Do you speak... su Sardu?

    - Irene Bosu*-

 

Sono tre i protagonisti della storia che vi voglio raccontare, si chiamano Riccardo Laconi, Elisa Melis e Marco Daga. Sardi, giovanissimi e hanno in comune l'amore per la loro lingua madre. Riccardo, promosso a pieni voti, durante l'esame di terza media ha parlato di Emilio Lussu, D.H Lawrence e bioedilizia, rigorosamente in limba. Elisa, come il piccolo Riccardo, avrebbe voluto sostenere una parte dell’esame di maturità in sardo, ma una docente della commissione esaminatrice, pugliese, gliel’ha impedito. Marco, invece, appena diplomato all’Ipsar, (l’Istituto alberghiero di Sassari) ha voluto illustrare nella sua lingua madre un prodotto tipico di Gavoi: “Su coccone cun fozza” - una ricetta sarda non può che essere descritta in sardo!- ha dichiarato. Da settimane si parla di loro, nel bene e nel male. In particolare, sul web sono nate polemiche, pensieri contrastanti, c'è chi si domanda quale sia l'utilità di interloquire in sardo davanti a una persona che non lo capisce, altri sostengono che i giovani di oggi dovrebbero pensare più all'inglese e alle altre lingue straniere, qualcuno accenna che il sardo sia una lingua da lasciar perdere.

A mio parere esprimersi in sardo non può che essere una ricchezza interiore, non rappresenta né un freno, né un limite. Questo non implica una chiusura nei confronti delle altre lingue. Anzi, abbiamo la fortuna di poterci esprimere in italiano e con le lingue straniere che ci vengono insegnate a scuola o che impariamo durante le nostre esperienze all'estero, senza tralasciare la nostra lingua madre. Il sardo rappresenta le nostre radici, la nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato.

La mia attenzione è ricaduta su un'affermazione dell'antropologo Bachisio Bandinu: “ogni volta che muore una parola si spegne una stella”. Quando muore una lingua si oscura un cielo. Oggi nel mondo ci sono seimila lingue: tremila spariranno nel giro di trent’anni. Muoiono le parole, i proverbi, le metafore che per secoli un popolo ha usato per amare, lavorare, comunicare. Muore persino quella parte del sentimento e della ragione che solo quella lingua incorpora in una specificità secolare e intraducibile. L'esigenza di esprimersi in italiano corretto e di imparare le altre lingue straniere è una priorità che non può che basarsi sulla nostra lingua madre e sulla cultura del proprio territorio.  Altrimenti, come dichiara Bandinu, si attua un' acculturazione forzata che produce uno spossessamento e una alienazione.

La nostra lingua va difesa perché traccia sentieri, ci racconta, ci riporta ad un antica memoria che è quella della civiltà delle origini. Occorre, dunque, fare in modo che il sardo, che tanto ci riempie di profumo di autenticità, di vecchie tradizioni, di magia, non si trasformi in un vecchio ricordo. Non lasciamo che diventi una lingua in estinzione.

A menzus bidere e... see you soon!

 

*FocuSardegna

FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • 10 domande a...Michele Pintus
    Classe 1941, Michele Pintus ha studiato a Macomer (elementari), Olbia (medie), Sassari (liceo) per terminare a Cagliari dove, nel  1961 consegue la laurea in Ingegneria edile con orientamento architettonico avviando la carriera universitaria. Docente di Disegno, rappresentazione del territorio e storia dell'architettura, ha sempre svolto attività professionale prevalentemente nel campo architettonico; è suo il progetto per il recupero del colle e del Castello di San Michele a Cagliari, del parco di Monte Claro, della Facoltà di Psicologia e dell'hotel Caesar's. Ha partecipato e organizzato numerosi congressi, è autore di diverse pubblicazioni tra le quali ricordiamo i volumi sui centri storici di Cagliari  (Castello, Marina, Villanova e Stampace). È stato presidente dell'Automobile Club Cagliari, presidente dell'Associazione italiana di illuminazione (AIDI) per la sezione Sardegna, attualmente è presidente della sezione Sardegna dell'Istituto Italiano dei Castelli, di cui è anche vicepresidente nazionale. Con lui abbiamo affrontato principalmente le tematiche relative alla salvaguardia e tutela delle strutture storiche, alla necessità di far conoscere e apprezzare la storia sarda e alle prospettive del turismo culturale in Sardegna.  
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>
  • Vestirsi di sughero nella capitale gallurese
    C’era una volta una ragazzina di nome Anna, cresciuta in un borgo con una lunga tradizione di tessuti e sartoria. Anna imparò fin da bambina, dalle esperte donne del suo paese, a usare il telaio. Tale era la sua passione per quest’arte antica e meravigliosa che un giorno, ancora adolescente, preferì la sartoria alla scuola. La madre, contraria a questa ostinata decisione, fu costretta a mandare i carabinieri a riprendere la figlia. Ma Anna continuò a cucire, testarda, finché, raggiunta la maggiore età, poté aprire la sua piccola sartoria.
    scopri di più >>
  • A Carbonia apre il primo Concept Store multitasking
    Mondi in cui perdersi tra moda, design, allestimenti, libri e profumi dove più che far acquisti ci si reca per vivere un’esperienza. Così si potrebbero riassumere i concept store, nuova tendenza che spopola soprattutto a Milano maestra di moda e design. Un’innovazione che arriva, con una svolta geniale, anche in Sardegna. Merito di due giovanissimi imprenditori, Sonia Muroni e Graziano Mannu, già attivi nel settore florovivaistico e del complemento d’arredo che hanno deciso di evolversi e creare, a Carbonia, qualcosa di completamente nuovo.
    scopri di più >>
  • A Nuoro la terza edizione del Concorso Enologico Nazionale B'nu
    Il 19, 20 e 21 Dicembre a Nuoro, presso l'Exmè di Piazza Mameli, si terrà il B’Week, un intero fine settimana in prossimità delle festività natalizie dedicato al settore enologico, con piacevoli momenti di intrattenimento studiati per esaltare la cultura dell’alta cucina ed in particolare dell’eccellenza vinicola. Il B’Week è l’evento conclusivo della Terza Edizione del Concorso Enologico Nazionale B'nu, promosso dalleCamere di Commercio di Nuoro, Oristano, Cagliari e Sassari, d'intesa con l’Agenzia Laore, l’AIS - Associazione Italiana Sommelier, l’O.N.A.V. - Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino e il Comune di Nuoro. Il concorso, approvato dal Ministero per le Politiche Alimentari, Agricole e Forestali,  è dedicato ai vini IGT, DOC e DOCG prodotti in tutto il territorio italiano, suddivisi in tre categorie: bianchi, rossi e vini da dessert, con una sezione speciale riservata ai vini biologici DOC e DOCG.
    scopri di più >>
  • Motivi non convenzionali per tornare a vivere in Sardegna.
    Elencare i motivi del perché si è emigrati e del quanto sia bello vivere all'estero sembra essere diventato un po' l'hobby nazionale. Vorrei però offrire un punto di vista differente e speculare sui vantaggi che si otterrebbero oggi nel tornare a vivere in Italia e, nello specifico, in Sardegna.
    scopri di più >>