L’entusiasmo dell’Associazione “Isola Sardegna Giappone” di Tokyo e l’indifferenza della Regione Sardegna

Un mondo da valorizzare e tante promesse non mantenute

Qualche anno fa avevamo cominciato a parlare dei sardi che vivono in Giappone e più precisamente a Tokyo dopo aver conosciuto Valeria Pirodda, tra i giovani fondatori dell’Associazione “Isola Sardegna Giappone”. Cagliaritana di nascita, ci aveva parlato con grande entusiasmo del progetto che si andava realizzando ma che giocoforza aveva la necessità di essere “sostenuto” dalla Regione Sardegna, così come avviene per l’emigrazione sarda organizzata con la legge 7 del 1991. Dall’altra parte del mondo, a 10.269 chilometri di distanza dal capoluogo isolano, come dicono i siti ufficiali che calcolano le lontananze, l’Oriente e in particolare il Giappone rappresenta una delle nuove frontiera di questo mondo sempre più globalizzato: in questi ultimi lustri è diventata terra anche di tanti sardi costretti ad emigrare. Così Valeria aveva descritto il progetto sull’Associazione Sarda in terra nipponica.

“Ho conosciuto tutti i giapponesi che vivono in Sardegna, ora voglio conoscere tutti i sardi che vivono in Giappone. Non credo saremo in tanti, qui non esiste una tradizione di immigrazione come può essere successo in America o in Australia. Siamo tutti “giovani”, di prima generazione, giunti qui per motivi di studio, per lavoro o per amore. L’idea del Circolo che sto realizzando insieme ad alcuni conterranei è perfetta, soprattutto in questa città enorme e dispersiva, dove sicuramente non manca nulla a livello materiale, ma manca quel calore a cui siamo abituati. Ci vuole un posto dove potersi incontrare, scambiare due chiacchiere, che non sia necessariamente un ristorante o un locale notturno. Un luogo che diventi un punto di riferimento per chi risiede a Tokyo ma anche per coloro che vogliono conoscere la Sardegna a 360 gradi: la storia, le tradizioni, le usanze, la cultura millenaria, la lingua. Ci sono tante cose da mettere sul tavolo…..sarebbe bello riuscire a facilitare i rapporti reciproci. Gli interessi da parte di entrambi ci sono: già si intravedono prodotti alimentari con bottarga in testa, negli scaffali dei supermercati. Ci sono studi importanti riguardo la longevità che legano i due Paesi e studiosi universitari che approfondiscono il discorso della lingua sarda, e così via”

Oggi l’Associazione “Isola Sardegna Giappone” ha due anni e mezzo di vita e si appresta a celebrare l'evento numero nove della sua carriera. Vive e cresce, ogni anno sempre di più, grazie alla passione di quattro sardi (oltre a Valeria c’è  Eva Cambedda, Guido Cossu e Giovanni Piliarvu) che, nonostante siano occupati nei reciproci lavori per mantenersi in una città cosmopolita in eterno movimento come Tokyo, riescono a trovare il tempo per riunirsi e organizzare (e autofinanziare) eventi sempre originali sulla vita e la cultura sarda, che attirano numerosissimi curiosi, soprattutto tra giapponesi. 

“Ho sempre pensato che ci siano tanti punti in comune tra sardi e giapponesi – dice Valeria -  a parte l’insularità o forse proprio per questa: siamo entrambi diffidenti all’inizio ma generosi subito dopo. Sicuramente hanno un senso innato dell’ospitalità. Veniamo continuamente contattati da conterranei che vorrebbero instaurare dei rapporti commerciali con realtà nipponiche o, viceversa, da giapponesi interessati alla nostra cucina o alle nostre mete turistiche, insomma siamo diventati un punto di riferimento per entrambe le parti e questo ci riempie di gioia, e se possiamo aiutare ci impegniamo affinché questi contatti abbiano seguito.”

Ma le dolenti note cominciano con il silenzio assordante da parte della Regione Sardegna nel dar credito a questa realtà sardo-giapponese.

“In questi anni siamo stati abbondantemente ignorati dalle Istituzioni. Ma non ci siamo dati per vinti e abbiamo continuato imperterriti la nostra opera di diffusione di informazioni sulla Sardegna, attraverso il nostro sito (www.isolagiappone.com) o la pagina di Facebook, che a breve raggiungerà il traguardo dei 1000 fan! Ciò che chiediamo a chi ci contatta e di farci da "sponsor" per gli eventi, non chiediamo soldi ma un contributo tradotto in oggetti o alimenti, ciò che produce chi ci chiede visibilità. Così noi abbiamo ogni volta un ricordino nuovo da lasciare a chi partecipa alle nostre "feste", una sorta di gadget che i più assidui frequentatori hanno messo in una teca da collezione (abbiamo dato i calendari di ISOLA, le calamite di ceramica, le bamboline coi costumi sardi, le spillette personalizzate ISOLA ecc).”

