Storia e archeologia

Stupirsi di vedere una ziqqurat dove nessuno se l'aspetterebbe
Lungo la strada che da Sassari conduce a Porto Torres si trova l'unica ziqqurat del Mediterraneo

Se vai in Egitto sai di trovare le piramidi. Se passi per la Grecia, te lo aspetti che prima o poi finirai nei pressi di qualche tempio dalle massicce colonne. A Roma, vuoi non incappare nelle gradinate a mezzaluna degli anfiteatri?Così, se passi per i territori che anticamente formavano la Mesopotamia, non ti aspetti di beccare un nuraghe. Eppure in Sardegna, dove amiamo non farci mancare niente, dal mare alla montagna e dal deserto al canyon, sovvertiamo tutte le aspettative esibendo una struttura tipica della Mesopotamia: una ziqqurat, l’unica del Mediterraneo.Si trova in una vasta pianuralungo la strada che da Sassari conduce a Porto Torres, ed è uno dei monumenti preistorici più antichi della Penisola. A segnalarne l’esistenza nel 1950 fu Antonio Segni, all’epoca Ministro dell’Istruzione, che parlò all’archeologo Giovanni Lilliu di una misteriosa montagnola situata in una delle sue tenute, precisamente nella pianura della Nurra, in località Monte d’Accoddi.

Continua
Il Castello di Medusa: da castrum bizantino a castello di frontiera

Situato nel medievale Giudicato di Arborea, il castello di Medusa rappresenta un unicum nel suo genere. Il complesso fortificato, situato nel territorio tra Samugheo e Asuni,  sorge sul colle calcareo Sa conca ‘e su Casteddu, a picco sulla gola formata dal Rio Araxisi, in epoca tardo romana con l’obiettivo di controllare le comunità indigene della Barbaria. Il castello è oggi facilmente raggiungibile seguendo l’itinerario che parte dal centro di Samugheo.

Continua
La difesa elettronica tedesca in Sardegna nel 1943
L'impianto di Monte Agumu-Pula

Nella primavera del 1943, allo scopo di prevenire le sempre più numerose puntate offensive dei bombardieri e dei caccia alleati su obbiettivi militari, civili ed infrastrutturali della Sardegna, venne creato un sistema di scoperta e difesa elettronica che, unitamente alla rete di avvistamento dislocata in punti dominanti della costa sarda, permetteva di fornire un preavviso di alcuni minuti, utili ad una reazione di intercettamento e contrasto della caccia italo-tedesca basata su aeroporti isolani, oltre che di quella delle batterie costiere.

Continua
Sui passi del Conte Ugolino. Il castello di Acquafredda

Per risalire il sentiero che si arrampica sul pendio snodandosi tra i sassi lavici avvolti nella macchia mediterranea, bisognava camminare a passo svelto, per almeno mezzora; si svoltava poi a destra dove si apriva un’imponente muraglia costellata di torri con all’interno un borgo. Ma bisognava ancora salire i 32 scalini in pietra lavorata e arrivare così a un pianerottolo  dal quale ancora, una volta superato il ponte levatoio si giungeva all’interno di una rocca che nel tempo ha assunto tratti quasi mitici: il castello di Acquafredda. Ci troviamo a circa tre chilometri da Siliqua, in cima a un cono vulcanico, a 253 m. sul livello del mare; sotto di noi, ai piedi della collina, sorge la chiesa di S. Barbara di Acquafredda e, ancora,  davanti ai nostri occhi, a 360° un panorama immenso che permette di dominare visivamente l’antica curadorìa del Cixerri che comprendeva 39 paesi o ville. A testimoniare per la prima volta l’esistenza della villa di Acquafredda è la donazione vittorina del 1089 in cui il giudice di Cagliari Costantino II donava ai monaci Vittorini di Marsiglia una serie di chiese fra le quali la “ecclesiam sanctae barbare de aqua frigida”.  Fu una fonte di acqua freschissima a dare infatti il nome al borgo prima e  al castello poi.

Continua
Fare fuoco e fiamme dentro un nuraghe
Ma i miei minuti antenati, come diavolo facevano a portare in cielo massi così grandi?

