In difesa della Sardegna

di Antonio Piras

 

Mentre avantieri, a Sassari, alcuni sardi manifestavano la propria imbecillità, altri sardi, a Gonnosfanadiga, manifestavano per una causa per loro vitale. Ovvero, contro la costruzione in quei territori di un gigantesco impianto solare termodinamico che si estenderà per un'area ampia ben 232 ettari, pianeggiante e ricadente in zona agricola, nella quale operano aziende che attualmente certificano produzioni di qualità.

Secondo la relazione presentata - da parte dei proponenti - al Ministero dell'Ambiente, l'impianto opererà per un periodo di circa 30 anni. A sostegno della sua costruzione vengono utilizzati numerosi argomenti: riduzione dei combustibili fossili; impulso all'occupazione locale; introiti economici per le casse comunali; la possibilità, al termine della vita dell'impianto, di ripristinare la situazione precedente. Nella relazione si legge, addirittura, che “trattandosi di un tipo di impianto innovativo dal punto di vista tecnologico, non si deve escludere la possibilità di visite guidate e convegni relativi a tale settore, che andrebbero ad incrementare lo sviluppo “turistico” della zona” (pag. 12). In altre parole, oltre ai nostri nuraghi, alle nostre spiagge, alle tracce della nostra millenaria cultura, secondo i proponenti dovremmo esibire ai visitatori una distesa di pannelli solari per la quale però, come afferma la stessa relazione in un altro punto, sorge “l'esigenza di mitigare l'impatto visivo” attraverso “rivestimenti e colorazioni degli edifici” nonché la “messa a dimora” di piante che oscurino alla vista la centrale. I proponenti, dunque, immaginano visite turistiche in un luogo il cui impatto visivo va mitigato e la cui vista va coperta.

L'idea sarebbe buona se si volesse offrire un pacchetto che comprenda anche altri luoghi simbolo dello scempio subito nel tempo dal territorio sardo: basi militari, Saras, Furtei, aree industriali abbandonate; ma la verità è che l'argomentazione di stampo turistico, come le altre, è immaginata per popolazioni con l'anello al naso nonostante i tempi del “vogliamo milioni, non miliardi”, siano finiti.

Se si vogliono veramente ridurre i combustibili fossili – e su questo siamo tutti d'accordo – lo si faccia eseguendo le installazioni nei luoghi già compromessi e inutilizzabili per altri fini - quali, ad esempio, le zone industriali dismesse - e non utilizzando aree perfette per l'economia agro-pastorale, specie quelle non ancora interessate dallo sfruttamento selvaggio del territorio che la Sardegna ha subito negli ultimi secoli.

La relazione afferma che la scelta di quell'area è giustificata anche dal fatto che essa potrebbe essere interessata, nel tempo, da processi di desertificazione. Chiunque abbia visitato l'area può testimoniare che si tratta di affermazioni pretestuose.
Nella relazione si legge, poi, che tale impianto darebbe un impulso all'occupazione locale. Si parla – senza offrire dimostrazioni di quanto viene detto - di una cinquantina di posti di lavoro per la manutenzione dell'impianto; con la precisazione, però, che solo il 65% di questi impieghi riguarderebbe le popolazioni dei luoghi della centrale; nei quali, peraltro – come rilevato dalle deduzioni di deduzioni dei controinteressati – pare manchino le figure specializzate richieste per questo tipo di attività. Potrebbe accadere, pertanto, che i comuni interessati debbano cedere questi preziosi terreni – e sottrarli alla propria economia – senza ottenere nemmeno benefici occupazionali diretti; l'unico vantaggio immediato sarebbero gli introiti per le casse comunali. Peccato che quelle popolazioni non siano interessate a questo scambio, e l'abbiano dimostrato manifestando in tutte le sedi la propria, netta, contrarietà al progetto. Tanto che, a quanto pare, per poter procedere all'insediamento nelle aree saranno necessari procedimenti forzosi motivati dalla “pubblica utilità”.

Con un disperato tentativo di persuasione, i sostenitori dell'impianto affermano che la distanza tra i pannelli consentirebbe, comunque, di praticare coltivazioni all'interno dell'impianto; peccato che vengano smentiti dalla stessa Relazione la quale, a pag. 118, afferma che “a realizzazione dell’impianto si traduce nel ritiro temporaneo della superficie di terreno dal ciclo produttivo”.

