Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a...Daniela Ducato
    Portavoce di un'innovazione sana, attenta alla natura e basata sulla pace, Daniela Ducato, pluripremiata innovatrice sarda della green economy italiana, con le sue linee produttive Edilana ed Edimare, coordina il polo produttivo “La Casa verde CO2.0” che raduna un gruppo di 73 aziende di cui 42 con sede in Sardegna, specializzate in materiali edili sostenibili. Una realtà industriale nuova, che guarda a un'architettura di pace, per usare le parole della fondatrice. Daniela Ducato, dopo esser stata insignita del titolo di Cavaliere della Repubblica, è da maggio testimone italiana del saper fare ad Expo. La conosciamo meglio all'interno di questa intervista che parte dal modo in cui gli scarti possono diventare risorse per raccontare un nuovo modo – possibile – di fare edilizia sostenibile.
    scopri di più >>
  • Dissetarsi a Su Gologone
    La gente arriva a Su Gologone con le taniche vuote e riparte con i bagagliai delle auto straripanti di scorte d’acqua. In una terra che è stata a lungo arsa per la siccità, questa sorgente non ha mai smesso di pompare i suoi trecento litri al secondo di acqua purissima: l’acqua del Supramonte, alla costante temperatura di undici gradi centigradi, dolcissima e pura come nessun’altra nella zona. I comuni limitrofi se la litigano: tutti vorrebbero vederla scorrere dai rubinetti delle proprie case. Gli assessori si battono in consiglio per portarla alle loro comunità, o per conservare il privilegio di averla. La stampa si interessa e dà risalto all’argomento. Qui di seguito gli stralci di un articolo apparso sul quotidiano «La Nuova Sardegna» del 27 agosto 2008, Liscia, gasata o …Su Gologone: “Per gli olianesi che erano convinti di scegliere quest’ultima soluzione nel bere un bicchiere d’acqua dal proprio rubinetto c’è ora una quarta e inaspettata opzione: abbanoa (acqua nuova), a detta di molti con un sapore e una colorazione che, rimanendo in tema pubblicitario, non ti aspetti. Il mixage dell’acqua nessuno se lo aspettava. Ed è per questo che non va giù a molti cittadini di Oliena.
    scopri di più >>
  • Le Maschere di Fonni e Teti premiate dalla Federazione europea del Carnevale
    Risuona incessante il rumore dei campanacci tra le vie di Leskovac in Serbia. Tra pelli di animali, orbace e volti tinti di nero, le maschere carnevalesche della Sardegna, uniche rappresentati per l’Italia alla manifestazione, conquistano pubblico e giuria ottenendo il premio come migliore rappresentanza nazionale. La Manifestazione, organizzata per l’occasione nella cittadina Serba di Leskovackog, s’inserisce all’interno del circuito regolamentato dalla “Federazione Europea del Carnevale” e nella tappa di inizio Luglio ospitava una rappresentanza di ben 47 gruppi provenienti da tutta Europa. Per la Sardegna erano presenti “Urthos e Buttùdos” di Fonni e l’associazione culturale “Su Sennoreddu e s’Iscusorzu di Teti”. 
    scopri di più >>
  • Paesi di montagna dai Nomi Inventati e la Metropoli di Cagliari
    Lo scrittore Gianni Marilotti vive e lavora a Cagliari dove insegna Storia e Filosofia nei Licei. Ha curato diverse pubblicazioni di carattere storico-politico; fondatore e presidente dell’Associazione culturale “Mediterranea”, si occupa attivamente di Storia del Mediterraneo e di cooperazione allo sviluppo. È autore, tra gli altri, del volume “Italia e Nord Africa” (Carocci Editore, 2006) e del saggio “Dall’interdipendenza all’interindipendenza” comparso nel volume curato da Antonio Sassu e Sergio Lodde “Tra il vecchio e il nuovo. I movimenti politici nel Nord Africa” (Aracne Editrice, 2013).  Nel 2003 ha esordito nella narrativa con “La quattordicesima commensale” (Il Maestrale) vincitore del  Premio Letterario “Italo Calvino” e del Premio Nazionale “Marisa Rusconi” come migliore opera prima edita in Italia nel 2004.
    scopri di più >>
  • River of Gennargentu: il bluesman dall’anima punk
    Il Mississippi nasce nel Minnesota, attraversa gli Stati Uniti, da Nord a Sud, per migliaia di chilometri, per poi riversarsi nel golfo del Messico. A New Orleans. Il Taloro scorre tra le province di Nùoro e Oristano, dal Gennargentu, attraverso Barbagia di Ollollai, Mandrolisai e Barigadu, per sfociare, dopo poche decine di chilometri, nel lago Omodeo.  Eccezion fatta per il fatto che sono due fiumi, non sembrano avere molte altre affinità. Eppure qualcosa ci deve essere.
    scopri di più >>
  • Racconti da Aggius: Monti Fraili
    Si racconta che il diavolo abbandonò Monti di la Cruzi per recarsi su questo monte. Pare che il suo nome derivi dal fatto che ci fossero dei “fraili” (nella parlata locale, questo termine indica delle fucine, ossia i laboratori del fabbro) dove si coniavano monete false utilizzate per pagare le imposte. Fu il diavolo che sul “Monti Fraili” protesse i falsari che vi ebbero la fucina nel 1639. Vennero squadroni di soldati del re per catturare i falsari e distruggere quei laboratori, ma essi non trovarono mai niente.
    scopri di più >>