Gli Iliensi: i sardi discendenti di Enea e acerrimi nemici dei Romani

di Paola Ruggeri

Gli Iliensi furono popolazione non urbanizzata della Barbaria stanziata nella prima metà del I secolo d.C. in un’area compresa tra le pendici orientali della catena del Marghine e l’alto corso del fiume Tirso. Tale localizzazione è suggerita, secondo gli studiosi, dal documento epigrafico inscritto sull’architrave del nuraghe “Aidu Entos” (Porta dei venti), sito in comune di Bortigali (Nuoro), a 1 Km. dall’abitato di Mulargia. In quell’area, denominata forse, in antico, Sessar (toponimo paleosardo), l’autorità romana avrebbe concesso agli Iliensi di poter esercitare i propri diritti (iura), probabilmente in rapporto alla loro attività di pastori e alle frequenti controversie che si sviluppavano con le popolazioni confinanti in merito all’uso e al transito delle greggi attraverso le zone pianeggianti.

Documenti più o meno coevi, la Tavola di Esterzili ad esempio, mostrano l’intensità e la gravità del problema che sollecitava i Romani ad intervenire per via arbitrale. Non si può del tutto escludere che i diritti a cui si allude nell’iscrizione del nuraghe “Aidu Entos”   fossero in parte riconducibili alla parziale concessione agli Iliensi del diritto delle genti (ius gentium), il diritto locale consuetudinario e non codificato che regolava da secoli i rapporti all’interno delle comunità locali.

Il privilegio concesso agli Iliensi, trova spiegazione nella straordinaria fama di cui godeva questa popolazione sarda presso i Romani – Plinio il Vecchio la annoverava insieme a quella dei Balari e dei Corsi tra le più celebri dell’isola (celeberrimi in ea populorum Ilienses, Balari, Corsi)- come pure in ragioni di ordine militare. Gli Iliensi erano stati infatti protagonisti della stagione di rivolte anti-romane che avevano infiammato la Sardegna centrale e nord-orientale nel primo quarantennio del II secolo a.C. Ad un primo moto sviluppatosi nel 181 a.C., in concomitanza ad un’analoga iniziativa di rivolta promossa dai Corsi della Corsica e presto sedato dal pretore M. Pinario Rusca, seguirono quattro anni (dal 178 al 175) di intensi scontri. Gli Iliensi alleatisi con i Balari del Logudoro e dell’Anglona, probabilmente a causa di un regime fiscale assai opprimente si ribellarono. Fu inviato nell’isola un esercito consolare (formato da due legioni) capeggiato dal console Tiberio Sempronio Gracco che nel 177, secondo la testimonianza di Livio, uccise 12.000 Sardi e distrusse le loro installazioni militari (castra) e nell’anno successivo fece 15.000 vittime tra i rivoltosi. Sempronio Gracco, rientrato a Roma, poté celebrare tra il 175 e il 174 a.C. il trionfo ex-Sardinia e autocelebrarsi in un’iscrizione posta nel tempio della Mater Matuta, la dea protettrice dei naviganti, come colui che aveva sterminato 80.000 Sardi ribelli. La cifra da sempre ha suscitato perplessità tra gli studiosi, soprattutto per lo squilibrio in rapporto alle stime relative alla popolazione complessiva dell’isola in epoca romana. Ad ogni modo gli stessi toni trionfali della propaganda romana rivelano le difficoltà di controllo militare di popolazioni culturalmente ancora lontane dai dominatori e reattive rispetto ad un apparato burocratico e amministrativo sentito come estraneo.

L’etnico Iliensi sarebbe riconducibile,secondo gli studiosi, alla saga mitica, narrata da Pausania (X, 17, 7), degli Iliei (da Ilio – Troia), profughi troiani del seguito di Enea in fuga da Troia, a seguito della distruzione della città da parte dei Greci. La nave di un gruppo di fuoriusciti, spinta dai venti sarebbe giunta sulle coste della Sardegna: qui i Troiani – Iliei si unirono ai Greci (Iolaei, discendenti di Iolao, nipote di Eracle, vd. s.v. Iolaei) che già vi abitavano. Troiani e Greci vissero separati dagli indigeni (barbari) e il fiume Tirso rappresentò la naturale separazione tra immigrati e popolazioni locali. Un’invasione di genti libiche spinse successivamente i Troiani - Iliei a rifugiarsi sulle montagne, dove nel corso del tempo i loro costumi divennero simili a quelli dei Libi. Secondo Pausania, ancora ai suoi giorni (II secolo d.C.) questa popolazione manteneva l’etnico di Iliei.


