Smart Lab è una delle start-up innovative che hanno sede in Sardegna. Nasce nel Luglio 2012 come società Spin Off dell’Università di Cagliari con l’intenzione di valorizzare ed utilizzare in ambiente imprenditoriale le conoscenze acquisite in ambito  accademico.

La società è specializzata nella gestione e nell’analisi dei dati a supporto delle decisioni, nelle analisi di mercato, sondaggi e Data Mining in generale. Smart Lab è composta da sei soci: docenti, ricercatori e collaboratori del Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali. Abbiamo incontrato l’amministratore della società Antonio Fadda per avere da lui maggiori delucidazioni in merito al progetto e all’attività svolta.

 

 

Cos’è Smart Lab?

SmartLab è una società Spin Off dell’Università di Cagliari che opera nell’ambito della Business Intelligence con particolare attenzione al trattamento e all’analisi dei dati finalizzati al supporto delle decisioni. Le informazioni ottenute costituiscono sia un input cruciale nel processo di progettazione e di decisione, sia un fondamentale feedback nella valutazione dell’impatto dei progetti e delle decisioni assunte. SmartLab a seguito del “Decreto Crescita 2.0” del 2012 è iscritta nella sezione speciale “Start-Up innovativa” del Registro delle Imprese di Cagliari.

Cosa fa Smart Lab?

SmartLab propone processi innovativi per la gestione e valorizzazione dei dati all’interno delle organizzazioni. I dati da raccogliere e di conseguenza le analisi effettuate possono derivare da percezioni soggettive: ad es. la soddisfazione di un cliente, la percezione di una comunità su un determinato problema sociale o da misurazioni oggettive su fenomeni aziendali o economici: es. dati di bilancio; dati Istat o di altre fonti istituzionali. Dalla raccolta all’analisi dei dati, passando per la pulizia SmartLab supporta l’organizzazione in ogni fase, curandone i dettagli e fornendo servizi adeguati e utilizzando metodologie adeguate. SmartLab ha sviluppato diversi processi che agevolano alcune realtà aziendali che consentono di supportare i clienti per esigenze di varia natura.

A chi si rivolge a Smart Lab?

Le imprese, la PA, gli enti locali, e tutti i decisori che vogliano attuare processi decisionali basati sull’evidenza empirica potranno trovare nei servizi offerti da SmartLab un prezioso supporto con indicazioni di natura programmatica e operativa.

Da chi è composta Smart Lab?

La società è formata da docenti, ricercatori e dottorandi del Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali e nasce dopo anni di collaborazione in ambito accademico. Il gruppo è formato da sei soci: I referenti in ambito accademico sono Francesco Mola, Ordinario di Statistica e Analisi di Mercato, responsabile del settore statistico e Vittorio Pelligra, Docente di Economia Politica, responsabile del settore economico e sociale, entrambi hanno il ruolo del coordinamento scientifico e del trasferimento tecnologico. Gli altri soci sono Antonio Fadda, Amministratore della società e project manager, Claudio Locci responsabile amministrativo, Luca Frigau, analista statistico e Vincenzo Rundeddu, analista economico e aziendale.

Un suggerimento ai giovani sardi che vogliono “fare impresa”.

Il suggerimento è sicuramente quello di provare, naturalmente senza lanciarsi allo sbaraglio. Una cosa che abbiamo imparato, confrontandoci con la realtà e con il mercato, è che non bisogna innamorarsi della propria idea, spesso ci si autoconvince di avere l’idea giusta e si tralasciano altri aspetti fondamentali, come l’organizzazione aziendale e lo studio del mercato, clienti e concorrenti. Credo che esista poca imprenditorialità soprattutto per la forte paura di sbagliare, la paura del fallimento, se un idea imprenditoriale va male, bisogna rialzarsi e inventarsi qualcos’altro. In America dicono che la chiave del successo è aver provato il fallimento, mentre in Italia questo è un blocco. Ormai nessuno ci regala niente e credo che sia poco produttivo aspettare concorsi pubblici che non arriveranno mai. Purtroppo c’è da considerare la mancanza di capitali e di investitori, avviare un iniziativa imprenditoriale richiede investimenti, e tanti sacrifici economici, soprattutto in attesa dei primi utili. Comunque quando c’è la volontà bisogna provare, in qualunque caso sarà un ottima esperienza, poi chissà magari gli americani hanno ragione.

 


 

Contatti:

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.smartlabkaralis.com

 


Recapiti Amministratore

Antonio Fadda
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 349 731 17 83


 

 

Autore dell'articolo
Simone Tatti
Author: Simone Tatti
Giornalista, data analyst e performance strategist per aziende, istituzioni e privati che hanno bisogno di implementare il proprio business e costruire un’immagine positiva mediante comunicazione tradizionale e digitale. Economista di formazione, con master in sviluppo territoriale e gestione d’impresa mi appassiono al mondo dei media dopo aver vinto il primo concorso universitario Heineken – Ichnusa in “Marketing e Comunicazione”. Scrivo con costanza da circa nove anni su testate giornalistiche off e online prediligendo la produzione di reportage e articoli di analisi statistico/economica. Per amore verso la mia terra, fondo www.focusardegna.com. Ho curato l’immagine e la comunicazione di progetti di destinazione turistica (i.e. Distretto Culturale del Nuorese e Sardinia East Land | destinazione globale Nuorese Ogliastra) e la gestione dei canali social di affermati mass media (Unione Sarda, Videolina e Radiolina). Di recente anche startupper.

Per sapere altro su me o quel che faccio, visita il mio sito www.simonetatti.it.

Dello stesso autore: