Maggio 19, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Itinerari di viaggio

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    La magia di un territorio sta anche nella sua età. C’è un’area, in Sardegna, che è una delle terre più antiche del mondo. Si tratta del Sulcis Iglesiente, la parte sudoccidentale dell’isola: la sua età geologica risale al pre-Cambrico, qualcosa come cinquecento milioni di anni fa. Il suo sottosuolo è un intrico profondo di grotte e di miniere, ricche di ogni genere di minerali e di metalli; la superficie offre paesaggi marini e montani di rara bellezza; tutta la regione è un singolare patrimonio di civiltà, di cultura, di storia, di tradizioni. Sul territorio è stata di recente istituita la nuova provincia di Carbonia Iglesias: le due città, che sono quelle di maggior rilievo storico ed economico, condividono il ruolo di capoluogo.

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Si nascondono nelle grotte e nelle profondità delle voragini. Sulle alture che sfiorano il cielo, tra le sughere, il cisto e i muschi delle rocce più impervie. Tra le rovine delle costruzioni nuragiche e i residui delle civiltà sepolte. Fino al mare e alle spiagge trasformate dal continuo scorrere delle stagioni, dall’andare e venire di onde che sfumano qualunque impronta fino a farla scomparire. E dal passato riaffiorano, nei deserti sconfinati e frastagliati, e sulle bocche della gente. Sono le leggende, i miti e i racconti misteriosi che completano i vuoti della storia e le falle della memoria. I sardi, anche in questo incantevole angolo di mondo che è l’Ogliastra, sono circondati da mille culture diverse, seppellite a strati indistinguibili nel sapere della terra.

    Itinerari di viaggio
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    La magia delle spiagge ha un periodo dell’anno preciso. Diciamo aprile, maggio, anche giugno. E settembre, inoltrato. In questi mesi il paradiso è ancora paradiso. Altrimenti diventa turismo di massa. Prendiamo Budelli. Prendiamo un periodo non a caso: fine aprile, prima metà di maggio. La magia si gioca tutta in pochi giorni. Si arriva in barca, si ormeggia a qualche centinaio di metri dalla perla dell’arcipelago della Maddalena. Quindi si ammira una natura che da queste parti è stata prodiga di regali. Poi si scende a terra. Direzione: la Spiaggia Rosa che grazie a una provvidenziale decisione del Parco nazionale è oggi superprotetta (niente nuotate né passeggiate sullo splendido arenile). Venti minuti di cammino nel verde, tra lentischi, ginepri, mirti, in un tripudio di colori, fiori e profumi. Quando si arriva al limitare della spiaggia, si resta abbagliati dalla lingua rosa che si è prodigiosamente riformata dalla frantumazione della Miniacina miniacea, un microrganismoche vive nelle prateria di posidonia.

    Tags: ,
    Share