L'albero di Ulivo: Benedetta longevità

E' cosa strana e meravigliosa soltanto a dirla, le fronde dell'ulivo sbucano persino dal ramo rinsecchito. (Virgilio)

Quando si parla dell’ulivo è immediato il collegamento a importanti fatti che hanno scritto la storia delle grandi civiltà diffuse nell’area mediterranea. Una pianta straordinaria fortemente legata all’uomo che fin da tempi remoti univa religione, mitologia e misticismo. Simbolo di pace, fertilità, rinascita, di vitalità e resistenza ha origine probabilmente nell’Asia Occidentale e la sua prima coltivazione risalirebbe a circa 6000 anni fa. Pare che la pianta arrivò dalla Siria in Grecia e quivi trovò fortuna, tanto da penetrare nelle abitudini degli ateniesi, i quali offrivano agli uomini valorosi  corone intrecciate con ramoscelli di ulivo e ampolle d’olio; tradizioni che subentrarono in seguito anche nella civiltà romana.

E’ sempre un ramoscello di ulivo , portato nel becco di una colomba, ad annunciare a Noè la fine del diluvio, e lo si ritrova nella triade sacra dei semi donati da Seth al padre Adamo dopo la sua morte. Anche nel Nuovo Testamento si fa riferimento all’Orto degli Ulivi dove Gesù trascorse le ultime ore prima della Passione, così come il nome stesso del Cristo deriverebbe da christòs, il cui significato si collega al fatto che nell'antico Medio Oriente i re, i sacerdoti e i profeti venivano solitamente scelti e consacrati tramite l'unzione con oli aromatici.

L’usanza di estrarre l’olio dai frutti maturi dell’ulivo compare nella nostra cultura intorno al Medioevo per opera di alcuni ordini Benedettini e Cistercensi, devoti al credo della preghiera e al lavoro sulla terra. Furono loro stessi a persuadere i contadini e gli operai agricoli a non abbandonare le terre, a insegnare a dissodare i campi, a piantare colture da reddito. Una tradizione rinvigorita poi dagli spagnoli in epoche più recenti, ma che pare fosse ben radicata anche in età nuragica: vi sono difatti diversi esemplari di ulivi e olivastri di almeno 3000 anni. A Luras ad esempio, dove è presente un ulivo per il quale l’Università di Sassari ha stimato un’età compresa tra i 2500 e i 4000 anni, dichiarato nel 1991 Monumento Naturale che fa parte dei 20 alberi secolari italiani; ma si ritrovano altri esemplari di tutto rispetto a Santa Maria Navarrese e Sarule. I rinvenimenti di noccioli d’oliva in due contesti nuragici, Duos Nuraghes a Borore e il villaggio Su Putzu a Orroli, confermano questa ipotesi.

Alcuni uliveti in Sardegna simboleggiano fieri titoli nobiliari: nel 1806 il re Vittorio Emanuele I pubblica l’Editto degli ulivi, concedendo il titolo nobiliare a chiunque piantasse o innestasse almeno quattromila ulivi. La Marmora racconta che il marchese di Vallermosa ne innestò ben diecimila.

Generalità

L’ulivo è un arbusto sempreverde appartenente alla famiglia delle Oleaceae che può contare circa 30 specie diverse. Ha un tronco contorto dalle forme sinuose, che con l’età raggiunge dimensioni notevoli (fino ai dieci metri), piccole foglie allungate con pagina superiore di colore verde glauco e pagina inferiore più chiara. I fiori, piccoli bianchi e numerosi, compaiono d’estate, mentre i frutti, le olive, virano dal verde al nero a maturazione completa. La pianta madre,  l’Oleastro, cresce in modo selvatico differenziandosi per la presenza di piccole spine come forma di adattamento ai terreni aridi. L’ulivo necessita di un clima mite, mediterraneo per l’appunto, e non tollera il gelo. 
Le parti della pianta utilizzate sono le foglie fresche o essiccate, e i frutti, dalla cui polpa per spremitura si ottiene l’olio di oliva, prodotto sia dell’industria alimentare che cosmetica e farmaceutica.

