Il ritorno di Andrea Parodi nella sua Porto Torres

Inaugurato nel palazzo del Marchese il museo multimediale dedicato al leader dei Tazenda morto nel 2006

A Porto Torres aveva incantato le migliaia di persone accorse nel 2006 di fronte al palco sul porto per ascoltare il suo ultimo concerto e ieri mattina Andrea Parodi è «ritornato» nella città dove è nato con un museo multimediale dove ogni casella rappresenta una tappa della sua vita di artista. Un taglio del nastro di figli e nipoti del cantante sardo-ligure, all’interno del Palazzo del Marchese, ha inaugurato ufficialmente il museo che comprende sei sale che evocano le esperienze musicali di Andrea all’interno dei monitor.

Un museo itinerante che ha percorso le località dove Andrea Parodi ha trascorso la sua vita e la sua carriera musicale: ospitato per la prima volta al Palazzo di Città di Cagliari, poi il trasferimento a Villanova Monteleone e ad Ottana e in altri luoghi privati decisi dalla Fondazione, ma sempre seguendo il percorso tracciato dall’artista.

Il contenuto del museo, che si fermerà a Porto Torres per cinque anni, è articolato in quattro aree tematiche che riportano luoghi e memorie, il mare e le terre intorno, le discografie e la sala ventanas. La prima area è un reticolato grafico in cui ogni casella rappresenta una tappa della sua vita e dove il perimetro è scandito dall’alternarsi di una modalità percettiva e le immagini e le illustrazioni artistiche sono esposte e retro-illuminate in una rigorosa scansione che si specchia nello scorrere di suoni e testimonianze all’interno dei monitor.
C’è poi il percorso intimo raccontato in prima persona da Andrea Parodi, attraverso suoni e immagini, con tre schermi che proiettano, in perfetto sincronismo, una sorta di album evocativo. La sala delle discografie è interamente dedicata alla musica e la stanza è costellata da postazioni dove scoprire i diversi contenuti: il visitatore può fruire dell’ascolto dei brani disposti su una stratificazione di dischi in vinile. Nella sala Ventanas c’è uno spazio mappato in uno spicchio curvo attraverso una grafica che allude ad un telaio tipico sardo, in cui i nodi sono sostituiti da pixel, ad indicare l’importanza della modernizzazione di un percorso che attinge alla tradizione. Un sistema touchscreen permette la fruizione del materiale audio-video, che costituisce l’archivio della Fondazione, e rappresentano le finestre, anche culturali, sul mondo che ci circonda.
«Mio padre è ritornato nella città dove ha vissuto la maggior parte della sua vita – ha detto Luca Parodi – e il Museo ha trovato posto in un Palazzo a pochi metri dalla casa dove è nato: si è avverato un sogno e voglio sperare che sia anche un punto di partenza».
Portare il Museo nella sua città è stata una gioia anche per la moglie Valentina, «e questo grazie alla Fondazione, a Luca Parodi e a tutti quelli
che hanno condiviso questo progetto». L’amministrazione comunale – ha ricordato il sindaco Sean Wheeler – ha lavorato cercando di superare le difficoltà burocratiche: «Il Museo lo merita la famiglia, lo merita la città e lo meritano i cittadini nei quali è sempre vivo il ricordo dell'artista».

 

(LA NUOVA SARDEGNA)

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Caterina Murino
    Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda. Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale. Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore". Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.
    scopri di più >>
  • Tutto pronto per "Live right be bright"
    Dal 22 al 28 luglio 2017 Abbasanta sarà invasa da 42 giovani e operatori giovanili maltesi, danesi, olandesi e sardi che, con grande entusiasmo e forte motivazione, partecipano a Live Right, Be Bright (Vivi nel modo giusto, sii luminoso), uno scambio giovanile transnazionale finanziato dal Programma Erasmus+ e coordinato da un’organizzazione maltese in partenariato con l’Associazione Malik ed il Comune di Abbasanta.
    scopri di più >>
  • RENZI SILURA IL FISCAL COMPACT
    Il Fiscal compact è il termine sintetico con cui si abbrevia il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria (UEM). L’accordo fu preparato come una delle misure urgenti con cui dare una risposta credibile ai mercati contro l’evolversi della crisi finanziaria europea dei debiti sovrani; venne approvato nel 2012 e ratificato dal nostro Paese nel corso dello stesso anno, col governo Monti. Lo stesso Mario Monti, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che il Trattato ha avuto a suo tempo «un padre, Mario Draghi, che lanciò l’idea nel dicembre 2011, appena diventato presidente della BCE, e una madre, Angela Merkel, che la spinse politicamente. Draghi doveva accreditarsi presso quel mondo tedesco che era preoccupato per l’arrivo al vertice della BCE di un italiano, sia pure con ottima reputazione». Perciò aveva bisogno di presentarsi agli occhi tedeschi come “falco”, che non era disposto a fare sconti al governo del suo Paese sulle politiche di risanamento del bilancio pubblico e di avvio delle riforme strutturali necessarie ad evitare il default del Paese.
    scopri di più >>
  • Vela e trekking contro il Parkinson, la sfida dei pazienti in Sardegna
    Il vento e la natura, ma anche la cucina e lo yoga per combattere il Parkinson. E' l'esperienza vissuta da un gruppo di pazienti che hanno trascorso una settimana in Sardegna, tra navigazione a vela, trekking, surf, piccoli seminari e degustazioni. 
    scopri di più >>
  • Tutti i protagonisti del Rocce Rosse Blues (dal 22 luglio al 6 agosto) ad Arbatax
    Dal 22 luglio al 6 agosto 2017 Rocce Rosse Blues, la storica rassegna dedicata alla musica del diavolo torna alle origini, al cuore pulsante del festival, nello storico Piazza degli Scogli Rossi ad Arbatax, lo stesso luogo dove ventisei anni fa tutto ebbe inizio. 
    scopri di più >>
  • Resilienza, un festival in agosto in Sardegna
    Dal 21 agosto al 2 settembre in Sardegna si terrà il Festival della Resilienza, un coraggioso progetto promosso dai giovani dell’associazione ProPositivo di Macomer.
    scopri di più >>