Volete sapere cosa si prova a stare in una città sotto attacco? PAURA

L’amour s’appelle Paris, et, tu sais, tu ne devrais pas en avoir si peur.”

Volete sapere cosa si prova a stare in una città che é sotto attacchi terroristici? PAURA.

Io ho avuto la sfortuna di saperlo. Sapete quando si dice ‘trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato’. Ecco io ero lì. Ma ringraziando il cielo sto bene.

Vivo in Francia da due anni e mezzo, faccio parte dei tanti ‘sardi emigrati’ all’estero, che partono con la speranza di costruire un futuro migliore, ma con sempre il sogno di poter tornare a casa un giorno. Questo desiderio diventa ancora più forte quando ti rendi conto che la tua vita potrebbe essere in pericolo e inizi a chiederti se valga la pena stare lontana.

 

Ho vissuto i primi due anni a Parigi, ma da qualche mese mi sono trasferita in Provenza, a sud della Francia.  Venerdì 13 son andata a fare un week-end a Parigi, per passare un po’ di tempo coi miei amici e finire il mio trasloco. Non so per quale motivo il destino ha deciso che dovevo essere a Parigi quel giorno.

Venerdì sera son andata in centro con la mia amica, eravamo nel’ 1 arrondissement a fare un po’ di compere e verso le 20:30 siamo tornate a casa con la metropolitana. Solo un’ora dopo é stato fatto uno dei 7 attentati proprio nel 1 arrondissement lo stesso quartiere dove mi trovavo qualche momento prima. E pensare che lo scorso anno lavoravo proprio li.

Dopo lo shopping io e la mia amica usciamo di nuovo e decidiamo di non prendere la metro ma chiamiamo un taxi. Ed è in quel momento che inizio a ricevere le notizie dell’ultimo minuto sul mio cellulare. “Attacchi terroristici a Parigi, 16 morti.” Inizialmente resto tranquilla e comunico la notizia al tassista e alla mia amica. Dopo neanche 5 minuti il bilancio sale, gli attentati aumentano e la zona colpita cambia. A quel punto mi rendo conto che non si tratta più di una sola minaccia ma che forse possiamo essere in pericolo anche noi. “ Un Kamikaze si  è fatto esplodere a Saint Denis” . Il mio telefono inizia a vibrare e comincio a ricevere messaggi e chiamate prima da mia mamma e dopo da tutti i miei amici che stano in Italia. L’ansia sale ed io ho un solo desiderio: tornare a casa sana e salva. Ma ormai sono in pieno centro e sono quasi arrivata a destinazione. Arrivo a Porte Maillot a casa di un’altra amica, quando scendo dal taxi corro per arrivare subito al portone della casa della mia amica. Sto tremando e ho davvero paura. In certi momenti pensi di non essere al sicuro nemmeno in casa perché non capisci cosa sta succedendo. Resto attaccata al telefono perché l’incubo non é ancora finito. Continuo a ricevere messaggi con scritto  « Tu vas bien?” T’es où ? » « Rentre vite ! Y a des fusillades”. “ Come stai?” “Dove sei?” “Rientra ci sono delle sparatorie”. E mi ritrovo a scorrere quei messaggi mentre il mio cervello si blocca, non capisco più nulla. Parigi é in pericolo e io sto la impotente a guardare quello che succede.

Quando capisci che le notizie stanno già facendo il giro del mondo ti rendi conto che la situazione é ancora più grave di quello che pensi. Nel frattempo il bilancio delle vittime sale a 60 e leggi che è stata invasa una sala teatro il Bataclan e che i terroristi stanno uccidendo uno ad uno tutti i presenti. Non so più cosa pensare, voglio tornare a casa, ma è difficile trovare un taxi, tutti hanno paura quindi rientrano in casa. E troppo rischioso uscire prima che tutto sia finito. Ma sembra che la minaccia non abbia mai fine.

