Storia e archeologia

L'Altra Storia: il 2 giugno e l'invasione delle cavallette in Sardegna

“L’invasione delle cavallette. Contro le voracissime locuste che infestano molte zone della Sardegna e minacciano di divorare i raccolti sono in corso vere e proprie battaglie. Contadini armati da lanciafiamme attaccano le zone più infestate distruggendo in pochi minuti milioni e milioni di quei terribili insetti“.

 Il 2 giugno del 1946 la Domenica del Corriere accompagnava con questa descrizione una dinamica illustrazione sintesi della piaga che da mesi affiggeva le zone della Sardegna. E’ l’altra storia. Quella che se da una parte celebra, dall’altra sottolinea arretratezza e difficoltà; è quella vicenda che scivola nei meandri di un momento importante, troppo importante per la storia moderna. Perché il 2 giugno 1946 è sintesi del cambiamento. Sintesi di una scelta. Sintesi di una vittoria. Non solo quella della Repubblica sulla Monarchia ma quella del popolo che stringe finalmente in mano, matita alla mano, la propria libertà di scegliere.

Continua
Anonima Sequestri, il rapimento di Fabrizio De André e Dori Ghezzi, 1979
I retroscena del sequestro

«Grazie al cielo ho una bocca per bere e non è facile 
grazie a te ho una barca da scrivere ho un treno da perdere 
e un invito all'Hotel Supramonte dove ho visto la neve 
sul tuo corpo così dolce di fame così dolce di sete 
passerà anche questa stazione senza far male 
passerà questa pioggia sottile come passa il dolore»

F.C. De André

Continua
Infilare la testa nella casa di una fata
Case di fate, appunto. In lingua sarda, Domus de Janas.

“Ci sono buchi in Sardegna che sono case di fate”. No, non è farina del mio sacco, bensì grano di Michela Murgia, che con questa frase apre il suo buon Viaggio in Sardegna. Dico buono non solo perché il libro che cito è bello (se la Sardegna vi appassiona vi suggerisco di leggerlo). Dico buono perché ogni viaggio, su quest’isola, è buono. Che sia reale o metaforico, che sia di vista o di udito, di tatto o di olfatto, di gusto e di pensiero – magari preso per mano, quest’ultimo, proprio da un buon libro – ogni tipo di viaggio in Sardegna è un’occasione presa e ben spesa.

Continua
Trovare nelle grotte di San Michele, a Ozieri, tracce della più antica cultura dell'Isola
Espressione di questa società rurale è il culto del bue (o del toro) che diventa il partner della Terra Madre

Ozieri, capoluogo della regione storica del Logudoro, ha visto nascere quella che oggi è considerata dagli archeologi la più importante civiltà della Sardegna prenuragica, che prende il nome di Cultura di San Michele o, appunto, di OzieriTutto cominciò, infatti, presso una grotta di questa località: la grotta di San Michele. Gli scavi qui effettuati, nel 1914 e nel 1949, portarono alla luce testimonianze fondamentali per la Sardegna archeologica, in grado di restituire il profilo di quest’antica ma progredita cultura, che si sviluppò nell’isola in un periodo compreso, all’incirca, tra il 3800 e il 2900 a. C

Continua
Percorrere la scalinata di un pozzo sacro durante l'Equinozio
Alcuni studiosi ritengono che i pozzi sacri siano in generale frutto di un raffinato calcolo teso a determinare l'orientamento astronomico

Stesso periodo e non meno affascinanti delle grosse torri megalitiche. Sono i pozzi sacri: pietre che formano templi per il culto dell’acqua. Si tratta di strutture cariche di mistero, costruite nei pressi di fonti e sorgenti d’acqua, composte da un atrio, solitamente recintato con dei massi, e un ingresso da cui parte la gradinata che conduce al fondo buio del pozzo, non sempre buio, come vedremo a breve. Una sorta di mistica discesa verso l’acqua, fonte primaria della vita. Non abbiate timore di introdurvi in questi spazi: il livello dell’acqua difficilmente supera il primo gradino, e lo spettacolo, comunque, vale molto più di una sola bagnata. Esistono vari tipi di pozzo sacro. Il tipo a Tholos, di forma circolare, è una sorta di nuraghe sotterraneo. Il tipo a Megaron ha invece un perimetro rettangolare, e può essere diviso in più camere, coperte da un tetto a spioventi. 

