I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos

Senza meta, esseri neri, orrendi, fuggiti da un limbo d’inferno, deambulano per un giorno sulla terra. Orchi orridi assoldati per riti di fertilità: spaventano gli spiriti deformi del male perché si rinnovi il prodigio misterioso della natura.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.

Su Buttudu, indossa il caratteristico cappotto in orbace nero(lana di pecora),pantaloni in velluto, cambales(una sorta di ghette), su ùssingiu(scarponi in pelle) e sas sonaggias(campanacci). Queste ultime, col loro tintinnare, circoscrivono lo spazio d’azione de S’Urthu. Entrambe le maschere, hanno le mani e il viso tinti con “S’intiveddu”, ossia la fuliggine di sughero bruciato. Il significato e l’origine di queste maschere, sono incerti.

Nel corso degli anni, sono stati fatti numerosi studi, che sostengono alcune teorie di relazione con divinità del passato, come ad esempio il dio dei morti e il dio della vegetazione Dionisio, successivamente trasformato e identificato come dio del vino.

Nel 1996 nasce l’Associazione Culturale Urthos e Buttudos, che ha come unico scopo la tutela e la valorizzazione di queste antichissime maschere, nel ricordo e nel rispetto delle tradizioni del passato.

Infatti, l’Associazione, porta avanti solo quello che è stato trasmesso dal sapere dei nostri antenati mediante la memoria storica. Di sicuro queste maschere sono i soggetti di un rito pagano antichissimo, e rappresentano la forza e l’abilità nel contesto dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura. Come siano arrivate fino ai giorni nostri così intatte, resta un mistero, ed è proprio questo mistero che le rende ancora più affascinanti.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, il martedì grasso, c’è l’uscita di queste maschere per le vie del paese. E’ consuetudine bussare nelle case durante il loro passaggio, dove i padroni di casa offrono spontaneamente da bere e da mangiare a tutti Sos Urthos e Sos Buttudos.

Quando questo non avviene, Sos Urthos si arrampicano e cercano d’introdursi in casa, per convincere i proprietari, ad offrire del vino e dei dolci tipici, come Sas Cippulas(zeppole), a tutte le maschere che attendono in strada.

Da questo comportamento è spiegata l’usanza di arrampicarsi di queste spettacolari maschere.

 

VIDEO PROMO UFFICIALE

 

VIDEO AMATORIALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • “Istòria e musica pro sa Die”
    Grazie ai contributi della Legge 14 Settembre 1993 n^44, destinati alle istituzioni scolastiche, per iniziative da realizzarsi nell'ambito delle celebrazioni di "Sa Die de Sa Sardinia" l'Istituto Comprensivo Statale "F.Meloni", classi 1, 2 e 3 del plesso di via Cagliari, sta portando avanti un progetto chiamato "Istoria e Musica pro Sa Die". Le attività, condotte dai quattro esperti esterni Maria Giovanna Dessì, Maria Doloretta Lai, Paolo Soletta, Emiliana Sabiu e Carlo Spiga, sono iniziate mercoledì 26 aprile e coinvolgeranno 100 alunni di 6, 7 e 8 anni.
    scopri di più >>
  • La narrativa economica fuorviante del governo
    Come ha scritto Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera, «La narrativa economica, che edulcora e a volte nasconde i problemi reali della nostra finanza pubblica, ha fatto passare un aumento delle imposte indirette per la concessione di uno sconto sull’Iva». Eh si, perché l’aumento dell’Iva, che come scrivevo nel mio precedente post del 20 aprile sembrava essere stato definitivamente scongiurato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nella manovrina di primavera da 3,6 miliardi (già andata in Parlamento) è invece ricomparso sotto forma di sconto dell’Iva.
    scopri di più >>
  • Gavoi in Plexus 1987-2017: Bring your Community
    Iniziata a New York nei primi anni Ottanta, l’esperienza culturale di PLEXUS International (www.plexusinternational.org) ha prodotto e, tutt’oggi, continua a creare ‘connessioni’ tra gli Stati Uniti, la Sardegna e Dakar, Roma, Amsterdam e l’Australia. Ancor prima della diffusione di Internet, PLEXUS ha promosso il ruolo strategico della comunicazione attraverso il concetto di rete, di network, di intreccio, desumibile dalla stessa etimologia latina del proprio nome: plecto – intrecciare.
    scopri di più >>
  • Partecipa al concorso della Dinamo: “Ti aspettiamo in Sardegna 2017”
    Si rinnova l’appuntamento con il “Ti aspettiamo in Sardegna”, il concorso indetto dalla Dinamo Banco di Sardegna  e dedicato a tifosi, appassionati e amanti dei viaggi, giunto ormai alla quinta edizione. Ogni anno il club di via Nenni mette in palio un soggiorno di tre giorni nell’Isola per quattro persone dando la possibilità al fortunato vincitore di scoprire la Sardegna nel mese di settembre, in uno dei periodi più suggestivi dell’anno. Sarà possibile partecipare fino al 15 maggio.
    scopri di più >>
  • Sant’Efisio: La Festa della cultura
    Crepitio e passi crescenti, zoccoli ritmati e ruote di carri che avanzano all’unisono. Cagliari è attraversata da un corteo di 3500 persone in abiti tradizionali, in arrivo da ogni luogo della Sardegna, al loro seguito oltre duecento cavalieri, i Campidanesi, i Miliziani e la Guardiania. Un incontro di colori, costumi, suono delle launeddas e de is goccius, i canti devozionali: dal primo al 4 maggio si celebra la Festa di Sant'Efisio.
    scopri di più >>
  • Il tessile perduto del Nuorese, al suo posto si punta su turismo e agroalimentare
    Dopo il tessile, attivo per tre decenni nel Nuorese (Sardegna centrale) e ora chiuso, si cerca la strada del turismo e agroalimentare. Ambiente, lapidei e industria 4.0. Nel frattempo però bisogna risolvere problemi legati a infrastrutture e energia. Diseconomie che hanno contribuito anche alla fine del settore tessile che nell’area per trent’anni ha garantito occupazione a oltre 1.800 persone. Una stagione florida, per un settore nato a ridosso degli anni 70 con le partecipazioni statali, dopo il polo chimico e sulla scia del cosiddetto “piano di rinascita”, che oggi ha lasciato a terra 450 lavoratori senza ammortizzatori sociali. 
    scopri di più >>