La verità è che l'unica reale utilità è quella che ricadrà nelle tasche degli investitori, attraverso una società che di Gonnos utilizza il nome ma che ha sede legale a Londra: non solo attraverso i profitti industriali derivanti dalla vendita dell'energia prodotta, ma soprattutto attraverso la cessione di certificati verdi, un business molto redditizio per chi lo pratica e assai meno per le popolazioni che ne subiscono le conseguenze. Specie se si considera che l'impianto di Gonnosfanadiga potrebbe rientrare in un disegno ben più ampio, che comprenderebbe la costruzione di altre tre mega centrali (Villasor, Cossoine e Giave), per un totale di circa 900 ettari.

Alla manifestazione di ieri era assente chi è stato designato alla guida della Sardegna, nonostante le dichiarazioni di facciata siano di segno opposto. Come mai queste popolazioni sono state lasciate sole da chi dovrebbe rappresentarle? Qual è il modello di sviluppo che questi amministratori hanno in mente per la nostra terra? Possiamo davvero accontentarci di svendere le nostre aree produttive in cambio di irrisorie contropartite monetarie le quali, a parte minuscoli benefici immediati e temporanei, lasceranno in quei luoghi la desertificazione ambientale, economica e sociale? Del resto, vanno in questa direzione anche le recenti decisioni in materia di usi civici, gli aumenti di cubatura nelle zone costiere ma anche, più in generale, evidenti politiche di totale liquidazione delle zone interne. E andava in questa direzione l'appoggio convinto ad una riforma costituzionale che avrebbe reso di ordinaria amministrazione la prevaricazione sulle comunità più deboli.

Per tutte queste ragioni, questa battaglia non interessa soltanto i cittadini di Gonnos e degli altri comuni coinvolti: riguarda tutti i sardi, i quali hanno il dovere morale di non assistere, indifferenti, al tradimento perpetrato da chi dovrebbe rappresentarli; alla mortificazione della propria isola; a imposizioni che, per il profitto di pochi e come è già accaduto troppe volte in passato, compromettono quel modello agro-pastorale che è la naturale vocazione economica delle zone interne sarde.

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza
    Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 
    scopri di più >>
  • Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
    Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 
    scopri di più >>
  • LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO
    La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.
    scopri di più >>
  • In Sardegna B&B nei bunker militari
    Sfruttare lo straordinario patrimonio della seconda guerra mondiale in Sardegna, disseminata di piccoli e grandi bunker, per aprire una nuova frontiera del turismo sostenibile, naturalistico ed escursionistico. Accanto alla valorizzazione in chiave turistica dei fari costieri voluta dalla Regione, arriva ora la proposta di legge dei Riformatori per riqualificare queste ex postazioni militari e rispondere così alle nuove esigenze ricettive di un'utenza sempre più attenta a vacanze alternative.
    scopri di più >>
  • Un pezzo NY a Cagliari con Ape musicale
    Un pezzo di New York nel cuore di Cagliari, nel vecchio Teatro civico di Castello distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale e da qualche anno rimesso a nuovo: domani l'esordio nazionale de L'Ape musicale di Lorenzo Da Ponte, per la prima volta nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei su commissione del Teatro Lirico di Cagliari. L'opera è ambientata a Manhattan, ma ricorda molto anche la Sardegna tra sfondi di cielo azzurro, palme e casotti: sembra proprio di stare al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani. 
    scopri di più >>
  • Amarcord Sardinia: un racconto corale della Sardegna Anni Settanta
    Ci sono quelle storie che si raccontano sulla carta, intrise di parole e descrizioni e quelle che vivono nelle sfumature di una foto, frutto di uno scatto curioso e indagatore. E sono queste ultime quelle che, con rara raffinatezza è riuscito a raccontare il fotografo milanese Ferdinando Longhi, artista dell’immagine quotato a livello internazionale che dal 2 al 5 settembre (H. 10-13, 17-21) con i suoi scatti in esposizione nella suggestiva Casa delle Dame, a pochi passi dal castello della Fava di Posada. Inaugurata il 2 settembre da Antonello Domenico Cabras, uno dei più promettenti ricercatori italiani nel campo della ricerca medica,  “Amarcord Sardinia”, realizzata col patrocinio del comune di Posada e con la collaborazione della Pro Loco, è una finestra aperta sugli anni Settanta nella Baronia che non ti aspetti.
    scopri di più >>