Intervista all’artista oranese Valentina Loche: “il teatro è emozione pura”

Personalità forte, carisma e caparbietà: questi gli ingredienti del successo dell’artista oranese Valentina Loche. Laurea in Scienze dell’Educazione, educatrice professionale, e ancora  docente, segretaria, attrice nella compagnia teatrale I Barbariciridicoli, autrice, presentatrice, intervistatrice, blogger di Millimetroemezzo, socia fondatrice dell’Associazione Culturale “Mi prendo e mi porto”. Si descrive come una scheggia impazzita (quanto basta), empatica, versatile e ottimista. 

Abbiamo deciso di intervistarla, come da sempre noi di FocuSardegna facciamo con quelle che vengono definite le eccellenze del nostro territorio, per conoscerla meglio e per provare a capire cosa si nasconde dietro e dentro l’interpretazione di un personaggio e così conoscere meglio il mestiere dell’attore.

Ciao Valentina, qual è la tua personale definizione di teatro?

Il teatro è emozione pura, è l’arte del comunicare attraverso un gioco, un bellissimo gioco che ti fa cambiare prospettiva, che ti fa guardare oltre. Il teatro ti da la possibilità di staccare la testa dalla vita quotidiana e di portarti lontano, in mondi nuovi e sorprendenti. Attraverso il teatro il messaggio che si vuole dare arriva direttamente al cuore, più di qualsiasi altro mezzo di comunicazione. Accade una sorta di magia, tra l’attore e il pubblico. Entrambi si ritrovano a percorrere insieme un viaggio, talvolta allegro, talvolta triste, e questo viaggiare insieme lascia sempre un segno. 

 

Come ti sei avvicinata alla recitazione? C’è stato qualcosa o qualcuno che ti ha spinto verso questo mondo?

Da piccola ero molto timida e non avrei mai creduto di fare teatro. Avevo 18 anni, mio fratello si iscrisse ad un laboratorio teatrale e mi convinse a farlo anche io insieme ad una mia amica. Non so come ci riuscì, visto il mio essere introversa, ma ci riuscì. Nell’ultima riga del questionario d’iscrizione mi si chiedeva il consenso per un eventuale saggio finale. La mia risposta? “NO”! Ma non avevo la minima idea di cosa fosse un laboratorio teatrale. Durò mesi, tra risate, confronto, giochi, limiti valicati e autostima in salita. Feci il saggio finale, e da allora non sono più scesa dal palco. 

Fai parte della compagnia sarda “I Barbariciridicoli”, cosa rappresenta per te?

Si, dal 1999, da quando quel famoso saggio finale è diventato lo spettacolo “Manichinzuzù”. È stata la mia prima e unica famiglia teatrale, con I Barbariciridicoli ho conosciuto il teatro, la recitazione, il palcoscenico. Sono cresciuta tra spettacoli comici, tra personaggi buffi e meno buffi fino ad arrivare al teatro sociale che affronta temi drammatici quali ad esempio la violenza sulle donne. 

In questi ultimi anni portiamo in scena il monologo “Marcella – o dell’uccisione dell’anima”, in giro per la Sardegna, per alcune regioni d’Italia fino ad arrivare alla Svizzera. Essendo un monologo per me è uno spettacolo molto pesante ma il fatto che attraverso Marcella alcune donne possano prendere consapevolezza di essere vittime di violenza da parte del proprio partner, penso che la fatica sia notevolmente ricompensata e che il gioco non ne valga la candela ma una scatola di candele. Ogni volta è una forte emozione e una soddisfazione indescrivibile. E pensare che in quel famoso laboratorio non riuscivo a dire nemmeno due parole da sola.

Ecco perché penso che il teatro debba essere inserito come materia scolastica fin dalla scuola d’infanzia. Si pensa che chi fa un laboratorio teatrale debba poi per forza salire sul palco, ma non è così. Il teatro permette di conoscersi a fondo, di migliorare la comunicazione con l’altro, di allenare l’empatia, di imparare a gestire le emozioni.

 

Ti ricordi una scena in cui ti sei divertita di più?

Ce ne sono tante davvero ed è impossibile sceglierne una in particolare. Posso dirti che mi diverto tantissimo quando sbaglio qualche battuta e ne invento di nuove, quando durante gli spettacoli di improvvisazione trovo una persona del pubblico che sta al gioco e si fa trascinare dalla mia follia teatrale, quando i bambini che coinvolgiamo in alcuni spettacoli ci stupiscono con effetti speciali, quando in scena succede qualche imprevisto e rido dentro, perché sul palco non puoi lasciarti andare come vorresti. 

