RACCONTARE NELLE SCUOLE IL RISPETTO VERSO LE DONNE

L’IMPEGNO NEL SOCIALE DELL’ECLETTICA GIORNALISTA CLAUDIA SARRITZU

L'ultima volta che ho intervistato Claudia Sarritzu, girava l'isola presentando il suo libro sulla crisi economica: “La Sardegna è un'altra cosa”. Da circa due anni su Globalist invece racconta l'orrore della violenza contro le donne.

 

Cosa ti ha spinto a occuparti di questo tema?

Quando sono arrivata a Globalist mi sono ritrovata in un sito specializzato in intelligence. Sono dovuta crescere molto in fretta. Abbandonare una concezione ristretta che avevo di giornalismo per tuffarmi in un'avventura molto più grande di me. L'Isis come Califfato, non solo come gruppo terroristico, sembrava invincibile, Era il 2014. Usa e Russia non si decidevano a intervenire e i jihadisti conquistavano Siria, Iraq, Libia, tentavano di arrivare in Egitto. Gli unici che sul campo cercavano di fermare la lucida follia di al Baghadi erano i curdi. Uomini e donne. Mi sono appassionata alle combattenti Ypg e ho sposato la loro causa che andava oltre la naturale volontà di sconfiggere Daesh. Volevano smantellare un modello culturale che le vedeva sottomesse- non solo in quanto curde -quindi facenti parte di una nazione ma prive di uno Stato, ma in quanto donne. Ho maturato che scrivendo di loro avrei, nel mio piccolissimo, scritto di tutte le donne oppresse ma che avevano il coraggio di reagire. Quanto sono belle le donne che lottano? Poi ho allargato lo sguardo sull'Occidente e sono atterrata alla cronaca nazionale: una donna ammazzata ogni tre giorni da un uomo che diceva di amarle. Un orrore che non volevo ignorare. Nonostante abbia sempre detestato la cronaca nera.

E' una sfida molto ardua. Ci vorrà tantissimo tempo prima di cambiare la mentalità patriarcale. Scrivendo della violenza contro le donne come credi di contribuire a un cambiamento profondo dentro la nostra società?

Non mi sono limitata e non mi limito a scriverne. Non basta elencare le donne uccise o stuprate o maltrattate. Per prima cosa insieme al mio direttore Gianni Cipriani abbiamo deciso di seguire delle semplici regole di buon senso e buon gusto nell'affrontare le tematiche della violenza di genere. Siamo intervenuti nel linguaggio dei media. E' la lingua che fa una cultura ed è da qui che bisogna partire. Troppe immagini volgari e ammiccanti, troppi articoli che giustificano il carnefice e dimenticano la vittima. Non posso dilungarmi ma vi farò alcuni esempi: la scelta delle foto, titoli non offensivi per chi ha già subito un abuso, evitare di raccontare dettagli che possono ledere la dignità della donna (come raccontare la modalità dello stupro per filo e per segno). Abbiamo ripulito i nostri pezzi da tutta quella morbosità che c'è in giro. Questa è la mia piccola rivoluzione che vorrei che tante colleghe seguissero. Se ancora una grande fetta della popolazione crede che una donna violentata o molestata se l'è cercata la responsabilità è anche di chi divulga (tv e giornali compresi) questi messaggi medioevali e pericolosi.

L'educazione è il punto di partenza. Stai andando nelle scuole?

Sì, ma in verità sono io a propormi, non ci sono veri e propri inviti da parte dei docenti. Alcuni sono molto collaborativi però, e questo è davvero gratificante per chi come me crede tantissimo nel potere dell'educazione quando si tratta di rispetto (e non solo tra uomo e donna). C'è invece un aspetto che vorrei segnalarvi perché a me ha fatto parecchio riflettere. Le mie esperienze sono esclusivamente nelle scuole superiori (forse dovremmo iniziare nelle scuole medie), dove la maggior parte degli studenti ormai ha una forma mentis già plasmata. Infatti le prime classi- fino ai 16 anni- le riscontro molto più sensibili all'argomento e desiderose di liberarsi di pregiudizi e stereotipi. I 18enni invece appaiono più restii, quasi spaventati. Le ragazze non intervengono durante i dibattiti, testa china sul telefonino (disinteressate o impaurita, chi sa?) e i maschi invece prendono la parola per difendersi come se si sentissero attaccati in blocco come genere. La cosa mi intristisce. Perché credo che forse stiamo sbagliando anche noi, gli uomini non devono sentirsi condannati a prescindere. Non servono spaccature, bisogna vincere insieme la violenza. Ma ripeto: i ragazzi più piccoli mi stanno dando tante soddisfazioni e ottimismo per il futuro.

Ti consideri una femminista?

Anni fa, era il periodo di Se non ora quando, ricordo che partecipai a una riunione sindacale dove mi scontrai con delle femministe che avevano fatto il '68. Mi dissociai, dissi che non ero femminista come fosse una brutta parola. Avevo 24 anni, ero molto giovane e feci un grave errore di valutazione. Il femminismo in cui mi ritrovo io oggi, è quello del 2017. Abbiamo istanze diverse e una coscienza differente. Poi io credo nella costruzione di una società con pari diritti e dignità tra i sessi attraverso una collaborazione tra uomini e donne. Cosa intendo? Il maltrattante in carcere non deve solo pagare ma deve fare un percorso di recupero e reinserimento nella società. Se stupri o picchi una donna, dopo 5 anni massimo sei fuori e se non è previsto nelle carceri la figura di un tutor che si preoccupa della tua educazione, tornerai a reiterare il reato e a rovinare la vita di altre donne. C'è un femminismo che non contempla il ruolo dell'uomo nella nostra emancipazione. Io invece credo che ci libereremo della cultura maschilista quando convinceremo i maschi che la nostra libertà non è una minaccia per loro. Bisogna prendere per mano le nostre figlie ma anche i nostri figli in questo lungo e faticoso percorso, se no creeremo l'effetto che ho raccontato sopra e cioè ragazzi che si sentono attaccati in quanto uomini e che odieranno ancora di più le donne in quanto donne.

La Sardegna è matriarcale?

Non sono una sociologa né una storica. So per certo però che la Sardegna arcaica che ancora qualcuno immagina non esiste più. La nostra economia è globalizzata e ormai anche la nostra cultura. Il ruolo centrale della donna sarda si è perso nel momento in cui le fabbriche hanno spazzato via la pastorizia. I numeri poi confermano che i femminicidi avvengono anche qui, come gli stupri e i maltrattamenti in famiglia.

Ti manca scrivere della Sardegna?

La Sardegna sta nel mondo e io è il mondo che voglio imparare a raccontare per raccontare meglio anche la mia terra. Smettiamola di parlarci addosso. Sapere per cosa lottano le donne curde serve anche alle donne sarde.

 

Massimiliano Perlato

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>