L’ASPRA BELLEZZA DA CUI NASCONO MITI E LEGGENDE

Scelto dagli angeli come paradiso in terra, conteso dal diavolo pronto a scatenare la sua ira, il Golfo degli Angeli ha ispirato con la sua bellezza leggende e miti. Come un’altra sorprendente area in provincia di Cagliari: i monti dei Sette Fratelli

l promontorio della Sella del Diavolo e i monti dei Sette Fratelli, severi guardiani di calcare e granito, si stagliano come sentinelle che vegliano sulla provincia di Cagliari. Non sono solo luoghi simbolo di una felice unione tra mare e montagna, ma anche custodi di terribili leggende e racconti fantastici che ne accrescono fascino e mistero. A partire dai nomi: Golfo degli Angeli e Sella del Diavolo, rappresentano, infatti, un’antinomia singolare se si pensa che il primo include la seconda, come in un abbraccio indissolubile, caratterizzando fortemente il panorama costiero del Cagliaritano.

Diversi miti stanno dietro a queste denominazioni. Si racconta che in tempi assai remoti gli Angeli chiesero a Dio un dono ed egli promise loro una terra dove avrebbero vissuto felici per il resto dei giorni.  A una condizione però: che quella fetta di Paradiso avrebbero dovuto cercarla da soli. Un’esplorazione non facile, anche perché nel loro peregrinare le creature celesti trovavano nient’altro che odio e malvagità. Erano sul punto di arrendersi quando il loro sguardo cadde su una bella e verde isola circondata dal mare, oasi di un popolo mite che viveva tra pastorizia e agricoltura. Dio mantenne la sua promessa, permettendo loro di trasferirsi in quell’eden.

Ma la reazione di Lucifero non si fece attendere: invidioso del dono divino, iniziò a creare scompiglio tra gli Angeli, istigandoli alla lite e tentando di scacciarli da quella amena terra. Fu una lunghissima lotta nelle acque del golfo, tra onde altissime e furibonde tempeste, finché il diavolo finalmente venne disarcionato dal suo destriero. Fuori di sé, il demonio agguantò la sella e la scaraventò su un promontorio lasciandone indelebile la traccia: da quel giorno, quella punta è nota come Sella del Diavolo. Quest’oasi ancora selvaggia alle porte di Cagliari da qualche tempo è periodicamente accessibile e consente di giungere ad insenature dal mare turchese, come cala Fighera (ritrovo dei naturisti), o di fare escursioni fino alla sommità, punto di arrivo che cela ancora i resti di antiche torri e cisterne romane.

Da qui è possibile godere di un panorama a 360 gradi, che spazia dalla lunga striscia di sabbia del Poetto allo stagno di Molentargius, habitat stanziale dal 1993 dei fenicotteri rosa, dalla costa di Pula (a ovest) a quella di Villasimius (a est). Gli altri “guardiani”, immobili ed eterni, che hanno ispirato numerose leggende, sono i Monti dei Sette Fratelli. Perché sette e perché fratelli? Due miti si inseguono e si perdono nella notte dei tempi: il primo vuole che la mano che creò questa montagna si ispirasse alle sette stelle della costellazione dell’Orsa perché sulla Terra ci fosse un punto di riferimento, strada sicura per i viandanti. Secondo un’altra fantasia popolare, quella più nota, quegli enormi spuntoni di roccia che si ergono sulle alture fino a mille metri altro non sarebbero che sette fratelli malvagi, protagonisti di una lunga serie di delitti efferati e per questo tramutati in pietra dalla collera di Dio. Chi si avventura su queste cime (sono a una trentina di chilometri da Cagliari) vi accede dalla vecchia Orientale sarda e può utilizzare un’estesa rete di percorsi, tra cui il Sentiero Italia.

Lo scultore Pinuccio Sciola ha definito i Sette Fratelli un “popolo di giganti scolpiti dal vento”, ma anche uno “zoo di pietra”: negli enormi massi di granito non è difficile riconoscere sembianze animalesche o fantastiche. Uno in particolare, sa perda de sa pippìa (la pietra della bambina), racchiude una leggenda tragica: questo macigno, staccatosi dal monte, schiacciò a morte una bimba e ancora oggi, nelle giornate ventose, si dice che il lamento della fanciulla riecheggi lugubre. Quel che è certo è che i più fortunati possono ascoltare i bramiti dei cervi, i veri signori del comprensorio forestale.

