LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO

Da quasi vent’anni i minatori della miniera di Bauxite di Olmedo lottano per vedere riconosciuti diritti inalienabili

La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.

Da quasi vent’anni i minatori della miniera di Bauxite di Olmedo lottano per vedere riconosciuti diritti inalienabili, per una comprensione chiara e trasparente di decisioni che prese lontano da quella terra e dalla fatica di chi la lavora hanno condizionato la loro vita e lo sviluppo economico e sociale delle comunità in cui vivono.

Il 4 Settembre 2017, data della scadenza del bando d’interesse per l’affidamento della concessione mineraria, 30 minatori stanchi di promesse prive di fondamento decidono di occupare le gallerie e il sito minerario, cercano la certezza di un posto di lavoro siglata in un accordo commerciale e poi stritolata in una logica perversa di mancati accordi tra Regione e le aziende interessate.

Nonostante le inadempienze dei privati, i tempi elefantiaci delle istituzioni, la tenacia e la continuità dimostrata dalla protesta dei minatori della miniera di Omedo negli anni, rimane una voce a cui dare risonanza, laddove il rispetto per l essere umano e l’ambiente, è il punto di inizio per una nuova economia che ha al suo centro il riconoscimento della dignità singola e collettiva.

Ma cerchiamo di capire meglio gli elementi che nel tempo combinandosi tra loro hanno determinato la difficile situazione in cui i lavoratori si trovano oggi, la storia è una miniera quasi sempre a cielo aperto.

La presenza di un deposito di  bauxite nel sottosuolo nella zona della Nurra viene  accertato a partire dal 1979 dalla Progemisa S.p.a, società costituita nel 1970 dall’Ente Minerario Sardo (EMSA), attraverso attività di ricerca ,carotaggi e studi, in seguito ai quali fu svolta una valutazione complessiva del giacimento in tutti i suoi aspetti, dalla stima delle riserve in sito alla caratterizzazione geomeccanica, dalla progettazione mineraria fino all’ analisi dei costi. 

Nel 1992 l’Assessorato regionale dell’industria  rilascia  la concessione mineraria per il giacimento di Grazioleddu, vicino  Olmedo, alla Società Sarda Bauxite S.p.a, che inizia così l’attività di estrazione, la miniera da lavoro a circa cento persone tra minatori,operai e impiegati. Inizialmente controllata dall’Ente minerario sardo, la Sardabauxiti, viene privatizzata alla fine degli anni Novanta dopo un lungo periodo di crisi.  La concessione mineraria  rilasciata all’ ingegnere Andrea Binetti infatti viene revocata nel 2007 dalla stessa Regione per il mancato pagamento di canoni per l’attività estrattiva ponendo così termine ad una vertenza con la società suddetta. Dopo aver esaminato a lungo i bilanci il sostituto procuratore Giangiacomo Pilia contestò a Binetti e Acetti la distrazione di denaro, quasi un milione di euro, dalle casse della Sardabauxiti verso altre società. Un fallimento quello dell’ingegnere Andrea Binetti che  lasciò  i lavoratori della miniera senza le retribuzioni concordate e senza lavoro. 

Nel 2008  la miniera di Olmedo viene acquisita dalla multinazionale greca “Silver and Baryte Industrial Minerals” che ne assume la gestione totale con i propositi di ricominciare in tempi brevi il lavoro estrattivo e l’assunzione di tutti i lavoratori precedentemente impegnati con la Sardabauxiti;  la concessione mineraria di Bauxite, Bentonite, Caolino, denominata Olmedo rilasciata alla multinazionale greca  dall'Assessorato all’Industria aveva alla base delle garanzie su un periodo concessorio di quindici anni tuttavia con la decisione di mettere in mobilità i trentasei minatori la multinazionale greca proprietaria della miniera  venne meno al contratto in modo illegittimo e illegale, sulla base di quanto prevedeva la concessione rilasciata.

Dal 2007  la S&B Industrial Minerals società controllata dalla Imerys detiene la concessione mineraria per l’estrazione della bauxite nel giacimento di Olmedo, nel 2015 l’Ing. Marco Aurelio Bonasea convoca tutto il personale negli uffici e comunica con tranquillità che la S&B intende interrompere l’ attività di estrazione nella miniera restituendo la concessione mineraria alla Regione Sardegna e dando avvio alle pratiche di mobilità, i minatori increduli e allibiti occuparono il sito minerario, sin da subito i sindacati coinvolti, CGIL,CISL,UGL furono richiamati dalle proteste.

