Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Ichnussa: analisi sull'origine del termine
    Antica denominazione della Sardegna; dal greco ichnos = orma, pianta del piede. Si ritiene ancora oggi, sbagliando, che tale denominazione sia più antica di Sardò, nome dell’isola probabilmente già noto da Erodoto nel V sec a.C, come dimostrerebbe la citazione nelle sue Storie di  un mare sardonion che bagnava le coste della Sardegna. In età repubblicana la forma I. era citata da Sallustio Crispo (I a.C.), per quanto a confermarlo sia la sola testimonianza indiretta di Aulo Gellio (III d.C.); questi nelle sue Notti Attiche contrapponeva Sallustio allo storico siceliota Timeo di Tauromenio (IV-III sec. a.C.) affermando che nel primo si trovava I. e nel secondo Sandaliotis. Plinio nella Naturalsi historia (I sec. d.C.) andava più lontano nel tempo, rendendo noto che: Sardiniam ipsam Timaeus Sandaliotim appellavit ab effigie soleae, Myrsilus Ichnusam a similitudine vestigii, e cioè, che già Mirsilo di Metimna, (autore di una storia locale e vissuto nel III a.C.) chiamava l’isola I. per la sua forma simile all’impronta di un piede (a similitudine vestigium), mentre Timeo conosceva la variante Sandaliotis, ossia “forma di sandalo” (ab effigie soleae).
    scopri di più >>
  • Antonio Marras: una performance teatrale per una collezione tra sogni e moda
    Degna di una fiaba. Ma scritta da Shakespeare. E rivista dai fratelli Grimm. Riletta da Allan Poe e Carol Rama. E poi nascosta. Per essere letta e riscritta ancora, dal genio di Antonio Marras che le dà vita, in una Milano che riscopre il sole in piena settimana della moda. Gli spazi della Triennale, che ospitano la monumentale mostra Nulla Dies Sine Linea (ne abbiamo parlato qui), una finestra sconfinata sul Marras artista, diventano sede privilegiata per presentare la collezione moda uomo e donna della prossima stagione invernale non attraverso una sfilata ma con una spettacolare performance, Haunted.
    scopri di più >>
  • Aspettando Bandidos e Balentes "Il codice non scritto"
    In questo nuovo anno il film più atteso dai sardi è sicuramente Bandidos e Balentes di Fabio Manuel Mulas. L'opera propone uno spietato spaccato del centro Sardegna degli anni cinquanta sessanta, tristemente famoso in tutta Italia per il banditismo, le uccisioni e i sequestri di persona. Ne è risultato un thriller drammatico e coinvolgente che si inserisce nel filone cinematografico dedicato al centro Sardegna e ai suoi protagonisti da Far West, riportando però in primo piano i temi archetipici quali la fede, il matriarcato, l'abigeato, le faide familiari, il senso di giustizia individuale, la diffidenza verso lo Stato e le istituzioni.
    scopri di più >>
  • L'antica arte della lavorazione delle mandorle sarde
    Un mosaico propositivo ai piedi del monte Corrasi che con la sua imponenza culla l’abitato di Oliena e le sue attività floride che dispongono in prominenza il territorio. E’ la mescolanza vincente di due giovani che hanno rinvenuto l’idea equanime per mettere in evidenza un prodotto tipico della Sardegna. Grazie all’impegno dell’agronomo Marco Massaiu, 44 anni a maggio, diplomato Perito Agrario all’Istituto Tecnico Agrario Statale “Bernardo Brau” di Nuoro e Laurea in Scienze Forestali presso L’Università degli Studi di Sassari, Facoltà di Agraria e la concezione imprenditoriale del 31enne Giorgio Carente. E’ quest’ultimo il titolare della “Hivu – Lavorazione e Confezionamento Mandorle” che di casa sta ad Oliena, dove entrambi risiedono.
    scopri di più >>
  • Iosto, il figlio di Ampsicora protagonista della guerra sarda contro i Romani
    Hostus, Iosto o Osto, figlio di Hampsicora, protagonista durante la guerra annibalica dell’accordo dei Sardi con il senato di Cartagine nel 215 a.C. e della guerra sarda contro i Romani.  Il nome del figlio di Hampsicora, Hostus, di dubbia interpretazione, compare tre volte in Livio, XXIII,40-41, con riferimento allo scontro svoltosi nella provincia romana di Sardinia dopo la battaglia di Canne:
    scopri di più >>
  • Intervista a Chiara Murru: non rinuncerei mai alla “me” performer
    Chiara Murru è insegnante, attrice e regista nello Spazio-T scuola di teatro e centro di aggregazione e produzione teatrale di cui è socia fondatrice. Vincitrice del Premio Miglior Regia al Roma Fringe Festival 2012, con lo spettacolo "Il Sentiero dei Passi Pericolosi – una tragedia stradale" di M.M. Bouchard. È ideatrice e regista della performance con le maschere dei mamuthones "#KOI cantando danzavamo" progetto selezionato da CeDAC per #giovaniidee 2015 cooprodotto da Le Ragazze Terribili. Collabora con Sardegna Teatro (Teatro Stabile della Sardegna). Abbiamo incontrato Chiara per una chiacchierata sul suo lavoro, sul teatro e lo Spazio T di Alghero: culla di arte e cultura in Sardegna.
    scopri di più >>