I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos

Senza meta, esseri neri, orrendi, fuggiti da un limbo d’inferno, deambulano per un giorno sulla terra. Orchi orridi assoldati per riti di fertilità: spaventano gli spiriti deformi del male perché si rinnovi il prodigio misterioso della natura.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.

Su Buttudu, indossa il caratteristico cappotto in orbace nero(lana di pecora),pantaloni in velluto, cambales(una sorta di ghette), su ùssingiu(scarponi in pelle) e sas sonaggias(campanacci). Queste ultime, col loro tintinnare, circoscrivono lo spazio d’azione de S’Urthu. Entrambe le maschere, hanno le mani e il viso tinti con “S’intiveddu”, ossia la fuliggine di sughero bruciato. Il significato e l’origine di queste maschere, sono incerti.

Nel corso degli anni, sono stati fatti numerosi studi, che sostengono alcune teorie di relazione con divinità del passato, come ad esempio il dio dei morti e il dio della vegetazione Dionisio, successivamente trasformato e identificato come dio del vino.

Nel 1996 nasce l’Associazione Culturale Urthos e Buttudos, che ha come unico scopo la tutela e la valorizzazione di queste antichissime maschere, nel ricordo e nel rispetto delle tradizioni del passato.

Infatti, l’Associazione, porta avanti solo quello che è stato trasmesso dal sapere dei nostri antenati mediante la memoria storica. Di sicuro queste maschere sono i soggetti di un rito pagano antichissimo, e rappresentano la forza e l’abilità nel contesto dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura. Come siano arrivate fino ai giorni nostri così intatte, resta un mistero, ed è proprio questo mistero che le rende ancora più affascinanti.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, il martedì grasso, c’è l’uscita di queste maschere per le vie del paese. E’ consuetudine bussare nelle case durante il loro passaggio, dove i padroni di casa offrono spontaneamente da bere e da mangiare a tutti Sos Urthos e Sos Buttudos.

Quando questo non avviene, Sos Urthos si arrampicano e cercano d’introdursi in casa, per convincere i proprietari, ad offrire del vino e dei dolci tipici, come Sas Cippulas(zeppole), a tutte le maschere che attendono in strada.

Da questo comportamento è spiegata l’usanza di arrampicarsi di queste spettacolari maschere.

 

VIDEO PROMO UFFICIALE

 

VIDEO AMATORIALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Le favole di Gramsci in quattro lingue
    A Cagliari e a Barcellona le favole di Gramsci in 4 lingue per dialogo in Catalogna. La 'prima' ufficiale internazionale dell'opera è in programma in Spagna venerdì 15 dicembre alle 18 nella libreria Central del quartiere Raval della capitale catalana. Ma ci sarà anche un'anteprima per gli appassionati sardi domenica dalle 11 al ristorante Le Segrete, a Cagliari, in via Sulis. L'intera opera sarà presentata brevemente dall'editore Giovanni Manca e dal traduttore in sardo Giuseppe Corongiu.
    scopri di più >>
  • Dal Montiferru al Marganai in Mountain Bike
    Antonio Cocco, meglio conosciuto come "Camarillo", nome "d'arte" tratto da una nota canzone di Frank Zappa, è un autore di Assemini (CA). Dal 2015 al 2017 pubblica due guide che descrivono in maniera meticolosa, eclettica, appassionata e inedita oltre trenta itinerari della Sardegna centro-meridionale percorribili in mountain bike. La prima guida, Mountain Bike nel Montiferru, contiene la descrizione di quindici percorsi del massiccio montuoso di origine vulcanica più grande della Sardegna. 
    scopri di più >>
  • Urzulei | Poesia e musica sotto il monte
    Una manifestazione culturale che già dalla sua prima edizione ha come obiettivo quello di diventare un appuntamento stabile nel calendario degli eventi letterari della Sardegna: il Gruppo Folk di Urzulei presenta con questi presupposti “Poesia e Musica sotto il Monte”, una giornata che renderà onore alle opere poetiche del Tonarese Peppino Mereu e del Sarulese Salvatore Sini.
    scopri di più >>
  • Un viaggio musicale tra sacro e profano: 20 anni di coro Montanaru
    "Est una notte ‘e luna,  de cuddas lunas de atonzu giaras,  chi cando tue t’acciaras  a la ‘ider’andare,  isperas novamente in sa fortuna" Così scriveva Montanaru, poeta di luoghi intoccabili dalla velocità ostile della modernità, guardando la luna risplendere nel cielo dopo una lunga tempesta. In quel suo riemergere dalle nuvole c’è il desiderio di rivalsa, la volontà di proseguire un sogno, quello di far rimanere intatti degli ideali. E chissà, allora, se Antioco Casula, dal balcone della sua casa, nel rione di Ovolaccio, a Desulo, avrebbe mai pensato, osservando e scrivendo di quella luna eterea che lasciava intravedere un buon destino, che i suoi versi avrebbero goduto dell’immortalità e che, a distanza di vent’anni dai primi gorgheggi e vocalizzi fatti da un coro polifonico in formazione, che decideva di portare il suo nome, quelle parole sarebbero state portavoce proprio di quel futuro promesso nella sua poesia.
    scopri di più >>
  • Daniela Pes: la nuova voce della world music parla gallurese
    Daniela Pes è una cantante e compositrice sarda di Tempio Pausania (OT). Classe 1992, laureata in triennio jazz al Conservatorio di Musica “Luigi Canepa” di Sassari, vince nel 2017 il Premio Andrea Parodi, l’unico contest italiano dedicato alla world music, aggiudicandosi premio assoluto e della critica, premio della giuria internazionale, premio per il migliore arrangiamento e premio dei ragazzi presenti nella sala dell’Auditorium di Cagliari. Il suo legame con la musica inizia presto, all’età di tre anni.
    scopri di più >>
  • Festa Sarda a Roma: un incontro di promozione della Sardegna
    Domenica 17 Dicembre la Locanda Atlantide ospiterà la Festa Sarda a Roma. Incontro di promozione economica della Sardegna, tra prodotti tipici e musica. Concerto di Tenores di Neoneli e presentazione nazionale del nuovo cd dei Grog & Joe Perrino “Bomba” in uscita per la Minotauro Records. La Festa Sarda è l’evoluzione dei progetti Brinca Festival, Su Sonu Festival e Musica in Circolo, realizzati dalla Fasi in collaborazione con Brincamus.
    scopri di più >>