Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • SVM: la musica per raccontare un viaggio che parte dal cielo
    La musica, si sa, ama giocare con i limiti. Quelli fisici, quelli della mente. E per farlo viaggia, scopre, esplora e torna a raccontare, sempre. O immagina. E lo fa con suggestioni inusuali che sconvolgono e aprono porte, che offrono ali a chi fino a quel momento aveva solo bramato il cielo senza poterlo possedere. Amano viaggiare, gli SVM. Lo fanno con la ricerca musicale e soffermandosi ad ammirare il cielo stellato che avvolge la Sardegna. Pensando a nuovi mondi. Nuovi incontri. E provando a raccontarli.
    scopri di più >>
  • Si chiude a Ploaghe il Primo Simposio Internazionale di Mosaico in Sardegna
    È arrivato a conclusione il primo Simposio Internazionale di Mosaico in Sardegna che si è svolto dal 10 al 25 agosto a Ploaghe, organizzato dall'associazione Sardinia Contemporary Mosaic & Art insieme a diversi sponsor e soci locali, e accolto con grande entusiasmo e simpatia dalla comunità ploaghese.
    scopri di più >>
  • Ascoltare della buona musica al Time in Jazz
    Non poteva che essere Berchidda il paese del Festival Sardo del Jazz. Non poteva che essere Berchidda perché, quando si dice jazz, in Sardegna, viene in mente solo un nome: Paolo Fresu. E quando si dice Paolo Fresu, in Sardegna, viene in mente un solo paese: Berchidda appunto, il centro del Sassarese, avvinghiato ai primi passi del monte Limbara che ha visto nascere, e crescere, il noto trombettista. La rassegna prende il nome di Time in Jazz ed è diventata un appuntamento che, ormai dal lontano 1988, coinvolge musicisti di fama internazionale.
    scopri di più >>
  • Festival "Musica sulle Bocche"
    Si svolgerà dal 25 al 28 agosto l'edizione 2016 del Festival Internazionale di Jazz a Santa Teresa Gallura. Ideato e diretto dal musicista Enzo Favata, la rassegna si caratterizza per lo stretto legame tra musica e paesaggio. Tra i nomi in programma, il sassofonista statunitense Tim Berne, il trombettista norvegese Nils Petter Molvaer, il pianista Antonio Faraò con il sassofonista americano Chico Freeman, il duo britannico Hang Massive, l'elettronica di Saffronkeira.Grande attesa per i concerti al tramonto nella Valle della Luna, al Faro di Capo Testa e all'alba sulla spiaggia di Rena Bianca.
    scopri di più >>
  • Lettera aperta della Presidentessa Onda Rosa - Nuoro a Francesco Pigliaru
    Gent.mo Presidente Francesco Pigliaru facendo seguito a ciò che l’Associazione Prospettiva Donna di Olbia le scrive, anche l’Associazione Onda Rosa di Nuoro vorrebbe esprimerle alcune gravissime preoccupazioni che riguardano la libertà di noi donne tutte.
    scopri di più >>
  • Cristina Dore: una Mariposa dall’elegante sensualità
    “Una donna che danza ha certamente l’esigenza di comunicare qualcosa, di esprimere i suoi sentimenti più spirituali e, perché no, anche di osare! Credo che spesso dietro lo sguardo di una danzatrice del ventre ci sia un mondo enorme fatto di metamorfosi, persuasione, voglia di dimostrare l’essere donna in tutto e per tutto, ma anche spensieratezza, gioco, armonia”.
    scopri di più >>