Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale

di BENIAMINO MORO*

«Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.
Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».

Nella sostanza, c’è in sottofondo il ronzio insistente che attribuisce al probabile nuovo segretario del Pd l’intenzione di rilanciare il voto per le politiche in autunno, non appena sarà riconfermato segretario a fine mese. E per raggiungere il suo obiettivo va alla ricerca di qualsiasi pretesto utile a mettere in difficoltà il governo.
Così facendo, tuttavia, antepone il suo interesse personale a quello del Paese. E forse anche a quello del suo stesso partito. Renzi si giustifica richiamandosi alla dimensione “politica” della manovra finanziaria, che nella sua visone non può che prevalere su quella “tecnica” di Padoan. Quest’ultimo risponde a tono: «Mi auguro che il dibattito sia franco, con un po’ di analisi tecnica oltre che politica».
Dalla parte del ministro dell’Economia si schierano autorevoli istituzioni indipendenti, nazionali e internazionali, dall’Ufficio parlamentare di Bilancio (UpB) alla Banca d’Italia, dalla Commissione europea alla Bce. Tutte istituzioni che Renzi da mesi considera avversarie. Per l’UpB, l’organismo indipendente di controllo dei conti pubblici, la rinuncia aprioristica a utilizzare l’Iva nella prossima manovra di bilancio rende ancora più vago un quadro programmatico di finanza pubblica che era già «sostanzialmente indefinito».
L’unica cosa certa è che nel 2018 serviranno almeno 17 miliardi di risorse alternative all’aumento dell’Iva per far quadrare i conti. E misure alternative finalizzate al contrasto dell’evasione e alla razionalizzazione delle spese, come ha sostenuto il vice direttore della Banca d’Italia, Federico Signorini, anche se sono obiettivi condivisibili e strategici, non sono sufficienti, perché la possibilità di reperire in questo modo risorse tanto ingenti e in così breve tempo non è sicura. Perciò, conclude il dirigente di Bankitalia, «una riconsiderazione dell’ampio ventaglio delle aliquote Iva non dovrebbe a questo stadio essere esclusa».
Come scrive Massimo Franco, il vertice del Pd non vuole sentir parlare di finanze in bilico, né di manovre pesanti per correggere i conti, e Renzi pretende che Padoan vada a Bruxelles con le «spalle larghe» per difendere questa posizione. Il ministro dell’Economia, come accusano i grillini, si trova perciò «schiacciato tra l’incudine di Renzi e il martello dell’austerity europea». Quanto a Renzi, infine, mentre sostiene che il Pd è rimasto, insieme a Alleanza popolare, l’unico partito europeista a contrastare la deriva populista antieuropea, in realtà non si avvede che il suo antieuropeismo di bilancio è considerato in Europa molto più esplosivo e dirompente di quello dei partiti da lui bocciati come populisti. E crea molti più problemi al Paese di quanto non ne creino Grillo e Salvini.

*docente ordinario Facoltà di Economia Università di Cagliari

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • ALTER, un progetto per avviare nuove imprese nel territorio del Gal Logudoro-Goceano
    Sessanta posti a disposizione per i comuni del Logudoro, Goceano, Villanova e Meilogu. Arriva nel territorio del GAL il progetto ALTER, un percorso rivolto a disoccupati, soggetti in mobilità o in cassa integrazione con il fine di favorire, a titolo gratuito, l'incremento del lavoro autonomo e l'imprenditorialità negli ambiti del turismo sostenibile e dell'agroalimentare.
    scopri di più >>
  • Le futuriste in mostra al Museo MAN di Nuoro
    Dopo i progetti sull’espressionismo tedesco e le coppie dell’avanguardia russa, il MAN presenta “L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944”, una mostra dedicata al futurismo e le donne.
    scopri di più >>
  • Premiato il documentario di Pietro Mereu sui centenari d'Ogliastra
    "Il club dei centenari d'Ogliastra", questo il titolo del documentario realizzato dal regista Pietro Mereu che ha vinto il Premio del pubblico 2018 del 25/mo Sguardi Altrove Film Festival. Il lavoro del professionista ogliastrino è stato presentato nel concorso #FrameItalia (la sezione dedicata a lungometraggi di finzione, documentari e cortometraggi italiani) lunedì 12 marzo, alla presenza del regista e della conduttrice Victoria Cabello.
    scopri di più >>
  • Gli scritti inediti di Salvatore Satta a Laura Boschian per la prima volta a Roma in Campidoglio
    Sarà presentato venerdì 9 marzo, a Roma, ore 17.30, nella sala del Carroccio di Palazzo Senatorio, in Campidoglio, il volume “Mia indissolubile compagna. Lettere a Laura Boschian 1938-1971”, curato da Angela Guiso, docente e critica letteraria, e pubblicato da Ilisso Edizioni. All’incontro, cui parteciperà l’autrice, interverranno Gemma Azuni (già consigliera di Roma Capitale), Carlo Casula (storico) e Renato Minore (critico letterario e scrittore).
    scopri di più >>
  • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
    Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
    scopri di più >>
  • REMEMBERING CIABA: ARTISTI PER LA RICERCA
    Ciaba, al secolo Salvatore Pretta, era una persona dal cuore gigantesco con una sconfinata passione per la politica, la musica, la vita e un amore smisurato per il suo paese Meana Sardo, per la Barbagia e la Sardegna intera. Ha trasformato ogni sua passione in concreto lavoro, mettendosi al servizio della comunità e della collettività come amministratore comunale (dal 2003 al 2008), come vicepresidente della Pro Loco e come vicepresidente del Gruppo Sportivo Meana Sardo.
    scopri di più >>