Dalle parole e dai volti degli amici sardi di Tokyo traspare la delusione e la rabbia per questo silenzio che comunque a livello globale sta interessando tutto il mondo dell’emigrazione sarda. Complice la crisi e il lassismo dell’Assessorato al Lavoro, tanti circoli stanno chiudendo.

“La domanda sorge spontanea: perché nonostante questo palese successo, veniamo ignorati da chi dovrebbe invece incentivare persone come noi, che amano la propria terra e vorrebbero che venisse valorizzata come un tesoro nazionale? Perché chi si prende i soldi seduto dietro quelle scrivanie non prende in mano la nostra causa e porta aventi la nostra battaglia che è ferma al 2013, negli archivi regionali  con tanto di numero di protocollo? Se avessimo un minimo di budget riusciremo a fare molto di più e a coinvolgere anche quei sardi residenti che, per ovvi motivi, non sempre si possono permettere di pagare per partecipare ad una festa che possono vedere in diretta quando rientrano  a casa!”

E il futuro come lo si disegna?

“Vorremmo poterci permettere una sede: ora ci ospita il ristorante sardo Tharros di Shibuya, dove spesso sviluppiamo e mettiamo in essere i nostri eventi, ma vorremmo un posto nostro, da personalizzare, dove riuscire a fare un'esposizione permanente di prodotti e poterne ospitare anche altre stagionali. Le idee non ci mancano, manca la collaborazione da chi di dovere.”

Un appello che speriamo non cada nel vuoto. Anche perché il tornaconto in un mercato come quello orientale, può essere molto significativo: i sardi di Tokyo lo garantiscono.

Massimiliano Perlato

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Il Fuori Salone 2018 di Antonio Marras: creatività, dettagli ed elogio della lentezza.
    E’ frenesia e velocità, la settimana del Salone del Mobile di Milano. È ricerca forsennata della foto, del dettaglio, della story e del selfie perfetto. È brindisi veloci e incontri fugaci con l’innovazione e l’allestimento ricercato, da cercare nei vari distretti della città protagonisti del Fuori Salone, lesti, di via in via, di vernissage in vernissage.  Eppure c’è, in questi giorni dedicati al mondo del design dove tutto scorre senza sosta, un momento atteso in cui ritrovare la bellezza di un luogo dove tutto diventa etereo e lento.
    scopri di più >>
  • ALTER, un progetto per avviare nuove imprese nel territorio del Gal Logudoro-Goceano
    Sessanta posti a disposizione per i comuni del Logudoro, Goceano, Villanova e Meilogu. Arriva nel territorio del GAL il progetto ALTER, un percorso rivolto a disoccupati, soggetti in mobilità o in cassa integrazione con il fine di favorire, a titolo gratuito, l'incremento del lavoro autonomo e l'imprenditorialità negli ambiti del turismo sostenibile e dell'agroalimentare.
    scopri di più >>
  • Le futuriste in mostra al Museo MAN di Nuoro
    Dopo i progetti sull’espressionismo tedesco e le coppie dell’avanguardia russa, il MAN presenta “L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944”, una mostra dedicata al futurismo e le donne.
    scopri di più >>
  • Premiato il documentario di Pietro Mereu sui centenari d'Ogliastra
    "Il club dei centenari d'Ogliastra", questo il titolo del documentario realizzato dal regista Pietro Mereu che ha vinto il Premio del pubblico 2018 del 25/mo Sguardi Altrove Film Festival. Il lavoro del professionista ogliastrino è stato presentato nel concorso #FrameItalia (la sezione dedicata a lungometraggi di finzione, documentari e cortometraggi italiani) lunedì 12 marzo, alla presenza del regista e della conduttrice Victoria Cabello.
    scopri di più >>
  • Gli scritti inediti di Salvatore Satta a Laura Boschian per la prima volta a Roma in Campidoglio
    Sarà presentato venerdì 9 marzo, a Roma, ore 17.30, nella sala del Carroccio di Palazzo Senatorio, in Campidoglio, il volume “Mia indissolubile compagna. Lettere a Laura Boschian 1938-1971”, curato da Angela Guiso, docente e critica letteraria, e pubblicato da Ilisso Edizioni. All’incontro, cui parteciperà l’autrice, interverranno Gemma Azuni (già consigliera di Roma Capitale), Carlo Casula (storico) e Renato Minore (critico letterario e scrittore).
    scopri di più >>
  • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
    Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
    scopri di più >>