SINESTESIE: CineConcerti in scena

La Casa di Suoni e Racconti dà il via alla prima edizione della Rassegna di CineConcerti

Tre spettacoli, tre racconti proiettati in scena: questa la prima edizione della Rassegna di CineConcerti - SINESTESIE. Nel mese di Novembre la Casa di Suoni e Racconti proseguirà il suo impegno artistico nella creazione di un dialogo tra le Arti iniziato con la Rassegna di Spettacolo tra Parola e Musica - SIGNIFICANTE e il Festival delle Musiche dei Mondi - UCRONIE, progettando questa volta l’incontro tra il Cinema e la Musica.

Tre gli incontri autunnali previsti in tre Giovedì del mese di Novembre, presso lo spazio del Centro di Produzione per lo Spettacolo INTREPIDI MONELLI, durante i quali portare il Cinema “quasi” sul Palcoscenico e la Musica “quasi” sullo Schermo, proponendo una selezione di Film Muti sonorizzati dal vivo con delle colonne sonore originali.

SINESTESIE - Rassegna di CineConcerti è parte del cartellone di appuntamenti cagliaritani del Festival Creuza de Mà - Musica per il Cinema, gode del Patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna, della Città Metropolitana di Cagliari, del Comune di Cagliari, della Fondazione di Sardegna.
La Rassegna fa parte del progetto artistico-culturale della Casa di Suoni e Racconti, TRA LE MUSICHE, a cui si potrà dare sostegno attraverso la piattaforma di crowdfunding buonacausa.org (https://buonacausa.org/cause/tra-le- musiche).

CADAVRE EXQUIS, sarà la prima sonorizzazione ad essere proiettata sul palco: un omaggio musicale dei Dancefloor Stompers al nonsense e alla forza creativa dell’Arte Dadaista e Surrealista. Il progetto musicale strumentale, guidato dal musicista Gianmarco Diana, sarà sul palcoscenico Giovedì 9 Novembre 2017, alle ore 21:00. La sonorizzazione proposta, dedicata ai manifesti cinematografici delle due avanguardie artistiche Entr’acte (1924) di René Clair e Un chien andalou (1929) di Luis Buñuel e Salvador Dalì, segue l’irrazionalità delle sequenze filmiche presentando una vasta eterogeneità di momenti e stili musicali.

CORTI, CHE PASSIONE!, sarà la seconda sonorizzazione ad essere proiettata sul palco: un’elaborazione musicale in chiave contemporanea dell’ensemble Scisma - Short Cut dedicata ai primi documentari scientifici e ai film comici muti. La formazione musicale, guidata dalla flautista Alessandra Giura Longo, sarà in scena Giovedì 16 Novembre, alle ore 21:00. La sonorizzazione proposta delle pellicole The life circle of the pin mould (1943) di Mary Field, La maison ensorcelée (1908) e Le voleur invisible (1909) di Segundo de Chomón e The automatic motorist (1911) di Walter Robert Booth, spaziano dalle improvvisazioni pianistiche del Cinema delle Origini, reinventate in una veste moderna, ad effetti sonori che non seguono un vero e proprio sviluppo narrativo.

ANAGLYPTICAL GOLEM, sarà la terza sonorizzazione ad essere proiettata sul palco: una strip progressive rock firmata dagli Skull Cowboys e dedicata all’universo artistico espressionista. La band, guidata dal musicista e compositore Andrea Congia, sarà in scena Giovedì 23 Novembre 2017, alle ore 21:00. L’esperimento visivo e uditivo stereoscopico proposto sull’opera Der Golem - wie er in die Welt kam (1920) di Paul Wegener e Carl Boese, sarà una commistione estetica tra Automazione e Performance, illusioni ed effetti sonori, deformazioni ed enfasi volti a offrire un’idea di tridimensionalità narrativa.

 

Info e contatti

Associazione Culturale Tra Parola e Musica - Casa di Suoni e Racconti

www.traparolaemusica.com
www.facebook.com/traparolaemusica

 

 

 

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>