DI DANIELE CASALE

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • “Cultura e impresa. Come dare una scossa all'economia”
    Sostenere le imprese culturali per creare nuove occasioni di sviluppo e occupazione e dare vivacità a un tessuto economico ancora in difficoltà. Questo l’obiettivo dell’evento “Cultura e impresa. Come dare una scossa all’economia” promosso da Confindustria Sardegna Centrale e in programma venerdì 20 ottobre in biblioteca Satta a Nuoro. Giunta alla seconda edizione dopo il successo del 2014, l’iniziativa sarà un importante momento di confronto sulle potenzialità – spesso poco valorizzate – della filiera culturale nuorese.
    scopri di più >>
  • Incontri ravvicinati con la fotografia di Archivio Marras
    La prima volta che ho sentito parlare di Archivio Marras non sapevo nemmeno di chi si trattasse. Osservando alcune immagini trovavo una realtà, quella dei boschi del Gennargentu, nel modo in cui l'ho sempre vista attraverso i filtri dei miei occhi, come se loro stessi le avessero concretamente sviluppate in quella maniera.
    scopri di più >>
  • LA PETIZIONE SU CHANGE PER IL DOMINIO DEL “MADE IN SARDINIA” PUNTU-SRD.
    Sono ormai più di 10 anni che si parla di dominio .srd (punto srd) ma ancora molti sardi non ne sanno nulla e molti altri invece percepiscono l’argomento come qualcosa che non li riguarda, probabilmente anche perché non è stata fatta informazione sul tema, quindi forse è arrivato il momento di aiutare tutti a capire.
    scopri di più >>
  • Trichinella: volpe infetta a Orgosolo
    Il parassita che causa la trichinellosi è sempre presente nelle campagne di Orgosolo e minaccia la salute pubblica. Lo attestano gli esami parassitologici effettuati su una volpe investita venerdì scorso, in località Locoe, e sottoposta ai controlli nei laboratori dell'Istituto zooprofilattico (Izs) di Nuoro. Esito positivo, il secondo in quattro mesi (l'ultimo risale all'11 luglio) sempre su volpi provenienti dalla stessa località ai confini fra Oliena e Nuoro.
    scopri di più >>
  • Il Sardinia Radio Telescope tra i protagonisti delle nuove osservazioni sulle onde gravitazionali
    C’è anche il Sardinia Radio Telescope (SRT) di San Basilio tra i protagonisti della notizia scientifica di portata epocale annunciata oggi, 16 ottobre 2017 alle ore 16.00: la contemporanea osservazione di onde gravitazionali e di onde elettromagnetiche emesse da uno stesso evento cosmico. LIGO e VIRGO, i due potenti interferometri (uno dei quali, Virgo, è installato a Cascina, vicino a Pisa) hanno catturato le onde gravitazionali; oltre 70 dei migliori telescopi sparsi per il globo hanno poi rivelato le onde elettromagnetiche. Anche SRT, il grande radio telescopio dell’INAF ubicato a San Basilio, ha partecipato alle osservazioni e avrà un ruolo sempre più importante in questo innovativo ambito della ricerca astronomica.
    scopri di più >>
  • LE COPERTINE DE “IL GIORNO DEL GIUDIZIO” NELL’ULTIMO LIBRO DI MANOLA BACCHIS
    Quando il potenziale lettore entra in una libreria sente subito il profumo della carta stampata. Ma se decide di prendere un libro in mano, quando non ha idea di che cosa scegliere, allora c’è qualcosa che lo colpisce. Capita a ognuno di noi: il titolo o la copertina. Quale si percepisce prima? Quale dopo? Oppure vengono visualizzati entrambi insieme? E poi, cosa c’è dietro la scelta di una casa editrice? Non è questione di poco conto.
    scopri di più >>