I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos

Senza meta, esseri neri, orrendi, fuggiti da un limbo d’inferno, deambulano per un giorno sulla terra. Orchi orridi assoldati per riti di fertilità: spaventano gli spiriti deformi del male perché si rinnovi il prodigio misterioso della natura.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.

Su Buttudu, indossa il caratteristico cappotto in orbace nero(lana di pecora),pantaloni in velluto, cambales(una sorta di ghette), su ùssingiu(scarponi in pelle) e sas sonaggias(campanacci). Queste ultime, col loro tintinnare, circoscrivono lo spazio d’azione de S’Urthu. Entrambe le maschere, hanno le mani e il viso tinti con “S’intiveddu”, ossia la fuliggine di sughero bruciato. Il significato e l’origine di queste maschere, sono incerti.

Nel corso degli anni, sono stati fatti numerosi studi, che sostengono alcune teorie di relazione con divinità del passato, come ad esempio il dio dei morti e il dio della vegetazione Dionisio, successivamente trasformato e identificato come dio del vino.

Nel 1996 nasce l’Associazione Culturale Urthos e Buttudos, che ha come unico scopo la tutela e la valorizzazione di queste antichissime maschere, nel ricordo e nel rispetto delle tradizioni del passato.

Infatti, l’Associazione, porta avanti solo quello che è stato trasmesso dal sapere dei nostri antenati mediante la memoria storica. Di sicuro queste maschere sono i soggetti di un rito pagano antichissimo, e rappresentano la forza e l’abilità nel contesto dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura. Come siano arrivate fino ai giorni nostri così intatte, resta un mistero, ed è proprio questo mistero che le rende ancora più affascinanti.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, il martedì grasso, c’è l’uscita di queste maschere per le vie del paese. E’ consuetudine bussare nelle case durante il loro passaggio, dove i padroni di casa offrono spontaneamente da bere e da mangiare a tutti Sos Urthos e Sos Buttudos.

Quando questo non avviene, Sos Urthos si arrampicano e cercano d’introdursi in casa, per convincere i proprietari, ad offrire del vino e dei dolci tipici, come Sas Cippulas(zeppole), a tutte le maschere che attendono in strada.

Da questo comportamento è spiegata l’usanza di arrampicarsi di queste spettacolari maschere.

 

VIDEO PROMO UFFICIALE

 

VIDEO AMATORIALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
    Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
    scopri di più >>
  • REMEMBERING CIABA: ARTISTI PER LA RICERCA
    Ciaba, al secolo Salvatore Pretta, era una persona dal cuore gigantesco con una sconfinata passione per la politica, la musica, la vita e un amore smisurato per il suo paese Meana Sardo, per la Barbagia e la Sardegna intera. Ha trasformato ogni sua passione in concreto lavoro, mettendosi al servizio della comunità e della collettività come amministratore comunale (dal 2003 al 2008), come vicepresidente della Pro Loco e come vicepresidente del Gruppo Sportivo Meana Sardo.
    scopri di più >>
  • Periodico "E Inzà?": sabato 17 febbraio la presentazione alla MEM
    Sabato 17 febbraio alle ore 16:00 presso la Mediateca del Mediterraneo a Cagliari, spazio ragazzi, i bambini e i giovani di Domusnovas presenteranno il loro periodicò "E inzà?". Il progetto della redazione dei bambini è curato dall'Associazione Elda Mazzocchi Scarzella, associazione di volontariato ONLUS, nata da un'idea di 5 mamme nel giugno 2016 con l'obiettivo di creare spazi ludico-ricreativi e culturali per i bambini e le famiglie del Sulcis Iglesiente. 
    scopri di più >>
  • Sardegna e Sanremo. Un amore lungo 52 anni
    Era il 1965, l’anno della prima edizione di giochi senza frontiere, della nascita dei Doors, dei Pink Floyd e degli Scorpions. Al 15esimo Festival di Sanremo, presentato da Mike Bongiorno, trionfava Bobby Solo con “Se piangi, Se ridi".  Era il 1965 e il primo sardo calcava il palcoscenico più famoso d’Italia conquistando un posto in finale. Lui era Vittorio Inzaina, classe 1942, nato a Telti e, dopo la vittoria al Festival di Castrocaro, conquistava l’Italia della musica con il brano “Si vedrà”, cantato con vigore alla kermesse nell’ accoppiata vincente con il gruppo malgascio di Les Surfs.
    scopri di più >>
  • Nuoro Capitale della Cultura 2020, oggi l'esame finale a Roma
    Oggi è il “Giorno del Giudizio” per Nuoro. Dalle 17 alle 18.15 Nuoro giocherà tutte le sue carte per portare a casa la nomina a Capitale italiana della Cultura 2020.
    scopri di più >>
  • A Nuoro l'unione bella e possibile tra balletto classico e tradizione popolare
    Balletto classico e ballo tradizionale sardo. Due mondi lontani, apparentemente inconciliabili, che vedono a confronto cultura accademica e tradizione popolare. Eppure queste realtà possono incontrarsi, dando vita a una nuova forma di spettacolo ancora intentata. E’ questo l’ obiettivo che si pone “Nuovo Ballo FolkClassico”, progetto entrato tra i vincitori del bando ScrabbleLab e di produzione della società Mousikè di Nuoro: introdurre la cultura sarda in un contesto elitario come quello del balletto e, al tempo stesso, far arrivare il mondo della danza classica in luoghi spesso culturalmente penalizzati. Il tutto portando in scena uno spettacolo di danza che coinvolga ed abbracci il pubblico, facendogli vivere la propria storia e tradizione in maniera del tutto nuova ed originale.
    scopri di più >>