La miniera di Funtana Raminosa a Gadoni. Una risorsa per creare nuove imprese e frenare lo spopolamento

di Roberto Bornioli

Un incontro per ragionare sul futuro di Funtana Raminosa, la miniera di rame di Gadoni, provincia di Nuoro, con un grande valore industriale e culturale, è in programma sabato 2 dicembre a Gadoni in occasione della rassegna Autunno in Barbagia. L’appuntamento, promosso dal Comune, sarà un momento di incontro e confronto cui parteciperà Confindustria, insieme al Comune, all’IGEA, al Parco geominerario, ai consiglieri regionali e all’assessore all’Industria Maria Grazia Piras.

Riportiamo il comunicato stampa del presidente della Confindustria Sardegna Centrale, Roberto Bornioli.

Funtana Raminosa a Gadoni, la miniera di rame con un grande valore industriale e culturale, inserita in un’area di straordinario fascino ambientale. Risorsa sfruttata da millenni, la miniera ha supportato l’attività industriale in modo continuativo dal 1913 al 1987. In seguito si è lavorato sotto la direzione dell’Igea per la messa in sicurezza, la conservazione e la ristrutturazione del sito rendendo possibili per un certo periodo anche visite guidate su prenotazione. Oggi, dopo tre anni di chiusura al pubblico, il Comune intende puntare su Funtana Raminosa per rivitalizzare un paese e l’intero territorio che seppur ricco di straordinarie risorse è fortemente penalizzato dalla posizione periferica e da un preoccupante spopolamento.

Funtana Raminosa è un esempio concreto delle enormi potenzialità, anche economiche, delle aree interne della Sardegna. Un tema che sarà al centro dell’incontro, promosso dal Comune, dal titolo “Funtana Raminosa, una miniera di opportunitàvenerdì 2 dicembre a Gadoni in occasione della rassegna Autunno in Barbagia. Sarà quello un momento di incontro e confronto cui parteciperà Confindustria, insieme al Comune, all’IGEA, al Parco geominerario, ai consiglieri regionali e all’assessore all’Industria Maria Grazia Piras.

I territori delle aree interne sono da tempo al centro delle attenzioni della nostra Associazione che in più occasioni ha avanzato proposte concrete per valorizzare gli attrattori culturali e ambientali in un’ottica turistica e produttiva. La storia, l’alta tecnologia, gli impianti, gli interessanti risvolti sociali e culturali della miniera e lo straordinario contesto ambientale in cui è inserita rendono Funtana Raminosa un unicum prezioso attorno al quale costruire percorsi virtuosi di rilancio economico di un intero territorio che nonostante le sue straordinarie risorse rischia di morire. Perché c’è anche l’altro lato della medaglia, che si chiama spopolamento, pochi residenti e poche imprese, mancanza di lavoro e di opportunità. Le statistiche sono impressionanti: negli ultimi sedici anni Gadoni ha perso 200 abitanti pari al 20 per cento dei residenti.

È fondamentale intervenire per invertire la tendenza creando nuove opportunità di lavoro e di impresa. Perché senza impresa non ci può essere sviluppo sostenibile e le comunità sono destinate al declino. Da Funtana Raminosa si può quindi ripartire per creare nuove opportunità di sviluppo e nuove imprese nel settore turistico, culturale, dei servizi e dell’agroalimentare. La miniera di Funtana Raminosa è una grande opportunità per Gadoni: bisogna assolutamente riaprire la miniera al pubblico e rendere il sito fruibile ai turisti, realizzare e promuovere itinerari ambientali, raccontare la storia di un sito unico con decine di gallerie, impianti di trattamento, officine, macchinari e attrezzature, ben conservati e tutto intorno un vero e proprio borgo minerario.

