Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Simone Callisto Manca
    Simone Callisto Manca (Sassari, 1982) è un giornalista profesionista. Laureato in Comunicazione e Giornalismo presso l’Università di Sassari, dove nel 2009 ha anche conseguito il Master in Giornalismo. Erasmus all’Universitat di Valencia nel 2005/2006, ha avuto esperienze professionali presso l’Ansa (sedi di Roma e Madrid) e l’Ambasciata Usa a Roma, per la quale ha fatto parte della delegazione al seguito del Presidente Obama al G8 dell’Aquila 2009. Vive a Barcellona dal 2010, dove è Responsabile Comunicazione e Relazioni Pubbliche della Casa degli Italiani di Barcellona. Ha collaborato, tra le altre cose, con La Nuova Sardegna, con il magazine online di cultura e politica liberale Libertiamo, Il Quotidiano di Sassari, Radio 105. Collabora attualmente, come corrispondente dalla Spagna, con il magazine online di approfondimento giornalistico L’Indro (www.lindro.it); con WeTheItalians, giornale di informazione per gli Italiani negli Usa, per il quale si occupa di sport; con Radio Estel, radio di Barcellona per la quale commenta i fatti salienti della politica catalana e spagnola nel programma della sera.. Con lui parleremo delle relazioni tra Spagna e Sardegna, di emigrazione, desideri e ricette anti crisi. 
    scopri di più >>
  • Ecco la squadra sarda dei Digital Champion italiani
    Sono 8, uno per ogni provincia sarda, e hanno il compito di portare il digitale in quei territori e in quegli ambiti in cui si fa ancora fatica a stare al passo con l’innovazione. Sono i “Digital Champion” della regione Sardegna, nominati ieri a Roma dal Digital Champion nazionale Riccardo Luna alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, in occasione dell’evento di presentazione dei primi 100 DC locali al Tempio di Adriano.
    scopri di più >>
  • "Sardegna, terra ideale per l'innovazione"
    Sardegnafuture è la Sardegna che cresce, che si fa strada tra le nuove tecnologie (scegliendo,sempre più spesso, quelle sostenibili); è, ancora, la Sardegna che sfida la crisi, che crede nella forza delle idee e le porta avanti. Una Sardegna ancora poco citata ma che raccoglie eccellenti "buone pratiche" che  scopriremo insieme grazie a interviste, opinioni e storie di successo.
    scopri di più >>
  • Le diverse facce della psoriasi
    La psoriasi è una malattia cronica, persistente e duratura, non contagiosa,  che causa infiammazione della pelle.  Le prime descrizioni riguardanti la malattia risalirebbero al 2000 a.C. circa, riscontrate nei Codici Assiro Babilonesi, in alcuni papiri egiziani e in diversi libri dell’Antico Testamento. Colpisce, secondo stime recenti, il 4% della popolazione mondiale e in Italia in media due milioni e mezzo di persone; si presenta con chiazze o placche rosse ricoperte da squame biancastre localizzate soprattutto sulle ginocchia, gomiti, mani, piedi, cuoio capelluto, polpacci e regione sacrale. Tutta la superficie corporea è potenzialmente colpita e nel 20-30% dei pazienti può aggravarsi estendendosi alle articolazioni o coinvolgendo più organi e apparati. La malattia insorge a qualsiasi età ed ha la stessa incidenza nei due sessi; la sua gravità ed estensione varia da persona a persona e se per alcuni si presenta come poco più che un fastidio, per altri può compromettere seriamente la qualità della vita e causare dolore, difficoltà nei movimenti e stress emotivo con conseguenti disturbi psico-sociali.
    scopri di più >>
  • L'autunno non è una stagione, è uno stile di vita
    L’autunno è una stagione considerata perlopiù triste e malinconica con caratteristiche sue proprie. Sono giorni questi in cui la natura va preparandosi al gelido inverno determinando un periodo di transizione e trasformazione che si trasmette anche all’uomo. Mentre ci troviamo accovacciati davanti al camino, magari arrostendo castagne e ascoltando o raccontando Contos de foghile, la temperatura esterna subisce un abbassamento sensibile e progressivo,  si verifica una riduzione delle ore di luce, cambiano i cicli sonno-veglia e ci si sente più frequentemente stanchi e demotivati. La pelle risulta spenta e opaca ed il nostro organismo diventa in queste condizioni terreno fertile per una serie di malanni tanto che, anche in seguito ad un banale raffreddore, può essere maggiormente esposto a stimoli stressanti (allergie e malattie da raffreddamento, astenie psico-fisiche, agenti infettivi) cui può reagire meglio se si è in una condizione di equilibrio organico e si effettua una giusta prevenzione.
    scopri di più >>
  • Concorso Fotografico "Scorci d'autunno" II Edizione
    Dopo il successo della prima edizione di “Scorci d’autunno”, e di “Scatta l’Isola a 360°” FocuSardegna ripropone il concorso fotografico on line volto a raccogliere i momenti più belli e significativi della manifestazione Autunno in Barbagia (Cortes Apertas). Lo scopo è quello di raccontare gli eventi attraverso degli scatti della tradizione, possibilmente accompagnando l’immagine con una breve frase, un aneddoto o comunque una piccola parte di testo che sia legato allo spirito della manifestazione. Il concorso si svolgerà su due differenti piattaforme: Facebook e Instagram per un totale di tre premi selezionati dalla giuria popolare e da quella di FocuSardegna.
    scopri di più >>