Ecco, mi sono appena ricordata di una scena divertentissima. Era la seconda replica del mio primo spettacolo, interpretavo Dio, dietro le nuvole. Ad un certo punto mi alzo e non so perché guardando Adamo inizio a ridere a crepapelle e non riesco a smettere. Sono costretta a risedermi e chiudere le nuvole per riprendermi e finire lo sketch. Riapro le nuvole ma rido ancora. Ho riso per qualche minuto, insieme al pubblico che ovviamente si è accorto che non faceva parte del copione. Ho tagliato le ultime battute perché non riuscivo ad andare avanti e ho recitato la battuta finale tra i denti, dopo un bel respiro. Ricordo indelebile. 

 

Dicci tre aggettivi per descrivere il tuo percorso artistico.

Timido, folle, spontaneo, divertente, faticoso, ricco, colorato, emozionante, coraggioso, sorprendente.

Ma questi sono più di tre!

Convintissima me ne avessi chiesto dieci! E ora che faccio? Li lasciamo? 

 

Hai dei riferimenti tra gli artisti del panorama sardo?

Non seguo degli artisti in particolare, amo nutrirmi di tutto ciò che mi danno gli attori che conosco tra un’esperienza e l’altra. Li osservo, li ascolto e traggo gli aspetti positivi da ciascuno di loro. Grazie ai Barbariciridicoli ho avuto la possibilità di intervistare, nelle vesti di Ippi Ippi, diversi artisti sia del panorama artistico regionale che di quello nazionale. Ne ho conosciuto tanti, tutti diversi tra loro e attraverso le mie domande ho visto cosa c’è dietro la loro maschera di attori. Talvolta si pensa che un attore reciti anche nella vita quotidiana, ma non è così, a volte recita di più chi non sale mai sul palcoscenico. 

 

Qual è lo spettacolo più bello a cui hai assistito?

Ora mi rendo conto cosa vuol dire rispondere a delle domande talvolta difficili (come quelle che a volte faccio sul palco!). Di spettacoli ne ho visti tanti, belli e meno belli, simpatici e meno simpatici, forti o leggeri. Ma forse quello che mi è rimasto più impresso è uno tra i primi a cui ho partecipato come spettatrice “La comicissima tragedia di Romeo e Giulietta” degli Actores Alidos. Lì ho capito che il teatro poteva portarti ovunque con risate e immagini lontane, lì ho capito che il teatro poteva darmi tanto. È strano vivere uno spettacolo da spettatrice, a volte vorrei vedermi mentre recito, staccarmi dal mio corpo e sedermi con il resto del pubblico per vedere l’effetto che fa. Lo so, non posso farlo, provo a immaginarlo ma non so mai come va a finire perché devo subito tornare sul palco e riprendere in mano le redini dello spettacolo. Peccato. Avrei un auto feedback. 

...e lo spettacolo più bello nel quale sei stata protagonista?

Ecco, aspettavo questa domanda, anche perché è una domanda che io faccio spesso. Io adoro “La Sag(r)a degli Arborea”, è uno spettacolo di parecchi anni fa, scritto da Silvana Deidda, che ora purtroppo abbiamo dismesso. Ci siamo divertiti come matti, e il pubblico con noi. È la parodia della storia di Eleonora d’Arborea, uno spettacolo comico tra battute esilaranti, personaggi buffi e balletti divertenti. Io interpretavo la grande Eleonora che per me è sempre stata un mito, e anche se si trattava di una parodia per me è stato un onore indossare le sue vesti. 

 

A quali progetti stai lavorando in questo momento?

L’anno scorso, in occasione della manifestazione “Invasione poetica” che si è svolta a Gavoi, ho messo in scena un reading su Alda Merini “Alda… Fior di poesia” con l’accompagnamento musicale del mio amico Antonello Masini. L’esperienza è stata bellissima, quindi abbiamo deciso di proporre il reading in diverse manifestazioni apportando qualche modifica ed inserendo una piccola parte che parla di educazione genitoriale (e qui c’è la mia deformazione professionale di educatrice guerriera).

La nostra prossima data sarà il 22 aprile a Girasole in occasione della manifestazione “Primavera a Girasole”. Lavorando a questo progetto mi sono resa conto che è giunta l’ora di seguire le mie passioni (teatro, pedagogia e scrittura) e di mettere i primi mattoni per realizzare il mio sogno. E così che nasce un nuovo progetto che parte dal mio blog "Millimetroemezzo" CLICCA QUI e che arriverà sul palcoscenico in modo del tutto inusuale.

 

Grazie Valentina, buona fortuna! 

 

 

 

 

Irene Bosu
Author: Irene Bosu

Nata e cresciuta nell'Atene Sarda, libera professionista nel settore della comunicazione. Dopo essermi laureata e specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo ho frequentato un Master in Management dello sviluppo turistico territoriale. Credo fortemente nella cultura digitale e nei social media, passione che negli ultimi anni è diventata professione. Gestisco la comunicazione social del Festival letterario Internazionale "L'Isola delle Storie" di Gavoi e ho partecipato a numerose esperienze con Social Team nazionali. Attualmente lavoro al Centro Studi della Confindustria Sardegna Centrale.

Su Twitter: @Eneriry


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>