Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • In compagnia di Marco Lutzu, con gli occhi rivolti verso il cielo
    Fare della propria passione una ragione di vita. E’ quanto è accaduto a Marco Lutzu, fotografo naturalista nato e cresciuto a Orani, come ama sottolineare.  Un interesse smisurato per la natura, per la macchina fotografica e, fin da bambino, per i rapaci, quando il padre e gli zii materni gli insegnarono per la prima volta ad allevare il falco pellegrino, tanto che divenne il suo compagno di giochi. Passione che crebbe con l’età e che oggi, a cinquant’anni, viene usata con abilità come un semplice mezzo attraverso il quale potersi affacciare con rispetto alla natura, e diventare spettatore diretto delle nostre campagne.
    scopri di più >>
  • SULLA TERRA LEGGERI IN BIBLIOTECA
    Sulla Terra Leggeri è il festival letterario di mezza estate, ma tutto l’anno organizza incontri culturali, presentazioni, reading: momenti di riflessione e dialogo che coinvolgono molti paesi e città della Sardegna. Quest’anno gli incontri invernali riprendono il tema dell’edizione 2016: Lontano da casa: migrazioni e distanze. Sarà una rassegna cinematografica l’occasione per discutere ancora di un fenomeno complesso e profondo che anima da anni il dibattito pubblico e ci porta a interrogarci su accoglienza, integrazione e politche economiche.
    scopri di più >>
  • Ultimo Rapporto Caritas su povertà. In Sardegna diecimila persone chiedono aiuto
    In base all’ultimo rapporto Caritas su povertà ed esclusione sociale in Sardegna, presentato oggi a Cagliari, si registra un aumento delle richieste di aiuto e di sostegno economico. Nel 2015 7.867 persone si sono rivolte ai 50 centri di ascolto dislocati in 32 comuni sardi, ma nel 2016 si stima che si possa arrivare a 10 mila.
    scopri di più >>
  • Gregorio Magno: dal suo Epistolario le fonti più importanti del periodo bizantino in Sardegna
    Gregorio I, detto Magno, santo, di nobile famiglia romana, fu papa dal 590 al 604. Aveva in precedenza ricoperto rilevanti cariche in ambito civile (come prefetto di Roma) ed ecclesiastico (come legato papale alla corte imperiale di Costantinopoli), maturando quelle capacità e competenze che ne definirono l’alto profilo di uomo politico, oltre che di capo religioso, e che si aggiunsero alle sue esperienze di vita contemplativa (aveva fondato diversi monasteri e vissuto da monaco prima di diventare papa).
    scopri di più >>
  • Giornata omaggio al regista di "Banditi a Orgosolo"
    Nell'ambito del festival Il Cinema Ritrovato alla 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze, il Quaderno del Cinemareale, mercoledì 23 novembre, ha presentato un evento curato da Pinangelo Marino, una  Giornata omaggio a Vittorio De Seta, in collaborazione con Festival dei Popoli e con il patrocinio dell’ACSIT, l’Associazione Culturale dei Sardi in Toscana.
    scopri di più >>
  • 10 domande a... Gianpaolo Mele Corriga
    Gianpaolo Mele Corriga nasce  a Nuoro il 10 giugno del 1944. Compie studi di ingegneria tra Parma e Cagliari. Impegnato da giovanissimo nel campo della ricerca etno musicale in qualità di compositore e direttore del Coro di Nuoro, ne ha curato le edizioni della notevole discografica e audio visiva. Primo maestro del Folklore in Sardegna dal 1981, ha curato le colonne sonore di opere cinematografiche. Impegnato in politica, è stato Amministratore del Comune di Nuoro, Consigliere E.S.I.T  e I.S.R.E. Lo abbiamo incontrato per discutere dell’immenso patrimonio etnomusicale della Sardegna,partiamo.
    scopri di più >>