 

Continua
Lo stormo di Porto Conte
di Paolo Cau, Direttore Archivio Soprintendenza Cagliari

Ti cade sotto l’occhio una pagina del ‘300 e ti punge vaghezza di saperne di più, approfondire, scavare nelle altre fonti dopo questa del Villani (Matteo), la Crónica dell’Anonimo Catalano, la Pisana, l’opera dei fratelli Stella, Naugerio o Navagerio e Dandolo che poco aggiungono alla trama ed all’ordito delle prime due. Il fatto è la battaglia che ora diciamo di Porto Conte, quel martedì 27 agosto del 1353. E allora, come in uno di quei corsi full immersion che mai mi vedranno allievo, a cercar di tutto, lì attorno, per indovinare se non delineare atmosfere e colori, discorsi diretti e suoni, gestualità, istinti e premeditazioni, di chi remigava e si batteva per mare: Dante e quel libro che lo mette in rapporto con l’arte navale, Francesco da Barberino (1264-1348), le parole tronche dell’Anonimo Genovese che parla di altri scontri di rostro e remo (Curzola e Lajazzo) i progetti grandiosi di Marin Sanudo di Torcello (1260-1338), le istruzioni di Egidio Romano (1243-1316), gli aridi elenchi di dotazioni che le galere liguri dovevan imbarcare per l’Oriente (il “Libro della Gazaria”), e, o Muse o Alto Ingegno, qualcuno dei tasselli si potrà pur riempire.

Continua

    Primo piano

    • 10 domande a... Caterina Murino
      Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda. Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale. Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore". Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.
      scopri di più >>
    • Tutto pronto per "Live right be bright"
      Dal 22 al 28 luglio 2017 Abbasanta sarà invasa da 42 giovani e operatori giovanili maltesi, danesi, olandesi e sardi che, con grande entusiasmo e forte motivazione, partecipano a Live Right, Be Bright (Vivi nel modo giusto, sii luminoso), uno scambio giovanile transnazionale finanziato dal Programma Erasmus+ e coordinato da un’organizzazione maltese in partenariato con l’Associazione Malik ed il Comune di Abbasanta.
      scopri di più >>
    • RENZI SILURA IL FISCAL COMPACT
      Il Fiscal compact è il termine sintetico con cui si abbrevia il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria (UEM). L’accordo fu preparato come una delle misure urgenti con cui dare una risposta credibile ai mercati contro l’evolversi della crisi finanziaria europea dei debiti sovrani; venne approvato nel 2012 e ratificato dal nostro Paese nel corso dello stesso anno, col governo Monti. Lo stesso Mario Monti, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che il Trattato ha avuto a suo tempo «un padre, Mario Draghi, che lanciò l’idea nel dicembre 2011, appena diventato presidente della BCE, e una madre, Angela Merkel, che la spinse politicamente. Draghi doveva accreditarsi presso quel mondo tedesco che era preoccupato per l’arrivo al vertice della BCE di un italiano, sia pure con ottima reputazione». Perciò aveva bisogno di presentarsi agli occhi tedeschi come “falco”, che non era disposto a fare sconti al governo del suo Paese sulle politiche di risanamento del bilancio pubblico e di avvio delle riforme strutturali necessarie ad evitare il default del Paese.
      scopri di più >>
    • Vela e trekking contro il Parkinson, la sfida dei pazienti in Sardegna
      Il vento e la natura, ma anche la cucina e lo yoga per combattere il Parkinson. E' l'esperienza vissuta da un gruppo di pazienti che hanno trascorso una settimana in Sardegna, tra navigazione a vela, trekking, surf, piccoli seminari e degustazioni. 
      scopri di più >>
    • Tutti i protagonisti del Rocce Rosse Blues (dal 22 luglio al 6 agosto) ad Arbatax
      Dal 22 luglio al 6 agosto 2017 Rocce Rosse Blues, la storica rassegna dedicata alla musica del diavolo torna alle origini, al cuore pulsante del festival, nello storico Piazza degli Scogli Rossi ad Arbatax, lo stesso luogo dove ventisei anni fa tutto ebbe inizio. 
      scopri di più >>
    • Resilienza, un festival in agosto in Sardegna
      Dal 21 agosto al 2 settembre in Sardegna si terrà il Festival della Resilienza, un coraggioso progetto promosso dai giovani dell’associazione ProPositivo di Macomer.
      scopri di più >>