Scambiarsi la fede sarda o coltello e maninfide

Si racconta che furono le leggendarie Janas a dare origine ai gioielli dell'isola.

Il Mercure, un brigantino della Repubblica Francese di Napoleone costruito nel 1805, fu ceduto al Regno Italico nel 1809. La notte del 21 febbraio 1812, questa imbarcazione, di scorta, insieme alle gemelle Jena e Mameluck, al vascello Rivoli, ebbe la sventura di incappare, fuori dal porto di Venezia, nella squadra navale inglese Royal Navy. Le due flotte diedero inizio a uno scontro (ricordato come battaglia di Grado), durante il quale il Mercure, sotto i colpi del brigantino inglese Weasel, esplose in mare. Si spezzò in due tronconi: quello di poppa affondò immediatamente, quello di prora si inabissò a circa cento metri di distanza.

Il relitto, scoperto nel febbraio 2001, è l’unico di una nave del Regno Italico, la più antica nave battente tricolore.

Vi starete chiedendo: “Cosa c’entra tutto questo con la Sardegna?”.  Apparentemente nulla.

Al momento del naufragio, a bordo del brigantino erano presenti 92 uomini. Per essere esatti, 5 ufficiali, 67 marinai e 20 militari. Tra gli oggetti appartenuti a questi uomini, il mare ha custodito per quasi due secoli una fede d’oro, un nastro di granulazione piuttosto elaborata: la tipica fede sarda da donna.

Dal momento che a bordo della nave sembra escluso ci fossero donne, quella fede era forse il pegno d’amore di un membro dell’equipaggio per la sua amata, che ne aspettava il ritorno. O era magari un semplice ricordo…Chissà quale maestosa storia d’amore si nasconde dietro quell’anello! A ognuno di voi il piacere di dare sfogo alla propria fantasia.

La fede sarda, piatta e decorata con gocce d’oro o d’argento, a mo’ di pizzo chiacchierino, è uno dei più bei prodotti dell’artigianato sardo. Apprezzata e conosciuta in tutto il mondo, anticamente era un vero e proprio anello di nozze. Oggi, slegata dal suo antico valore simbolico, esiste anche nella versione maschile (più semplice e priva della parte piatta) e viene acquistata quotidianamente da turisti e turiste. Ma nulla vi vieterà di recuperare la sua antica funzione se, in un impeto vagamente retrò, vorrete dichiarare amore eterno a qualcuno.

O se preferite potete scegliere il maninfide, altro anello sardo simbolicamente affine alla fede. Un  tempo suggellava il patto d’amore tra un uomo e una donna che decidevano di sposarsi.

Come dice la parola, “mani in fede”. L’oggetto rappresenta infatti due mani unite.

Quando una fanciulla accettava in dono questo anello diveniva donna e in cambio di esso donava all’uomo un coltello con il manico di corno. Così veniva stretto il patto eterno del fidanzamento.

Questi sono due splendidi gioielli, tra i gioielli sardi.

Si racconta che furono le leggendarie Janas (fate sarde), tessendo sottili fili d’oro e d’argento, e intrecciandoli con gemme preziose, a dare origine ai gioielli dell’isola: sas prendas.

 

Da “101 cose da fare in Sardegna almeno una volta nella vita” di Gianmichele Lisai

 

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Donne al vertice: Caterina Murino, un anno da incorniciare
    L'ex Bond girl ce l'ha fatta. Caterina Murino, attrice cagliaritana trapiantata in Francia, a quarant'anni può dirsi realizzata. Bellezza sarda, porta con sé dall'isola forza d'animo, tenacia e tempra che "vengono da questa terra fondata sul matriarcato", dice. Il suo 2017 è da incorniciare. Dopo la gavetta e l'exploit del 2006 in "Casino Royale", dopo cinema, televisione, web e teatro, Caterina Murino è esplosa e ora fa la spola tra Europa, Usa e India.
    scopri di più >>
  • Intervista all’artista oranese Valentina Loche: “il teatro è emozione pura”
    Personalità forte, carisma e caparbietà: questi gli ingredienti del successo dell’artista oranese Valentina Loche. Laurea in Scienze dell’Educazione, educatrice professionale, e ancora  docente, segretaria, attrice nella compagnia teatrale I Barbariciridicoli, autrice, presentatrice, intervistatrice, blogger di Millimetroemezzo, socia fondatrice dell’Associazione Culturale “Mi prendo e mi porto”. Si descrive come una scheggia impazzita (quanto basta), empatica, versatile e ottimista. 
    scopri di più >>
  • Tempo di libri: Milano si conferma città delle relazioni anche per l'editoria sarda
    Dopo un tiepido avvio forse un po’ frenato dalla vicinanza con il ponte pasquale entra nel vivo l’anno zero della Fiera del libro di Milano, dando prova della sua spiccata dimensione internazionale. Un contesto in grado di veicolare relazioni importanti con buyer stranieri e con associazioni omologhe, utili a confrontarsi sulle problematiche di settore.
    scopri di più >>
  • Storie di adolescenti e i cambiamenti del quartiere
    L’adolescenza e i cambiamenti del quartiere cagliaritano i temi centrali del convegno “Crescere a Is Mirrionis”, svolto ieri in via Malfidano, nella sede dell’associazione “Edmondo De Amicis”. Un incontro che è stato anche l’occasione per presentare il libro “Occhi di sale”, un romanzo scritto da Massimo Granchi e edito da Palabanda Edizioni.
    scopri di più >>
  • Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale
    «Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi. Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».
    scopri di più >>
  • Primavera nel cuore della Sardegna
    Mare e montagna, cultura ed enogastronomia: sono questi gli ingredienti principali dell'undicesima edizione di "Primavera nel cuore della Sardegna", la rassegna promossa dalla Camera di commercio di Nuoro con il patrocinio della Regione Sardegna che apre le porte ai visitatori in 23 paesi nel cuore dell'Isola. 
    scopri di più >>