I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos

Senza meta, esseri neri, orrendi, fuggiti da un limbo d’inferno, deambulano per un giorno sulla terra. Orchi orridi assoldati per riti di fertilità: spaventano gli spiriti deformi del male perché si rinnovi il prodigio misterioso della natura.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.

Su Buttudu, indossa il caratteristico cappotto in orbace nero(lana di pecora),pantaloni in velluto, cambales(una sorta di ghette), su ùssingiu(scarponi in pelle) e sas sonaggias(campanacci). Queste ultime, col loro tintinnare, circoscrivono lo spazio d’azione de S’Urthu. Entrambe le maschere, hanno le mani e il viso tinti con “S’intiveddu”, ossia la fuliggine di sughero bruciato. Il significato e l’origine di queste maschere, sono incerti.

Nel corso degli anni, sono stati fatti numerosi studi, che sostengono alcune teorie di relazione con divinità del passato, come ad esempio il dio dei morti e il dio della vegetazione Dionisio, successivamente trasformato e identificato come dio del vino.

Nel 1996 nasce l’Associazione Culturale Urthos e Buttudos, che ha come unico scopo la tutela e la valorizzazione di queste antichissime maschere, nel ricordo e nel rispetto delle tradizioni del passato.

Infatti, l’Associazione, porta avanti solo quello che è stato trasmesso dal sapere dei nostri antenati mediante la memoria storica. Di sicuro queste maschere sono i soggetti di un rito pagano antichissimo, e rappresentano la forza e l’abilità nel contesto dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura. Come siano arrivate fino ai giorni nostri così intatte, resta un mistero, ed è proprio questo mistero che le rende ancora più affascinanti.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, il martedì grasso, c’è l’uscita di queste maschere per le vie del paese. E’ consuetudine bussare nelle case durante il loro passaggio, dove i padroni di casa offrono spontaneamente da bere e da mangiare a tutti Sos Urthos e Sos Buttudos.

Quando questo non avviene, Sos Urthos si arrampicano e cercano d’introdursi in casa, per convincere i proprietari, ad offrire del vino e dei dolci tipici, come Sas Cippulas(zeppole), a tutte le maschere che attendono in strada.

Da questo comportamento è spiegata l’usanza di arrampicarsi di queste spettacolari maschere.

 

VIDEO PROMO UFFICIALE

 

VIDEO AMATORIALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Eventi Nuoro | CINEMAN | “Una serata pazzesca! La Corazzata Potemkin
    In occasione della mostra “Amore e Rivoluzione”, dedicata ai linguaggi dell’avanguardia russa nell’anno  del centenario della Rivoluzione di Ottobre, torna CINEMAN, la piattaforma per il cinema d’autore nata dalla collaborazione tra MAN, Museo CIUSA e Fondazione Sardegna Film Commission.
    scopri di più >>
  • Ecco svelato il problema del prezzo del latte ovino in Sardegna
    Ieri la manifestazione dei pastori si è chiusa con la promessa, da parte del Presidente della Regione, dell'Assessore all'agricoltura e dei capigruppo, di destinare 35 milioni alle ragioni e alle richieste del Movimento Pastori sardi.La prima domanda, tralasciando le questioni di metodo a cui purtroppo sono tristemente abituato, è sempre la solita: dove li troviamo?Dubito si tratti di risorse dimenticate in qualche meandro del bilancio, un po' come quando capita di trovare una banconota sgualcita nelle giacche invernali riposte nell'armadio al cambio di stagione.
    scopri di più >>
  • Bruno Enna: un mondo di storie nate guardando il mare
    Vite parallele e storie che si rincorrono, momenti temporali che uniscono e dividono, personaggi eroici o vittime di se stessi. Quello di Bruno Enna, che scrive guardando il mare della Sardegna, è un mondo dove le vicende si sospendono sul filo di un momento di tensione costante, di poesia e raffinatezza ma anche di sguardi cupi e malinconia, di schiettezza e inevitabilità. E’ un mondo dove ogni storia è scandita dalle impetuose lancette di un tempo incontrollabile che "Talvolta unisce e stavolta separa. Spesso influisce sugli eventi e i destini” come specifica Enna nella prima tavola della nuova storia per il magazine Topolino “Paperino e la regina fuori tempo”, magistralmente disegnata da Giada Perissinotto.  
    scopri di più >>
  • Approvato Testo Unico per il turismo: nuove regole e incentivi per la Sardegna
    Un nuovo modello di governance, la classificazione delle strutture ricettive, l'istituzione di una rete escursionistica e di una rete dei borghi, in generale la tendenza a rendere fruibile l'intero territorio anche per creare le condizioni per un allungamento della stagione. Tutto ciò, nel segno della semplificazione normativa.
    scopri di più >>
  • Un'estate a San Teodoro
    Bisogna dire che San Teodoro ogni anno stupisce. Dalla notte al giorno è fonte di ispirazione e di tendenze che marcano outfit importanti. Dalla sera alla mattina si parte dal giallo coordinato da accessori, consigliatissimo per donne dalla pelle ambrata, come propone nelle passerelle milanesi Jil Sander. Le camicie, i giubbotti e i jeans délavé presentano immancabili strappi, come per Alexander Wang.
    scopri di più >>
  • 10 domande a... Caterina Murino
    Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda. Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale. Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore". Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.
    scopri di più >>