Gennaio 24, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Sapori

    Sapori
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva


    I dolci di formaggio e miele, ampiamente conosciuti e apprezzati in epoca antica, ritornano nella cultura longobarda e bizantina e sono tra le prelibatezze più gustose della cucina sarda del periodo del carnevale. 

    Sos arrubiolus,  la cui matrice linguistica richiama il colore rosso, dato dal tuorlo d'uovo e dall'uso dello zafferano, sono di facile preparazione e sicuro effetto. Come si preparano? 

    Ecco la nostra ricetta!

    Sapori
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Immancabile nelle tavole pasquali. gustoso e versatile, l'agnello sardo rappresenta uno dei piatti simbolo della tradizione sarda. L'Agnello di Sardegna è stato iscritto nell'elenco delle Indicazioni Geografiche Protette (I.G.P.) con Regolamento (CE) n. 138/01 della Commissione del 24 gennaio 2001. Con decreto 28 ottobre 2005 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali è stato riconosciuto formalmente il Consorzio per la Tutela della I.G.P. “Agnello di Sardegna”.

    Sapori
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Dolce per eccellenza della tradizione sarda e tra i maggiormente conosciuti a livello isolano, le seadas o sebadas, sono un dolce non dolce che rappresentano il connubio perfetto tra dolce e salato. Pecorino, pasta, strutto e una finitura che varia dallo zucchero al miele.La sua storia deriva principalmente dall’ambito agropastorale e la prelibatezza a base di formaggio, inizialmente diffusa principalmente nella Barbagia e nel Logudoro, tradizionalmente  legate alla pastorizia, conquistò presto ogni parte della Sardegna.

    Share