 

Rubrica "Sardinia Antiqua" a cura del Prof. Attilio Mastino  

 

testo tratto da: "La Sardegna. Enciclopedia Brigaglia"

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • La leggenda del castello di Galtellì
    Una notte dello scorso dicembre restai più di due ore ascoltando attentamente una donna di Orosei che mi narrava le leggende del castello di Galtellì. Il suo accento era così sincero e la sua convinzione così radicata che spesso io la fissavo con un indefinibile sussulto, chiedendomi se, per caso, queste bizzarre storie a base di soprannaturale, che corrono pei casolari del popolo, non hanno un fondamento, e qualcosa di vero. Il castello di Galtellì - la Civitas Galtellina, altre volte così fiorente e popolata, ora decaduta in miserabile villaggio - è interamente distrutto; restano solo i ruderi neri e desolati, dominanti il triste villaggio, muti e severi nel paesaggio misterioso. La leggenda circonda quelle meste rovine con un cerchio magico di credenze strane, fra cui la principale è che l'ultimo Barone, ovvero lo spirito suo, vegli giorno e notte sugli avanzi del castello, in guardia dei suoi tesori nascosti. 
    scopri di più >>
  • Scambiarsi la fede sarda o coltello e maninfide
    Il Mercure, un brigantino della Repubblica Francese di Napoleone costruito nel 1805, fu ceduto al Regno Italico nel 1809. La notte del 21 febbraio 1812, questa imbarcazione, di scorta, insieme alle gemelle Jena e Mameluck, al vascello Rivoli, ebbe la sventura di incappare, fuori dal porto di Venezia, nella squadra navale inglese Royal Navy. Le due flotte diedero inizio a uno scontro (ricordato come battaglia di Grado), durante il quale il Mercure, sotto i colpi del brigantino inglese Weasel, esplose in mare. Si spezzò in due tronconi: quello di poppa affondò immediatamente, quello di prora si inabissò a circa cento metri di distanza.
    scopri di più >>
  • I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos
    Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.
    scopri di più >>
  • Commuoversi davanti a un ormai raro giuramento tra innamorati
    Circa venti giorni dopo la sagra del Girotonno, per l’esattezza durante la notte di San Giovanni Battista, che cade tra il 23 e il 24 giugno, a Carloforte si festeggiano due ricorrenze dal sapore antico: la promessa degli innamorati o giuramento di fedeltà, e l’elezione del compare e della comare, un patto indissolubile e sacro che pone il legame tra i contraenti un gradino sopra l’amicizia. Un tempo la promessa degli innamorati consisteva in un vero e proprio cerimoniale nel quale l’uomo donava alla donna alcuni chicchi di grano, simbolo di abbondanza, mentre questa stringeva il rosario, simbolo di fede.
    scopri di più >>
  • I personaggi del Carnevale sardo: Boes e Merdules
    Il coinvolgente carnevale di Ottana conserva riti e maschere molto simili a quelli originali. È rappresentato da tre personaggi: Su Merdule, Su Boe e Sa Filonzana. Tutte le maschere di Ottana vengono in genere chiamate “Merdules”. Ma su Merdule vero e proprio indossa bianche pelli di pecora (sas peddes), porta sul capo un fazzoletto femminile nero (su muccadore), e sul viso ha una maschera nera antropomorfa (sa carazza) in legno di pero selvatico, dall’espressione impassibile; sovente la maschera è resa deforme da bocche storte, denti in evidenza o nasi lunghi e adunchi. Ha in mano un bastone (su mazzuccu) e una frusta di cuoio (sa soca). Non porta campanacci. Ha gambali in cuoio (sos gambales) e calza sos cusinzos o bottinos, le scarpe da campagna del pastore. Si suppone che il suo nome sia di origine nuragica: da “mere” (padrone) e “ule” (bue): padrone del bue.
    scopri di più >>
  • I personaggi del carnevale sardo: sos Mamutzones e s’Urzu
    Il Carnevale di Samugheo s’inserisce nelle celebrazioni carnevalesche degli ambienti agro-pastorali della Sardegna. Presenta alcune varianti originali che ne spiegano le antichissime origini. Su Mamutzone indossa pantaloni di fustagno, o velluto nero, e pelli di capra; i gambali di cuoio sono ricoperti da pelli di capra. Annodati alla vita porta campaneddas e trinitos (sonagli) e al petto dei campanacci in ottone o bronzo. Nasconde le sembianze umane sotto uno strato di fuliggine di sughero bruciato. Il copricapo è piuttosto originale: si tratta di un recipiente di sughero (su casiddu o su moju), rivestito di lana di capra e con delle corna caprine, a volte bovine. Alcuni Mamutzones portano un bastone; un tempo pare venisse avvolto con pervinca o edera, a somiglianza del “Tirso“, il bastone del dio Bacco o Dioniso. S’Urtzu: è la vittima della rappresentazione. Indossa una pelle di caprone nero, completa della testa; porta sul petto pelli di capretto e pesanti campanacci.
    scopri di più >>