Start Cup Sardegna 2017: ecco i vincitori

All’interno tutti e 13 i progetti

Vince la X edizione della Start Cup Sardegna il gruppo “Relicta” formato da Davide Sanna, Matteo Sanna, Mariangela Melino, Andrea Farina e Giovanni Conti. Già vincitrice del Contamination Lab dell’Università di Sassari, Relicta rivoluziona l’idea del packaging offrendo una plastica idrosolubile, biodegradabile e compostabile ricavata dagli scarti della lavorazione del pesce, con cui il processo di smaltimento inizia e finisce dal consumatore stesso.

 

Secondo posto per Mo.Nat, gruppo composto da Sara Vignoli e da Daniela Paddeu, che progetta e realizza strutture d’arredo modulari che uniscono la bellezza del design Made in Italy e la natura.

Al terzo posto neeoT (Contamination Lab Università di Cagliari) di Renato Caboni, Federico Corona, e Nicola Aldo Cabras. Pensato per le aziende agricole, Neeot crea una rete privata capace di coprire con una sola antenna un’area di decine di km, e garantisce l’analisi e l’utilizzo in tempo reale dei dati provenienti dai sensori (end point) disposti dentro l’area di copertura.

I primi tre classificati parteciperanno al Premio Nazionale dell’Innovazione (PNI).

Erano 13 le idee d’impresa in gara per la Start Cup Sardegna 2017, competizione tra le migliori idee d’impresa innovative giunta alla decima edizione. I gruppi, che sono emersi dal percorso organizzato dai due atenei sardi, si sono contesi la vittoria a colpi di business plan e di elevator pitch.

Si è svolta stasera al Teatro Civico di Sassari (Corso Vittorio Emanuele II n°73) con la finale della X edizione della Start Cup Sardegna, la Business Competition organizzata dagli Uffici di Trasferimento Tecnologico delle Università di Sassari e Cagliari. Sono intervenuti, tra gli altri, il Prorettore Vicario dell’Università di Sassari, Luca Deidda, Gabriele Mulas, delegato al Trasferimento tecnologico dell’Università di Sassari, Chiara Di Guardo, prorettore all’Innovazione dell’Università di Caglliari.

Ai finalisti del percorso Start Cup si sono aggiunte quest’anno le idee già vincitrici dei Contamination Lab, 5 idee selezionate all’Università di Sassari (premiate in piazza Castello durante la Notte europea dei ricercatori) e 3 idee dell’Università di Cagliari. Pre i primi tre classificiati sono previsti premi in denaro e servizi e la partecipazione al Premio Nazionale dell’Innovazione.

I tredici finalisti: Carryme, Easyplant, Heart of Sardinia, Little Alienz, MindPot, MO.NAT, Neeot- Think Away, OMSy, Osteo-Lab, ProPet, Receipt0, Relicta!, So green.

La presentazione al pubblico è avvenuta attraverso l’Elevator Pitch: ogni gruppo ha avuto 5 minuti di tempo per raccontare in modo chiaro ed efficace la propria idea e, soprattutto, convincere i valutatori della validità della loro innovazione, della sostenibilità economica e della capacità imprenditoriale del gruppo di lavoro.

Sono state due le principali novità di quest’anno: il contraddittorio tra i gruppi e gli “Opponent” alla fine di ogni Pitch e la votazione in diretta dei Pitch e delle idee da parte di una giuria di esperti del settore. Questa votazione ha contribuito per il 50 per cento al punteggio finale; la restante metà è stata delle valutazioni dei business plan espresse da una giuria più ristretta. La giuria dei business plan è composta da Alberto Scanu (Confindustria Sardegna), Luca Saba (Coldiretti Sardegna), Carlo Mannoni (Fondazione di Sardegna), Francesco Chiari (Numera), Salvatore Desole (Unifidi Sardegna), Claudio Virzilio (Legacoop Sardegna), Ignazio Pischedda 8gruppo BPER), Ginevra Balletto (Rotary Club Cagliari). I cosiddetti “opponent” (“oppositori”) sono: Alberto Scanu, Pierluigi Pinna (Abinsula), Luca Saba, Giovanni Pinna Parpaglia (Ordine dottori commercialisti ed esperti contabili di Sassari).

 

Carry Me (Clab Uniss) è un sistema innovativo di consegne a domicilio di cibi, bevande e beni di consumo di piccole e medie dimensioni. Attraverso questo sistema basato sulla localizzazione si risparmia tempo e denaro sulle consegne e si ottimizzano i costi del personale. Carry me Al Contamination lab dell’Università di Sassari, ha ricevuto uno “special prize” di Sardegna Ricerche.

EasyPlant (Clab Uniss) è un sistema costituito da un sensore collegato ad un’app gratuita che rende la coltivazione dell’orto semplice e interattiva. Pensato per chi ha poca esperienza, la app guiderà passo per passo, dalla semina alla raccolta, attraverso indicazioni pratiche e immediate. Easyplant, nato nel Contamination lab dell’Università di Sassari, ha ricevuto uno “special prize” di Sardegna Ricerche.

