LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO

Da quasi vent’anni i minatori della miniera di Bauxite di Olmedo lottano per vedere riconosciuti diritti inalienabili

La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.

Da quasi vent’anni i minatori della miniera di Bauxite di Olmedo lottano per vedere riconosciuti diritti inalienabili, per una comprensione chiara e trasparente di decisioni che prese lontano da quella terra e dalla fatica di chi la lavora hanno condizionato la loro vita e lo sviluppo economico e sociale delle comunità in cui vivono.

Il 4 Settembre 2017, data della scadenza del bando d’interesse per l’affidamento della concessione mineraria, 30 minatori stanchi di promesse prive di fondamento decidono di occupare le gallerie e il sito minerario, cercano la certezza di un posto di lavoro siglata in un accordo commerciale e poi stritolata in una logica perversa di mancati accordi tra Regione e le aziende interessate.

Nonostante le inadempienze dei privati, i tempi elefantiaci delle istituzioni, la tenacia e la continuità dimostrata dalla protesta dei minatori della miniera di Omedo negli anni, rimane una voce a cui dare risonanza, laddove il rispetto per l essere umano e l’ambiente, è il punto di inizio per una nuova economia che ha al suo centro il riconoscimento della dignità singola e collettiva.

Ma cerchiamo di capire meglio gli elementi che nel tempo combinandosi tra loro hanno determinato la difficile situazione in cui i lavoratori si trovano oggi, la storia è una miniera quasi sempre a cielo aperto.

La presenza di un deposito di  bauxite nel sottosuolo nella zona della Nurra viene  accertato a partire dal 1979 dalla Progemisa S.p.a, società costituita nel 1970 dall’Ente Minerario Sardo (EMSA), attraverso attività di ricerca ,carotaggi e studi, in seguito ai quali fu svolta una valutazione complessiva del giacimento in tutti i suoi aspetti, dalla stima delle riserve in sito alla caratterizzazione geomeccanica, dalla progettazione mineraria fino all’ analisi dei costi. 

Nel 1992 l’Assessorato regionale dell’industria  rilascia  la concessione mineraria per il giacimento di Grazioleddu, vicino  Olmedo, alla Società Sarda Bauxite S.p.a, che inizia così l’attività di estrazione, la miniera da lavoro a circa cento persone tra minatori,operai e impiegati. Inizialmente controllata dall’Ente minerario sardo, la Sardabauxiti, viene privatizzata alla fine degli anni Novanta dopo un lungo periodo di crisi.  La concessione mineraria  rilasciata all’ ingegnere Andrea Binetti infatti viene revocata nel 2007 dalla stessa Regione per il mancato pagamento di canoni per l’attività estrattiva ponendo così termine ad una vertenza con la società suddetta. Dopo aver esaminato a lungo i bilanci il sostituto procuratore Giangiacomo Pilia contestò a Binetti e Acetti la distrazione di denaro, quasi un milione di euro, dalle casse della Sardabauxiti verso altre società. Un fallimento quello dell’ingegnere Andrea Binetti che  lasciò  i lavoratori della miniera senza le retribuzioni concordate e senza lavoro. 

Nel 2008  la miniera di Olmedo viene acquisita dalla multinazionale greca “Silver and Baryte Industrial Minerals” che ne assume la gestione totale con i propositi di ricominciare in tempi brevi il lavoro estrattivo e l’assunzione di tutti i lavoratori precedentemente impegnati con la Sardabauxiti;  la concessione mineraria di Bauxite, Bentonite, Caolino, denominata Olmedo rilasciata alla multinazionale greca  dall'Assessorato all’Industria aveva alla base delle garanzie su un periodo concessorio di quindici anni tuttavia con la decisione di mettere in mobilità i trentasei minatori la multinazionale greca proprietaria della miniera  venne meno al contratto in modo illegittimo e illegale, sulla base di quanto prevedeva la concessione rilasciata.

Dal 2007  la S&B Industrial Minerals società controllata dalla Imerys detiene la concessione mineraria per l’estrazione della bauxite nel giacimento di Olmedo, nel 2015 l’Ing. Marco Aurelio Bonasea convoca tutto il personale negli uffici e comunica con tranquillità che la S&B intende interrompere l’ attività di estrazione nella miniera restituendo la concessione mineraria alla Regione Sardegna e dando avvio alle pratiche di mobilità, i minatori increduli e allibiti occuparono il sito minerario, sin da subito i sindacati coinvolti, CGIL,CISL,UGL furono richiamati dalle proteste.

Dopo qualche mese e l’occupazione del sottosuolo i minatori riescono a fermare i licenziamenti e ad accedere alla cassa integrazione. Nel frattempo l'assessorato all'Industria - con una nota firmata dal direttore del servizio Attività estrattive e recupero ambientale Gabriella Mariani -  contesta formalmente l'operato della S&B Industrial Minerals che per quasi due anni ha ignorato le prescrizioni dell'organismo di vigilanza per lo sgombero dei cumuli di bauxite dai piazzali del sito minerario. Tutti i materiali (anche quelli di scarto) avrebbero dovuto essere raccolti e conferiti nei centri autorizzati ma nessuna di queste operazioni è stata effettuata e tutti i solleciti e le diffide sono stati disattesi dalla società.

Nel maggio del 2016 l’affidamento della concessione mineraria con regolare bando individua nella Elmin Bauxite  un azienda idonea per la riapertura del giacimento di Olmedo. I minatori una volta venuti a conoscenza della nuova azienda chiedono tramite i sindacati di avere un incontro per confrontarsi sul tema delle assunzioni, non ricevendo attenzioni e risposte, organizzano un presidio davanti ai cancelli della miniera è l’ autunno 2016, le condizioni climatiche non sono delle migliori, ma dopo tanto sacrificio i lavoratori riescono ad ottenere un incontro in video conferenza presso gli uffici della regione a cui presenzieranno l’Ass. all’Industria Sindaco di Olmedo Tony Faedda, Sindacati Regionali e Territoriali e una rappresentanza dei lavoratori. A mezz’ora dall’incontro l’azienda comunica che non sarà presente all’appuntamento ritenendo ingiusto l’adempimento delle prescrizioni tralasciate dalla S&B Industrial Minerals.

Questo fece sì che il presidio dei cancelli della miniera si trasformò in occupazione della sala consiliare Omedese.

L’ Elmin Bauxite congela l’attività estrattiva e commerciale della miniera rinunciando alla concessione.

 Prima dell’estate minatori convocano nuovamente l’Assessorato all’Industria per riportare all’attenzione di chi di competenza e responsabilità che a Luglio 2017 ci sono le prime scadenze della mobilità di alcuni lavoratori incresciosamente rimasti ad oggi senza salario.

Il 7 settembre i minatori sono riuniti con i sindacati ed hanno deciso di mantenere l‘occupazione nonostante abbiano ricevuto una convocazione da parte della regione per lunedì 11 settembre alle 15 presso gli uffici regionali.

Le promesse non mantenute che si sono susseguite in tutti questi anni sono fango sulla dignità dei minatori e del lavoro da loro svolto.

 L’equilibrio tra chi con la terra lavora e chi ne trae profitto dovrebbe sempre rientrare in una logica di rispetto reciproco.

Nei primi mesi del 2015, la S&B Industrial Minerals vende la maggior parte delle azioni ad un'altra multinazionale, la Imerys, con la prospettiva di assorbire la miniera di Olmedo.

Samantha Giusti

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>