Il Caffè Tettamanzi di Nuoro tra i "Caffè storici d'Italia" riconosciuti dal MIBACT

“Nel caffè Tettamanzi, dove si odiava l’Italia perché aveva fatto della Sardegna una terra di confino, (come se questo non fosse stato il suo destino da Roma in poi) si diceva tra un bicchiere e l’altro che se l’Italia faceva la guerra i sardi dovevano rifiutarsi di combattere” […] (Il giorno del giudizio, Salvatore Satta)

 

Il Caffè Tettamanzi ha ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali il prestigioso riconoscimento "Bar Storico d'Italia" diventando così l'unico della Sardegna, uno dei 5 del sud Italia, entrando di diritto nell'olimpo dei Bar storici Italiani.

Il Caffè Tettamanzi, aperto nel 1854 come “Caffè della Posta”, assunse la storica denominazione nel 1875, dal cognome del proprietario, un ebanista di origine lombarda giunto a Nùoro per lavorare al coro ligneo della nuova cattedrale.Fu quindi lo stesso Tettamanzi a dotare il locale degli splendidi ornati che, con un po’ d’affanno, resistono alle ingiurie del tempo e della cui unicità gli avventori del caffè si possono ancor oggi beare. La sala principale, in particolare, conserva pressoché intatti la meravigliosa boiserie e i dipinti a olio su vetro (Le pareti del locale conservano ancora alcuni specchi d'epoca).

Dieci piccoli ovali che rappresentano angioletti dediti ad arti e attività diverse e si dispongono a raggiera intorno a un nucleo centrale, una pittura sempre su vetro, appena più grande delle precedenti e raffigurante gli Amori di Venere e Mercurio (con annesso un minuscolo Cupido). Ogni singolo dipinto è “custodito” da una cornice intagliata che, unita alle altre, dipana un meraviglioso ordito fogliaceo a rilievo che occupa tutto il soffitto.

Il Caffè Tettamanzi, è dunque lo sfondo impagabile di una narrazione meravigliosa: quella di un luogo-simbolo impregnato di vita, che ha dato i natali a Grazia Deledda e Sebastiano Satta, a Salvatore Satta, allo scultore Francesco Ciusa e tanti altri attisti e scrittori contemporanei.

L'interno di questo caffè storico ricorda quello descritto da Salvatore Satta nel suo romanzo Il giorno del giudizio: «Il Corso si stendeva dalla piazza di San Giovanni, al Ponte di Ferro si affacciavano le case di pretesa, quella di Tettamanzi, altro continentale, ma di cui non si serbava ricordo che nel nome del caffè, al piano terreno. Era un caffè grazioso, con piccole salette orlate di divani rossi, come, salvando il rispetto, i caffè di Venezia».

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Commenti  

# vraie55 2017-10-28 08:03
E' stupendo! vorrei poter essere li.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Conto alla rovescia per Marco Buttu. L'Ingegnere gavoese in missione in Antartide ai limiti del possibile, ai confini del mondo.
    Un anno nel deserto ghiacciato dell'Antartide a sperimentare l'atmosfera, il cielo, la terra e la biologia dell'uomo. Sono questi i temi al centro degli studi che il PNRA (Programma Nazionale di Ricerche in Antartide), l'ENEA (Agenzia per le nuove tecnologie l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), e il CNR (Consiglio Nazionale delle ricerche), in collaborazione con l'IPEV francese (Institut Polaire Paul-Emile Victor) affronteranno, inviando tredici professionisti europei in una mission quasi impossible.
    scopri di più >>
  • Il carasau entra ufficialmente nel dizionario Zingarelli
    In occasione del centenario (1917 – 2017) del vocabolario della lingua italiana Zingarelli, mercoledì 8 novembre, al liceo Dettori di Cagliari, ci sarà un incontro con gli studenti dedicato al dizionario, con l’intervento del linguista e critico letterario Massimo Arcangeli, dell'università di Cagliari e della sociolinguista Vera Gheno, dell'università di Firenze. Un viaggio intorno alla parole per spiegare il passato, il presente e il futuro del nostro idioma, tra inglesismi, neologismi e vocaboli perduti. 
    scopri di più >>
  • Ma quando esce “Le tigri del Gocèano”? Intervista a Vanni Lai, finalista Premio Italo Calvino
    “Le Tigri del Gocèano di Vanni Lai. Una Sardegna ben reale dell’inverno 1955-56 è lo scenario della sua narrazione presenta tratti spiazzanti, quasi distopici. Qui, ancora una volta, la tradizione sarda ci presenta un frutto della sua inesausta vitalità. Il passato che non passa si concretizza nella densa tragedia annunciata con la sua vittima sacrificale, un giovane bandito senza scampo: per lui non c’è più posto nel mondo”. (Giuria – Premio Italo Calvino 2017)
    scopri di più >>
  • Ploaghe: Gianni Tetti con il Grande Nudo Experience BiblioTour
    "Grande Nudo", ultimo romanzo del sassarese Gianni Tetti, riprende ancora una volta il suo viaggio in Sardegna. L'appuntamento è per venerdì 3 novembre a Ploaghe, alle 20.00 negli spazi dell’ex Convento dei Cappuccini in via Pietro Salis, dove a presentare l'opera, accanto all'autore, saranno il giornalista Giovanni Dessole e il delegato alla cultura del Comune di Ploaghe, Giovanni Salis.
    scopri di più >>
  • SINESTESIE: CineConcerti in scena
    Tre spettacoli, tre racconti proiettati in scena: questa la prima edizione della Rassegna di CineConcerti - SINESTESIE. Nel mese di Novembre la Casa di Suoni e Racconti proseguirà il suo impegno artistico nella creazione di un dialogo tra le Arti iniziato con la Rassegna di Spettacolo tra Parola e Musica - SIGNIFICANTE e il Festival delle Musiche dei Mondi - UCRONIE, progettando questa volta l’incontro tra il Cinema e la Musica.
    scopri di più >>