I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos

Senza meta, esseri neri, orrendi, fuggiti da un limbo d’inferno, deambulano per un giorno sulla terra. Orchi orridi assoldati per riti di fertilità: spaventano gli spiriti deformi del male perché si rinnovi il prodigio misterioso della natura.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.

Su Buttudu, indossa il caratteristico cappotto in orbace nero(lana di pecora),pantaloni in velluto, cambales(una sorta di ghette), su ùssingiu(scarponi in pelle) e sas sonaggias(campanacci). Queste ultime, col loro tintinnare, circoscrivono lo spazio d’azione de S’Urthu. Entrambe le maschere, hanno le mani e il viso tinti con “S’intiveddu”, ossia la fuliggine di sughero bruciato. Il significato e l’origine di queste maschere, sono incerti.

Nel corso degli anni, sono stati fatti numerosi studi, che sostengono alcune teorie di relazione con divinità del passato, come ad esempio il dio dei morti e il dio della vegetazione Dionisio, successivamente trasformato e identificato come dio del vino.

Nel 1996 nasce l’Associazione Culturale Urthos e Buttudos, che ha come unico scopo la tutela e la valorizzazione di queste antichissime maschere, nel ricordo e nel rispetto delle tradizioni del passato.

Infatti, l’Associazione, porta avanti solo quello che è stato trasmesso dal sapere dei nostri antenati mediante la memoria storica. Di sicuro queste maschere sono i soggetti di un rito pagano antichissimo, e rappresentano la forza e l’abilità nel contesto dell’eterna lotta tra l’uomo e la natura. Come siano arrivate fino ai giorni nostri così intatte, resta un mistero, ed è proprio questo mistero che le rende ancora più affascinanti.

Nella tradizione carnevalesca di Fonni, il martedì grasso, c’è l’uscita di queste maschere per le vie del paese. E’ consuetudine bussare nelle case durante il loro passaggio, dove i padroni di casa offrono spontaneamente da bere e da mangiare a tutti Sos Urthos e Sos Buttudos.

Quando questo non avviene, Sos Urthos si arrampicano e cercano d’introdursi in casa, per convincere i proprietari, ad offrire del vino e dei dolci tipici, come Sas Cippulas(zeppole), a tutte le maschere che attendono in strada.

Da questo comportamento è spiegata l’usanza di arrampicarsi di queste spettacolari maschere.

 

VIDEO PROMO UFFICIALE

 

VIDEO AMATORIALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Quando si affronterà seriamente il problema del lavoro?
    Ius soli, vaccini, ballottaggi...Vorrei capire se il dibattito pubblico, una volta risolte queste urgenze impellenti, inizierà a incentrarsi seriamente sul problema che più di ogni altro tormenta la maggioranza degli italiani: ossia, il lavoro che non c'è, quello sottopagato, le nuove schiavitù, lo sfruttamento dei più deboli, l'emigrazione giovanile. È il tema dei temi, come mai viene ignorato? C'è un intero popolo dimenticato nei discorsi di chi dovrebbe rappresentarlo: ed è composto dall'esercito dei disoccupati, dagli operai chiamati a lavorare giorno per giorno; da laureati ridotti ad arrangiarsi facendo pulizie per qualche ora.
    scopri di più >>
  • Pane frattau al tonno fresco, pomodorini e capperi
    A fine giugno Carloforte e la sua tonnara, unicità del Mediterraneo, intingono di profumi e sapori le vie del borgo, mescolando con maestria l'intensità del tonno rosso, vero protagonista del luogo tabarchino, e la brezza marina, cornice perfetta di una storia antica.   Celebriamo questa bontà nostrana con una ricetta - perfetta anche come antipasto- dal gusto fresco e suggestivo, di veloce preparazione e sicuro effetto.   
    scopri di più >>
  • Due progetti della Sardegna finalisti di Culturability
    Ci sono anche due progetti della Sardegna fra i 15 finalisti del bando Culturability – rigenerare spazi da condividere, scelto fra i 429 progetti partecipanti alla call nazionale, promossa da Fondazione Unipolis, per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale, che rigenerano e danno nuova vita a spazi, edifici ed ex siti industriali abbandonati. A seguito di questa prima selezione, il progetto di Ales Comunità CulturAles e quello di Sassari Ex-COL, assieme agli altri tredici finalisti, sono stati ammessi al percorso di supporto e accompagnamento, finalizzato a migliorare e sviluppare le proposte, ma anche ad offrire un’occasione di formazione e crescita ai giovani partecipanti.
    scopri di più >>
  • Festival di musica itinerante | Tra mare, stelle e magia | 28 luglio – 5 agosto
    Tutto pronto per il festival di musica itinerante che partirà dal 28 luglio fino al 5 agosto e vedrà coinvolte sette località del centro Sardegna. Il festival “Tra mare, stelle e magia” è organizzato dall’ Academia Nugoresa de Bonas Artese, in collaborazione con la Fondazione di Sardegna (ex Fondazione Banco di Sardegna), il Comitato Monte Ortobene Ultima Spiaggia ed i comuni di Dorgali, Fonni, Galtellì, Irgoli, Oliena e Orani.
    scopri di più >>
  • Preludio al Festival Letterario "L' Isola delle Storie"
    La Casa delle Letterature di Roma e il Museo MAN di Nuoro, nell’ambito del Preludio del Festival “L’isola delle storie”, sono lieti di presentare la mostra Anne Franchetti. L’invenzione della Petra Sarda, curata da Ileana Florescu e Maria Ida Gaeta. Nei rinnovati spazi della “Ex Caserma” di Gavoi saranno esposte una selezione di opere in grès, realizzate dalla ceramista italo-americana Anne Franchetti, corredate da fotografie di Ileana Florescu e Ottavio Celestino.
    scopri di più >>
  • Lettera di Matteo Boe dopo che lesse la pagina di Wikipedia che lo riguardava
    "È abbastanza normale che le informazioni di seconda, terza o più mani perdano per strada brandelli di verità al punto di costituirne delle nuove, assolutamente diverse da quelle che dovrebbero rappresentare. Dal paleolitico al postmoderno. Tanto è racchiuso, in termini tecnologici, nei venticinque anni della mia seconda esistenza, sintetizzato nello schema: prigione-latitanza-prigione. Nel 1984 non esistevano i computer tanto meno internet. Nel 2009 II cyberspazio è divenuto luogo planetario di interconnessione di massa. Luogo di chiacchiere e cultura, verità e finzione, informazione e pettegolezzi, affari e politica oltreché di un personale impietosamente e arbitrariamente esposto alla morbosa curiosità di estranei. Precluso ai carcerati, solo adesso, indirettamente, sono venuto a conoscenza di questo sito che racchiude sommariamente pure eventi della mia vita. Non sono alcune imprecisioni o fatti non veri che mi hanno spinto a intervenire. In fin dei conti marginali.
    scopri di più >>