L'arte di calzare le persone: la storia di Ignazio Tolu

Le scarpe parlano. E dicono tanto, non solo dei piedi e della postura di chi le possiede. Raccontano l’anima.

“Le scarpe parlano. E dicono tanto, non solo dei piedi e della postura di chi le possiede. Raccontano l’anima. Mio padre conosceva le scarpe e le persone. È uno dei segreti del mestiere”.

 Tuo padre era ciabattino? “No, sabatteri. C’è una bella differenza”.

Sì, c’è una grande differenza. La stessa che intercorre fra l’arte e l’artigianato. E ad Ignazio Tolu questo non sfugge per nulla: “Questo mestiere è stata la mia rinascita. C’è una parte di me in ogni suola rifatta, in ogni borsa rimessa a nuovo”.

E nel piccolo laboratorio che ci ospita l’impronta dell’artista si dipana ad ogni angolo. Perché fra l’odore acre dei lucidi, le suole e i chiodi si respira tradizione. “Ho iniziato a fare l’apprendista a 6 anni. Ma non era solo un gioco, era il modo migliore per ottenere l’attenzione di mio padre”. Figlio d’arte, Ignazio. Suo padre, Benedetto, a 10 anni già era praticante di Mondo Caria, poi andò a Decimomannu da un maestro ciabattino e quindi aprì bottega a San Sperate. “A 8 anni ho imparato a fare lo spago con le zuddas (setole di maiale ndr), a 11 anni ero in grado di realizzare una suola: una vera impresa per me! Ma non sono mai riuscito a battere mio padre in velocità, in quello era insuperabile. Ho collaborato con lui fino alla fine”. Un velo di commozione affiora nel ricordare quegli anni trascorsi gomito a gomito con Benedetto, mentore e maestro. “Dopo la morte di mio padre, nel 1997, c’è stato il buio. Tutto in salita. Ho attraversato un periodo difficile. Poi il ritorno alla vita, qui fra queste quattro mura”.

Un giovane di 37 anni che fa un mestiere ormai desueto, è un caso più unico che raro. Ti senti un’eccezione? “Non proprio. Sono solo un ragazzo che ha avuto la fortuna di appassionarsi a qualcosa e che ne ha fatto un mestiere. Da me vengono tanti clienti dai paesi vicini, Ussana, Dolianova, perché ormai siamo una specie in estinzione. E’ l’estate la stagione di maggior lavoro: sandali, sabout, decolté: le donne comprano in base all’estetica, non alla qualità”.

Non ci sono più le scarpe di una volta? “Ma scherzi? Quello che circola oggi è per lo più cartone mascherato da pelle. Una scarpa rifatta da me dura anni, non mesi. E può correggere una postura sbagliata. Un tempo erano i ciabattini a realizzare le scarpe con plantari correttivi, ma oggi le leggi non lo permettono più, purtroppo”.

Chi è il tuo cliente tipo? “Le donne per risistemare i tacchi e le borse, sono fra i migliori clienti. Ma non mancano neanche uomini, sia per le scarpe che per le cinture”.

Nella società del consumismo sfrenato, dell’usa e getta, è possibile sbarcare il lunario con un mestiere così controcorrente? “Non è facile, questo è certo. Però la crisi di questi ultimi anni ha costretto la gente a rivedere le proprie abitudini: scarpe e borse stipate negli armadi da anni, riesumate e portate a rifarsi il trucco..Prezzi modici e serietà sono un ottimo biglietto da visita, anche oggi.”

E quella volta che..? “Aneddoti ce ne sarebbero tanti. Ma uno in particolare mi piace ricordare. Quando Pinuccio Sciola portava le scarpe a mio padre, usciva da sa buttega rigorosamente scalzo. E’ un’immagine che ho stampata nella mia mente.”

