PROFUMO DI NATALE IN CUCINA

ANNALISA ATZENI CI RACCONTA LE TRADIZIONI SARDE

Annalisa Atzeni, di Sisini, cuoca professionista specializzata in cucina tipica sarda, vive con la grande passione degli antichi mestieri e dei prodotti locali.  Ci parla delle tradizioni sarde e ogni sua parola apre e rimanda a mille discorsi, tempi e ricordi.   

 

Ci racconta le tradizioni legate al tempo di Natale in Sardegna e subito siamo come iniziati a un arcano composto di mille storie semplici: la sua e di un’intera popolazione. Dal ricordo all’antropologia il passo è breve. Annalisa ha conservato la memoria della sua famiglia. Ha raccolto e registrato i ricordi di suo padre, sua nonna, di sua madre e suo zio. La sua voce, a tratti emozionata, parte da un respiro lontano.

“Tutto quello che dava l’autunno veniva conservato e preparato per sa Paschiscedda (piccola Pasqua: nascita di Gesù): uva, mele cotogne, melegrane, la sapa...  A novembre si ammazzava il maiale”.

La festa più solenne dell’anno diventa subito motivo per constatare la divisione tra ricchi e poveri: i proprietari mangiavano il maialino e l’agnello, tutti avevano una gallina per il brodo della Vigilia ed era raro non avere un maiale da mettere all’ingrasso. I poveri non avevano niente, tuttavia, durante la festa dell’uccisione del maiale, i ricchi regalavano qualche taglio di carne a chi non poteva.

Nelle zone vicine al mare, come nella provincia di Cagliari, alla Vigilia si cenava di magro - e lo si fa ancora oggi - con il pesce e le frattaglie.

Diventava festa grande anche quando qualche giorno prima si faceva il pane. Il coccoi pintau è il pane delle feste, quello più candido e decorato, fatto di semola, acqua, lievito e sale: i soliti ingredienti ma lavorati più a lungo e con maggiore esperienza  fino a ottenere un impasto liscio che una volta cotto si presenta con una crosta sottile come il guscio dell’uovo, decorata come se si trattasse di un metallo prezioso lavorato a sbalzo e filigrana, molto simile ai gioielli sardi. Alcune forme fanno sognare i bambini e a loro venivano regalate insieme a frutta secca e mandarini, piccoli doni semplici destinati a diventare indelebili ricordi una volta diventati adulti.

Il pane si afferma anche a Natale quale cibo simbolo di carità cristiana ed emblema di eucaristia, cibo che non viene negato a nessuno e che viene assicurato ai poveri. Ma questo succedeva anche con la pasta che era preparata in occasione del giorno dei morti. Il pranzo quotidiano consisteva di solito in una semplice minestra ma durante  sa dia de macarronisi, il giorno dedicato alle anime dei morti, il pranzo diventava speciale a basta di pasta che veniva fatta in casa. Per i poveri si trattava dei malloreddus (gnocchetti) e  sa fregula (o freula,  fregola), mentre chi aveva formaggio e ricotta preparava la  pasta ripiena, come alcune varietà di ravioli, tra i quali i celebri currujonis (o culurgionis, culurxionis, culirgiones culurzones, culurjones, culirjonis, culunjonis, culinjonis, culurzones…). Tutto in nome di una sacrale partecipazione dei poveri.

La Sardegna, come ogni regione d’Italia e del mondo, ha il suo pane dolce tradizionale fatto con gli ingredienti a disposizione donati dalla terra. Il pane e’sapa è nero, compatto, umido, profumatissimo e dal sapore intenso conferito dalla sapa, lo sciroppo ottenuto mediante  un’interminabile cottura del mosto insieme alle spezie. Il mosto è un ingrediente prezioso e alle volte introvabile  così che spesso  è sostituito dal fico d’india dal quale si estrae uno sciroppo.

