A Iglesias l’undici maggio è diverso. L’eccidio dei minatori

Di Matteo Setzu

Tutti noi siamo andati a scuola, ma non tutti hanno avuto la fortuna di avere degli Insegnanti. C'erano persone che dalla loro cattedra parlavano, parlavano, parlavano. Di cosa? Delle solite cose, noiose e ripetitive.

Ma ci sono Insegnanti che hanno nell'animo la loro professione e la loro terra. Così come gli insegnanti di Iglesias, e non importa se non sono nativi di Villa di Chiesa, sono nativi di questa meravigliosa isola che ha tante storie da raccontare.

Ogni paese le ha. E oggi a Iglesias era 11 maggio. Certo, anche altrove lo era, lo è.

Ma a Iglesias l'11 maggio è diverso. In questo stesso giorno di 97 anni fa, nel 1920: Raffaele Serrau di Iglesias, Pietro Castangia di Iglesias, Emanuele Cocco di Iglesias, Attilio Orrù di Iglesias, Salvatore Melas di Bonarcado, Vittorio Collu di Iglesias, Efisio Madeddu di Iglesias, erano tra le migliaia di minatori che una mattina, di quell'anno, scesero da Monteponi per chiedere l'aumento della razione di pane e la paga di mezza giornata di lavoro sottratta dall' azienda. Elementi nomadi.


Vennero fucilati, in piazza, in quel giorno dove donne, uomini, bambini vivevano un'epoca fatta di abusi.

Scesero in piazza a protestare, per gridare ai loro padroni i propri diritti, pagando con la morte.

Oggi a Iglesias si è vissuto questo, quegli Insegnanti da ormai quattro anni si stanno battendo per far conoscere agli alunni delle scuole elementari e medie un pezzo di storia della loro città. Una storia che non tutti conoscono, una sorta di rappresentazione scenica ma che di teatrale ha ben poco. Perché ai figuranti viene detto che ciò che loro stanno facendo vedere ai presenti è un pezzo della loro storia. Da rispettare e onorare, in memoria di quelle persone che in miniera lavoravano senza avere un pezzo di pane.

E li, tra quei minatori, poteva esserci un parente di tutti noi.

Un plauso va a loro, agli alunni, agli Insegnanti, a quei minatori valorosi che hanno lavorato in quelle terre. Terre ancora sfruttate, ancora violentate, la storia non si ferma all'11 maggio del 1920, la storia continua, uguale, per adesso il pane c'è ancora.

Per adesso...

Ho visto scendere tante lacrime oggi, versate dai presenti, io le ho trattenute a stento. E' stato bello scoprire, anche per me, oggi, un fatto storico che riguarda la nostra Isola.

Iglesias. L'Eccidio dei Minatori - 11 maggio 1920

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Conto alla rovescia per Marco Buttu. L'Ingegnere gavoese in missione in Antartide ai limiti del possibile, ai confini del mondo.
    Un anno nel deserto ghiacciato dell'Antartide a sperimentare l'atmosfera, il cielo, la terra e la biologia dell'uomo. Sono questi i temi al centro degli studi che il PNRA (Programma Nazionale di Ricerche in Antartide), l'ENEA (Agenzia per le nuove tecnologie l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), e il CNR (Consiglio Nazionale delle ricerche), in collaborazione con l'IPEV francese (Institut Polaire Paul-Emile Victor) affronteranno, inviando tredici professionisti europei in una mission quasi impossible.
    scopri di più >>
  • Il carasau entra ufficialmente nel dizionario Zingarelli
    In occasione del centenario (1917 – 2017) del vocabolario della lingua italiana Zingarelli, mercoledì 8 novembre, al liceo Dettori di Cagliari, ci sarà un incontro con gli studenti dedicato al dizionario, con l’intervento del linguista e critico letterario Massimo Arcangeli, dell'università di Cagliari e della sociolinguista Vera Gheno, dell'università di Firenze. Un viaggio intorno alla parole per spiegare il passato, il presente e il futuro del nostro idioma, tra inglesismi, neologismi e vocaboli perduti. 
    scopri di più >>
  • Ma quando esce “Le tigri del Gocèano”? Intervista a Vanni Lai, finalista Premio Italo Calvino
    “Le Tigri del Gocèano di Vanni Lai. Una Sardegna ben reale dell’inverno 1955-56 è lo scenario della sua narrazione presenta tratti spiazzanti, quasi distopici. Qui, ancora una volta, la tradizione sarda ci presenta un frutto della sua inesausta vitalità. Il passato che non passa si concretizza nella densa tragedia annunciata con la sua vittima sacrificale, un giovane bandito senza scampo: per lui non c’è più posto nel mondo”. (Giuria – Premio Italo Calvino 2017)
    scopri di più >>
  • Ploaghe: Gianni Tetti con il Grande Nudo Experience BiblioTour
    "Grande Nudo", ultimo romanzo del sassarese Gianni Tetti, riprende ancora una volta il suo viaggio in Sardegna. L'appuntamento è per venerdì 3 novembre a Ploaghe, alle 20.00 negli spazi dell’ex Convento dei Cappuccini in via Pietro Salis, dove a presentare l'opera, accanto all'autore, saranno il giornalista Giovanni Dessole e il delegato alla cultura del Comune di Ploaghe, Giovanni Salis.
    scopri di più >>
  • SINESTESIE: CineConcerti in scena
    Tre spettacoli, tre racconti proiettati in scena: questa la prima edizione della Rassegna di CineConcerti - SINESTESIE. Nel mese di Novembre la Casa di Suoni e Racconti proseguirà il suo impegno artistico nella creazione di un dialogo tra le Arti iniziato con la Rassegna di Spettacolo tra Parola e Musica - SIGNIFICANTE e il Festival delle Musiche dei Mondi - UCRONIE, progettando questa volta l’incontro tra il Cinema e la Musica.
    scopri di più >>