Maggio 22, 2019

    Login to your account

    Username *
    Password *
    Remember Me

    Salute e Benessere

    Salute e Benessere
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Il termine vischio deriva dal latino viscum, probabilmente originario dalla radice indoeuropea is o vis che vorrebbe dire forza. Tra i botanici è meglio conosciuto come Viscum Album, in riferimento al colore bianco delle bacche. Appartiene alla famiglia delle Loranthaceae, spontaneo in Europa e ad est fino al Caucaso, vegeta dal livello del mare fino ai 1200 metri di altitudine.

    E’ un arbusto sempreverde emiparassita su diversi alberi (quercia, pino, melo, pero, noce, pioppo, biancospino, acero), ciò sta a significare che può effettuare le fotosintesi autonomamente ma preleva sali minerali dalla pianta che lo ospita. Deve il nome anche alla sostanza viscida contenuta nelle sue bacche sferiche, verdi lucide e perlacee, tossiche per l’uomo ma non per gli uccelli i quali dopo essersi nutriti diffondono i loro semi tramite gli escrementi.

    Salute e Benessere
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    Il termine guaritori, riferito ai rappresentanti di certe famiglie che in Sardegna prestano cure molto speciali, non mi piace affatto. Per le persone eccessivamente razionali come me, infatti, questa parola può assumere connotati assai negativi, collegati magari a millantati poteri che nulla hanno a che fare con le rassicuranti verità scientifiche. Ma non saprei definire diversamente da guaritrice, ad esempio, la signora di Nuchis (frazione del comune di Tempio Pausania) in grado di curare le ustioni, certe forme di alopecia e altri problemi della pelle. Il rimedio in questione, che non ha assolutamente nulla di spirituale, deriva dal miscuglio di numerose erbe che la signora raccoglie nelle campagne galluresi. La ricetta si tramanda di generazione in generazione, all’interno di queste famiglie che custodiscono il segreto, ognuna delle quali ha le sue varianti dell’unguento medicamentoso.

    Salute e Benessere
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

    La psoriasi è una malattia cronica, persistente e duratura, non contagiosa,  che causa infiammazione della pelle.  Le prime descrizioni riguardanti la malattia risalirebbero al 2000 a.C. circa, riscontrate nei Codici Assiro Babilonesi, in alcuni papiri egiziani e in diversi libri dell’Antico Testamento. Colpisce, secondo stime recenti, il 4% della popolazione mondiale e in Italia in media due milioni e mezzo di persone; si presenta con chiazze o placche rosse ricoperte da squame biancastre localizzate soprattutto sulle ginocchia, gomiti, mani, piedi, cuoio capelluto, polpacci e regione sacrale. Tutta la superficie corporea è potenzialmente colpita e nel 20-30% dei pazienti può aggravarsi estendendosi alle articolazioni o coinvolgendo più organi e apparati. La malattia insorge a qualsiasi età ed ha la stessa incidenza nei due sessi; la sua gravità ed estensione varia da persona a persona e se per alcuni si presenta come poco più che un fastidio, per altri può compromettere seriamente la qualità della vita e causare dolore, difficoltà nei movimenti e stress emotivo con conseguenti disturbi psico-sociali.

    Share