Commuoversi davanti a un ormai raro giuramento tra innamorati

Se nella notte di San Giovanni Battista avrete una promessa d'amore da destinare a qualcuno, andate a raccogliere la menta selvatica nelle campagne di Carloforte.

Circa venti giorni dopo la sagra del Girotonno, per l’esattezza durante la notte di San Giovanni Battista, che cade tra il 23 e il 24 giugno, a Carloforte si festeggiano due ricorrenze dal sapore antico: la promessa degli innamorati o giuramento di fedeltà, e l’elezione del compare e della comare, un patto indissolubile e sacro che pone il legame tra i contraenti un gradino sopra l’amicizia. Un tempo la promessa degli innamorati consisteva in un vero e proprio cerimoniale nel quale l’uomo donava alla donna alcuni chicchi di grano, simbolo di abbondanza, mentre questa stringeva il rosario, simbolo di fede.

Durante la notte, poi, si andava a cogliere nelle campagne la menta selvatica, chiamata erba di San Giovannie simbolo della promessa.

Oggi le due usanze non hanno più il peso sociale e il rigore di una volta, ma vengono comunque celebrate. Così come le danze e le canzoni tradizionali che sono state conservate, con il loro valore simbolico, dalla comunità locale.

L’antico ballo tipico della zona, una delicata coreografia che rappresenta il corteggiamento, continua a essere tramandato di generazione in generazione, come le canzoni tradizionali e le poesie, in dialetto, molte delle quali sono dedicate proprio alla notte di San Giovanni Battista.

 

Nötte de san Gianbattishta

(di Giuseppe Damele Garbarino)

Shtanötte

in questa nötte antiga

de föghi

a rüzò a bràighe

nell’odù dell’erba

i zöghi

dell’amù.

A shtè a s’avvie…

E duman u su

za u ciàighe

pê vie du se

versu a porta dell’invernu.

Eternu gìu

dansa

reshpiù e sushpiù

d’amante ad amante

eccitante magìa

se rinnöve

shtanötte infinìa

ch’a shcrove

a me nötte

a to nötte

suli

in ta fragransa

dell’erba

shtanötte superba.

Non trovate qualcosa di strano nel dialetto di questa composizione? Non è necessario essere dei linguisti per rendersi conto della sua lontananza dal sardo. A Carloforte si parla infatti il tabarkino, una sorta di genovese arcaico.

Per scoprire le radici di questa particolarità bisogna tornare al Cinquecento, quando alcuni pescatori liguri colonizzarono Tabarca, una zona dell’attuale Tunisia. Circa due secoli dopo una parte di questa popolazione, accresciutasi nel frattempo, fu costretta a trasferirsi e a dividersi tra l’isola di San Pietro e la località di Calasetta, sulla costa della vicina Sant’Antioco.

Nacquero così due nuove comunità le cui attuali discendenti conservano ancora buona parte delle tradizioni e, quasi interamente, la lingua d’origine.

Il tabarkino odierno, in entrambe le località, è graficamente normalizzato e insegnato nelle scuole. Parlato da circa l’ottantacinque percento della popolazione di Carloforte, e da quasi il settanta percento dagli abitanti di Calasetta, è particolarmente diffuso  anche tra giovani e bambini.

Ciononostante, non è ancora stato riconosciuto dallo Stato italiano come lingua. Tra gli specialisti è in corso un vivace dibattito. Ci sono quelli allineati con le decisioni nazionali e quelli che ritengono i parlanti del tabarkino degni di essere considerati minoranza linguistica. Aldilà delle baruffe istituzionali, fa un certo effetto sentire in Sardegna gente che parla il genovese.

Ma poiché molti di voi con ogni probabilità ignorano il ligure-tabarkino, ecco a seguire la traduzione della poesia sopra riportata:

Notte di San Giovanni Battista

Stanotte

in questa notte antica

di fuochi

la rugiada briga

nell’odore dell’erba

i giochi

dell’amore.

L’estate si avvia…

E domani il sole

piegherà

per le vie del cielo

verso la porta dell’inverno

Eterno gioco

danza

respiro e sospiro

d’amante ad amante

eccitante magia

si rinnova

questa notte infinita

che scopre

la mia notte

la tua notte

soli

nella fragranza

dell’erba

questa notte superba.

Dunque, se in questa notte avrete una promessa d’amore da destinare a qualcuno, fate in modo di andare a raccogliere la menta selvatica nelle campagne di Carloforte.

 

Da “101 cose da fare in Sardegna almeno una volta nella vita” di Gianmichele Lisai

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza
    Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 
    scopri di più >>
  • Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
    Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 
    scopri di più >>
  • LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO
    La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.
    scopri di più >>
  • In Sardegna B&B nei bunker militari
    Sfruttare lo straordinario patrimonio della seconda guerra mondiale in Sardegna, disseminata di piccoli e grandi bunker, per aprire una nuova frontiera del turismo sostenibile, naturalistico ed escursionistico. Accanto alla valorizzazione in chiave turistica dei fari costieri voluta dalla Regione, arriva ora la proposta di legge dei Riformatori per riqualificare queste ex postazioni militari e rispondere così alle nuove esigenze ricettive di un'utenza sempre più attenta a vacanze alternative.
    scopri di più >>
  • Un pezzo NY a Cagliari con Ape musicale
    Un pezzo di New York nel cuore di Cagliari, nel vecchio Teatro civico di Castello distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale e da qualche anno rimesso a nuovo: domani l'esordio nazionale de L'Ape musicale di Lorenzo Da Ponte, per la prima volta nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei su commissione del Teatro Lirico di Cagliari. L'opera è ambientata a Manhattan, ma ricorda molto anche la Sardegna tra sfondi di cielo azzurro, palme e casotti: sembra proprio di stare al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani. 
    scopri di più >>
  • Amarcord Sardinia: un racconto corale della Sardegna Anni Settanta
    Ci sono quelle storie che si raccontano sulla carta, intrise di parole e descrizioni e quelle che vivono nelle sfumature di una foto, frutto di uno scatto curioso e indagatore. E sono queste ultime quelle che, con rara raffinatezza è riuscito a raccontare il fotografo milanese Ferdinando Longhi, artista dell’immagine quotato a livello internazionale che dal 2 al 5 settembre (H. 10-13, 17-21) con i suoi scatti in esposizione nella suggestiva Casa delle Dame, a pochi passi dal castello della Fava di Posada. Inaugurata il 2 settembre da Antonello Domenico Cabras, uno dei più promettenti ricercatori italiani nel campo della ricerca medica,  “Amarcord Sardinia”, realizzata col patrocinio del comune di Posada e con la collaborazione della Pro Loco, è una finestra aperta sugli anni Settanta nella Baronia che non ti aspetti.
    scopri di più >>