Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a...Claudia Firino
    Claudia Firino, 35 anni, originaria di Ozieri, è Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport. Project Manager presso il CNR - Istituto di Storia del Mediterraneo (ISEM): cura la redazione e la gestione tecnica, amministrativa e contabile di progetti internazionali di ricerca scientifica in ambito storico e umanistico. Laurea in scienze politiche con una tesi sul Mercosur all’Università degli Studi di Sassari. Segue la politica dall’età di 17 anni e nel 2000 ha la sua prima esperienza istituzionale come Consigliere Circoscrizionale nel comune di Sassari. Sempre negli anni universitari è membro della Commissione Disabili dell’Ateneo e tra il 1998 e il 2006 è stata vicepresidente della Uildm (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare). Si specializza a Roma con un Master di alta formazione "EuroProject Manager - Tecniche e gestione dei progetti europei e formativi", presso Asvi (Agenzia per lo Sviluppo del Non Profit). Prima di trasferirsi a Cagliari ha lavorato a Roma come progettista nell'organizzazione non governativa Soleterre e nella cooperativa sociale Bottega Solidale. E’ allenatrice di pallacanestro e negli ultimi anni ha ricoperto la carica di Dirigente della squadra di basket Superga Cagliari. Con lei parleremo di cultura, istruzione e abbandono scolastico, diritti dei disabili e delle donne nel mondo del lavoro.
    scopri di più >>
  • Acqua terapeutica: scienza e magia
    Elemento naturale essenziale per la vita, l’acqua rappresenta uno dei principali costituenti degli ecosistemi e sin da tempi antichissimi ha rivestito un ruolo importante dal valore simbolico inestimabile, in tutte le culture che hanno fatto la storia dell’uomo. Sulla Terra l’acqua copre il 70,8 %  della superficie del pianeta e nell’organismo umano quantitativamente è il costituente principale: per un uomo di circa 70 Kg rappresenta approssimativamente il 60-70% del peso corporeo. Possiamo attribuire ad essa diverse funzioni tra le quali principalmente quelle di solvente di numerose sostanze chimiche, regolatrice del volume e della temperatura corporea, stimolazione dei processi digestivi, trasporto di nutrienti e eliminazione delle scorie metaboliche. Attualmente numerosi studi dimostrano quanto l’acqua non sia solo un semplice mezzo di trasporto di sostanze nel corpo, ma possa avere anche un ruolo di energizzante primario di tutte le funzioni fisiologiche.
    scopri di più >>
  • Mare e Cielo confusi nel blu
    La magia delle spiagge ha un periodo dell’anno preciso. Diciamo aprile, maggio, anche giugno. E settembre, inoltrato. In questi mesi il paradiso è ancora paradiso. Altrimenti diventa turismo di massa. Prendiamo Budelli. Prendiamo un periodo non a caso: fine aprile, prima metà di maggio. La magia si gioca tutta in pochi giorni. Si arriva in barca, si ormeggia a qualche centinaio di metri dalla perla dell’arcipelago della Maddalena. Quindi si ammira una natura che da queste parti è stata prodiga di regali. Poi si scende a terra. Direzione: la Spiaggia Rosa che grazie a una provvidenziale decisione del Parco nazionale è oggi superprotetta (niente nuotate né passeggiate sullo splendido arenile). Venti minuti di cammino nel verde, tra lentischi, ginepri, mirti, in un tripudio di colori, fiori e profumi. Quando si arriva al limitare della spiaggia, si resta abbagliati dalla lingua rosa che si è prodigiosamente riformata dalla frantumazione della Miniacina miniacea, un microrganismoche vive nelle prateria di posidonia.
    scopri di più >>
  • Nostra Signora del Buon Consiglio
    Oggi, miei piccoli amici, voglio raccontarvi una storia che vi commuoverà moltissimo, e che, se non vi commuoverà, non sarà certamente per colpa mia o delle cose che vi narro, ma perché avete il cuore di pietra. C'era dunque una volta, in un villaggio della Sardegna per il quale voi non siete passati e forse non passerete mai, un uomo cattivo, che non credeva in Dio e non dava mai elemosina ai poveri. Quest'uomo si chiamava don Juanne Perrez, perché d'origine spagnola, ed era brutto come il demonio. Abitava una casa immensa, ma nera e misteriosa, composta di cento e una stanza, e aveva con sé, per servirlo, una nipotina di quindici anni, chiamata Mariedda.
    scopri di più >>
  • La scomunica di Ollolai
    Radicatissima è ancora nel popolino sardo la credenza che la scomunica del papa o magari di un semplice sacerdote, apporti davvero maledizione su chi è lanciata e sulle sue generazioni. A tal proposito ho trovato fra le altre questa leggenda. In un villaggio del circondario di Nuoro c'era un ricco monastero i cui frati spadroneggiavano non solo sulle loro proprietà e sui loro sottoposti, ma in tutte le terre e gli abitanti vicini. Perciò erano sommamente malvisti, e già, segretamente, gli abitanti del villaggio avevano inviato molte suppliche al Santo Padre perché mettesse un freno alle angherie loro. Ma a Roma si pensava ad altro che al piccolo villaggio sardo: allora un gruppo di giovini un po' scapestrati e senza pregiudizi decise di far qualche tiro ai monaci, che li screditasse presso il papa e segnasse la loro rovina. L'occasione li favorì stranamente.
    scopri di più >>
  • Al via il bando del Premio Andrea Parodi
    Al via il nuovo bando dell'unico concorso italiano di world music, il “Premio Andrea Parodi”, organizzato per l'ottavo anno dall'omonima Fondazione e la cui fase finale è prevista a Cagliari dall'8 al 10 ottobre, con la direzione artistica di Elena Ledda.  Il concorso del “Premio Andrea Parodi” intende valorizzare le nuove tendenze nell’ambito della musica dei popoli o “World Music”, ovvero proposte che attingono alle tradizioni culturali ma le rinnovano e contaminano. Le domande di iscrizione al concorso dovranno essere inviate entro e non oltre il 31 maggio 2015, tramite il format presente su www.fondazioneandreaparodi.it.
    scopri di più >>