Heart of Sardinia (Start Cup) è sia un portale web che un’applicazione mobile, creato per essere un marketplace che offre esperienze e pacchetti tematici attraverso una vasta proposta di luoghi visitabili (storici e naturalistici), attività praticabili ed eventi a cui partecipare.

Little Alienz (Clab Unica) è un gioco da tavolo e un’app che fa lo screening della dislessia a partire dai 4 anni, aiutando i bambini a potenziare le abilità fonologiche fondamentali per l’apprendimento della letto-scrittura. Little Alienz ha vinto uno “special prize” di Sardegna Ricerche e il premio speciale del Rettore al Contamination Lab dell’Università di Cagliari.

Mindpot (Start Cup) è una soluzione innovativa alle problematiche di malati di sclerosi multipla: un gioco mobile, con differenti test di memoria, che utilizza i dati personali dell’utente per proporre giochi personalizzati, ad esempio usando le foto e interrogandolo dove o quando sono state scattate. Mindpot ha vinto il premio “Local impact” allo startup weekend di Cagliari a luglio 2017.

Mo.Nat – Modular Nature (Start Cup) progetta e realizza strutture d’arredo modulari che uniscono la bellezza del design Made in Italy e la natura. Il primo prodotto MO.NAT è formato da due moduli complementari pensati per ospitare le piante e per arredare in ottica green e salutare. Mo. Nat ha esposto alle Maker Faires di Roma e Berlino ed è arrivata in finale al concorso Artigenio.

Neeot-Think Away (Clab Unica) Pensato per le aziende agricole, Neeot crea una rete privata LPWAN (Low Power Wide Area) capace di coprire con una sola antenna un’area di decine di km, e garantisce l’analisi e l’utilizzo in tempo reale dei dati provenienti dai sensori (end point) disposti dentro l’area di copertura. A febbraio 2007 Neoot è stato incaricato dall’Oasi WWF di Monte Arcosu di realizzare un sistema di monitoraggio del cervo sardo.

OMSy (Clab Unica) è uno strumento di screening della sindrome delle apnee ostruttive nel sonno. Lo smartphone registra la frequenza e la qualità respiratoria notturna fornendo un report che permette ai medici di rendere più efficiente e veloce l’avvio di un percorso diagnostico.

OsteoLab (Start Cup) facilita il lavoro degli Osteopati. Grazie alla raccolta e analisi dei dati dei trattamenti offre uno strumento che permette di affrontare una patologia esaminando e confrontandosi con le terapie presenti nel database.

ProPet (Start Cup) è la piattaforma che aggrega tutti i servizi rivolti agli animali da compagnia, software di gestione dell’offerta per veterinari, pet shopper e farmacisti ed è anche una app dedicata ai pet owner che garantisce educazione e servizi necessari per la salute e il benessere degli animali.

Receipt0 (Clab Uniss). Elimina gli scomodi e antiquati scontrini cartacei. Receipt0 è un sistema di digitalizzazione e dematerializzazione degli scontrini, fatture e ricevute, che consente al commerciante e al cliente una più puntuale e ordinata archiviazione e conservazione degli stessi. Receipto ha vinto uno special prize di Sardegna Ricerche al primo Contamination Lab dell’Università di Sassari.

Relicta! (primo posto al I Clab Uniss) rivoluziona l’idea del packaging offrendo una plastica idrosolubile, biodegradabile e compostabile ricavata dagli scarti della lavorazione del pesce, con cui il processo di smaltimento inizia e finisce dal consumatore stesso. Ha vinto il primo premio e lo special prize di Sardegna Ricerche al primo Contamination Lab dell’Università di Sassari.

So green (Clab Uniss) Sistema che monitora e gestisce le serre: tramite sensori che rilevano ed elaborano i dati, fornisce soluzioni smart e personalizzate in grado di creare e mantenere il micro-clima ideale per le colture massimizzando i risultati e abbattendo gli sprechi energetici e idrici. So Green ha vinto uno special prize di Sardegna Ricerche al primo Contamination Lab dell’Università di Sassari.

Ai tre vincitori di Start Cup Sardegna 2017 spetteranno premi in denaro e servizi; inoltre i gruppi collegati al mondo della ricerca pubblica avranno anche la possibilità di rappresentare la Sardegna al 15° Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la fase nazionale della Competizione, che coinvolge circa 50 atenei italiani e il CNR. Quest’anno il PNI si terrà a Napoli il 30 novembre- 1° dicembre 2017.

Al PNI concorreranno i progetti di impresa innovativa vincitori delle 15 Business Plan Competition (Start Cup) organizzate a livello locale. I vincitori si aggiudicheranno i premi finali messi a disposizione dagli sponsor nazionali e potranno entrare in contatto con i principali esponenti della comunità scientifica e finanziaria italiana dedicata all’innovazione.

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>