Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale

di BENIAMINO MORO*

«Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.
Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».

Nella sostanza, c’è in sottofondo il ronzio insistente che attribuisce al probabile nuovo segretario del Pd l’intenzione di rilanciare il voto per le politiche in autunno, non appena sarà riconfermato segretario a fine mese. E per raggiungere il suo obiettivo va alla ricerca di qualsiasi pretesto utile a mettere in difficoltà il governo.
Così facendo, tuttavia, antepone il suo interesse personale a quello del Paese. E forse anche a quello del suo stesso partito. Renzi si giustifica richiamandosi alla dimensione “politica” della manovra finanziaria, che nella sua visone non può che prevalere su quella “tecnica” di Padoan. Quest’ultimo risponde a tono: «Mi auguro che il dibattito sia franco, con un po’ di analisi tecnica oltre che politica».
Dalla parte del ministro dell’Economia si schierano autorevoli istituzioni indipendenti, nazionali e internazionali, dall’Ufficio parlamentare di Bilancio (UpB) alla Banca d’Italia, dalla Commissione europea alla Bce. Tutte istituzioni che Renzi da mesi considera avversarie. Per l’UpB, l’organismo indipendente di controllo dei conti pubblici, la rinuncia aprioristica a utilizzare l’Iva nella prossima manovra di bilancio rende ancora più vago un quadro programmatico di finanza pubblica che era già «sostanzialmente indefinito».
L’unica cosa certa è che nel 2018 serviranno almeno 17 miliardi di risorse alternative all’aumento dell’Iva per far quadrare i conti. E misure alternative finalizzate al contrasto dell’evasione e alla razionalizzazione delle spese, come ha sostenuto il vice direttore della Banca d’Italia, Federico Signorini, anche se sono obiettivi condivisibili e strategici, non sono sufficienti, perché la possibilità di reperire in questo modo risorse tanto ingenti e in così breve tempo non è sicura. Perciò, conclude il dirigente di Bankitalia, «una riconsiderazione dell’ampio ventaglio delle aliquote Iva non dovrebbe a questo stadio essere esclusa».
Come scrive Massimo Franco, il vertice del Pd non vuole sentir parlare di finanze in bilico, né di manovre pesanti per correggere i conti, e Renzi pretende che Padoan vada a Bruxelles con le «spalle larghe» per difendere questa posizione. Il ministro dell’Economia, come accusano i grillini, si trova perciò «schiacciato tra l’incudine di Renzi e il martello dell’austerity europea». Quanto a Renzi, infine, mentre sostiene che il Pd è rimasto, insieme a Alleanza popolare, l’unico partito europeista a contrastare la deriva populista antieuropea, in realtà non si avvede che il suo antieuropeismo di bilancio è considerato in Europa molto più esplosivo e dirompente di quello dei partiti da lui bocciati come populisti. E crea molti più problemi al Paese di quanto non ne creino Grillo e Salvini.

*docente ordinario Facoltà di Economia Università di Cagliari

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>