Conta e Cammina....RICORDA!

25 anni di MEMORIA dalla strage di Via D'Amelio

Ritorna la tappa del 19 luglio del Festival Conta e Cammina, dedicata alle vittime della strage di Via D’Amelio dove persero la vita il giudice Paolo Borsellino e 5 uomini della sua scorta, tra cui la prima donna poliziotto morta in servizio di scorta: la sarda Elena Loi. 

Quest’anno, 25° anniversario dalla strage, la manifestazione sarà articolata in due momenti: il primo dedicato alle attività per bambini dai 7 agli 11 anni a partire dalle ore 16:45 nel Parco della Cooperativa Sociale Progetto H, in Via E. Lussu con la “Staffetta per la Legalità” a cura di Roberta Balestrucci (la partecipazione al laboratorio ha un costo di iscrizione di € 5,00 comprensivo di attività e merenda); il secondo un concerto finale, a partire dalle ore 20:30 ,gratuito e aperto al pubblico nel piazzale del Centro Servizi Culturali UNLA in Viale A. Gramsci, che vedrà protagonista la musica dei Mistral e Pulsar di Macomer, e dai Back to Mono di Bosa. 

L’intera manifestazione è ideata, curata e realizzata dal Centro Servizi Culturali UNLA, dalla Cooperativa Sociale Progetto H, dalla Libreria Emmepi e dall’Associazione Organ Sound.

Per saperne di più: CLICCA QUI

 

 

 

 

 

Irene Bosu
Author: Irene Bosu

Nata e cresciuta nell'Atene Sarda, libera professionista nel settore della comunicazione. Dopo essermi laureata e specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo ho frequentato un Master in Management dello sviluppo turistico territoriale. Credo fortemente nella cultura digitale e nei social media, passione che negli ultimi anni è diventata professione. Gestisco la comunicazione social del Festival letterario Internazionale "L'Isola delle Storie" di Gavoi e ho partecipato a numerose esperienze con Social Team nazionali. Attualmente lavoro al Centro Studi della Confindustria Sardegna Centrale.

Su Twitter: @Eneriry


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Caterina Murino
    Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda. Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale. Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore". Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.
    scopri di più >>
  • Tutto pronto per "Live right be bright"
    Dal 22 al 28 luglio 2017 Abbasanta sarà invasa da 42 giovani e operatori giovanili maltesi, danesi, olandesi e sardi che, con grande entusiasmo e forte motivazione, partecipano a Live Right, Be Bright (Vivi nel modo giusto, sii luminoso), uno scambio giovanile transnazionale finanziato dal Programma Erasmus+ e coordinato da un’organizzazione maltese in partenariato con l’Associazione Malik ed il Comune di Abbasanta.
    scopri di più >>
  • RENZI SILURA IL FISCAL COMPACT
    Il Fiscal compact è il termine sintetico con cui si abbrevia il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria (UEM). L’accordo fu preparato come una delle misure urgenti con cui dare una risposta credibile ai mercati contro l’evolversi della crisi finanziaria europea dei debiti sovrani; venne approvato nel 2012 e ratificato dal nostro Paese nel corso dello stesso anno, col governo Monti. Lo stesso Mario Monti, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che il Trattato ha avuto a suo tempo «un padre, Mario Draghi, che lanciò l’idea nel dicembre 2011, appena diventato presidente della BCE, e una madre, Angela Merkel, che la spinse politicamente. Draghi doveva accreditarsi presso quel mondo tedesco che era preoccupato per l’arrivo al vertice della BCE di un italiano, sia pure con ottima reputazione». Perciò aveva bisogno di presentarsi agli occhi tedeschi come “falco”, che non era disposto a fare sconti al governo del suo Paese sulle politiche di risanamento del bilancio pubblico e di avvio delle riforme strutturali necessarie ad evitare il default del Paese.
    scopri di più >>
  • Vela e trekking contro il Parkinson, la sfida dei pazienti in Sardegna
    Il vento e la natura, ma anche la cucina e lo yoga per combattere il Parkinson. E' l'esperienza vissuta da un gruppo di pazienti che hanno trascorso una settimana in Sardegna, tra navigazione a vela, trekking, surf, piccoli seminari e degustazioni. 
    scopri di più >>
  • Tutti i protagonisti del Rocce Rosse Blues (dal 22 luglio al 6 agosto) ad Arbatax
    Dal 22 luglio al 6 agosto 2017 Rocce Rosse Blues, la storica rassegna dedicata alla musica del diavolo torna alle origini, al cuore pulsante del festival, nello storico Piazza degli Scogli Rossi ad Arbatax, lo stesso luogo dove ventisei anni fa tutto ebbe inizio. 
    scopri di più >>
  • Resilienza, un festival in agosto in Sardegna
    Dal 21 agosto al 2 settembre in Sardegna si terrà il Festival della Resilienza, un coraggioso progetto promosso dai giovani dell’associazione ProPositivo di Macomer.
    scopri di più >>