News

Il mare della Sardegna al top su TripAdvisor: 5 su 10 sono sue

Cinque delle dieci spiagge più belle d’Italia sono in Sardegna. L’isola, infatti, domina la classifica nazionale 2017 TripAdvisor, in base alla qualità e alla quantità delle recensioni e del punteggio attribuiti dai viaggiatori negli ultimi dodici mesi. E allora, la più amata è in Sicilia, ed è la spiaggia dei Conigli di Lampedusa, seguita a stretto giro, al secondo e al terzo posto nelle preferenze dei vacanzieri e degli amanti del bel mare, Cala Mariolu e Cala Golortzè a Baunei. In quinta posizione, invece, si attesta La Pelosa di Stintino, sesta Porto Giunco a Villasimius, mentre Is Aruttas a Cabras chiude degnissimamente la top ten.

Continua
Trainspotting debutta al Piccolo Auditorium il 3 marzo alle ore 21

Il film cult degli anni ‘90 che ha segnato generazioni di giovani debutta al Piccolo Auditorium di Cagliari venerdì 3 marzo, seguito da 4 repliche fra sabato 4 e domenica 5 marzo (entrambi i giorni sia alle ore 19 che alle ore 21). Il testo Trainspotting, tratto dall’omonimo romanzo di Irvine Welsh, è messo in scena grazie ad una co-produzione tra le Compagnie teatrali Artisti Fuori Posto e Makenes Teatro, che dal 2010 si occupano di produzione di spettacoli teatrali, di cinema e di formazione nelle arti sceniche e cinematografiche.

Continua
Trionfa la Sardegna: per la prima volta ai David di Donatello con tre film e 9 nomination per “La stoffa dei sogni” di Gianfranco Cabiddu

Pioggia di nomination ai David di Donatello per “La Stoffa dei Sogni” di Gianfranco Cabiddu prodotto da Paco Cinematografica che vanta ben nove candidature, tra cui la miglior sceneggiatura non originale di Ugo Chiti, Gianfranco Cabiddu e Salvatore De Mola, Sergio Rubini come attore protagonista e Ennio Fantastichini come attore non protagonista, le musiche di Franco Piersanti, la scenografia di Livia Borgognoni, i costumi di Beatrice Giannini ed Elisabetta Antico, il trucco di Silvia Beltrani, il montaggio di Alessio Doglione e il dipartimento del suono (presa diretta Filippo Porcari, microfonista Federica Ripani, montaggio Claudio Spinelli, creazione suoni Marco Marinelli, mix Massimo Marinelli).

Continua
A scuola di jazz a Nuoro: al via le iscrizioni ai corsi invernali

Sono già aperte le iscrizioni alla ventinovesima edizione dei Seminari Jazz di Nuoro, appuntamento di rilievo nel panorama nazionale della didattica jazzistica, in programma nel consueto periodo estivo, dal 22 agosto al primo di settembre. L'iniziativa organizzata dall'Ente Musicale di Nuoro con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato alla Cultura e Assessorato al Turismo), della Fondazione di Sardegna, del Comune di Nuoro e dell'Istituto Superiore Regionale Etnografico, ricalca anche quest'anno la formula collaudatissima che prevede undici, intense giornate di studio e pratica del jazz sotto la guida del corpo docente già in cattedra nelle ultime tre edizioni.

Continua
“ForMARE” GIUNGE ALLA QUINTA EDIZIONE

Saranno più di mille gli studenti, provenienti da quaranta Istituti di ogni parte della Sardegna, coinvolti nel Progetto ForMare, iniziativa giunta alla quinta edizione che vede promotori Moby e Tirrenia in collaborazione con il MIUR e l’USR della Sardegna.

Continua
"Senza passare dal Via. L'industria nella Sardegna Centrale" | Macomer, 24 febbraio 2017

Venerdì 24 febbraio alle ore 17 – presso il Centro Servizi Culturali di Macomer– verrà proiettato il film documentario dal titolo "Senza passare dal Via. L'industria nella Sardegna Centrale" dei registi nuoresi Antonio Sanna e Umberto Siotto, prodotto da Arkaosfilm & Kinamour, alla presenza degli autori del lungometraggio e del Direttore della Cineteca Sarda Antonello Zanda.

