Agosto 24, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Sardinia Antiqua

    Sardinia Antiqua
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Centro, corrispondente alle odierne acque termali di  Fordongianus (OR),  sorto in funzione delle scaturigini termali di Caddas “le (fonti) calde”, localizzate sulla riva sinistra del fiume Thyrsos , ai piedi di una potente bancata trachitica. A prescindere dagli antecedenti preromani, individuabili  nel centro (religioso e di mercato ?) del populus  indigeno degli Ypsitani, nel sito di Caddas, e sul pianoro meridionale dobbiamo collocare la fondazione delle Aquae Ypsitanae, ricordate da Tolomeo,  entro l'età augustea, con la triplice funzione di “ville d'eaux”, di nodo stradale della via a Turre, la strada che si dipartiva dalla colonia iulia Turris Libisonis e che dalle Aquae  si dirigeva a nord est verso Augustis (Austis (NU)), a sudest in direzione della colonia iulis augusta Vselis, e di stanziamento militare della cohors I Corsorum.

    Sardinia Antiqua
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Aristianis è il nome bizantino, sopravvissuto nella forma medioevale Aristanis, della città di Oristano. La sua derivazione dal nome dei praedia Aristana, i terreni della famiglia degli Aristii, in età romana imperaiale è probabile, mentre nelle false carte d' Arborea  Aristanis prendeva il nome da una inesistente  principessa Aristana del Giudicato d' Arborea. La prima fonte a menzionare Aristianis è la Descriptio Orbis Romani  di Giorgio di Cipro, che segna la nuovo insediamento bizantino lungo un itinerario che da Chrysopolis-Forum Traiani ( Fordongianus) reca attraverso  Aristianis alla limne  (stagno di Cabras)  fino alla fortezza di Tharros (Kastron tou Taron).

    Sardinia Antiqua
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Il tempio del Sardus Pater ad Antas venne edificato su un modesto rilievo (m. 363 sul livello del mare) che costituisce l’estremità delle falde meridionali del Monte Conca S’Omu, nel territorio di Fluminimaggiore. L’edificio si presenta orientato da sud-est a nord-ovest, con l’accesso al podio mediante una lunga scalinata. Questa gradinata insiste sull’area dell’originario tempio punico dedicato a Sid. Il tempio di Sid dovette mantenersi sino ad età tardo repubblicana (I secolo a.C.).

    Share