Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Bruno Murgia
    Bruno Murgia, 48 anni, nuorese, è stato consigliere regionale e parlamentare, occupandosi per lo più di cultura. È giornalista pubblicista e ha collaborato con diverse testate. La passione per la comunicazione lo parta a fondare il primo blog politico in Sardegna. Dal 2013 è presidente dell’Istituto Etnografico Regionale. Lo abbiamo incontrato per discutere di Cultura, Tradizione e ovviamente di Sardegna.
    scopri di più >>
  • Dialogando con Francesca Petretto: originaria di Buddusò, vive A Roma
    Per rincorrere i suoi desideri, Francesca Petretto, vive da diversi anni a Roma ma ama definirsi “fieramente sarda” da 34 anni. Originaria di Buddusò il paese famoso per il granito, ha vissuto nell’isola tutta la sua infanzia e gran parte dell'adolescenza.
    scopri di più >>
  • “Maria di Isili”, Il Libro di Cristian Mannu, Premio Italo Calvino
    Cristian Mannu ha vinto il Premio Italo Calvino (Premio letterario per scrittori esordienti). Il suo nome mi è apparso sotto gli occhi quasi per caso, qualche settimana fa, leggendo un articolo comparso sui Social. La curiosità è stata tanta, ma anche la gioia di aver visto che un autore conterraneo, per di più emergente, aveva vinto un riconoscimento così importante. Ho acquistato subito la versione digitale e ho iniziato a leggere nella speranza di mettere piede con la memoria in quei luoghi dimenticati, in quei paesi sperduti che hanno da dire e da dare più di tanti altri.
    scopri di più >>
  • L’eroina della chitarra Jennifer Batten in concerto a Gavoi
    Nell’ambito del progetto Jam Ensemble, il laboratorio musicale stabile nato a Gavoi nel corso del 2015, e volto a creare attorno alla musica uno spazio di condivisione e confronto tra giovani, l’Associazione Culturale S’isprone prosegue la sua attività di animazione nel territorio barbaricino.
    scopri di più >>
  • Premio Nazionale Cambosu | il 7 Maggio la consegna dei premi
    Si terrà il 7 Maggio al Centro polivalente “Franco Pintus” di Orotelli, la cerimonia di consegna del premio Cambosu. L’evento in programma , durante il quale saranno scelti il romanzo e il reportage migliori, vedrà la partecipazione di Duilio Caocci, docente all’Università di Cagliari, Gianni Filippini, direttore editoriale dell’Unione Sarda e Simona De Francisci, vicedirettrice di Videolina. Chiuderà l’appuntamento il recital letterario da opere di Salvatore Cambosu con Giovanni Carroni e musiche di Battista Giordano. Presenterà la serata Roberto Betocchi. Ospite d’onore il musicista Paolo Fresu.
    scopri di più >>
  • Augustis: le origini dell'odierno centro barbaricino
    Augustis (attuale Aùstis). Centro romano della Barbaria  (Barbagia) sarda, posto  a 800 m. di altitudine alle falde sud-occidentali del Gennargentu, a breve distanza da Sorabile (Fonni) e da Forum Traiani (Fordongianus) e dalla strada a Karalibus Olbiam per mediterranea. Augustis nel nome ricorda l’imperatore Augusto e testimonia la primitiva romanizzazione della Sardegna interna che già in età augustea fu probabilmente sede di un distaccamento della cohors Lusitanorum (corte ausiliaria formata originariamente da Lusitani).
    scopri di più >>