“Su Prugadoriu 2017” Seui – da lunedì 30 ottobre a mercoledì 1 novembre 2017

L’evento è organizzato dal Comune di Seui, con il patrocinio dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna, la collaborazione dell’Associazione Su Prugadoriu e la sponsorizzazione di Ichnusa e Bevì Beer Import

Dopo il crescente successo ottenuto nelle scorse venti edizioni, nella suggestiva cornice del centro storico di Seui ritorna tra pochi giorni “Su Prugadoriu”. L’edizione 2017 si articola su tre giornate: da lunedì 30 ottobre a mercoledì 1 novembre. L’evento è organizzato dal Comune di Seui, con il patrocinio dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Autonoma della Sardegna, la collaborazione dell’Associazione Su Prugadoriu e la sponsorizzazione di Ichnusa e Bevì Beer Import.

Antichissima festività che si richiama al culto delle anime, “Su Prugadoriu” trova nella questua alimentare l’usanza più originale e significativa, con i bambini veri protagonisti, che girano di casa in casa chiedendo offerte per la salvezza delle anime del purgatorio. La stessa riproposizione dell’antico rito de’ “Su prugadoriu …po’ is animas” è in programma martedì pomeriggio, con partenza da Piazza Rinaldo Loy.

Negli anni per Seui questo evento è diventato anche una prestigiosa e affollata vetrina, utilissima per presentare la sua antica enogastronomia, le tradizioni, l’artigianato, l’ambiente, nonché la sua ricchissima e variegata offerta culturale e turistica.
Nei numerosi e caratteristici “mangasinus” (vecchi locali, cantine e laboratori), che saranno aperti al pubblico lungo le strade del centro storico (dalle ore 16 di lunedì 30 ottobre sino a mezzanotte di mercoledì 1 novembre), si potranno scoprire e gustare le bontà dell’antica tradizione della cucina seuese, tramandate di generazione in generazione, come “is culurgionis”, “is civargeddus prenus”, “su pani fattu in domu e is coccois”, “is pardulas” e “su pani e saba”. Solo per citarne alcuni.

Come ogni anno l’artigianato tradizionale sarà il protagonista con numerosi laboratori. Tra questi, martedì pomeriggio si potrà assistere alla preparazione del torrone.

Tra i convegni, lunedì pomeriggio nella Sala consiliare del Comune sarà presentata l’edizione 2017 di “Arcuerì”, l’Annuario della Comunità Seuese (a cura della Casa editrice “Domus de Janas”). Più tardi sarà la volta del conferenza e della rappresentazione teatrale “Arregodus de miniera”, a cura delle Associazioni turistica Pro Loco & culturale Giorgio Mameli di Buggerru. Martedì pomeriggio nel Centro Polivalente si terrà il convegno “Il Parco di Montarbu: opportunità future e scelte gestionali da condividere”.

In calendario anche una conferenza sulla parlata seuese a cura dello scrittore e linguista Massimiliano Rosa (martedì) e l’indomani la presentazione del libro di Giorgio Saba: “Scusi dov’è l’Ade! – Ipotesi sulla storia antica della Sardegna”.
Ad aprire il programma dell’edizione 2017 de “Su Prugadoriu” sarà lunedì pomeriggio il teatro per i bambini. Nell’anfiteatro all’aperto in via delle Milizie la Compagnia “Il Crogiuolo” di Cagliari presenterà lo spettacolo “La storia della Sardegna spiegata ai ragazzi”.

Anche quest’anno è stato dato ampio spazio alle maschere arcaiche della tradizione sarda. Martedì le vie del centro storico saranno percorse da’ “Ir Dimonios” di Tertenia e da “S’Urtzu e sa Mamulada” di Seui. Mercoledì mattina sfileranno i gruppi “Su Sennoreddu e sos de S’Iscusorzu” di Teti e “Su Boinarxiu e su pastori” di Teulada. A chiudere, nel tardo pomeriggio, saranno i bambini del locale “S’Urtzu e sa Mamulada”.

I tre giorni di festa saranno vivacizzati da vari artisti di musica etnica sarda (e dalle melodie delle launeddas. Ma anche dalle trascinanti note itineranti della formazione toscana “Large Street Band”, che torna a Seui sulla scia delle sue precedenti esibizioni, sempre per Su Prugadoriu. Come consuetudine la Banda musicale “Gioacchino Rossini” di Seui avrà il compito di inaugurare la rassegna. Fiato anche alle sole voci con l’esibizione del Coro “Ardasai” di Seui. Altra novità dell’edizione 2017 è rappresentata dalle due serate musicali in programma lunedì con il complesso “Ballade Ballade Bois” e martedì con il gruppo “A passu Zustu”.

Visto il consenso di pubblico riportato nelle scorse edizioni, martedì e mercoledì lungo le strade del centro storico viaggerà anche il Trenino dei Murales, che trasporterà i turisti alla scoperta del paese.
L’edizione 2017 sarà chiusa mercoledì notte dalla “cerimonia” del lancio della zucca, in via Roma.

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>