Vi racconto di Orune, dove la vendetta è un piatto che va servito freddo... come la pasta al forno

di Matteo Setzu

Dopo due anni di inviti, finalmente son riuscito ad andare anche ad Orune per fotografare una festa paesana. Gia' domenica scorsa a Nuoro, al Redentore, diverse persone di Orune mi avevano invitato alla festa de Su Carminu, quasi dispiaciute mi dicevano "da noi non sei mai venuto". Ero reduce da alcuni giorni pienissimi e stancanti ma alla fine son riuscito ad arrivare. A Orune, e di Orune, e' inutile negarlo, non se ne parla proprio benissimo. E chi se ne frega, io ci vado lo stesso, vediamo com'e' questo paesotto appeso a 750 metri s.l.m. dove il mare lo vedi e dove vedi le punte del Corrasi dietro l'Ortobene.

Arrivo e parcheggio e l'ostilita' in effetti la noto gia', trovo Antonella sull'uscio di casa che mi minaccia di farle una foto decente!Vado verso la chiesa, devo attraversare tutto il corso, trovo alcune persone che con un minacciosissimo sorriso stampato in faccia mi salutano calorosamente. Per strada c'e' anche un ragazzotto armato di macchina fotografica, proprio come me, ha mezzo sangue orunese e la residenza in Toscana. Anche lui mi segue su facebook e mi da due dritte per la processione. Proprio un tipo pericoloso, non mi fido di lui!!!

Arrivo in chiesa e ci scappa qualche scatto, arriva anche Caterina che mi saluta anche lei con quel sorrisone che fa proprio paura!!! Inizia la processione, affacciate alle finestre trovi tante donne anziane che con sguardo serio e fiero ti osservano e ti mettono in soggezione, d'altronde in mano ho una macchina fotografica, proprio come il ragazzotto di prima, anche io sono armato come lui. Da queste parti le macchine fotografiche potrebbero essere considerate pericolose, alla fine potrebbero essere capaci di rubare l'anima attraverso uno scatto. Care Signore, state tranquille, non mi permetterei mai di fotografarvi. Io qua non son mai stato, mica devo iniziare col piede sbagliato.

La processione intanto scorre veloce tra le vie del paese, passano cinquanta, sessanta, settanta o forse piu' cavalli e alla fine vedo anche Giuliana, beh, lei e' la piu' pericolosa di Orune, due anni che mi invita e io che ancora non sono andato da Lei, da Loro. Passa la banda musicale, in quel momento e' in silenzio e delle Donne anziane quasi si infastidiscono, con quell'aria fiera e severa chiedono che suonino. La banda suona e loro sorridono. Nelle vie di Orune la banda porta la musica in un giorno di festa, quella festa dedicata alla Beata Vergine del Carmelo, e allora che festa sia, per stare in silenzio potevano rimanere a casa!!!

Poi passano i ragazzi dei gruppi folk di Gadoni, di Meana Sardo, di Chiaramonti e infine loro...gli abiti tradizionali di Orune. Ma quanti sono!? Forse cento, centocinquanta, e' uno spettacolo! Tra loro sorrisi vestiti a festa e qualche sorriso anche per me, mi hanno riconosciuto!!

E tra tutto questo cosa succede? Delle Donne escono con cesta piene di petali e lanciano questi pericolosissimi proiettili verso le persone in abito tradizionale facendo in modo che l'aria si colori di fiori e a tutti dicono "auguri, a chent'annos!" Ma e' bellissimo!!! Sinceramente mi sono emozionato.

Continuo a vivere la mia giornata, perdo i cavalli e mi ritrovo perso in mezzo alla strada. Qua, come in diversi paesi della Sardegna, sappiamo che il muro dell'omerta' non e' mai stato abbattuto. A qualche metro da me sento "e' Matteo Setzu. Si, e' proprio Matteo Setzu". Mi avvicino a quei ragazzi e stringo loro la mano, gli faccio alcune domande a bruciapelo, manco fossi un magistrato. Son riuscito a farli parlare, mi hanno detto tutto quello che volevo sapere e mi hanno dao i suggerimenti su come ritrovare la processione. Mi ero perso al centro di quella strada. Nel mentre, con aria gentilmente minacciosa mi dicono "ti invitiamo qualcosa?" Rifiuto e con un sorriso ci salutiamo.

La processione va avanti cosi, qualche saluto, l'arrivo in chiesa, la birretta con i ragazzi di Gadoni e Meana e poi, poi quella vendetta che e' un piatto che va servito freddo. E si, perche' ad aspettarmi ci sono Giuliana e famiglia. E io che pensavo di andare al camerone dove tutto il paese si ritrova a pranzo. E allora faccio quello che non dovevo fare, mi presento a casa loro a mani vuote, mi son trovato impreparato. Dopo degli ottimi antipasti ecco che arriva la Vendetta! Tre abbondantissime porzioni di pasta al forno servite col cuore. E io cosa faccio!? Me le mangio, in silenzio, senza dire nulla, sono ospite!!! Certo, voi ora starete pensando cosa ci sia di strano e vendicativo in tutto cio'!?

Beh, io non mangio pasta al forno!!  Ma quella pasta al forno era fatta col cuore e mi volevano far sentire come a casa, e come a casa mi son sentito. Poi quando l'ho raccontato a mia madre, e' rimasta due ore ridendo. Ma non finisce qui, perche' dopo un dopo pranzo tranquillo me ne vado, torno in paese, un po' pentito per non esser rimasto sino alla fine della festa, ma contento per aver conosciuto una nuova festa. Dispiaciuto per non aver salutato Caterina, e altre persone di Orune che mi avevano invitato alla loro festa. Tornero', sicuramente per Cortes dove Caterina presentera' il suo libro, quel libro che avra' come copertina una mia foto.

E poi col permesso di voi Orunesi tornero' per altre feste, perche' ho una vendetta da consumare anche io, ovvero quella di cercare di fotografare la vostra storia e le vostre tradizioni anche in futuro. Perche' Orune ha il suo volto sorridente, come tutti i paesi della Sardegna. Gratzias de coru a totus osatrus po cumenti m'eis arriciu.
Atrus annus mellus.
Anzi "Auguri! A Chentos!!!"

Matteo Setzu
Author: Matteo Setzu

FaceBook  Twitter

Commenti  

# Chicco Zagone 2014-09-01 11:38
Bella descrizione delle Tue impressioni e del'Tuo stato d'animo....Ha omesso un detto però.... e se posso lo vorrei rimembrare in quanto credo che sia consono alla Tua testimonianza ...Noi diciamo..." Mantene s'Odiu ki s'okkassione non mankatta..( Mantieni l'odio che l'occasione per la"vendetta"non mancherà non presentarsi)... Non ti conosco ma Grazie e a kent'annos kin salude de su Karminu a Tivi puru!!!!
Chicco.
# LUCA SOMA 2014-09-03 07:59
......le Origini non si dimenticano!!!! ! .....la Buonanima di mio Padre (Orunese di nascita, sposatosi in Ogliastra ma emigrato all'Estero per necessità) sarebbe fiero di leggere il tuo articolo....... .io lo sono, anche da Ogliastrino!!!!!
.....belle cose!!!!
Luca Soma
# Tony 2017-05-08 12:14
Bravo Mtteo hai consciuto un altro bel paese della amata sardegna Orune pese natale della buonanima di mio padre, Orunesi persone ospitali ed accoglienti trattano i forestieri come se fossero paesani li fanno sentire come fossero a casa loro..

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>