Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a... Barbara Serra
    Barbara Serra, classe 1974, nasce a Milano da padre sardo e madre siciliana. Giornalista professionista, ha lavorato per le redazioni della BBC, di Sky News e di Five News. Dal 2007 è conduttrice della redazione londinese di Al Jazeera English. Il percorso formativo, prima, e quello lavorativo, poi, sono rappresentativi della sua personalità cosmopolita. Dopo un’infanzia trascorsa in Italia e un’adolescenza in Danimarca, si trasferisce a Londra dove consegue la laurea in relazioni internazionali presso la London School of Economics. Nel corso della sua carriera ha firmato vari servizi di cronaca in diverse parti del mondo. Degne di nota sono le corrispondenze da Roma, durante i funerali di papa Giovanni Paolo II e la causa giudiziaria che ha visto come protagonista Michael Jackson. Per l'emittente araba Al Jazeera, ha condotto importanti inchieste a Washington, dalla Striscia di Gaza, in Israele e Cisgiordania. Durante il viaggio apostolico di Papa Benedetto XVI in Terra Santa, è stata la prima giornalista della predetta emittente ad essere accreditata al seguito della delegazione papale.
    scopri di più >>
  • Ottavio Olita: una storia di emigrazione e passione per la Sardegna
    Giornalista Rai, originario della Basilicata arrivò in Sardegna grazie all’amore della sua famiglia per l’Isola. Un’affascinante storia di integrazione che ha connotato l’intera vicenda familiare di Olita e che viene riportata, come una cascata di ricordi nel suo romanzo," Il futuro sospeso". Ottavio Olita si è occupato dello studio delle comunità emigrate sin dagli anni Novanta quando realizzò un interessante studio legato al rapporto con i mezzi di comunicazione in occasione del Convegno F.A.S.I. Il nuraghe nel villaggio globale.
    scopri di più >>
  • Alla scoperta della bellezza in Ogliastra
    Non molto lontana dalle spiagge di Porto Cervo, eppure così distante dal mood Costa Smeralda. L'Ogliastra trafigge il cuore di chi la visita con la sua grazia selvaggia. Terra di grotte, cunicoli, di boschi antichi e pastori centenari, e certo, terra di banditi, teatro di sparizioni e di misteri, che il giornalista Attilio Bolzoni in un articolo sul bandito Attilio Cubeddu descrive come «aspra, che da una parte si confonde con l' impenetrabile Barbagia e dall'altra precipita in un mare esageratamente azzurro, cime di neve e cale al riparo dal maestrale, sperduti ovili e luccicanti imbarcaderi». 
    scopri di più >>
  • Se solo volessimo la Sardegna sarebbe un paradiso
    “Non esiste un posto al mondo bello come la Sardegna. Un patrimonio ambientale e culturale unico. La Sardegna è un paradiso.” Una frase che è testimonianza d’affetto, un’iperbole di chi ha la Sardegna dentro, di chi ha l’orgoglio di vivere in un isola con una grande storia ed un grande potenziale. Un patrimonio che avrebbe potuto e dovuto accendere il futuro. Quante volte anch’io ho scritto e ripetuto questa frase, una frase evidentemente bugiarda. Bugiarda perché il mondo è grande e pieno di posti belli. Vera perché ogni luogo, a modo suo, è unico.
    scopri di più >>
  • Mediterraneo Tropicale
    Nonostante un inizio incerto ed una stagione caratterizzata da un clima pazzerello, Luglio si è concluso registrando il record storico di passeggeri solamente nello scalo olbiese e si stima che a fine anno potrebbe essere abbattuta la soglia dei 2 milioni di viaggiatori che attraversano questo aeroporto. Attenderemo la fine del periodo vacanziero prima di stilare dei bilanci definitivi relativi alla stagione in corso, ma è bene sapere che il mare in Sardegna e tutto il Mediterraneo hanno attualmente raggiunto un altro primato: sono letteralmente invasi da specie tropicali aliene. Se da un lato questo evento può render felici gli amanti avventurosi del mare e soddisfare la vista dei subacquei, d’altra parte potrebbe creare non pochi problemi ai bagnanti o a chi semplicemente ricerca il meritato e tanto agognato riposo in tutta tranquillità, senza imbattersi in spiacevoli incontri ravvicinati.
    scopri di più >>
  • Cuor di Sardegna: Arianna Franceschi dichiara il suo amore alla Sardegna
    Ci sono libri che scegli accuratamente e libri, invece, che accuratamente scelgono te. Libri dalle copertine poco blasonate che ti conquistano trasmettendoti passione. Cuor di Sardegna è uno di questi.In libreria dal 16 giugno 2014 l’opera di Arianna Franceschi, edita da Edizioni della Sera, è “una lunga dichiarazione d’amore” per una terra magica e misteriosa. Un viaggio nel quale si ripercorrono i suoni e i colori di un’Isola dai mille contrasti rievocando storie, riti e tradizioni di una Sardegna senza tempo.
    scopri di più >>