Gli Iliensi: i sardi discendenti di Enea e acerrimi nemici dei Romani

di Paola Ruggeri

Gli Iliensi furono popolazione non urbanizzata della Barbaria stanziata nella prima metà del I secolo d.C. in un’area compresa tra le pendici orientali della catena del Marghine e l’alto corso del fiume Tirso. Tale localizzazione è suggerita, secondo gli studiosi, dal documento epigrafico inscritto sull’architrave del nuraghe “Aidu Entos” (Porta dei venti), sito in comune di Bortigali (Nuoro), a 1 Km. dall’abitato di Mulargia. In quell’area, denominata forse, in antico, Sessar (toponimo paleosardo), l’autorità romana avrebbe concesso agli Iliensi di poter esercitare i propri diritti (iura), probabilmente in rapporto alla loro attività di pastori e alle frequenti controversie che si sviluppavano con le popolazioni confinanti in merito all’uso e al transito delle greggi attraverso le zone pianeggianti.

Documenti più o meno coevi, la Tavola di Esterzili ad esempio, mostrano l’intensità e la gravità del problema che sollecitava i Romani ad intervenire per via arbitrale. Non si può del tutto escludere che i diritti a cui si allude nell’iscrizione del nuraghe “Aidu Entos”   fossero in parte riconducibili alla parziale concessione agli Iliensi del diritto delle genti (ius gentium), il diritto locale consuetudinario e non codificato che regolava da secoli i rapporti all’interno delle comunità locali.

Il privilegio concesso agli Iliensi, trova spiegazione nella straordinaria fama di cui godeva questa popolazione sarda presso i Romani – Plinio il Vecchio la annoverava insieme a quella dei Balari e dei Corsi tra le più celebri dell’isola (celeberrimi in ea populorum Ilienses, Balari, Corsi)- come pure in ragioni di ordine militare. Gli Iliensi erano stati infatti protagonisti della stagione di rivolte anti-romane che avevano infiammato la Sardegna centrale e nord-orientale nel primo quarantennio del II secolo a.C. Ad un primo moto sviluppatosi nel 181 a.C., in concomitanza ad un’analoga iniziativa di rivolta promossa dai Corsi della Corsica e presto sedato dal pretore M. Pinario Rusca, seguirono quattro anni (dal 178 al 175) di intensi scontri. Gli Iliensi alleatisi con i Balari del Logudoro e dell’Anglona, probabilmente a causa di un regime fiscale assai opprimente si ribellarono. Fu inviato nell’isola un esercito consolare (formato da due legioni) capeggiato dal console Tiberio Sempronio Gracco che nel 177, secondo la testimonianza di Livio, uccise 12.000 Sardi e distrusse le loro installazioni militari (castra) e nell’anno successivo fece 15.000 vittime tra i rivoltosi. Sempronio Gracco, rientrato a Roma, poté celebrare tra il 175 e il 174 a.C. il trionfo ex-Sardinia e autocelebrarsi in un’iscrizione posta nel tempio della Mater Matuta, la dea protettrice dei naviganti, come colui che aveva sterminato 80.000 Sardi ribelli. La cifra da sempre ha suscitato perplessità tra gli studiosi, soprattutto per lo squilibrio in rapporto alle stime relative alla popolazione complessiva dell’isola in epoca romana. Ad ogni modo gli stessi toni trionfali della propaganda romana rivelano le difficoltà di controllo militare di popolazioni culturalmente ancora lontane dai dominatori e reattive rispetto ad un apparato burocratico e amministrativo sentito come estraneo.

L’etnico Iliensi sarebbe riconducibile,secondo gli studiosi, alla saga mitica, narrata da Pausania (X, 17, 7), degli Iliei (da Ilio – Troia), profughi troiani del seguito di Enea in fuga da Troia, a seguito della distruzione della città da parte dei Greci. La nave di un gruppo di fuoriusciti, spinta dai venti sarebbe giunta sulle coste della Sardegna: qui i Troiani – Iliei si unirono ai Greci (Iolaei, discendenti di Iolao, nipote di Eracle, vd. s.v. Iolaei) che già vi abitavano. Troiani e Greci vissero separati dagli indigeni (barbari) e il fiume Tirso rappresentò la naturale separazione tra immigrati e popolazioni locali. Un’invasione di genti libiche spinse successivamente i Troiani - Iliei a rifugiarsi sulle montagne, dove nel corso del tempo i loro costumi divennero simili a quelli dei Libi. Secondo Pausania, ancora ai suoi giorni (II secolo d.C.) questa popolazione manteneva l’etnico di Iliei.


 

Rubrica "Sardinia Antiqua" a cura del Prof. Attilio Mastino  

 

testo tratto da: "La Sardegna. Enciclopedia Brigaglia"

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>