Il primo giorno di gennaio, capodanno, compare ancora la pasta come simbolo di prosperità. La bisnonna Chiara preparava su trigu cottu (il grano cotto), preparato per la benedizione della famiglia, dei vicini e per la casa, dei campi e del cielo.  Si aufurava così un anno ricco di grano e fonte di vita sicura.

Condivisione ricorre spesso nelle parole di Annalisa: le donne preparavano il cibo e non dimenticavano mai di serbarne una parte per i poveri, per gli amici, i vicini e soprattutto per il nonno e la nonna.

Annalisa Atzeni da circa sei anni è presidente del Comitato antichi mestieri della Trexenta e pratica la condivisione del suo sapere con gli adulti e con i bambini dai 4 agli 11 anni, che imparano da lei l’arte di preparare le ricette tradizionali sarde e di fare la pasta violada o violata, la base di molti dolci sardi a base di semola e strutto. Gli allievi apprendono anche la tecnica di lavorazione della pasta per il pane e le paste alimentari, comprese le preziose lorigghitas, originarie di Morgongiori, per le quali occorre un lavoro di 3 per  ricavare 1 kg di pasta.

 Annalisa condivide con i suoi allievi anche il suo prezioso lievito madre. La condivisione è l’ingrediente più bello e più antico: si tratta di un’attitudine non solo alla generosità ma soprattutto al rispetto per l’altro.

Il tessuto sociale sardo affonda nella tradizione contadina e pastorale, una memoria che va salvata e che può, attraverso la difesa delle biodiversità e uno stile di vita sostenibile, individuare la via della salvezza del pianeta. È un modo di vivere e del quale essere orgogliosi, che non è solo del fare ma anche del dare.

Maria Milvia Morciano

 

LE RICETTE DI ANNALISA ATZENI PER NATALE

 

Pane delle feste (Pane Pintau)

Ingredienti: semola fine,  acqua, sale e lievito madre.

Procedimento: impastare 1 kg di semola fine un quarto di acqua tiepida con due cucchiaini di sale fino, 200 gr di lievito madre finché  l’impasto risulta liscio, quasi setoso.  Mettere a riposare alcuni minuti,  quindi  fare le forme,  lievitare e infine mandare in cottura con il forno a temperatura moderata  per 15/20 minuti.

Pane e sapa

Ingredienti: sapa, fiore sardo (farina di semola di grano duro sardo), tre o quattro uova, noci, mandorle, uvetta, lievito madre, cannella e scorza d’arancia tostata.

Procedimento: in poca acqua, ravvivare il lievito (circa 400 gr) e quando è ben sciolto aggiungere la farina, la sapa e fare un impasto omogeneo. Aggiungere le uova, le mandorle e le noci tostate e tritate, la cannella e l’uvetta. Amalgamare il tutto e  far riposare per circa un’ora.  Lasciare a lievitare  per almeno 24 ore.  La giusta lievitazione si riconosce quando la superficie diventa liscia. Dare la forma e mettere in forno a temperatura moderata per 40 minuti, lasciare  raffreddare, ricoprire  di sapa e decorare le forme con  “sa traggera”, con noci e mandorle.

Gueffus

Ingredienti: mandorle, zucchero, limone (la scorza grattugiata), acqua fior d’arancia, zucchero a velo.

Procedimento: pulire e tritare finemente 400 gr di mandorle, aggiungere la scorza di limone e due cucchiai di acqua al fior di arancio; mettere 200 gr di zucchero in un tegame con mezzo bicchiere d’acqua di fior d’arancio, cuocere a fuoco basso per alcuni minuti, lasciare intiepidire e quindi formare delle palline, disporle in un vassoio e passarle nello zucchero a velo.  Quando sono ben asciutte avvolgerle nella carta velina colorata, a forma di caramella.

 

 

Annalisa Atzeni

rappresenta per la Sardegna

 l’Associazione Nazionale Cuoche a Domicilio

contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Facebook/ Istagram:  annalisaatzenieleantichetardizionissarde

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>