Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Barbara Serra
    Barbara Serra, classe 1974, nasce a Milano da padre sardo e madre siciliana. Giornalista professionista, ha lavorato per le redazioni della BBC, di Sky News e di Five News. Dal 2007 è conduttrice della redazione londinese di Al Jazeera English. Il percorso formativo, prima, e quello lavorativo, poi, sono rappresentativi della sua personalità cosmopolita. Dopo un’infanzia trascorsa in Italia e un’adolescenza in Danimarca, si trasferisce a Londra dove consegue la laurea in relazioni internazionali presso la London School of Economics. Nel corso della sua carriera ha firmato vari servizi di cronaca in diverse parti del mondo. Degne di nota sono le corrispondenze da Roma, durante i funerali di papa Giovanni Paolo II e la causa giudiziaria che ha visto come protagonista Michael Jackson. Per l'emittente araba Al Jazeera, ha condotto importanti inchieste a Washington, dalla Striscia di Gaza, in Israele e Cisgiordania. Durante il viaggio apostolico di Papa Benedetto XVI in Terra Santa, è stata la prima giornalista della predetta emittente ad essere accreditata al seguito della delegazione papale.
    scopri di più >>
  • Nuoro al quinto posto tra le province in Italia più colpite dalla crisi
    Nuoro è tra le province italiane che ha subito i contraccolpi più duri dalla crisi economica degli ultimi sette anni. Lo hanno confermato di recente anche i dati elaborati dal Sole 24 ore che, in base alle performance di dieci indicatori chiave, ha posizionato Nuoro al quinto posto nella classifica nazionale dei territori più in difficoltà, quello che dal 2007 al 2013 ha sofferto più gravemente l’impatto della crisi. Tra gli indicatori preoccupa in particolare il calo del Pil: quello medio pro capite è arretrato in provincia di Nuoro del 5% in sette anni. Crollano anche le immatricolazioni auto (–76,2%), la spesa farmaceutica (–37,6%) e l’acquisto di beni durevoli (–22,5%). Con le incertezze sul futuro cresce la propensione al risparmio (+124,7%) mentre cala l’importo medio dei prestiti (–12%). 
    scopri di più >>
  • Cuor di Sardegna: Arianna Franceschi dichiara il suo amore alla Sardegna
    Ci sono libri che scegli accuratamente e libri, invece, che accuratamente scelgono te. Libri dalle copertine poco blasonate che ti conquistano trasmettendoti passione. Cuor di Sardegna è uno di questi.In libreria dal 16 giugno 2014 l’opera di Arianna Franceschi, edita da Edizioni della Sera, è “una lunga dichiarazione d’amore” per una terra magica e misteriosa. Un viaggio nel quale si ripercorrono i suoni e i colori di un’Isola dai mille contrasti rievocando storie, riti e tradizioni di una Sardegna senza tempo.
    scopri di più >>
  • La cagliaritana Liliana Murru tra i vincitori del Premio Racconti nella Rete 2014
    La giuria tecnica della XIII edizione del premio letterario “Racconti nella Rete” ha selezionato i venticinque racconti che saranno inseriti nella antologia del Premio 2014 edita da Nottetempo.  Demetrio Brandi, presidente del premio, si complimenta conivincitori e rivolge un sincero ringraziamento a tutti gli autori che hanno partecipato a questa edizione. “Il nostro è un lungo percorso che dal 2002 ha visto premiati oltre trecento autori, molti dei quali entrati a pieno titolo e con grande successo nel mondo letterario.
    scopri di più >>
  • 13^a edizione Carnevale Estivo | Orotelli
    Anche quest’anno, per iniziativa dell’associazione culturale Maschere etniche Thurpos e del Comune verrà riproposto a Orotelli il carnevale estivo che vedrà protagoniste le principali maschere tradizionali del centro Sardegna. La manifestazione, giunta alla XIII edizione, si terrà mercoledì 13 agosto. Vasto il programma della giornata, in mattinata dalle ore 11 alle ore 13 sarà possibile partecipare alle visite guidate al centro storico del paese, alla scoperta delle chiese di Sant'Antonio, San Giovanni Battista, San Lussorio e presso la sede sociale dell'Associazione Maschere Etniche con la riproposizione del rito di vestizione dei Thurpeddos.
    scopri di più >>
  • Il Rock Rose sardo
    Rock rose è il nome inglese del cisto, che rappresenta una delle specie vegetali più incontrastate della macchia mediterranea. Appartiene alla famiglia delle Cistaceae la cui fioritura avviene tra il mese di aprile e giugno e con i suoi colori dal bianco al rosa acceso,  arricchisce gran parte del territorio sardo.La vita del cisto è di circa 24 ore ma si riproduce costantemente, prediligendo terreni soleggiati dove crescono formando macchie di colore talmente diffuse da essere considerato infestante. Queste piante si caratterizzano per la presenza di olio essenziale: la frazione aromatica del cisto sembra contenere diverse resine e sostante quali monoterpeni, esteri, fenoli, acidi, lattoni e sembra presentare proprietà antinfettive, antivirali, antibatteriche, antiemorragiche, cicatrizzanti e neurotoniche.
    scopri di più >>