Commuoversi davanti a un ormai raro giuramento tra innamorati

Se nella notte di San Giovanni Battista avrete una promessa d'amore da destinare a qualcuno, andate a raccogliere la menta selvatica nelle campagne di Carloforte.

Circa venti giorni dopo la sagra del Girotonno, per l’esattezza durante la notte di San Giovanni Battista, che cade tra il 23 e il 24 giugno, a Carloforte si festeggiano due ricorrenze dal sapore antico: la promessa degli innamorati o giuramento di fedeltà, e l’elezione del compare e della comare, un patto indissolubile e sacro che pone il legame tra i contraenti un gradino sopra l’amicizia. Un tempo la promessa degli innamorati consisteva in un vero e proprio cerimoniale nel quale l’uomo donava alla donna alcuni chicchi di grano, simbolo di abbondanza, mentre questa stringeva il rosario, simbolo di fede.

Durante la notte, poi, si andava a cogliere nelle campagne la menta selvatica, chiamata erba di San Giovannie simbolo della promessa.

Oggi le due usanze non hanno più il peso sociale e il rigore di una volta, ma vengono comunque celebrate. Così come le danze e le canzoni tradizionali che sono state conservate, con il loro valore simbolico, dalla comunità locale.

L’antico ballo tipico della zona, una delicata coreografia che rappresenta il corteggiamento, continua a essere tramandato di generazione in generazione, come le canzoni tradizionali e le poesie, in dialetto, molte delle quali sono dedicate proprio alla notte di San Giovanni Battista.

 

Nötte de san Gianbattishta

(di Giuseppe Damele Garbarino)

Shtanötte

in questa nötte antiga

de föghi

a rüzò a bràighe

nell’odù dell’erba

i zöghi

dell’amù.

A shtè a s’avvie…

E duman u su

za u ciàighe

pê vie du se

versu a porta dell’invernu.

Eternu gìu

dansa

reshpiù e sushpiù

d’amante ad amante

eccitante magìa

se rinnöve

shtanötte infinìa

ch’a shcrove

a me nötte

a to nötte

suli

in ta fragransa

dell’erba

shtanötte superba.

Non trovate qualcosa di strano nel dialetto di questa composizione? Non è necessario essere dei linguisti per rendersi conto della sua lontananza dal sardo. A Carloforte si parla infatti il tabarkino, una sorta di genovese arcaico.

Per scoprire le radici di questa particolarità bisogna tornare al Cinquecento, quando alcuni pescatori liguri colonizzarono Tabarca, una zona dell’attuale Tunisia. Circa due secoli dopo una parte di questa popolazione, accresciutasi nel frattempo, fu costretta a trasferirsi e a dividersi tra l’isola di San Pietro e la località di Calasetta, sulla costa della vicina Sant’Antioco.

Nacquero così due nuove comunità le cui attuali discendenti conservano ancora buona parte delle tradizioni e, quasi interamente, la lingua d’origine.

Il tabarkino odierno, in entrambe le località, è graficamente normalizzato e insegnato nelle scuole. Parlato da circa l’ottantacinque percento della popolazione di Carloforte, e da quasi il settanta percento dagli abitanti di Calasetta, è particolarmente diffuso  anche tra giovani e bambini.

Ciononostante, non è ancora stato riconosciuto dallo Stato italiano come lingua. Tra gli specialisti è in corso un vivace dibattito. Ci sono quelli allineati con le decisioni nazionali e quelli che ritengono i parlanti del tabarkino degni di essere considerati minoranza linguistica. Aldilà delle baruffe istituzionali, fa un certo effetto sentire in Sardegna gente che parla il genovese.

Ma poiché molti di voi con ogni probabilità ignorano il ligure-tabarkino, ecco a seguire la traduzione della poesia sopra riportata:

Notte di San Giovanni Battista

Stanotte

in questa notte antica

di fuochi

la rugiada briga

nell’odore dell’erba

i giochi

dell’amore.

L’estate si avvia…

E domani il sole

piegherà

per le vie del cielo

verso la porta dell’inverno

Eterno gioco

danza

respiro e sospiro

d’amante ad amante

eccitante magia

si rinnova

questa notte infinita

che scopre

la mia notte

la tua notte

soli

nella fragranza

dell’erba

questa notte superba.

Dunque, se in questa notte avrete una promessa d’amore da destinare a qualcuno, fate in modo di andare a raccogliere la menta selvatica nelle campagne di Carloforte.

 

Da “101 cose da fare in Sardegna almeno una volta nella vita” di Gianmichele Lisai

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Donne al vertice: Caterina Murino, un anno da incorniciare
    L'ex Bond girl ce l'ha fatta. Caterina Murino, attrice cagliaritana trapiantata in Francia, a quarant'anni può dirsi realizzata. Bellezza sarda, porta con sé dall'isola forza d'animo, tenacia e tempra che "vengono da questa terra fondata sul matriarcato", dice. Il suo 2017 è da incorniciare. Dopo la gavetta e l'exploit del 2006 in "Casino Royale", dopo cinema, televisione, web e teatro, Caterina Murino è esplosa e ora fa la spola tra Europa, Usa e India.
    scopri di più >>
  • Intervista all’artista oranese Valentina Loche: “il teatro è emozione pura”
    Personalità forte, carisma e caparbietà: questi gli ingredienti del successo dell’artista oranese Valentina Loche. Laurea in Scienze dell’Educazione, educatrice professionale, e ancora  docente, segretaria, attrice nella compagnia teatrale I Barbariciridicoli, autrice, presentatrice, intervistatrice, blogger di Millimetroemezzo, socia fondatrice dell’Associazione Culturale “Mi prendo e mi porto”. Si descrive come una scheggia impazzita (quanto basta), empatica, versatile e ottimista. 
    scopri di più >>
  • Tempo di libri: Milano si conferma città delle relazioni anche per l'editoria sarda
    Dopo un tiepido avvio forse un po’ frenato dalla vicinanza con il ponte pasquale entra nel vivo l’anno zero della Fiera del libro di Milano, dando prova della sua spiccata dimensione internazionale. Un contesto in grado di veicolare relazioni importanti con buyer stranieri e con associazioni omologhe, utili a confrontarsi sulle problematiche di settore.
    scopri di più >>
  • Storie di adolescenti e i cambiamenti del quartiere
    L’adolescenza e i cambiamenti del quartiere cagliaritano i temi centrali del convegno “Crescere a Is Mirrionis”, svolto ieri in via Malfidano, nella sede dell’associazione “Edmondo De Amicis”. Un incontro che è stato anche l’occasione per presentare il libro “Occhi di sale”, un romanzo scritto da Massimo Granchi e edito da Palabanda Edizioni.
    scopri di più >>
  • Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale
    «Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi. Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».
    scopri di più >>
  • Primavera nel cuore della Sardegna
    Mare e montagna, cultura ed enogastronomia: sono questi gli ingredienti principali dell'undicesima edizione di "Primavera nel cuore della Sardegna", la rassegna promossa dalla Camera di commercio di Nuoro con il patrocinio della Regione Sardegna che apre le porte ai visitatori in 23 paesi nel cuore dell'Isola. 
    scopri di più >>