IL MESE DEL DOCUMENTARIO A NUORO

Le proiezioni inizieranno giovedì 18 gennaio alle 18:30 e, a seguire, ogni mercoledì, sempre alle 18:30, fino al 7 febbraio.

Giunto alla sua quinta edizione, Il Mese del Documentario è una delle manifestazioni più rappresentative dedicate alla diffusione del Cinema del Reale nel nostro Paese. Un “festival diffuso” che propone il meglio della produzione documentaristica italiana e internazionale a Roma e in un network territoriale che coinvolge importanti città italiane dal Nord al Sud del Paese tra cui Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Palermo e Nuoro.

Il titolo di questa nuova edizione è IL CONTINENTE UMANO

I film selezionati e proposti ai pubblici delle città che ospitano la manifestazione affrontano, da punti di vista diversi, la condizione dell'essere umano contemporaneo in relazione alla storia e all'identità del proprio Paese. 
Il Mese del Documentario è ideato e prodotto da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani in collaborazione con Casa del Cinema e Kinema, con il supporto di SIAE Società Italiana degli Autori ed Editori. Il progetto gode inoltre del patrocinio dell'Università Roma Tre e in Sardegna ha come partner l'Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE) 
L’iniziativa, realizzata con la Direzione Artistica di Pinangelo Marino e la Direzione Organizzativa di Davide Morabito per Doc/it, intende valorizzare il sistema cinematografico e culturale nazionale e si rivolge a un pubblico in divenire, coinvolgendo nella sua realizzazione gli attori culturali e sociali del nostro Paese. 
Il Mese del Documentario, che negli anni ha consolidato il grande successo di pubblico, si avvale della collaborazione delle sale cinematografiche coinvolte e delle realtà locali che partecipano alla realizzazione degli eventi e alla diffusione dei contenuti. 
A partire dal 15 gennaio saranno presentati in esclusiva 4 documentari in tutte le città in cui si svolgerà la manifestazione.

I 4 film, premiati ai festival più prestigiosi durante il 2017, concorrono al Premio del Pubblico e avranno l'anteprima alla Casa del Cinema di Roma ogni lunedì a partire dal 15 gennaio. 


Le sale coinvolte per questa quinta edizione sono: Casa del Cinema (Roma), Cinema Beltrade (Milano), Cinema Lumiere - Cineteca di Bologna, Cinema La Compagnia (Firenze), Cinema Astra (Napoli), Cinema Rouge et Noir (Palermo), e ISRE - Istituto Superiore Regionale Etnografico (Nuoro). 


A Nuoro le proiezioni inizieranno giovedì 18 gennaio alle 18:30 e, a seguire, ogni mercoledì, sempre alle 18:30, fino al 7 febbraio. Tutte le proiezioni si terranno presso l'auditorium "Giovanni Lilliu" invia A. Mereu, 56. 


Davide Morabito, Direttore Organizzativo: "Il Mese del Documentario è un piccolo gioiello, esso è reso possibile grazie all’impegno di persone che credono nelle storie, nel potere che hanno di cambiare opinioni, di muovere idee e di ispirare sogni e soluzioni per le nostre vite. Quando poi queste storie arrivano dalla realtà, da quello che succede intorno a noi o nei più remoti angoli di questo pianeta, assumono una forza ancora maggiore. Le persone che stanno realizzando questo festival sono state toccate intimamente da queste storie. Ogni film è un viaggio che ci ha illuminato un orizzonte nuovo, e, facendoci uscire dalla nostra zona di comfort, ci ha reso più consapevoli e forti. Ed è per questo che lungo il nostro cammino abbiamo raccolto la partecipazione attiva di tante persone e realtà da tutta Italia, esercenti, operatori culturali, produttori e registi, che si sono messi in viaggio insieme a noi per offrire queste storie al pubblico.

I film sono realizzati a partire da approcci soggettivi al racconto della realtà e rappresentano stili cinematografici diversi raccontando anche lo sviluppo di una cinematografia contemporanea che, con i suoi autori e i suoi metodi, si sta affermando in tutto il mondo e che gode del grande contributo italiano. 
Racconta Pinangelo Marino, Direttore Artistico della manifestazione: “Il 10 dicembre del 2017 il Primo Ministro iracheno ha dichiarato al mondo la "fine della guerra nei confronti dell'ISIS". Uno dei quattro film di questa nuova edizione de Il Mese del Documentario, Nowhere to Hide del regista iracheno Zaradasht Ahmed, racconta proprio la storia di un infermiere che vive e lavora in una zona dell'Iraq considerata tra le più pericolose del mondo. Quest'uomo ha resistito per cinque anni all'avanzata dell'ISIS con tutto quello che aveva e poteva: l'umanità... Se apro lo sguardo e osservo quello che succede nel mondo, ho la sensazione che l'ultimo continente rimasto sia proprio “il continente umano”, e mi dico che forse vale la pena esplorarlo. In fondo tutti i film di questa quinta edizione fanno questo, esplorano il continente umano con grande forza cinematografica e originalità narrativa” 