Non hai mai pensato di aprire un Presto Service? “Me lo hanno proposto. Qualche anno fa una società londinese mi ha chiesto addirittura di vendergli il marchio per la realizzazione di scarpette da bambino. Mi sarei sistemato, ma avrei perso la mia autonomia. Se questo fosse per me solo un lavoro, avrei ceduto. Ma io ho un sogno. E non è diventare ricco.” 

Qual è questo sogno? “Fare scuola. Trasmettere ai giovani questa passione, insegnare loro non solo un mestiere, ma uno stile di vita. Come mio padre ha fatto con me. Lui capiva le persone, le ascoltava. Sistemare le scarpe veniva dopo.”

E tu capisci le persone? “Le scarpe parlano. Ed io le ascolto. Altrimenti non sarei un sabatteri.”

No, sarebbe “solo” un ciabattino.

Emanuela Katia Pilloni

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Primo piano

  • Un'estate a San Teodoro
    Bisogna dire che San Teodoro ogni anno stupisce. Dalla notte al giorno è fonte di ispirazione e di tendenze che marcano outfit importanti. Dalla sera alla mattina si parte dal giallo coordinato da accessori, consigliatissimo per donne dalla pelle ambrata, come propone nelle passerelle milanesi Jil Sander. Le camicie, i giubbotti e i jeans délavé presentano immancabili strappi, come per Alexander Wang.
    scopri di più >>
  • 10 domande a... Caterina Murino
    Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda. Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale. Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore". Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.
    scopri di più >>
  • Tutto pronto per "Live right be bright"
    Dal 22 al 28 luglio 2017 Abbasanta sarà invasa da 42 giovani e operatori giovanili maltesi, danesi, olandesi e sardi che, con grande entusiasmo e forte motivazione, partecipano a Live Right, Be Bright (Vivi nel modo giusto, sii luminoso), uno scambio giovanile transnazionale finanziato dal Programma Erasmus+ e coordinato da un’organizzazione maltese in partenariato con l’Associazione Malik ed il Comune di Abbasanta.
    scopri di più >>
  • RENZI SILURA IL FISCAL COMPACT
    Il Fiscal compact è il termine sintetico con cui si abbrevia il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria (UEM). L’accordo fu preparato come una delle misure urgenti con cui dare una risposta credibile ai mercati contro l’evolversi della crisi finanziaria europea dei debiti sovrani; venne approvato nel 2012 e ratificato dal nostro Paese nel corso dello stesso anno, col governo Monti. Lo stesso Mario Monti, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che il Trattato ha avuto a suo tempo «un padre, Mario Draghi, che lanciò l’idea nel dicembre 2011, appena diventato presidente della BCE, e una madre, Angela Merkel, che la spinse politicamente. Draghi doveva accreditarsi presso quel mondo tedesco che era preoccupato per l’arrivo al vertice della BCE di un italiano, sia pure con ottima reputazione». Perciò aveva bisogno di presentarsi agli occhi tedeschi come “falco”, che non era disposto a fare sconti al governo del suo Paese sulle politiche di risanamento del bilancio pubblico e di avvio delle riforme strutturali necessarie ad evitare il default del Paese.
    scopri di più >>
  • Vela e trekking contro il Parkinson, la sfida dei pazienti in Sardegna
    Il vento e la natura, ma anche la cucina e lo yoga per combattere il Parkinson. E' l'esperienza vissuta da un gruppo di pazienti che hanno trascorso una settimana in Sardegna, tra navigazione a vela, trekking, surf, piccoli seminari e degustazioni. 
    scopri di più >>
  • Tutti i protagonisti del Rocce Rosse Blues (dal 22 luglio al 6 agosto) ad Arbatax
    Dal 22 luglio al 6 agosto 2017 Rocce Rosse Blues, la storica rassegna dedicata alla musica del diavolo torna alle origini, al cuore pulsante del festival, nello storico Piazza degli Scogli Rossi ad Arbatax, lo stesso luogo dove ventisei anni fa tutto ebbe inizio. 
    scopri di più >>