Proprietà

Presente nella tradizione medica e erboristica del Mediterraneo da millenni, è solamente a metà del ‘900 che furono avviati degli studi sperimentali volti a individuare le sostanze contenute nella pianta e utili dal punto di vista terapeutico, le stesse che le consentirebbero di vivere a lungo anche in condizioni ambientali avverse e di mantenere una certa vitalità con lo scorrere del tempo.

Le sostanze più abbondanti rilevate sono l’oleuropeina (definita una sostanza nutraceutica), l’idrossitirosolo, i flavon 7-glucosidi di luteolina e apigenina, il verbascoside, acidi grassi saturi e insaturi.In particolare l’idrossitirosolo, un polifenolo naturale, ha una potente azione antiossidante e agisce come radical scavenger inibendo i processi di ossidazione cellulare tipici delle malattie degenerative e dell’invecchiamento.

I componenti dell’ulivo si dimostrano avere un’azione  ipotensiva,  cioè abbassano la pressione arteriosa, provocando vasodilatazione a livello periferico. Sono in grado di ridurre i livelli di colesterolo LDL nel sangue, e grazie ai polifenoli e all’acido oleico, aiutano a contrastare l’insorgenza della sindrome metabolica e dell’obesità.

Può intervenire nella cura di diverse patologie avendo un’azione ipoglicemizzante, cardiotonica, febbrifuga, astringente, dimagrante, antinfiammatoria, diuretica, energizzante, anticellulite, depurativa, protettiva delle mucose, lenitiva, antidepressiva e di miglioramento delle capacità mnemoniche e di concentrazione, antimicotica, antivirale, antitumorale.

Curiosità

Le foglie dell’ulivo vengono attribuite alla Luna, mentre l’olio al Sole. In particolare l’olio di oliva veniva utilizzato come preparato negli oli sacri che alimentavano le lampade accese in onore delle divinità. Una superstizione sostiene che osservare una bottiglia trasparente piena d’olio, esposta alla luce diretta del sole, preserverà una buona vista. Per propiziare buona fortuna e benessere la tradizione suggerisce di tagliare rametti verdi giovani che andranno conservati in casa.

Le energie dell’ulivo sono ottimali come effetto calmante, per stimolare la spiritualità e la meditazione. Le olive venivano usate sotto forma di collane per allontanare la depressione, la tristezza, la malinconia e stimolare la fertilità. I gufi, simboli della dea Atena, nidificano principalmente sugli alberi di ulivo.

L'ulivo è stato frequentemente rappresentato sia come pianta che come ramoscello da pittori, illustratori e scultori; questo denota il suo forte simbolismo anche in ambito artistico.

 Gli Ulivi di Vincent van Gogh. Uno della serie di quadri del grande pittore dedicati agli ulivi

Natascia Talloru
Author: Natascia Talloru

Barbaricina dalle radici profonde, con lo sguardo rivolto verso il mare. Chimico farmaceutico di formazione, mi interesso di medicina alternativa, terapie naturali, alimentazione. Amo l’arte in tutte le sue forme, personalmente la esprimo attraverso la scrittura, la musica e la fotografia. Mission: comunicare che conoscenza e cultura sono essenziali per la vita, come l’aria che respiriamo. “E questa terra, una terra che c’è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca. Guai a chi me la ruba, guai a chi me la invade.”

