Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Beppe Severgnini
    Beppe Severgnini (Crema, 1956) è editorialista del “Corriere della Sera” e scrive ogni mese un commento per “The New York Times”. Ha lavorato a lungo per “The Economist”. Tutti i suoi libri sono best seller, da Inglesi (1990) a La vita è un viaggio (2014), diventato anche uno spettacolo teatrale da lui scritto e interpretato. Ogni tanto le vediamo in televisione, a "Otto e mezzo" o a "Ballarò". Lo abbiamo incontrato al Teatro Eliseo di Nuoro, 26esima tappa del suo tour italiano (clicca qui per leggere la recensione allo spettacolo).
    scopri di più >>
  • C'era una volta in Miniera
    La magia di un territorio sta anche nella sua età. C’è un’area, in Sardegna, che è una delle terre più antiche del mondo. Si tratta del Sulcis Iglesiente, la parte sudoccidentale dell’isola: la sua età geologica risale al pre-Cambrico, qualcosa come cinquecento milioni di anni fa. Il suo sottosuolo è un intrico profondo di grotte e di miniere, ricche di ogni genere di minerali e di metalli; la superficie offre paesaggi marini e montani di rara bellezza; tutta la regione è un singolare patrimonio di civiltà, di cultura, di storia, di tradizioni. Sul territorio è stata di recente istituita la nuova provincia di Carbonia Iglesias: le due città, che sono quelle di maggior rilievo storico ed economico, condividono il ruolo di capoluogo.
    scopri di più >>
  • Il turismo in Sardegna apre le porte al mercato estero
    La Sardegna diventa sempre più spesso meta di turisti europei e non: l'isola piace e dall'isola si aprono le porte per il mercato estero, non poteva essere differente per un territorio dove il mare ed il sole, dai primi di Aprile ad Ottobre inoltrato, permettono la fruizione delle spiagge, ottime poi le proposte culturali che si notato un po' in tutta l'isola.  Il turismo diventa un business anche in Sardegna? La promozione c'è, anche se pare chiaro si possa e si debba migliorare specie per quanto riguarda l'estero. Però è necessario fare un punto della situazione.
    scopri di più >>
  • Aria di Sardegna alla Milano Design Week
    A pochi giorni da Expo e in attesa di scoprire in che modo la Sardegna farà parlare di sé in occasione dell’attesa Esposizione Universale, i venti della nostra Isola hanno soffiato, leggeri e decisi, anche durante la Milano Design Week. In un fluire costante di eventi, installazioni e incontri, non sono mancati i preziosi contributi regionali. Tra le stelle del design contemporaneo, l’architetto e designer di fama internazionale Roberto Palomba. Nato a Cagliari e definito dal magazine Surface “Il genio della riduzione” ha conquistato il mondo del design con creazioni che hanno ripensato l’idea del bagno in maniera innovativa.
    scopri di più >>
  • Nel regno della natura, a tu per tu con i fenicotteri rosa
    Una storia semplice di passione. Passione e amore per la fotografia, per la natura. Matteo Algranati  lo conosco da quasi vent’anni, complice lo stesso ambiente lavorativo, aveva un desiderio peculiare: partire dall’hinterland milanese dove è nato e cresciuto per tornare in Sardegna, rimembrando un viaggio fatto tantissimi anni fa, con la moglie Monica, per scoprire o riscoprire angoli suggestivi che solo la natura, complice la regalia del Mediterraneo, sa accordare.
    scopri di più >>
  • AL via la terza edizione del Premio "Nino Carrus"
    L'Associazione Nino Carrus, da anni impegnata in campo politico e culturale nel territorio della Sardegna Centrale con particolare attenzione per le tematiche inerenti lo sviluppo economico, la sensibilizzazione sociale e la promozione territoriale, presenta la terza edizione del "Premio Nino Carrus" finalizzato alla realizzazione di un elaborato dal titolo: "TUTELA AMBIENTALE E VALORIZZAZIONE PAESAGGISTICA: IDEE, PROGETTI ED AZIONI INNOVATIVE PER LO SVILUPPO DELLE AREE INTERNE DELLA SARDEGNA" Il bando prevede la realizzazione di un elaborato, presentato in forma di saggio, articolo o altra forma di prosa, finalizzato allo sviluppo di un progetto di studio e ricerca inerente il seguente argomento: "Tutela ambientale e valorizzazione paesaggistica: idee, progetti ed azioni innovative per lo sviluppo delle aree interne della Sardegna".
    scopri di più >>