Il ritorno di Andrea Parodi nella sua Porto Torres

Inaugurato nel palazzo del Marchese il museo multimediale dedicato al leader dei Tazenda morto nel 2006

A Porto Torres aveva incantato le migliaia di persone accorse nel 2006 di fronte al palco sul porto per ascoltare il suo ultimo concerto e ieri mattina Andrea Parodi è «ritornato» nella città dove è nato con un museo multimediale dove ogni casella rappresenta una tappa della sua vita di artista. Un taglio del nastro di figli e nipoti del cantante sardo-ligure, all’interno del Palazzo del Marchese, ha inaugurato ufficialmente il museo che comprende sei sale che evocano le esperienze musicali di Andrea all’interno dei monitor.

Un museo itinerante che ha percorso le località dove Andrea Parodi ha trascorso la sua vita e la sua carriera musicale: ospitato per la prima volta al Palazzo di Città di Cagliari, poi il trasferimento a Villanova Monteleone e ad Ottana e in altri luoghi privati decisi dalla Fondazione, ma sempre seguendo il percorso tracciato dall’artista.

Il contenuto del museo, che si fermerà a Porto Torres per cinque anni, è articolato in quattro aree tematiche che riportano luoghi e memorie, il mare e le terre intorno, le discografie e la sala ventanas. La prima area è un reticolato grafico in cui ogni casella rappresenta una tappa della sua vita e dove il perimetro è scandito dall’alternarsi di una modalità percettiva e le immagini e le illustrazioni artistiche sono esposte e retro-illuminate in una rigorosa scansione che si specchia nello scorrere di suoni e testimonianze all’interno dei monitor.
C’è poi il percorso intimo raccontato in prima persona da Andrea Parodi, attraverso suoni e immagini, con tre schermi che proiettano, in perfetto sincronismo, una sorta di album evocativo. La sala delle discografie è interamente dedicata alla musica e la stanza è costellata da postazioni dove scoprire i diversi contenuti: il visitatore può fruire dell’ascolto dei brani disposti su una stratificazione di dischi in vinile. Nella sala Ventanas c’è uno spazio mappato in uno spicchio curvo attraverso una grafica che allude ad un telaio tipico sardo, in cui i nodi sono sostituiti da pixel, ad indicare l’importanza della modernizzazione di un percorso che attinge alla tradizione. Un sistema touchscreen permette la fruizione del materiale audio-video, che costituisce l’archivio della Fondazione, e rappresentano le finestre, anche culturali, sul mondo che ci circonda.
«Mio padre è ritornato nella città dove ha vissuto la maggior parte della sua vita – ha detto Luca Parodi – e il Museo ha trovato posto in un Palazzo a pochi metri dalla casa dove è nato: si è avverato un sogno e voglio sperare che sia anche un punto di partenza».
Portare il Museo nella sua città è stata una gioia anche per la moglie Valentina, «e questo grazie alla Fondazione, a Luca Parodi e a tutti quelli
che hanno condiviso questo progetto». L’amministrazione comunale – ha ricordato il sindaco Sean Wheeler – ha lavorato cercando di superare le difficoltà burocratiche: «Il Museo lo merita la famiglia, lo merita la città e lo meritano i cittadini nei quali è sempre vivo il ricordo dell'artista».

 

(LA NUOVA SARDEGNA)

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Donne al vertice: Caterina Murino, un anno da incorniciare
    L'ex Bond girl ce l'ha fatta. Caterina Murino, attrice cagliaritana trapiantata in Francia, a quarant'anni può dirsi realizzata. Bellezza sarda, porta con sé dall'isola forza d'animo, tenacia e tempra che "vengono da questa terra fondata sul matriarcato", dice. Il suo 2017 è da incorniciare. Dopo la gavetta e l'exploit del 2006 in "Casino Royale", dopo cinema, televisione, web e teatro, Caterina Murino è esplosa e ora fa la spola tra Europa, Usa e India.
    scopri di più >>
  • Intervista all’artista oranese Valentina Loche: “il teatro è emozione pura”
    Personalità forte, carisma e caparbietà: questi gli ingredienti del successo dell’artista oranese Valentina Loche. Laurea in Scienze dell’Educazione, educatrice professionale, e ancora  docente, segretaria, attrice nella compagnia teatrale I Barbariciridicoli, autrice, presentatrice, intervistatrice, blogger di Millimetroemezzo, socia fondatrice dell’Associazione Culturale “Mi prendo e mi porto”. Si descrive come una scheggia impazzita (quanto basta), empatica, versatile e ottimista. 
    scopri di più >>
  • Tempo di libri: Milano si conferma città delle relazioni anche per l'editoria sarda
    Dopo un tiepido avvio forse un po’ frenato dalla vicinanza con il ponte pasquale entra nel vivo l’anno zero della Fiera del libro di Milano, dando prova della sua spiccata dimensione internazionale. Un contesto in grado di veicolare relazioni importanti con buyer stranieri e con associazioni omologhe, utili a confrontarsi sulle problematiche di settore.
    scopri di più >>
  • Storie di adolescenti e i cambiamenti del quartiere
    L’adolescenza e i cambiamenti del quartiere cagliaritano i temi centrali del convegno “Crescere a Is Mirrionis”, svolto ieri in via Malfidano, nella sede dell’associazione “Edmondo De Amicis”. Un incontro che è stato anche l’occasione per presentare il libro “Occhi di sale”, un romanzo scritto da Massimo Granchi e edito da Palabanda Edizioni.
    scopri di più >>
  • Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale
    «Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi. Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».
    scopri di più >>
  • Primavera nel cuore della Sardegna
    Mare e montagna, cultura ed enogastronomia: sono questi gli ingredienti principali dell'undicesima edizione di "Primavera nel cuore della Sardegna", la rassegna promossa dalla Camera di commercio di Nuoro con il patrocinio della Regione Sardegna che apre le porte ai visitatori in 23 paesi nel cuore dell'Isola. 
    scopri di più >>