Su Twitter: @na_talloru


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • L'Economia della Sardegna - Presentazione del rapporto semestrale Banca d'Italia a Nuoro
    In occasione della pubblicazione del Rapporto semestrale della Banca d'Italia sull'economia regionale, La Banca d’Italia con sede a Cagliari e la Confindustria Sardegna Centrale, promuovono l'evento "L'Economia della Sardegna" che si terrà a Nuoro il 22 novembre 2018, alle ore 10:30, in via Veneto 46. 
    scopri di più >>
  • “SARDINIA EAST LAND”: PER LA PRIMA VOLTA IMPRESE E ATTRATTORI TURISTICI DEL NUORESE E DELL’OGLIASTRA PROTAGONISTI DI UNA RICERCA ECONOMICA
    Dopo il sondaggio che ha coinvolto gli amministratori locali, il processo di analisi territoriale finalizzato alla creazione di un sistema di offerta turistica integrata tra nuorese e ogliastra, nell’ambito della misura Visit Nuorese del Piano di Rilancio della Provincia, mette al centro gli operatori economici e culturali del territorio, ovvero quei soggetti che hanno maggiore e diretto contatto con i clienti finali della destinazione.
    scopri di più >>
  • "E ogni giorno, guarderemo il mare...e ci ameremo, ci ameremo..."
    Chissà quali erano i pensieri di Romane Worg, mentre dall’Asinara cercava di far volare il suo sguardo regale oltre il mare, oltre la terra e poi di nuovo oltre il mare. E quante volte avrà lasciato che i pensieri le avvolgessero la testa, come farfalle o felci di un bosco. Quante volte avrà lasciato che i piedi, sulla sabbia di una terra non sua, ripensassero alla sua casa.
    scopri di più >>
  • VENT’ANNI FA L’ULTIMO CONCERTO IN SARDEGNA DI FABRIZIO DE ANDRE’
    Il 23 luglio c’è Fabrizio a Nùoro. Io vado. Anche da solo, con la Panda quattro per zero. “Cosa vuol dire?” Chiese mio zio. “Che la mia Panda aragostana, nessuna insolazione e nessun legame con Alghero, funziona per inerzia: ricevuta una spinta iniziale, procede da sola”. “Allora vengo anche io. Però andiamo con la mia. Biglietti? Costo? Posto?” “So solo che è a Nùoro e quest’anno  a Cagliari non verrà”.
    scopri di più >>
  • “SARDINIA EAST LAND” AL VAGLIO DEI GAL. DAL TURISMO GRANDI OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO: LA SPESA INTERNAZIONALE POTREBBE RADDOPPIARE NEL GIRO DI POCHI ANNI.
    A circa due settimane dal ciclo di appuntamenti che ha portato i componenti della Cabina di Regia del Progetto “Sardinia East land – destinazione globale Nuosese Ogliastra” a incontrare i sindaci della provincia, con lo scopo di ascoltare la voce dei rappresentanti locali e ottenere indicazioni inerenti all’offerta turistica di tutte le zone, prosegue il processo di audit territoriale che getterà le basi per la costituzione del catalogo di offerta e del piano strategico della destinazione.  Nella mattinata di martedì 17, l’amministratore straordinario della Provincia, Costantino Tidu, il Sindaco di Nuoro, Andrea Soddu e il Presidente della Camera di Commercio, Agostino Cicalò, affiancati dal team tecnico e dal consulente di progetto Beppe Giaccardi, incontreranno a Nuoro i rappresentanti dei Gruppi di Azione Locale di tutta la provincia con l’obiettivo di confrontarsi in merito alle politiche di programmazione turistica in corso di attuazione.
    scopri di più >>
  • NASCE A NUORO L’ASSOCIAZIONE “TEMPO SOLIDALE” PER METTERE A DISPOSIZIONE DEI PIÙ BISOGNOSI IL PROPRIO TEMPO E LE PROPRIE COMPETENZE.
    A circa tre mesi dalla presentazione pubblica del progetto , l’idea di aiutare i soggetti in difficoltà e le famiglie più bisognose, prende corpo, con la costituzione di un nuovo soggetto associativo: “Tempo Solidale Nuoro” , nato da un’intuizione dell’ “Associazione Dialogo e Rinnovamento”, già promotrice dell’istituzione del Distretto Culturale nel Nuorese. In una stagione della vita sociale e politica caratterizzata da proclami e da inutili contrapposizioni, l’obiettivo dell’Associazione è di dare voce, con azioni concrete, alla grande rete di solidarietà che coinvolge tante persone, uomini e donne, che hanno deciso di sperimentare la forza e la bellezza dell’impegno a favore degli ultimi.
    scopri di più >>