Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale

di BENIAMINO MORO*

«Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.
Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».

Nella sostanza, c’è in sottofondo il ronzio insistente che attribuisce al probabile nuovo segretario del Pd l’intenzione di rilanciare il voto per le politiche in autunno, non appena sarà riconfermato segretario a fine mese. E per raggiungere il suo obiettivo va alla ricerca di qualsiasi pretesto utile a mettere in difficoltà il governo.
Così facendo, tuttavia, antepone il suo interesse personale a quello del Paese. E forse anche a quello del suo stesso partito. Renzi si giustifica richiamandosi alla dimensione “politica” della manovra finanziaria, che nella sua visone non può che prevalere su quella “tecnica” di Padoan. Quest’ultimo risponde a tono: «Mi auguro che il dibattito sia franco, con un po’ di analisi tecnica oltre che politica».
Dalla parte del ministro dell’Economia si schierano autorevoli istituzioni indipendenti, nazionali e internazionali, dall’Ufficio parlamentare di Bilancio (UpB) alla Banca d’Italia, dalla Commissione europea alla Bce. Tutte istituzioni che Renzi da mesi considera avversarie. Per l’UpB, l’organismo indipendente di controllo dei conti pubblici, la rinuncia aprioristica a utilizzare l’Iva nella prossima manovra di bilancio rende ancora più vago un quadro programmatico di finanza pubblica che era già «sostanzialmente indefinito».
L’unica cosa certa è che nel 2018 serviranno almeno 17 miliardi di risorse alternative all’aumento dell’Iva per far quadrare i conti. E misure alternative finalizzate al contrasto dell’evasione e alla razionalizzazione delle spese, come ha sostenuto il vice direttore della Banca d’Italia, Federico Signorini, anche se sono obiettivi condivisibili e strategici, non sono sufficienti, perché la possibilità di reperire in questo modo risorse tanto ingenti e in così breve tempo non è sicura. Perciò, conclude il dirigente di Bankitalia, «una riconsiderazione dell’ampio ventaglio delle aliquote Iva non dovrebbe a questo stadio essere esclusa».
Come scrive Massimo Franco, il vertice del Pd non vuole sentir parlare di finanze in bilico, né di manovre pesanti per correggere i conti, e Renzi pretende che Padoan vada a Bruxelles con le «spalle larghe» per difendere questa posizione. Il ministro dell’Economia, come accusano i grillini, si trova perciò «schiacciato tra l’incudine di Renzi e il martello dell’austerity europea». Quanto a Renzi, infine, mentre sostiene che il Pd è rimasto, insieme a Alleanza popolare, l’unico partito europeista a contrastare la deriva populista antieuropea, in realtà non si avvede che il suo antieuropeismo di bilancio è considerato in Europa molto più esplosivo e dirompente di quello dei partiti da lui bocciati come populisti. E crea molti più problemi al Paese di quanto non ne creino Grillo e Salvini.

*docente ordinario Facoltà di Economia Università di Cagliari

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza
    Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 
    scopri di più >>
  • Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
    Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 
    scopri di più >>
  • LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO
    La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.
    scopri di più >>
  • In Sardegna B&B nei bunker militari
    Sfruttare lo straordinario patrimonio della seconda guerra mondiale in Sardegna, disseminata di piccoli e grandi bunker, per aprire una nuova frontiera del turismo sostenibile, naturalistico ed escursionistico. Accanto alla valorizzazione in chiave turistica dei fari costieri voluta dalla Regione, arriva ora la proposta di legge dei Riformatori per riqualificare queste ex postazioni militari e rispondere così alle nuove esigenze ricettive di un'utenza sempre più attenta a vacanze alternative.
    scopri di più >>
  • Un pezzo NY a Cagliari con Ape musicale
    Un pezzo di New York nel cuore di Cagliari, nel vecchio Teatro civico di Castello distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale e da qualche anno rimesso a nuovo: domani l'esordio nazionale de L'Ape musicale di Lorenzo Da Ponte, per la prima volta nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei su commissione del Teatro Lirico di Cagliari. L'opera è ambientata a Manhattan, ma ricorda molto anche la Sardegna tra sfondi di cielo azzurro, palme e casotti: sembra proprio di stare al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani. 
    scopri di più >>
  • Amarcord Sardinia: un racconto corale della Sardegna Anni Settanta
    Ci sono quelle storie che si raccontano sulla carta, intrise di parole e descrizioni e quelle che vivono nelle sfumature di una foto, frutto di uno scatto curioso e indagatore. E sono queste ultime quelle che, con rara raffinatezza è riuscito a raccontare il fotografo milanese Ferdinando Longhi, artista dell’immagine quotato a livello internazionale che dal 2 al 5 settembre (H. 10-13, 17-21) con i suoi scatti in esposizione nella suggestiva Casa delle Dame, a pochi passi dal castello della Fava di Posada. Inaugurata il 2 settembre da Antonello Domenico Cabras, uno dei più promettenti ricercatori italiani nel campo della ricerca medica,  “Amarcord Sardinia”, realizzata col patrocinio del comune di Posada e con la collaborazione della Pro Loco, è una finestra aperta sugli anni Settanta nella Baronia che non ti aspetti.
    scopri di più >>