Sport

Podio tutto sardo nella C130 al Sardegna Jumping Tour di salto ostacoli
Andres Peñalosa vince la C140

Cresce il livello dei percorsi, aumenta lo spettacolo nel secondo weekend del Concorso nazionale a 6 stelle organizzato dal Comitato Regionale della Fise e dall'Agris. Nella C140 a fasi consecutive, solo due binomi chiudono con percorso netto, ma l'italo-colombiano Andres Peñalosa in sella a Ilonka è più veloce (30”13) di Natale Chiaudani su Costantin 72 (30”55) che occupa anche il terzo posto con un errore in barriera, come Andrea Guspini su Ocean Girl, che però ha due secondi di ritardo dall'olimpionico.

Continua
Da Sennori alla medaglia d’oro della Kickboxing World Cup 2017
Irene Roggio, atleta di Sennori conquista l'oro del kickboxing

Irene Roggio conquista la medaglia d’oro all’Hungarian World Cup 2017 svoltasi a Budapest lo scorso fine settimana e porta sul podio il comune di Sennori. 
L’atleta sedicenne della Asd Kick Boxing Sennori, allenata dal maestro Marco Roggio, ha fatto suo il posto più alto del podio nella specialità k1, categoria 52 kg, sconfiggendo due avversarie molto forti ed esperte come l’israeliana Daniella Pashaev in semifinale, e la finlandese Noora Al-Saffu nella combattutissima finale.

Continua
Gaetano Mura: Velista dell'anno 2017
Eletto a Santa Margherita Ligure il velista di Cala Gonone

Gaetano Mura è il Velista dell'Anno 2017. Il prestigioso premio è stato assegnato dalla giuria del Vela Festival organizzato dal Giornale della Vela , composta da esperti del settore, ieri  sera  a Santa Margherita Ligure. Il navigatore oceanico di Cala Gonone ha prevalso sugli altri quattro finalisti individuati dai giurati e si è aggiudicato il premio più importante.

Continua
GAETANO MURA SOLO ROUND THE GLOBE RECORD
I primi 10 giorni in Atlantico, oggi il passaggio delle Isole di Capo Verde

Primi 10 giorni di oceano Atlantico per Gaetano Mura a bordo di Italia, la barca a vela (Class40 da 12 metri) con i colori nazionali e il logo dell'ENIT (Ente Nazionale Italiano per il Turismo) nel suo giro del mondo in solitario da Gibilterra a Gibilterra. Dopo il difficile passaggio dello stretto, il navigatore italiano ha affrontato a lungo vento leggero dopo aver doppiato le Canarie nella sua rotta verso sud. Solo da un paio di giorni il vento è finalmente arrivato e sta spingendo Italia a 8-10 nodi. In queste ore Gaetano Mura sta doppiando le Isole di Capo Verde. Inizia così l'avvicinamento all'Equatore, uno dei momenti più delicati della rotta intorno al mondo, per i "Doldrums", la zone intertropicale dove si susseguono calme e violenti temporali.

Continua
Su "Italia" caricati 160 kg di viveri per il giro del mondo in solitario di Gaetano Mura
Imbarcati anche i regali di Natale, da scartare il 24 dicembre

La moglie Carla, il figlio Alessio e la sorella Lucia a spostare i borsoni carichi di cibo per Solo Round the Globe Record, il giro del mondo in solitario in barca a vela di Gaetano Mura che oggi ha riunito tutta la famiglia, compresa mamma Silvana e papà Salvatore, a Cagliari, nella banchina di Portus karalis, per il carico della cambusa di Italia, il class40, una barca a vela da 12 metri, che sabato 15 ottobre partirà dal capoluogo della Sardegna per una circumnavigazione di quasi 5 mesi.

Continua
Juan Pedrero (Sherco) è il vincitore del Campionato del Mondo Sardegna Rally Race
90 sono i piloti che hanno preso il via della quarta Prova del Campionato mondiale di Cross-Country Rally, alla quale seguiranno la tappa del Chile e quella del Marocco.

Juan Pedrero, 38enne catalano di Canet del Mar, si aggiudica l’edizione 2016 del Goldentyre Sardegna Rally Race. Cinque partecipazioni, un podio e un’occasione sfumata all’ultima tappa, ma in questa edizione in testa dalla fine della quarta tappa al termine di un’esecuzione capolavoro, oggi Pedrero porta la Sherco ufficiale a un successo importantissimo.

Continua

    Primo piano

    • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
      Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
      scopri di più >>
    • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
      Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
      scopri di più >>
    • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
      I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
      scopri di più >>
    • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
      Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
      scopri di più >>
    • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
      Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
      scopri di più >>
    • Il Natale nella Letteratura sarda
      Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
      scopri di più >>