In qualunque punto della Sardegna voi siate, non avrete difficoltà a trovare nuraghi: ce ne sono più di settemila sparsi per tutta l’isola, distribuiti equamente da nord a sud e da est a ovest, in pianura come in collina. Dovete solo individuare quello meglio conservato nella vostra zona. Prima di raggiungerlo, procuratevi della carta (un foglio di giornale andrà benissimo) e dei fiammiferi. Arrivati al nuraghe, cercate di corrompere il custode in qualche modo, con questo libro alla mano ad esempio, e dite che vi mando io. Se ci riuscite , una volta entrati mettetevi al centro della camera e date fuoco al foglio di giornale: lo vedrete levitare.

Continua
Mastino difende le competenze delle Università sarde
L’Università degli Studi di Sassari e di Cagliari hanno le competenze e i mezzi affinché il cantiere “Archeologia di Monte Prama” possa proseguire fino al 31 marzo 2015.

Il nostro grande Maestro dell’archeologia sarda, il Prof. Giovanni Lilliu, nelle pagine conclusive del suo lavoro del 1977 “Dal betilo aniconico alla statuaria nuragica”, additando la straordinaria importanza del sito di Monte Prama, rivolgeva al Soprintendente Professor Barreca “l’invito di voler tener ben presente il luogo di M. Prama per un esteso e definitivo scavo scientifico per il quale l’Istituto di Antichità archeologia e arte della Facoltà di Lettere dell’Università di Cagliari è disposto fin d’ora, a dare la propria direzione in collaborazione con la Soprintendenza”.

Continua

    Primo piano

    • ALTER, un progetto per avviare nuove imprese nel territorio del Gal Logudoro-Goceano
      Sessanta posti a disposizione per i comuni del Logudoro, Goceano, Villanova e Meilogu. Arriva nel territorio del GAL il progetto ALTER, un percorso rivolto a disoccupati, soggetti in mobilità o in cassa integrazione con il fine di favorire, a titolo gratuito, l'incremento del lavoro autonomo e l'imprenditorialità negli ambiti del turismo sostenibile e dell'agroalimentare.
      scopri di più >>
    • Le futuriste in mostra al Museo MAN di Nuoro
      Dopo i progetti sull’espressionismo tedesco e le coppie dell’avanguardia russa, il MAN presenta “L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944”, una mostra dedicata al futurismo e le donne.
      scopri di più >>
    • Premiato il documentario di Pietro Mereu sui centenari d'Ogliastra
      "Il club dei centenari d'Ogliastra", questo il titolo del documentario realizzato dal regista Pietro Mereu che ha vinto il Premio del pubblico 2018 del 25/mo Sguardi Altrove Film Festival. Il lavoro del professionista ogliastrino è stato presentato nel concorso #FrameItalia (la sezione dedicata a lungometraggi di finzione, documentari e cortometraggi italiani) lunedì 12 marzo, alla presenza del regista e della conduttrice Victoria Cabello.
      scopri di più >>
    • Gli scritti inediti di Salvatore Satta a Laura Boschian per la prima volta a Roma in Campidoglio
      Sarà presentato venerdì 9 marzo, a Roma, ore 17.30, nella sala del Carroccio di Palazzo Senatorio, in Campidoglio, il volume “Mia indissolubile compagna. Lettere a Laura Boschian 1938-1971”, curato da Angela Guiso, docente e critica letteraria, e pubblicato da Ilisso Edizioni. All’incontro, cui parteciperà l’autrice, interverranno Gemma Azuni (già consigliera di Roma Capitale), Carlo Casula (storico) e Renato Minore (critico letterario e scrittore).
      scopri di più >>
    • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
      Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
      scopri di più >>
    • REMEMBERING CIABA: ARTISTI PER LA RICERCA
      Ciaba, al secolo Salvatore Pretta, era una persona dal cuore gigantesco con una sconfinata passione per la politica, la musica, la vita e un amore smisurato per il suo paese Meana Sardo, per la Barbagia e la Sardegna intera. Ha trasformato ogni sua passione in concreto lavoro, mettendosi al servizio della comunità e della collettività come amministratore comunale (dal 2003 al 2008), come vicepresidente della Pro Loco e come vicepresidente del Gruppo Sportivo Meana Sardo.
      scopri di più >>