Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Stefania Pinna
    Stefania Pinna, classe 1980 di Macomer, è conduttrice televisiva per Sky tg24. Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Perugia, consegue un Master in giornalismo all’Università degli Studi di Sassari. La sua prima esperienza nel mondo del giornalismo risale al 2001 quando inizia a lavorare come reporter per la redazione umbra del Messaggero. Nel 2006, invece, il suo passaggio come stagista a Sky tg24: prima tre mesi nella redazione romana, poi il rientro in Sardegna come corrispondente e solo un anno più tardi arriva il suo primo contratto con l’emittente televisiva di Rupert Murdock. Iscritta all'albo dei giornalisti professionisti dal 2008 (già pubblicista nel 2005), è sposata con il collega dell'ansa Federico Garimberti con il quale ha un bambino di quasi due anni. Con lei si è parlato di informazione, giornalismo e delle sue esperienze maturate in questo mondo.
    scopri di più >>
  • O Efis... libera nos de su mali
    Dal silenzio della sua chiesetta nel cuore del quartiere di Stampace, si risveglia Sant’Efisio. È arrivato il primo maggio, il giorno della grande festa. Quello in cui da tutta la Sardegna i fedeli arrivano a Cagliari per rendere omaggio al santo protettore che liberò la città dalla peste e dai pirati. Il rito si rinnova oggi, come 351 anni fa. Allora (era il 1656) la peste si era diffusa in tutta l’Isola e aveva mietuto oltre 10 mila vittime. I cittadini disperati invocarono il santo: “O Efis libera nos de su mali e ti promitteus una festa manna” (“Efisio, liberaci dalla pestilenza e ti promettiamo grandi festeggiamenti”). Poco tempo dopo, una pioggia battente cadde sulla città liberandola finalmente dal morbo.
    scopri di più >>
  • Schierarsi per il Boe o per il Merdule
    Qualche anno fa ho scoperto che assistere a un concerto di Vinicio Capossela può essere un’esperienza piuttosto evocativa. A un certo punto della serata il cantautore si è messo in faccia una maschera che aveva, fissato al suo interno, un microfono. Veniva fuori un suono ovattato, e le parole risultavano quasi incomprensibili. Capossela, curvo su se stesso, sbatteva sul pavimento del palco un mazzo di campanacci di ferro. Fu forse proprio questo gesto che, ricordandomi il rito del Mamuthone, mi fece dire alla persona che mi accompagnava: “Secondo me è una maschera sarda”. Eppure, in tutta evidenza, quella maschera bovina non aveva nulla a che fare con la più famosa made in Mamoiada.
    scopri di più >>
  • I personaggi del Carnevale sardo: Mamuthones e Issohadores
    Il Carnevale di Mamoiada è uno dei più affascinanti della Sardegna, grazie alle sue inquietanti maschere e all’ancora più misteriosa danza che esse inscenano. Sos Mamuthones: portano sa bisera, maschera nera di legno d’ontano o pero selvatico, di fogge antropomorfe. L’espressione è sofferente o impassibile: labbra, naso, zigomi sono pronunciati per nascondere e trasfigurare le sembianze umane. In testa portano su bonette, copricapo maschile, e su muncadore, fazzoletto femminile, marrone o granata. Indossano sas peddhes, mastruca di pelli di pecora, sopra un abito di fustagno o velluto (su belludu); calzano sos husinzos, scarponi del pastore.
    scopri di più >>
  • La leggenda di Aggius
    Al finire del secolo XVII c'erano in Aggius - piccolo villaggio della Gallura - due ragazzi, figli di due famiglie nemiche, che, come accade sovente in Sardegna, ed anche altrove, facevano all'amore. Lei aveva tredici anni, egli quindici; ma benché così giovani sembravano, forti e belli entrambi, grandi di vent'anni, e si amavano perdutamente, con tutta la passione indomita degli abitanti della Gallura, bizzarra regione montuosa al nord dell'isola, che ha, nel paesaggio e nella natura dei nativi, molta rassomiglianza con la vicina Corsica.
    scopri di più >>
  • A giugno 2015 la Sardegna scenario del Rally come la Dakar
    A pochi giorni dalla fine della Dakar, vinta per la quinta volta dal campione del Mondo Marc Coma vittorioso al traguardo di Buenos Aires, dopo aver attraversato Argentina, Bolivia e Cile, e già vincitore del Sardegna Rally Race, l’evento mondiale inizia a scaldare i motori per l’arrivo in Sardegna dal 6 all’11 giugno. Direttamente dal podio della prestigiosa Dakar e dalle prima 20 posizioni gli assi del Moto Cross- Country si ritroveranno quindi anche quest’anno nella nostra Isola.
    scopri di più >>