Il terrorismo fa più paura di una guerra ‘normale’, la sua specialità è quella di attaccare a sorpresa, colpire dei posti a caso anche senza una ragione evidente. Quello che più mi preoccupa in quel momento é proprio questo. L’attacco a sorpresa, dove non si sa, può essere anche sotto casa tua. Un attacco terroristico non ti avvisa, ti prende alle spalle e può cogliere chiunque.

E’ stato colpito un ristorante con terrazza nel 10 arrondissement, inizio a preoccuparmi perché la maggior parte delle mie amiche a Parigi fanno le cameriere e potrebbero trovarsi in pericolo. Le chiamo subito e mi dicono che è tutto ok. Nel frattempo i morti salgono a 100 e io e la mia amica riusciamo a trovare un taxi per tornare a casa. Dobbiamo attraversare la città passando dall’Arc de Triomphe e dagli Champs Elysées perché la polizia ha bloccato le altre strade. Guardo fuori dal finestrino, siamo davanti ai mercatini che la città ha allestito per Natale. Fuori non c’è un’anima, vedo solo gruppi di militari con i mitra in mano pronti all’attacco, che camminano in tensione. E’ un clima di guerra e non credo ai miei occhi. Un solo pensiero, non vorrei essere qui. Il tassista ci dice che non puo ancora tornare a casa perché le strade sono chiuse e quindi è costretto a vagare per la città tutta la notte. Finalmente arriviamo a casa e solo in quel momento tiro un sospiro di sollievo.

Chiamo un’altra amica, anche lei italiana, e scopro che vive proprio a qualche centinaia di metri dal Bataclan. Ha appena finito di lavorare e chiama un taxi che la porti a casa. Quando arriva a place de la République, il tassista la fa scendere e si rifiuta di portarla fino a casa perché ha paura. La mia amica è costretta a fare l’ultimo pezzo di strada a piedi. Per fortuna è rientrata sana e salva.

Quella notte non son riuscita a dormire, mi svegliavo ogni minuto perché sognavo di essere attaccata dai terroristi. E’ stato un incubo, e non oso immaginare cosa abbiano provato le persone che si trovavano sul posto.

Charlie Hebdo era diverso.

Quando quest’inverno è stata attaccata la redazione di Charlie Hebdo non ho avuto la stessa paura di adesso. Era diverso. Sapevo che i terroristi avevano un obiettivo e una loro ragione. Adesso, invece, uccidono chiunque. Il giorno dopo l’attentato a Charlie, la mia vita e quella di tutti gli altri parigini è continuata tranquillamente. Ho preso subito la metro e sono andata a lavorare. Penso che se non avessi avuto la televisione o internet non mi sarei mai accorta che era stato compiuto un attentato. Ma gli attacchi di venerdì sono diversi. Sabato in strada non c’era nessuno. La gente si sente in pericolo sul serio e 129 morti fanno molta più paura. Ma questa tensione non dura a lungo.

Domenica sembra tutto dimenticato, le strade sono di nuovo piene e le terrazze dei ristoranti abbondano di clienti. I parigini rifiutano di farsi intimidire dal terrorismo e diffondono questo messaggio: “ L’amour s’appelle Paris, et, tu sais, tu ne devrais pas en avoir si peur.” “L’amore si chiama Parigi, e tu, lo sai che non dovresti averne cosi paura”.

