Il ritorno di Andrea Parodi nella sua Porto Torres

Inaugurato nel palazzo del Marchese il museo multimediale dedicato al leader dei Tazenda morto nel 2006

A Porto Torres aveva incantato le migliaia di persone accorse nel 2006 di fronte al palco sul porto per ascoltare il suo ultimo concerto e ieri mattina Andrea Parodi è «ritornato» nella città dove è nato con un museo multimediale dove ogni casella rappresenta una tappa della sua vita di artista. Un taglio del nastro di figli e nipoti del cantante sardo-ligure, all’interno del Palazzo del Marchese, ha inaugurato ufficialmente il museo che comprende sei sale che evocano le esperienze musicali di Andrea all’interno dei monitor.

Un museo itinerante che ha percorso le località dove Andrea Parodi ha trascorso la sua vita e la sua carriera musicale: ospitato per la prima volta al Palazzo di Città di Cagliari, poi il trasferimento a Villanova Monteleone e ad Ottana e in altri luoghi privati decisi dalla Fondazione, ma sempre seguendo il percorso tracciato dall’artista.

Il contenuto del museo, che si fermerà a Porto Torres per cinque anni, è articolato in quattro aree tematiche che riportano luoghi e memorie, il mare e le terre intorno, le discografie e la sala ventanas. La prima area è un reticolato grafico in cui ogni casella rappresenta una tappa della sua vita e dove il perimetro è scandito dall’alternarsi di una modalità percettiva e le immagini e le illustrazioni artistiche sono esposte e retro-illuminate in una rigorosa scansione che si specchia nello scorrere di suoni e testimonianze all’interno dei monitor.
C’è poi il percorso intimo raccontato in prima persona da Andrea Parodi, attraverso suoni e immagini, con tre schermi che proiettano, in perfetto sincronismo, una sorta di album evocativo. La sala delle discografie è interamente dedicata alla musica e la stanza è costellata da postazioni dove scoprire i diversi contenuti: il visitatore può fruire dell’ascolto dei brani disposti su una stratificazione di dischi in vinile. Nella sala Ventanas c’è uno spazio mappato in uno spicchio curvo attraverso una grafica che allude ad un telaio tipico sardo, in cui i nodi sono sostituiti da pixel, ad indicare l’importanza della modernizzazione di un percorso che attinge alla tradizione. Un sistema touchscreen permette la fruizione del materiale audio-video, che costituisce l’archivio della Fondazione, e rappresentano le finestre, anche culturali, sul mondo che ci circonda.
«Mio padre è ritornato nella città dove ha vissuto la maggior parte della sua vita – ha detto Luca Parodi – e il Museo ha trovato posto in un Palazzo a pochi metri dalla casa dove è nato: si è avverato un sogno e voglio sperare che sia anche un punto di partenza».
Portare il Museo nella sua città è stata una gioia anche per la moglie Valentina, «e questo grazie alla Fondazione, a Luca Parodi e a tutti quelli
che hanno condiviso questo progetto». L’amministrazione comunale – ha ricordato il sindaco Sean Wheeler – ha lavorato cercando di superare le difficoltà burocratiche: «Il Museo lo merita la famiglia, lo merita la città e lo meritano i cittadini nei quali è sempre vivo il ricordo dell'artista».

 

(LA NUOVA SARDEGNA)

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • A CENA CON L’AUTORE TONINO OPPES: IL BALLO CON LE JANAS A PISA
    Si narra che le Janas siano creature minute, deliziose e bellissime, e soprattutto incantatrici e custodi di segreti e di magie. Le loro domus de janas, le case delle fate, si trovano in un’isola, la Sardegna, che per la sua forma sembra un’impronta di un piede, o meglio, di un sandalo. Un’isola bellissima, agreste, demoniaca e maliarda, proprio come le minuscole fatine danzanti, che scelgono come dimora delle rocce scavate dal Nord al Sud. Ovunque il loro aleggiare accompagnava la Terra Sarda;  i loro occhi hanno visto nascere comunità intere, generazioni e generazioni. Paesi minuscoli sparsi su montagne, colline e pianure, zone impervie e ricche di flora e di fauna, dove il filo che teneva uniti grandi e piccini era quello del valore della memoria.
    scopri di più >>
  • LA “SARDA TELLUS” DI GENOVA INCONTRA NERIA DE GIOVANNI PER IL RICORDO DEL NOBEL GRAZIA DELEDDA
    Nel novantesimo anniversario del conferimento del Premio Nobel a Grazia Deledda, la Sarda Tellus di Genova ha organizzato domenica 7 maggio un incontro dedicato alla grande scrittrice sarda con la partecipazione di una delle più grandi esperte sull'argomento, la critica letteraria Neria De Giovanni, presentata da Bruno Rombi, il quale ha esordito tracciando il profilo della studiosa.
    scopri di più >>
  • Musica: gli Yes aprono Rocce Rosse Blues
    Il progressive rock degli Yes dà il la a Rocce Rosse Blues 2017. Il festival ogliastrino si apre il 22 luglio nel piazzale degli scogli di Arbatax, frazione marina di Tortolì.  
    scopri di più >>
  • In Sardegna yacht vela più grande mondo
    Si chiama "A" ed è lo yacht a vela più grande del mondo: in questi giorni l'imbarcazione del miliardario russo Andrey Melnichenko è in Sardegna. Da ieri notte è ormeggiato davanti all'isola di Tavolara, nelle acque di Porto Taverna a Loiri Porto San Paolo, in Gallura.
    scopri di più >>
  • Cavalcata Sarda: successo a Sassari
    Una folla entusiasta e un cielo terso hanno decretato il successo della 68/a edizione della Cavalcata Sarda, a Sassari. Oltre 100 mila persone hanno assistito alla "Festa della bellezza", ammirando e applaudendo gli oltre 3mila figuranti che partendo da corso Francesco Cossiga hanno sfilato in via Asproni, via Roma, piazza d'Italia, portici Crispo, piazza Castello, via Cagliari, Emiciclo Garibaldi, viale Italia, viale Mancini e piazza d'Armi.
    scopri di più >>
  • Andrea Scanzi alla MEM e al Teatro Massimo di Cagliari
    Perché spesso in Italia la norma è eccezione e l'anomalia è regola? È quello che si chiedono Andrea Scanzi - giornalista, scrittore e autore teatrale, firma di punta del Fatto Quotidiano – e il cantautore e attore Giulio Casale nel loro "Il sogno di un'Italia", in scena a Cagliari questo sabato (20 maggio), al Teatro Massimo (Sala M2), per l'organizzazione della cooperativa Forma e Poesia nel Jazz. 
    scopri di più >>