A Iglesias l’undici maggio è diverso. L’eccidio dei minatori

Di Matteo Setzu

Tutti noi siamo andati a scuola, ma non tutti hanno avuto la fortuna di avere degli Insegnanti. C'erano persone che dalla loro cattedra parlavano, parlavano, parlavano. Di cosa? Delle solite cose, noiose e ripetitive.

Ma ci sono Insegnanti che hanno nell'animo la loro professione e la loro terra. Così come gli insegnanti di Iglesias, e non importa se non sono nativi di Villa di Chiesa, sono nativi di questa meravigliosa isola che ha tante storie da raccontare.

Ogni paese le ha. E oggi a Iglesias era 11 maggio. Certo, anche altrove lo era, lo è.

Ma a Iglesias l'11 maggio è diverso. In questo stesso giorno di 97 anni fa, nel 1920: Raffaele Serrau di Iglesias, Pietro Castangia di Iglesias, Emanuele Cocco di Iglesias, Attilio Orrù di Iglesias, Salvatore Melas di Bonarcado, Vittorio Collu di Iglesias, Efisio Madeddu di Iglesias, erano tra le migliaia di minatori che una mattina, di quell'anno, scesero da Monteponi per chiedere l'aumento della razione di pane e la paga di mezza giornata di lavoro sottratta dall' azienda. Elementi nomadi.


Vennero fucilati, in piazza, in quel giorno dove donne, uomini, bambini vivevano un'epoca fatta di abusi.

Scesero in piazza a protestare, per gridare ai loro padroni i propri diritti, pagando con la morte.

Oggi a Iglesias si è vissuto questo, quegli Insegnanti da ormai quattro anni si stanno battendo per far conoscere agli alunni delle scuole elementari e medie un pezzo di storia della loro città. Una storia che non tutti conoscono, una sorta di rappresentazione scenica ma che di teatrale ha ben poco. Perché ai figuranti viene detto che ciò che loro stanno facendo vedere ai presenti è un pezzo della loro storia. Da rispettare e onorare, in memoria di quelle persone che in miniera lavoravano senza avere un pezzo di pane.

E li, tra quei minatori, poteva esserci un parente di tutti noi.

Un plauso va a loro, agli alunni, agli Insegnanti, a quei minatori valorosi che hanno lavorato in quelle terre. Terre ancora sfruttate, ancora violentate, la storia non si ferma all'11 maggio del 1920, la storia continua, uguale, per adesso il pane c'è ancora.

Per adesso...

Ho visto scendere tante lacrime oggi, versate dai presenti, io le ho trattenute a stento. E' stato bello scoprire, anche per me, oggi, un fatto storico che riguarda la nostra Isola.

Iglesias. L'Eccidio dei Minatori - 11 maggio 1920

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Ad Alghero il racconto di Antonio Marras, artista irrequieto
    Nulla dies sine linea. Così ci si riferiva al pittore Apelle che non lasciava passar giorno senza tratteggiare con il pennello qualche linea. E nessuno come Antonio Marras, genio artistico di sangue algherese, potrebbe meglio interpretare questa frase. Una vita, quella di Marras, di continue suggestioni e stimoli, di creazioni espresse e desiderate, di idee e tributi. Impossibile o quasi raccontarne le sfumature. In quel quasi c'è una mostra. Monumentale, densa, ricca di sfumature e sorprese che ha giocato, tra lo scorso autunno e questo inverno (ne abbiamo parlato qui, ndr), negli spazi della Triennale di Milano per accogliere, in un percorso sensoriale, opere, disegni e appunti del Marras che non ti aspetti.
    scopri di più >>
  • A CENA CON L’AUTORE TONINO OPPES: IL BALLO CON LE JANAS A PISA
    Si narra che le Janas siano creature minute, deliziose e bellissime, e soprattutto incantatrici e custodi di segreti e di magie. Le loro domus de janas, le case delle fate, si trovano in un’isola, la Sardegna, che per la sua forma sembra un’impronta di un piede, o meglio, di un sandalo. Un’isola bellissima, agreste, demoniaca e maliarda, proprio come le minuscole fatine danzanti, che scelgono come dimora delle rocce scavate dal Nord al Sud. Ovunque il loro aleggiare accompagnava la Terra Sarda;  i loro occhi hanno visto nascere comunità intere, generazioni e generazioni. Paesi minuscoli sparsi su montagne, colline e pianure, zone impervie e ricche di flora e di fauna, dove il filo che teneva uniti grandi e piccini era quello del valore della memoria.
    scopri di più >>
  • LA “SARDA TELLUS” DI GENOVA INCONTRA NERIA DE GIOVANNI PER IL RICORDO DEL NOBEL GRAZIA DELEDDA
    Nel novantesimo anniversario del conferimento del Premio Nobel a Grazia Deledda, la Sarda Tellus di Genova ha organizzato domenica 7 maggio un incontro dedicato alla grande scrittrice sarda con la partecipazione di una delle più grandi esperte sull'argomento, la critica letteraria Neria De Giovanni, presentata da Bruno Rombi, il quale ha esordito tracciando il profilo della studiosa.
    scopri di più >>
  • Musica: gli Yes aprono Rocce Rosse Blues
    Il progressive rock degli Yes dà il la a Rocce Rosse Blues 2017. Il festival ogliastrino si apre il 22 luglio nel piazzale degli scogli di Arbatax, frazione marina di Tortolì.  
    scopri di più >>
  • In Sardegna yacht vela più grande mondo
    Si chiama "A" ed è lo yacht a vela più grande del mondo: in questi giorni l'imbarcazione del miliardario russo Andrey Melnichenko è in Sardegna. Da ieri notte è ormeggiato davanti all'isola di Tavolara, nelle acque di Porto Taverna a Loiri Porto San Paolo, in Gallura.
    scopri di più >>
  • Cavalcata Sarda: successo a Sassari
    Una folla entusiasta e un cielo terso hanno decretato il successo della 68/a edizione della Cavalcata Sarda, a Sassari. Oltre 100 mila persone hanno assistito alla "Festa della bellezza", ammirando e applaudendo gli oltre 3mila figuranti che partendo da corso Francesco Cossiga hanno sfilato in via Asproni, via Roma, piazza d'Italia, portici Crispo, piazza Castello, via Cagliari, Emiciclo Garibaldi, viale Italia, viale Mancini e piazza d'Armi.
    scopri di più >>