Dopo qualche mese e l’occupazione del sottosuolo i minatori riescono a fermare i licenziamenti e ad accedere alla cassa integrazione. Nel frattempo l'assessorato all'Industria - con una nota firmata dal direttore del servizio Attività estrattive e recupero ambientale Gabriella Mariani -  contesta formalmente l'operato della S&B Industrial Minerals che per quasi due anni ha ignorato le prescrizioni dell'organismo di vigilanza per lo sgombero dei cumuli di bauxite dai piazzali del sito minerario. Tutti i materiali (anche quelli di scarto) avrebbero dovuto essere raccolti e conferiti nei centri autorizzati ma nessuna di queste operazioni è stata effettuata e tutti i solleciti e le diffide sono stati disattesi dalla società.

Nel maggio del 2016 l’affidamento della concessione mineraria con regolare bando individua nella Elmin Bauxite  un azienda idonea per la riapertura del giacimento di Olmedo. I minatori una volta venuti a conoscenza della nuova azienda chiedono tramite i sindacati di avere un incontro per confrontarsi sul tema delle assunzioni, non ricevendo attenzioni e risposte, organizzano un presidio davanti ai cancelli della miniera è l’ autunno 2016, le condizioni climatiche non sono delle migliori, ma dopo tanto sacrificio i lavoratori riescono ad ottenere un incontro in video conferenza presso gli uffici della regione a cui presenzieranno l’Ass. all’Industria Sindaco di Olmedo Tony Faedda, Sindacati Regionali e Territoriali e una rappresentanza dei lavoratori. A mezz’ora dall’incontro l’azienda comunica che non sarà presente all’appuntamento ritenendo ingiusto l’adempimento delle prescrizioni tralasciate dalla S&B Industrial Minerals.

Questo fece sì che il presidio dei cancelli della miniera si trasformò in occupazione della sala consiliare Omedese.

L’ Elmin Bauxite congela l’attività estrattiva e commerciale della miniera rinunciando alla concessione.

 Prima dell’estate minatori convocano nuovamente l’Assessorato all’Industria per riportare all’attenzione di chi di competenza e responsabilità che a Luglio 2017 ci sono le prime scadenze della mobilità di alcuni lavoratori incresciosamente rimasti ad oggi senza salario.

Il 7 settembre i minatori sono riuniti con i sindacati ed hanno deciso di mantenere l‘occupazione nonostante abbiano ricevuto una convocazione da parte della regione per lunedì 11 settembre alle 15 presso gli uffici regionali.

Le promesse non mantenute che si sono susseguite in tutti questi anni sono fango sulla dignità dei minatori e del lavoro da loro svolto.

 L’equilibrio tra chi con la terra lavora e chi ne trae profitto dovrebbe sempre rientrare in una logica di rispetto reciproco.

Nei primi mesi del 2015, la S&B Industrial Minerals vende la maggior parte delle azioni ad un'altra multinazionale, la Imerys, con la prospettiva di assorbire la miniera di Olmedo.

Samantha Giusti

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza
    Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 
    scopri di più >>
  • Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
    Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 
    scopri di più >>
  • In Sardegna B&B nei bunker militari
    Sfruttare lo straordinario patrimonio della seconda guerra mondiale in Sardegna, disseminata di piccoli e grandi bunker, per aprire una nuova frontiera del turismo sostenibile, naturalistico ed escursionistico. Accanto alla valorizzazione in chiave turistica dei fari costieri voluta dalla Regione, arriva ora la proposta di legge dei Riformatori per riqualificare queste ex postazioni militari e rispondere così alle nuove esigenze ricettive di un'utenza sempre più attenta a vacanze alternative.
    scopri di più >>
  • Un pezzo NY a Cagliari con Ape musicale
    Un pezzo di New York nel cuore di Cagliari, nel vecchio Teatro civico di Castello distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale e da qualche anno rimesso a nuovo: domani l'esordio nazionale de L'Ape musicale di Lorenzo Da Ponte, per la prima volta nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei su commissione del Teatro Lirico di Cagliari. L'opera è ambientata a Manhattan, ma ricorda molto anche la Sardegna tra sfondi di cielo azzurro, palme e casotti: sembra proprio di stare al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani. 
    scopri di più >>
  • Amarcord Sardinia: un racconto corale della Sardegna Anni Settanta
    Ci sono quelle storie che si raccontano sulla carta, intrise di parole e descrizioni e quelle che vivono nelle sfumature di una foto, frutto di uno scatto curioso e indagatore. E sono queste ultime quelle che, con rara raffinatezza è riuscito a raccontare il fotografo milanese Ferdinando Longhi, artista dell’immagine quotato a livello internazionale che dal 2 al 5 settembre (H. 10-13, 17-21) con i suoi scatti in esposizione nella suggestiva Casa delle Dame, a pochi passi dal castello della Fava di Posada. Inaugurata il 2 settembre da Antonello Domenico Cabras, uno dei più promettenti ricercatori italiani nel campo della ricerca medica,  “Amarcord Sardinia”, realizzata col patrocinio del comune di Posada e con la collaborazione della Pro Loco, è una finestra aperta sugli anni Settanta nella Baronia che non ti aspetti.
    scopri di più >>