Tatiana Picciau

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • L'Economia della Sardegna - Presentazione del rapporto semestrale Banca d'Italia a Nuoro
    In occasione della pubblicazione del Rapporto semestrale della Banca d'Italia sull'economia regionale, La Banca d’Italia con sede a Cagliari e la Confindustria Sardegna Centrale, promuovono l'evento "L'Economia della Sardegna" che si terrà a Nuoro il 22 novembre 2018, alle ore 10:30, in via Veneto 46. 
    scopri di più >>
  • “SARDINIA EAST LAND”: PER LA PRIMA VOLTA IMPRESE E ATTRATTORI TURISTICI DEL NUORESE E DELL’OGLIASTRA PROTAGONISTI DI UNA RICERCA ECONOMICA
    Dopo il sondaggio che ha coinvolto gli amministratori locali, il processo di analisi territoriale finalizzato alla creazione di un sistema di offerta turistica integrata tra nuorese e ogliastra, nell’ambito della misura Visit Nuorese del Piano di Rilancio della Provincia, mette al centro gli operatori economici e culturali del territorio, ovvero quei soggetti che hanno maggiore e diretto contatto con i clienti finali della destinazione.
    scopri di più >>
  • "E ogni giorno, guarderemo il mare...e ci ameremo, ci ameremo..."
    Chissà quali erano i pensieri di Romane Worg, mentre dall’Asinara cercava di far volare il suo sguardo regale oltre il mare, oltre la terra e poi di nuovo oltre il mare. E quante volte avrà lasciato che i pensieri le avvolgessero la testa, come farfalle o felci di un bosco. Quante volte avrà lasciato che i piedi, sulla sabbia di una terra non sua, ripensassero alla sua casa.
    scopri di più >>
  • VENT’ANNI FA L’ULTIMO CONCERTO IN SARDEGNA DI FABRIZIO DE ANDRE’
    Il 23 luglio c’è Fabrizio a Nùoro. Io vado. Anche da solo, con la Panda quattro per zero. “Cosa vuol dire?” Chiese mio zio. “Che la mia Panda aragostana, nessuna insolazione e nessun legame con Alghero, funziona per inerzia: ricevuta una spinta iniziale, procede da sola”. “Allora vengo anche io. Però andiamo con la mia. Biglietti? Costo? Posto?” “So solo che è a Nùoro e quest’anno  a Cagliari non verrà”.
    scopri di più >>
  • “SARDINIA EAST LAND” AL VAGLIO DEI GAL. DAL TURISMO GRANDI OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO: LA SPESA INTERNAZIONALE POTREBBE RADDOPPIARE NEL GIRO DI POCHI ANNI.
    A circa due settimane dal ciclo di appuntamenti che ha portato i componenti della Cabina di Regia del Progetto “Sardinia East land – destinazione globale Nuosese Ogliastra” a incontrare i sindaci della provincia, con lo scopo di ascoltare la voce dei rappresentanti locali e ottenere indicazioni inerenti all’offerta turistica di tutte le zone, prosegue il processo di audit territoriale che getterà le basi per la costituzione del catalogo di offerta e del piano strategico della destinazione.  Nella mattinata di martedì 17, l’amministratore straordinario della Provincia, Costantino Tidu, il Sindaco di Nuoro, Andrea Soddu e il Presidente della Camera di Commercio, Agostino Cicalò, affiancati dal team tecnico e dal consulente di progetto Beppe Giaccardi, incontreranno a Nuoro i rappresentanti dei Gruppi di Azione Locale di tutta la provincia con l’obiettivo di confrontarsi in merito alle politiche di programmazione turistica in corso di attuazione.
    scopri di più >>
  • NASCE A NUORO L’ASSOCIAZIONE “TEMPO SOLIDALE” PER METTERE A DISPOSIZIONE DEI PIÙ BISOGNOSI IL PROPRIO TEMPO E LE PROPRIE COMPETENZE.
    A circa tre mesi dalla presentazione pubblica del progetto , l’idea di aiutare i soggetti in difficoltà e le famiglie più bisognose, prende corpo, con la costituzione di un nuovo soggetto associativo: “Tempo Solidale Nuoro” , nato da un’intuizione dell’ “Associazione Dialogo e Rinnovamento”, già promotrice dell’istituzione del Distretto Culturale nel Nuorese. In una stagione della vita sociale e politica caratterizzata da proclami e da inutili contrapposizioni, l’obiettivo dell’Associazione è di dare voce, con azioni concrete, alla grande rete di solidarietà che coinvolge tante persone, uomini e donne, che hanno deciso di sperimentare la forza e la bellezza dell’impegno a favore degli ultimi.
    scopri di più >>