Gennaio 23, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Sardegna Ieri

    Sardegna Ieri
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Poco più di due anni fa, precisamente il 1 Gennaio 2012, scomparve uno dei grandi Storici sardi del XX Secolo: Tito Orrù. Maestro di studi e di vita per molti sardi, si occupò con passione e dedizione a sviscerare (analizzare a fondo)  molteplici aspetti della Storia a Lui tanto cara. Tra la sua produzione scientifica , spicca l’opera maxima, frutto di 17 anni di ricerche: il Diario Politico di Giorgio Asproni, considerato unanimemente dal mondo della cultura storica nazionale come uno dei tasselli fondamentali per la comprensione delle vicende di cui è protagonista l’Italia risorgimentale.

    Ricordato con grande affetto e stima da parte di tutti coloro che lo conobbero, non è possibile non riconoscerne le qualità che hanno illuminato la Sua vita e quella degli allievi, che forse più tutti ne riconoscono la grandezza intellettuale, l’autorevolezza e l’umiltà. Lui sovente avrebbe potuto erigersi ex cattedra, meritatamente; non lo ha mai fatto, anzi lungi da Lui tale consuetudine piuttosto diffusa negli ambienti accademici.

    Sardegna Ieri
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Affossato e dimenticato dalla storia, Gavino Scano fu un fiero protagonista del nostro Ottocento: interprete attivo della stampa, da direttore e giornalista, interessante per la sua longeva carriera politica, forense, letteraria e accade­mica, nonché per le complesse vicissitudini personali. Nel 190° anniversario dalla nascita dell'autore ne nasce una rilettura che prende spunto dalle mirabili pagine del suo zibaldone, "Dalla Valle ai monti", ritratto di una Sardegna ancorata alla sua tradizione. 

    Sardegna Ieri
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Pur se snobbata dalla storiografia, Maria Cristina di Savoia fu un personaggio di grande importanza per il nostro Risorgimento. Emancipata e coraggiosa, amante della Sardegna, la Reginella Santa sta finalmente riscattando il suo posto nelle vicende risorgimentali ed è quasi una certezza la prossima beatificazione. A raccontarcela sono Ilaria Muggianu Scanu e Mario Fadda, autori di “Maria Cristina di Savoia. Figlia del Regno di Sardegna, Regina delle Due Sicilie”

    Share