Che cosa significa, oggi, fare un giornale on line? Che cosa significa rimodulare un’idea, tenendo fede alla sua origine, alla sua identità ma con un taglio più moderno?

Ce lo siamo domandato più e più volte, in questi sei anni da quando, nel 2013, Focusardegna ha visto la luce. 

In questi anni siamo cresciuti e abbiamo mantenuto salda la nostra brand awareness sui social, abbiamo continuato, sul sito, a raccontare la nostra idea di Sardegna, i suoi protagonisti, i suoi luoghi e le sue meraviglie, le sue criticità e le sue eccellenze.

Nel frattempo, siamo cresciuti anche noi. Abbiamo proseguito con le nostre attività professionali, ne abbiamo iniziato di altre, ci siamo spostati e ritrovati ma siamo sempre rimasti legati da uno stesso filo rosso: portare avanti un' idea, un progetto, un qualcosa che fosse interamente nostro.

E per farlo, serviva partire dal supporto, quello del sito. Abbiamo dato un nuovo look al nostro portale, abbiamo snellito le sezioni e dato una struttura più vicina a quelle delle testate di approfondimento, andando a lavorare su suggerimenti e suggestioni che arrivavano proprio dai nostri lettori. Già, proprio da parte di tutti voi che state leggendo ora, arrivando per la prima volta sul nostro sito o tornandoci dopo tanto tempo.

Perché se questa idea partita da 5 ragazzi sardi è rimasta forte e salda sino ad oggi, è grazie a tutti voi. A chi ci ha supportati e seguiti, a chi ha condiviso i nostri contenuti, a chi ci ha spronati ad andare avanti.

Così, ci siamo fatti un regalo e dal 2019 Focusardegna è a tutti gli effetti una testata giornalistica. Continuerà a raccontare la nostra Sardegna, con articoli liberi da costrizioni e condizionamenti ma soprattutto, fedeli a al valore della ricerca: ricerca di una identità e di informazioni chiare e verificate, ricerca dell’unicità e del progetto, della tradizione da preservare e della novità da approfondire ma, anche, della notizia giusta al momento giusto.

Continueremo ad essere una testata di approfondimento e a lasciare ad altre situazioni i contenuti pronti all’uso. Sappiamo di aver abituato i nostri lettori a una qualità da gustare, riga dopo riga. E su questo noi continueremo a lavorare, di giorno in giorno, con interviste e articoli che vogliono dare nuova luce e nuovo valore alla nostra terra e raggiungere sempre più lettori possibili, andando oltre le barriere geografiche e culturali.

Questo, ripartendo dai nostri 5 capisaldi: cultura, territorio e natura, turismo, economia, innovazione e trattandoli con un taglio contemporaneo e attento alla multimedialità. Il nostro, non è però solo un progetto editoriale ma, anche, un progetto che vuol rinnovare il modo di far marketing e comunicazione in Sardegna andando, al contempo, a sostenere questo sito. Per questo, potete scegliere di diventare parte attiva del mondo Focusardegna anche aderendo alle nostre iniziative.

Rimane saldo però, il valore più grande: la vostra presenza qui, come lettori, di un progetto con radici profonde che ha tutte le intenzioni di andare lontano.

Buona lettura a tutti voi, buon lavoro a noi e lunga vita alla nostra idea, FocuSardegna! 

------------------------------

 

Mariella Cortes, Direttore responsabile FocuSardegna

 

Ph: @IreneBosu

 

 

 

Autore dell'articolo
Mariella Cortes
Author: Mariella Cortes
Curiosa per natura, alla perenne ricerca di luoghi da scoprire, persone da raccontare e storie da ritrovare. 30 anni, laureata in Lettere e Comunicazione Multimediale, con radici a Desulo espanse a Sassari dove nel 2004 ho iniziato la carriera di giornalista (Albo dei pubblicisti) per carta, tv e radio. Il master in Marketing Territoriale mi ha portata a Milano, prima al Touring Club Italiano e poi al Sardegna Store dove per due anni ho raccontato la mia terra. Collaboratrice dell’Unione Sarda per cultura e spettacoli, lavoro a Milano come consulente nel marketing territoriale, nell’organizzazione eventi e nella formazione. FocuSardegna è il filo rosso con la mia terra che ha sempre qualcosa di dire, anche nei silenzi del vento che accarezza le rocce con i suoi profumi.
Dello stesso autore: