Dopo anni, decenni, passati ad aspettare, arriva una mail, nel cuore della notte, precisamente alla mezzanotte e un minuto, che sulla base di un "algoritmo" decide il destino di migliaia di docenti. Docenti ormai non più giovanissimi, dall’età media di 45 anni! Che dopo anni di studio, esperienza a servizio dello Stato per mandare avanti la scuola italiana si ritrovano la "sentenza" scritta in due righe, davanti agli occhi! Senza possibilità di scelta. Una vera e propria lotteria, un meccanismo informatico perverso, poco trasparente di cui si sa ben poco! Anzi nulla!

Tutta la categoria degli insegnanti da mesi vive un incubo, che solo chi è coinvolto può capire purtroppo. Dal mese di marzo a tutt’oggi davanti al PC,ormai è diventato un'appendice, una parte di noi, perennemente connessi, in qualsiasi luogo, persino in bagno, a qualsiasi ora del giorno e della notte, a discapito della proprio benessere psicofisico e della propria vita personale. Dal mese di marzo riunioni, incontri, scioperi, sit-in, fiaccolate, presidi, flash mob, sino a ieri!!! Giornate d'inferno! Di tutto per cercare di farci ascoltare da questo governo della "Buona Scuola". Niente, loro imperterriti come treni sono andati avanti. Calpestando tutti i diritti maturati e acquisiti nel tempo, in tantissimi anni, da ciascun docente inserito nelle graduatorie. Loro l’hanno chiamata "Buona scuola", ma di buono questa nuova scuola non avrà niente! La carissima “Buona Scuola” del governo Renzi che tanto ha utilizzato per farsi i migliori spot con le (false) assunzioni, si basa solo su un sistema fortemente anticostituzionale, illegale e discriminatorio. Un ricatto bello e buono! Sappiamo tutti che le assunzioni è stato costretto a farle in seguito ad una sentenza della Corte Europea!

Un sistema discriminatorio perchè hanno suddiviso la categoria degli insegnanti in settori! Serie 0, A, B, C! Le prime due serie: 0 e A meritevoli di un certo trattamento, come ad esempio: assunzioni nella provincia scelta. Le serie B e C da espatrio forzato! Carne da macello, svendita, saldi! Professionalità e vite all’asta! Perché chi rientra in queste due fasi si ritrova in una delle cento province italiane inserite OBBLIGATORIAMENTE nella domanda! Quindi stessa categoria lavorativa, stessi requisiti, ma trattamento diverso! In quale altro settore lavorativo accade ciò???????? Il sempre bravo GRANDE governo guidato da Renzi, ha comunque detto che nessuno era obbligato a fare domanda. Quindi secondo loro per noi è stata una scelta. Si è vero si poteva scegliere di non fare domanda, ma tale scelta consisteva nel restare senza lavoro nella propria regione, o facendo domanda, abbandonare tutto, famiglia, amicizie e andare a sopravvivere al nord, dove con 1200 euro puoi solo sopravvivere, e sicuramente ne devi aggiungere tanti altri di soldi, per andare avanti. Il tutto non dimentichiamoci che avviene spesso e volentieri intorno ai 50 anni. Perché, a 25/30 anni forse, ci stanno anche bene le avventure, ma a 50 anni penso che ognuno di noi abbia il diritto di scegliersele le avventure da affrontare!

Tutto ciò non perchè vogliamo il posto di lavoro sotto casa, come qualcuno ha affermato, ma semplicemente perchè i posti nella nostra regione ci sono! Chi vive in Sardegna è fortemente penalizzato! Doppiamente penalizzato, rispetto ad esempio ad un campano e non solo in termini economici, ma anche per l’assenza di collegamenti con certe zone della penisola. Un campano può prendere un treno, noi sardi no! Quindi se tu Stato mi obblighi ad andare fuori, come minimo mi paghi l’alloggio e le trasferte come si fa con i militari! Qual è quindi la logica di questo piano folle?? Forse portare le persone a rinunciare a tale ricatto autolicenziandosi, in modo da poter poi dire a reti unificate, con tutte le sue piccole slide: gli italiani stanno bene, non hanno bisogno di lavorare! Menti malate! Scusate lo sfogo, ma credo sia giusto far capire cosa si nasconde dietro certi squallidi slogan!

Carla Loi 

Metaforica immagine dell’autrice dell’articolo, agganciata ad un treno in attesa del suo destino