D’altronde in molti territori anche in Sardegna la valorizzazione delle miniere a scopi culturali e museali ha dato e continua a dare importanti risultati in termini di presenze turistiche. Non si parte da zero. In questi anni i minatori e i tecnici dell'Igea si sono occupati della essa in sicurezza e delle bonifiche e si sono adoperati per conservare i macchinari, gli impianti e le gallerie.

La chiesa campestre di Santa Barbara è stata restaurata ed è accessibile, c'è un museo già pronto da allestire. Il sito minerario è al centro di uno straordinario patrimonio ambientale e boschivo, da valorizzare anche in sinergia con altri attrattori importanti come il Trenino Verde per esempio.

Roberto Bornioli

Presidente Confindustria Sardegna Centrale.

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
    Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
    scopri di più >>
  • REMEMBERING CIABA: ARTISTI PER LA RICERCA
    Ciaba, al secolo Salvatore Pretta, era una persona dal cuore gigantesco con una sconfinata passione per la politica, la musica, la vita e un amore smisurato per il suo paese Meana Sardo, per la Barbagia e la Sardegna intera. Ha trasformato ogni sua passione in concreto lavoro, mettendosi al servizio della comunità e della collettività come amministratore comunale (dal 2003 al 2008), come vicepresidente della Pro Loco e come vicepresidente del Gruppo Sportivo Meana Sardo.
    scopri di più >>
  • Periodico "E Inzà?": sabato 17 febbraio la presentazione alla MEM
    Sabato 17 febbraio alle ore 16:00 presso la Mediateca del Mediterraneo a Cagliari, spazio ragazzi, i bambini e i giovani di Domusnovas presenteranno il loro periodicò "E inzà?". Il progetto della redazione dei bambini è curato dall'Associazione Elda Mazzocchi Scarzella, associazione di volontariato ONLUS, nata da un'idea di 5 mamme nel giugno 2016 con l'obiettivo di creare spazi ludico-ricreativi e culturali per i bambini e le famiglie del Sulcis Iglesiente. 
    scopri di più >>
  • Sardegna e Sanremo. Un amore lungo 52 anni
    Era il 1965, l’anno della prima edizione di giochi senza frontiere, della nascita dei Doors, dei Pink Floyd e degli Scorpions. Al 15esimo Festival di Sanremo, presentato da Mike Bongiorno, trionfava Bobby Solo con “Se piangi, Se ridi".  Era il 1965 e il primo sardo calcava il palcoscenico più famoso d’Italia conquistando un posto in finale. Lui era Vittorio Inzaina, classe 1942, nato a Telti e, dopo la vittoria al Festival di Castrocaro, conquistava l’Italia della musica con il brano “Si vedrà”, cantato con vigore alla kermesse nell’ accoppiata vincente con il gruppo malgascio di Les Surfs.
    scopri di più >>
  • Nuoro Capitale della Cultura 2020, oggi l'esame finale a Roma
    Oggi è il “Giorno del Giudizio” per Nuoro. Dalle 17 alle 18.15 Nuoro giocherà tutte le sue carte per portare a casa la nomina a Capitale italiana della Cultura 2020.
    scopri di più >>
  • A Nuoro l'unione bella e possibile tra balletto classico e tradizione popolare
    Balletto classico e ballo tradizionale sardo. Due mondi lontani, apparentemente inconciliabili, che vedono a confronto cultura accademica e tradizione popolare. Eppure queste realtà possono incontrarsi, dando vita a una nuova forma di spettacolo ancora intentata. E’ questo l’ obiettivo che si pone “Nuovo Ballo FolkClassico”, progetto entrato tra i vincitori del bando ScrabbleLab e di produzione della società Mousikè di Nuoro: introdurre la cultura sarda in un contesto elitario come quello del balletto e, al tempo stesso, far arrivare il mondo della danza classica in luoghi spesso culturalmente penalizzati. Il tutto portando in scena uno spettacolo di danza che coinvolga ed abbracci il pubblico, facendogli vivere la propria storia e tradizione in maniera del tutto nuova ed originale.
    scopri di più >>