TUTTI ASSOLTI; LA COSTITUZIONE NON SI TOCCA!

IL DIRITTO DI MANIFESTARE LIBERAMENTE IL PROPRIO PENSIERO CON LA PAROLA, LO SCRITTO E OGNI ALTRO MEZZO DI DIFFUSIONE

Si lotta per ricostruire una libertà negata per riaffermare diritti costituzionalmente sanciti stritolati da eclatanti abusi di potere. Si lotta per il mantenimento e l’evoluzione di un economia agro-pastorale fondata sul rispetto del territorio, per la valorizzazione del lavoro e dei suoi frutti in controtendenza con l’imposizione delle regole di un mercato globale che ci vede su larga scala consumatori di prodotti alimentari importati spesso non adeguatamente tracciati e dannosi alla salute.

Si lotta per contrastare una globalizzazione che inaridisce le economie locali stravolgendo le relazioni di scambio tra centri urbani e campagne che rimangono sempre più isolate nel mantenimento di quei e i valori storici culturali su cui si fonda la loro stessa identità.
Il Movimento dei Pastori Sardi manifesta da anni la necessità di un intervento urgente e concreto da parte delle Amministrazioni in termini di risorse , provvedimenti e azioni necessarie al fine di dare tregua e rilanciare le aziende su un territorio da tempo colpito da una crisi economica, spesso aggravata da calamità naturali, determinata dal crollo del prezzo del latte del 50% nel giro di due anni e del 40% del valore delle carni.
Il 28 dicembre 2010 i Pastori Sardi lasciano l’isola per incontrare a Tivoli altri Pastori provenienti dal Lazio dalla Toscana,dall’Abruzzo dalla Sicilia , dall’Umbria, dalla Puglia e dalla Calabria per poi dirigersi a Roma con l’intento di proporre al Ministero la costituzione di un Coordinamento mediterraneo dei paesi che praticano la pastorizia con lo scopo di far fronte a tutte quelle normative che penalizzano pesantemente l'intera categoria. I Pastori cercavano un dialogo con le Istituzioni di competenza che hanno di fatto l’obbligo di interagire attivamente e attuare soluzioni mirate alla ripresa economica agro-pastorale del territorio . E invece questo confronto fu loro negato. Al loro arrivo al porto di Civitavecchia i Pastori che avevano 5 autobus noleggiati ad attenderli, vennero accolti dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa e dai Carabinieri che ricevuto l’ ordine preciso di non lasciarli passare li scortarono malmenandoli senza motivo e senza distinzione di sesso ed età verso un recinto al molo 18 dove furono trattenuti con la forza per più ore, privandoli dell’elementare diritto di recarsi in bagno, di salire sui treni diretti a Roma, ma molto più semplicemente di uscire da quel recinto. Ai Pastori e alle loro famiglie veniva quindi impedito di muoversi liberamente all’interno del territorio italiano, in palese violazione dei principi sanciti nella carta Costituzionale all’art. 16 .
A legittimare l’accoglienza riservata dalle forze dell’ordine ai Pastori, le accuse a loro rivolte e lo stato di fermo a cui furono sottoposti non fu solo loro presunta pericolosità per il mantenimento della pubblica sicurezza o la mancata comunicazione della manifestazione che si sarebbe dovuta svolgere nella capitale bensì un erronea interpretazione dell’articolo 18 del TULPS-R.D.n.773/1931.

Sul bene giuridico tutelato dalla medesima disposizione è importante infatti sottolineare che l’avviso a cui l’articolo suddetto fa riferimento non è un autorizzazione ma un informativa all’autorità di pubblica sicurezza affinché se ritenuto necessario possa quest’ultima predisporre per la prevenzione di possibili disordini o incidenti. Il preavviso non costituisce quindi una condizione di legittimità, dato che riunioni precedentemente notificate possono attentare alla pubblica sicurezza e incolumità nella stessa misura di riunioni non precedute da preavviso. A nessun questore è dunque consentito di impedire che l’adunanza si svolga senza comprovati motivi su un empirica valutazione della pericolosità della riunione medesima. Attenendosi all’ art. 21 della Costituzione non può essere considerata illecita la semplice partecipazione ad una riunione né l’intervento in essa come oratore.

Dai fatti avvenuti il 28 dicembre 2010 e all’azione giuridica mossa contro i Pastori e in particolare contro Cinus Andrea , Floris Felice, Cottu Priamo emerge quindi oltre alla violazione, da parte delle forze dell’ordine ,dell’art. 16 e dell’art.18 anche dell’art. 21 della nostra Carta Costituzionale.

La fondamentale importanza dei diritti di libera manifestazione del pensiero, del rispetto per le condizioni di lavoro dei cittadini appartenenti ad una paese la cui Costituzione nell’art.1 afferma:” l'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.”, sono in contrasto con le limitazioni imposte da leggi che riflettono un impianto autoritario e una politica rigida che rimane sterile in termini di soluzioni tempestive, che avvalendosi di propri canali di comunicazione fa un uso improprio delle informazioni raccolte.

Infatti i soggetti Floris Felice, Cinus Andrea, Priamo Cottu erano stati individuati precedentemente come partecipanti alla manifestazione , grazie a una serie di dispacci intercorsi tra la questura marittima di Olbia quella centrale di Cagliari e la questura di Roma,in cui si preannunciava l’arrivo di un gruppo di Pastori Sardi, il cui numero esatto variava da un dispaccio all’altro, la cui pericolosità presunta giustificava da parte della questura un dispiegamento delle forze dell’ordine in grande numero e come già detto in tenuta antisommossa, dati questi emersi dalla consultazione da parte dei legali della difesa , degli atti presenti nel fascicolo della Procura. La stessa documentazione che aveva portato a rinvio a giudizio ha costituito nell’udienza che si è tenuta a Civitavecchia il 29 settembre scorso, una difesa degli imputati.
Evidentemente qualcuno ha dimenticato che un diritto che dipende dal beneplacito dell’autorità, non è un diritto ma un favore, una concessione, che le libertà costituzionali non possono essere travolte da nessuno, questore o vice questore che sia.
La manifestazione a Roma non si svolse e ai fatti avvenuti allo sbarco a Civitavecchia fecero seguito denunce e accuse ai danni di Priamo Cottu ,Felice Floris e Cinus Andrea difesi dagli avvocati Pinuccia Cottu, Patrizio Rovelli e Antonio Gaia in un processo durato sette anni e che si è concluso il 29 settembre con l’assoluzione di tutti e tre gli imputati.
“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazione o censura..”(art.21 della Costituzione Italiana).
Il giudice si è riservato 90 giorni per le motivazioni della decisione avendo in aula solo letto il dispositivo.
Sarà interessante leggerle per dare una retrospettiva ai fatti accaduti.
Samantha Giusti

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>