica e rinascimentale, intorno al 1500 la città di Castel Aragonese, oggi Castelsardo, arroccata su un suggestivo promontorio a picco sul mare della costa settentrionale dell’Isola, viveva un richiamo molto forte alla scienza alchemica con un folto nucleo di dotti ecclesiastici che studiavano e applicavano teorie eretiche. Il borgo antico, nella parte alta, era considerato una fortezza inespugnabile.

    Share


    X

    Right Click

    No right click