Continua

    Primo piano

    • Il tributo di Antonio Marras ad Eva Mameli Calvino
      "Sembravo timida ma non lo ero per niente. Dentro di me sentivo una gran voglia di imparare.Non avevo ancora idea di cosa avrei fatto,però sapevo che desideravo scoprireper essere utile.A chi o cosa lo ignoravo ma l'ideadi diventare qualcunomi accompagnò sempre in quegli anni."Eva Mameli Calvino     Chissà se anche lei, Eva Mameli Calvino, che "sembrava timida ma non lo era per niente", si sarebbe unita a quella liberatoria danza dei fiori in chiusura della sfilata che Antonio Marras ha realizzato ripensando a questa donna straordinaria. Se, sulle note di un grammofono, avrebbe volteggiato tra i suoi fiori, leggera come il movimento di una corolla, per poi ricomporsi e tornare a studiare, scoprire, annotare. Antonio Marras la immagina così e racconta, in occasione della Milano Moda Donna 2017, la nuova collezione Autunno Inverno con la leggerezza di una danza tra i fiori, ripensando alla grande scienziata del Novecento e in un gioco di corrispondenze, incontri e desideri unisce la passione per la natura a quella per la danza.
      scopri di più >>
    • Il mare della Sardegna al top su TripAdvisor: 5 su 10 sono sue
      Cinque delle dieci spiagge più belle d’Italia sono in Sardegna. L’isola, infatti, domina la classifica nazionale 2017 TripAdvisor, in base alla qualità e alla quantità delle recensioni e del punteggio attribuiti dai viaggiatori negli ultimi dodici mesi. E allora, la più amata è in Sicilia, ed è la spiaggia dei Conigli di Lampedusa, seguita a stretto giro, al secondo e al terzo posto nelle preferenze dei vacanzieri e degli amanti del bel mare, Cala Mariolu e Cala Golortzè a Baunei. In quinta posizione, invece, si attesta La Pelosa di Stintino, sesta Porto Giunco a Villasimius, mentre Is Aruttas a Cabras chiude degnissimamente la top ten.
      scopri di più >>
    • I personaggi del Carnevale sardo: Su Sennoreddu e sos de S'Iscusorzu
      Il carnevale di Teti è stato reinterpretato recentemente per volontà di un gruppo di giovani del paese, volenterosi di promuovere una rappresentazione folclorica, che pone le sue basi su un’antica leggenda popolare che, a sua volta, fa riferimento a fatti storici realmente accaduti.
      scopri di più >>
    • La leggenda del castello di Galtellì
      Una notte dello scorso dicembre restai più di due ore ascoltando attentamente una donna di Orosei che mi narrava le leggende del castello di Galtellì. Il suo accento era così sincero e la sua convinzione così radicata che spesso io la fissavo con un indefinibile sussulto, chiedendomi se, per caso, queste bizzarre storie a base di soprannaturale, che corrono pei casolari del popolo, non hanno un fondamento, e qualcosa di vero. Il castello di Galtellì - la Civitas Galtellina, altre volte così fiorente e popolata, ora decaduta in miserabile villaggio - è interamente distrutto; restano solo i ruderi neri e desolati, dominanti il triste villaggio, muti e severi nel paesaggio misterioso. La leggenda circonda quelle meste rovine con un cerchio magico di credenze strane, fra cui la principale è che l'ultimo Barone, ovvero lo spirito suo, vegli giorno e notte sugli avanzi del castello, in guardia dei suoi tesori nascosti. 
      scopri di più >>
    • Scambiarsi la fede sarda o coltello e maninfide
      Il Mercure, un brigantino della Repubblica Francese di Napoleone costruito nel 1805, fu ceduto al Regno Italico nel 1809. La notte del 21 febbraio 1812, questa imbarcazione, di scorta, insieme alle gemelle Jena e Mameluck, al vascello Rivoli, ebbe la sventura di incappare, fuori dal porto di Venezia, nella squadra navale inglese Royal Navy. Le due flotte diedero inizio a uno scontro (ricordato come battaglia di Grado), durante il quale il Mercure, sotto i colpi del brigantino inglese Weasel, esplose in mare. Si spezzò in due tronconi: quello di poppa affondò immediatamente, quello di prora si inabissò a circa cento metri di distanza.
      scopri di più >>
    • I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos
      Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.
      scopri di più >>