Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza

Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 

Sono vicentino e non era la mia prima volta in Sardegna, ma in questa occasione si concentrava comunque, in dodici giorni, una serie di “prime volte”, di primi incontri con differenti realtà isolane. A guidarmi la mia compagna di Tula. Molto più di una guida, molto più di un cicerone. Una finestra su un modo di essere. Non potevo desiderare di più. Ovunque o quasi sull'isola la terra, l'aria e l'acqua si allacciano e si slacciano in un quadro che dà l'impressione di essere sempre qualcosa di più che tridimensionale. C'è un respiro in ogni sguardo dato all'orizzonte che e difficile descrivere, non è solo luce, movimento, vento, ombre, immobilità. C'è un po' di tutto questo ma non solo questo. È qualcosa di molto più grande dell'uomo ma a cui l'uomo sente subito di poter appartenere. E chi vive sull'isola conosce profondamente questo senso di appartenenza completa che io sono riuscito appena ad intravedere ed intuire. È un senso di appartenenza includente, mai escludente. 

Non ti senti estraneo nella terra dei sardi, sei accolto e introdotto in casa con calore e sincera benevolenza. Non quell'accoglienza che esagera in sorrisi e birignao sin dal primo momento, ma un'accoglienza che richiede il tempo, per il tuo ospite, di prendere le misure e di capire cosa cerchi, tu visitatore, dal tuo soggiorno sull'isola. Perché i sardi ne hanno viste tante nei secoli di invasioni aggressive o pacifiche che hanno preso tanto e lasciato poco e, giustamente, pretendono rispetto e parità nello scambio con chi fanno entrare in casa. Ma ci mettono poco a capire con chi hanno a che fare e se arrivi da loro con il desiderio di conoscere il tanto che la loro terra ha da offrire, andando oltre la consueta formula, spiaggia, mare, buona cucina, night life, sono pronti a darti il loro cuore, che è grande e caldo, e la loro conoscenza della storia e della società isolana che è molto più approfondita, in media, di quanto avvenga in altri luoghi d’Italia. 

Non pretendo, naturalmente, di poter fare di ogni erba un fascio, soprattutto considerata la mia esperienza tutto sommato breve, ma questa è stata la netta impressione che ho colto e credo sia difficile da smentire. I miei sensi hanno raccolto molto in queste due settimane e già so che nei giorni a venire dell’autunno e dell’inverno mi si depositeranno lentamente dentro, nel cassetto delle emozioni più pure: la steppa bionda del Logudoro e del Meilogu, lo specchio azzurro del Coghinas, il granito multiforme della Gallura, la potenza calcarea del Supramonte, l'orgoglio barbaricino, le frustate delle onde sulle coste dell'Anglona, la schiena granitica di Tavolara di fronte alla serenità assoluta di Porto Istana, i costumi preziosi e variopinti di ogni comunità dell'isola riunitasi per la festa del Redentore a Nuoro, il mistero affascinante delle costruzioni e dei riti nuragici ovunque sparsi sull’isola, le acque limpide di Su Gologone, la pace immensa delle chiese romaniche di campagna, i treni degli anni cinquanta/sessanta a Tempio, le maschere oscure dei Mamuthones, dei Boes, dei Merdules, la politica e la società di ieri e di oggi dipinte sui muri di Orgosolo, i fondali marini più belli d'Italia (e forse del mondo) a La Maddalena, il suono perenne del vento sul monte Limbara, quello delle launeddas che fanno danzare ragazze e ragazzi, quello del canto a tenore, lo sguardo infinito su Cala Gonone, sulla Barbagia dal Monte Ortobene e sulla Corsica da Capo Testa, il cibo di mare e di terra bello all'occhio e generoso al palato, lo sguardo profondo di molte delle persone che ho conosciuto, le porte di San Pantaleo, i muri di pietra di Gavoi, l’andamento trotterellante delle greggi, il manto lucido dei cavalli, la luce vibrante e languida di Ichnusa.

Di Ettore Craca 

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Commenti  

# Giovanna mestroni 2017-09-16 20:37
I turisti sono meravigliosi.
# Giovanna mestroni 2017-09-16 20:41
I turisti cosi disponibili nel volere conoscere la nostra Isola sono semplicemente meravigliosi!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>