Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Ketty Corona
    Maria Paola Corona, più nota a tutti come “Ketty”, è nata a Senis il 9 maggio del 1950. Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Siotto di Cagliari, si è laureata in Matematica presso l’Università degli Studi di Cagliari nel 1973. La sua carriera lavorativa comincia dietro la cattedra insegnando matematica e fisica nelle scuole superiori per nove anni.Per otto ha lavorato in IBM prima come Software Engineer e, successivamente, in qualità di Sales Person. Venticinque anni fa ha iniziato l’attività di imprenditrice nel comparto dell’edilizia residenziale. Da venti anni si occupa anche di editoria elettronica e di servizi per l’editoria on paper e online. E' stata Assessore degli Affari Generali, Personale, Riforma della Regione e Innovazione. Nominata dalla Giunta Regionale, da Dicembre 2010 è alla guida di Sardegna Ricerche nella carica di Presidente del Comitato Tecnico di Gestione, ruolo che le è stato poi confermato nel Dicembre 2013. Con lei parleremo dell'attività di ricerca scientifica in Sardegna, dei possibili scenari futuri e scopriremo maggiori dettagli sull'ente da lei diretto.
    scopri di più >>
  • Ho i canini, ergo sono carnivoro
    Sono figlia, sorella, nipote di allevatori, e la mia riflessione nasce soprattutto dal confronto con tante altre persone che affrontano ogni giorno la realtà delle campagne e non hanno tempo da perdere con le iniziative politiche pseudo-animaliste della Signora Brambilla. Persone dagli sguardi severi e profondi che nascondono vividi sorrisi e che quotidianamente si misurano con gli stessi problemi: costi di farmaci, mangimi ed energia troppo elevati, prezzi dei prodotti sempre più bassi, burocrazia, premi non liquidati, bluetongue, disastri ambientali ed Equitalia. Problemi che spesso si è chiamati a risolvere da soli, abbandonati, in primis, dalle associazioni di categoria perché anche al loro interno conta più la parola del politico che quella del pastore che dovrebbero rappresentare e tutelare.
    scopri di più >>
  • L'Agnello risponde alla Brambilla
    Nelle ultime ore i tg ci hanno bombardato con servizi che sponsorizzavano la proposta di legge della Brambilla contro la macellazione di animali da carne sotto i sei mesi. Premetto che non ho nessuna stima politica e personale per la Signora in questione e non mi interessa sensibilizzarla sui problemi di un comparto in ginocchio, soprattutto in Sardegna, dove sono numerose le aziende che a causa di Equitalia, incendi ed alluvioni non navigano in buone acque. Per molti di voi sarà stato un servizio come un altro, una delle tante notizie spazzatura a cui anche i principali tg ci hanno abituati. Bene, per me non è solo lo sproloquio di una rossa onorevole, mi sento in dovere di scrivere tutte le cose che mi vengono in mente e consapevole di non poter competere con il risalto mediatico che hanno le amichette del Berlusca, mi invoco dunque al buon senso del singolo consumatore.
    scopri di più >>
  • Davide Van De Sfroos – La passione per l’Isola sospirante
    Un adesivo della Sardegna incollato sulla chitarra e sfoggiato (anche) durante la performance a Sanremo, una cultura invidiabile in fatto di detti popolari, tradizioni, luoghi e, soprattutto una vicinanza, quasi spirituale, alla nostra terra. Parliamo di Davide Van De Sfroos, istrionico cantautore delle valli comasche attivo da circa vent’anni ma arrivato al grande pubblico con Yanez, presentata sul palco dell’Ariston nel 2011. Ogni suo testo va a raccontare una storia che può esser legata alla sua zona, quella dei laghi e ai suoi abitanti o, ancora, a persone incontrate nei suoi viaggi, anche in Sardegna. “Mi capitò di andare ad Arbatax e un uomo, un sognatore, stava lavorando nel suo cantiere; lui ora è scomparso e i suoi due fratelli son gli alfieri del sogno di chi era solo un costruttore di motoscafi”, esordisce prima di intonare “Il costruttore di motoscafi”. Il mal di Sardegna lo attanaglia da ben 14 anni  quando visitò la nostra Isola con l’intento di starci una settimana e, invece, vi passò un mese! “Rimasi folgorato da quei luoghi e dai sardi:  quando certe cose ti entrano dentro non possono più uscire”.
    scopri di più >>
  • Sardegna Rally Race: il Rally da sogno nella Terra dei sogni
    Il Rally in Sardegna ha una storia che affonda le sue radici oltre trent’anni fa. L’idea originale è dei fratelli Zocchi, che nei primi anni ’80 inaugurarono la serie che è diventata ormai una grande tradizione sportiva dell’Isola. La manifestazione in pochi anni riuscì a ottenere successo e fama di portata internazionale, al pari dei più prestigiosi rally africani, allora la Dakar e il Rally dei Faraoni. Alla fine del 2007, la FIM assegna all’Italia ed alla Società di San Teodoro l’organizzazione del Mondiale 2008 nasce il Sardegna Rally Race, che già alla seconda edizione del 2009 diventa gara di riferimento nel contesto mondiale della specialità. Un’impresa colossale che, grazie ad una grandissima passione ed alla professionalità messa in campo da Gianrenzo Bazzu e Antonello Chiara, porta sull’isola i più grandi campioni della storia dei Rally.
    scopri di più >>
  • XXVII edizione del festival Time in Jazz | Berchidda 9 - 16 agosto
    "E' pur vero che, una volta in piedi, l'uomo non sa star fermo". Con questa citazione di Frédéric Gros, il filosofo francese autore di "Andare a piedi –- Filosofia del camminare", Paolo Fresu introduce il tema che caratterizzerà la ventisettesima edizione di Time in Jazz, il festival internazionale di cui è ideatore e direttore artistico. Quest'anno si riconosce infatti sotto il titolo "Piedi" l'appuntamento di mezza estate in Sardegna, in programma dal 9 al 16 agosto a Berchidda, il paese natale del trombettista, ma con fermate sparse, come sempre, anche in vari altri centri del nord dell'isola: Bortigiadas, Budoni, Calangianus, Chiaramonti, Ittireddu, Loiri Porto San Paolo, Mores, Ozieri, Pattada, Posada, Sant'Antonio di Gallura, Telti, Tempio Pausania e Tula.
    scopri di più >>