 

I 4 film che concorrono al Premio del Pubblico sono: 


LA CONVOCAZIONE di Enrico Maisto - A NUORO IL 18 GENNAIO 
(Italia, 2017, 56') 
Produzione: Start S.r.l., Rai Cinema 
Distribuzione: Slingshot Films 
“Premio MyMovies – Il cinema dalla parte del pubblico” al 58° Festival dei Popoli 
In Concorso ufficiale a IDFA 2017 
Sessanta cittadini, estratti a sorte da un sistema informatico, prendono posto nell’aula in cui si celebrano i processi della II sezione della Corte d’Assise d’Appello. I fortuiti candidati passeranno un giorno intero fra le pareti rivestite d’onice, in attesa di sapere se, aldilà della propria volontà, saranno scelti dal Presidente della Corte per assurgere a un ruolo di cui molti non conoscevano nemmeno l’esistenza, il ruolo di giudice popolare. Il film racconta la cronaca di quella giornata particolare che porta cittadini comuni, uomini e donne che il caso pone sulle stesse panche, a contatto diretto per la prima volta con l’amministrazione della Giustizia.

PAGINE NASCOSTE di Sabrina Varani  A NUORO IL 24 GENNAIO 
(Italia, 2017, 67') 
In occasione del Giorno della Memoria 
Produzione: AAMOD Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, B&B Film, Istituto Luce Cinecittà 
Distribuzione: Istituto Luce Cinecittà 
Presentato Fuori Concorso al Festival di Torino 2017 
Brani tratti dal romanzo “Sangue giusto” di Francesca Melandri, edito da Rizzoli Libri, letti dall'attrice Valentina Carnelutti. 
Con Francesca Melandri 
La scrittrice italiana Francesca Melandri affronta per la prima volta l’eredità del padre, convintamente fascista e razzista durante il ventennio. Un passato per lungo tempo censurato dalla memoria familiare che, attraverso ricerche in Italia e in Etiopia, la figlia indaga e rielabora per il suo nuovo romanzo, confrontandosi infine con le rimozioni della memoria di un paese e del suo violento passato coloniale. 
Il film si interroga, infine, su uno dei temi più attuali: il violento rifiorire di forze estremiste nel nostro Paese. 


THIS IS CONGO di Daniel McCabe -  A NUORO IL 31 GENNAIO 
(USA, 2017, 93', v.o. con sottotitoli in italiano) 

Tutte le proiezioni saranno in collaborazione con Parallelo 41 Produzioni 
Presentato Fuori Concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2017 
Produzione: Vision Film Co., Turbo 
Il film offre uno sguardo inedito e senza filtri sul conflitto più sanguinoso del mondo dai tempi della Seconda guerra mondiale, un conflitto ininterrotto, il più lungo del mondo, e su coloro che sopravvivono all'interno. Seguendo quattro personaggi avvincenti – un informatore, un comandante militare patriottico, una commerciante di minerali e un sarto sfollato – per la prima volta il film offre agli spettatori una istantanea globale sui problemi che affliggono questo incantevole Paese secondo una prospettiva autenticamente congolese. Il colonnello "Kasongo", Mamadou, Mama Romance e Hakiza incarnano la resilienza straordinaria di un popolo che, nel corso di più generazioni, è vissuto ed è morto a causa dell’ondata di brutalità generata dalla guerra.

NOWHERE TO HIDE di Zaradasht Ahmed -  A NUORO IL 7 FEBBRAIO 
(Iraq, Norvegia, Svezia, 2016, 78', v.o. con sottotitoli in italiano) 
Premio Miglior film a IDFA 2016, anteprima italiana al Festival Middle East Now 2017. 
Produzione: Ten Thousand Images 
Il film ha vinto più di trenta premi in tutto il mondo ed è considerato dalla stampa internazionale uno dei documentari più importanti del 2016. 
Il regista segue per cinque anni la vita e la resistenza dell'infermiere iracheno Nori Sharif, che vive e lavora in una delle zone più pericolose del mondo, il cosiddetto “Triangolo della Morte”. Nel 2011, con il ritiro delle truppe internazionali, le immagini ritraggono storie di sopravvissuti carichi di speranza per il futuro. Quando nel 2014 l'ISIS avanza e occupa la città di Jalawla, anche Nori è costretto a scappare con la famiglia, e da quel momento decide di filmare se stesso in un lungo viaggio nel suo Paese.



Il costo del biglietto è di € 3,00

 

Per INFO e prenotazioni: 
Istituto Superiore Regionale Etnografico 
Via Papandrea, 6 - Nuoro 
mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Tel.: 0784 242900

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>