Economia

Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
L’analisi dell’Osservatorio del mercato del lavoro dell’Aspal: +13mila occupati. Il direttore generale: «Stime Istat effettuate a campione, il SIL registra i contratti effettivi»

Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 

Continua
RENZI SILURA IL FISCAL COMPACT
di BENIAMINO MORO

Il Fiscal compact è il termine sintetico con cui si abbrevia il Trattato sulla stabilità, coordinamento e governance nell’Unione Economica e Monetaria (UEM). L’accordo fu preparato come una delle misure urgenti con cui dare una risposta credibile ai mercati contro l’evolversi della crisi finanziaria europea dei debiti sovrani; venne approvato nel 2012 e ratificato dal nostro Paese nel corso dello stesso anno, col governo Monti.

Lo stesso Mario Monti, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che il Trattato ha avuto a suo tempo «un padre, Mario Draghi, che lanciò l’idea nel dicembre 2011, appena diventato presidente della BCE, e una madre, Angela Merkel, che la spinse politicamente. Draghi doveva accreditarsi presso quel mondo tedesco che era preoccupato per l’arrivo al vertice della BCE di un italiano, sia pure con ottima reputazione». Perciò aveva bisogno di presentarsi agli occhi tedeschi come “falco”, che non era disposto a fare sconti al governo del suo Paese sulle politiche di risanamento del bilancio pubblico e di avvio delle riforme strutturali necessarie ad evitare il default del Paese.

Continua
Il programma di Macron per una guida franco-tedesca dell’Unione monetaria
di BENIAMINO MORO*

In cambio dell’impegno della Francia ad approvare riforme strutturali e ad adottare politiche fiscali restrittive, Macron chiede alla Germania di sostenere una maggiore integrazione dell’Eurozona, che includa in particolare la possibilità di avviare progetti d’investimento d’interesse europeo, l’emissione di debito comune (eurobonds), nonché la costituzione di un Ministero delle Finanze, di un bilancio e di un Parlamento comuni all’area dell’euro. Come si sostiene in un recente articolo dell’Economist, tenendo conto delle posizioni sinora consolidate, ciascuna di queste proposte, considerata isolatamente, verrebbe respinta dalla Germania. Ma non è detto che ciò accada. Il problema resterà aperto sino a dopo le elezioni politiche previste per il 24 settembre. Vediamo perché.

Continua
La narrativa economica fuorviante del governo
di BENIAMINO MORO*

Come ha scritto Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera, «La narrativa economica, che edulcora e a volte nasconde i problemi reali della nostra finanza pubblica, ha fatto passare un aumento delle imposte indirette per la concessione di uno sconto sull’Iva». Eh si, perché l’aumento dell’Iva, che come scrivevo nel mio precedente post del 20 aprile sembrava essere stato definitivamente scongiurato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nella manovrina di primavera da 3,6 miliardi (già andata in Parlamento) è invece ricomparso sotto forma di sconto dell’Iva.

Continua
Il tessile perduto del Nuorese, al suo posto si punta su turismo e agroalimentare
*Di Davide Madeddu © Il Sole 24 Ore

Dopo il tessile, attivo per tre decenni nel Nuorese (Sardegna centrale) e ora chiuso, si cerca la strada del turismo e agroalimentare. Ambiente, lapidei e industria 4.0. Nel frattempo però bisogna risolvere problemi legati a infrastrutture e energia. Diseconomie che hanno contribuito anche alla fine del settore tessile che nell’area per trent’anni ha garantito occupazione a oltre 1.800 persone. Una stagione florida, per un settore nato a ridosso degli anni 70 con le partecipazioni statali, dopo il polo chimico e sulla scia del cosiddetto “piano di rinascita”, che oggi ha lasciato a terra 450 lavoratori senza ammortizzatori sociali. 

Continua
Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale
di BENIAMINO MORO*

«Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.
Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».

Continua

    Primo piano

    • Conto alla rovescia per Marco Buttu. L'Ingegnere gavoese in missione in Antartide ai limiti del possibile, ai confini del mondo.
      Un anno nel deserto ghiacciato dell'Antartide a sperimentare l'atmosfera, il cielo, la terra e la biologia dell'uomo. Sono questi i temi al centro degli studi che il PNRA (Programma Nazionale di Ricerche in Antartide), l'ENEA (Agenzia per le nuove tecnologie l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), e il CNR (Consiglio Nazionale delle ricerche), in collaborazione con l'IPEV francese (Institut Polaire Paul-Emile Victor) affronteranno, inviando tredici professionisti europei in una mission quasi impossible.
      scopri di più >>
    • Il carasau entra ufficialmente nel dizionario Zingarelli
      In occasione del centenario (1917 – 2017) del vocabolario della lingua italiana Zingarelli, mercoledì 8 novembre, al liceo Dettori di Cagliari, ci sarà un incontro con gli studenti dedicato al dizionario, con l’intervento del linguista e critico letterario Massimo Arcangeli, dell'università di Cagliari e della sociolinguista Vera Gheno, dell'università di Firenze. Un viaggio intorno alla parole per spiegare il passato, il presente e il futuro del nostro idioma, tra inglesismi, neologismi e vocaboli perduti. 
      scopri di più >>
    • Ma quando esce “Le tigri del Gocèano”? Intervista a Vanni Lai, finalista Premio Italo Calvino
      “Le Tigri del Gocèano di Vanni Lai. Una Sardegna ben reale dell’inverno 1955-56 è lo scenario della sua narrazione presenta tratti spiazzanti, quasi distopici. Qui, ancora una volta, la tradizione sarda ci presenta un frutto della sua inesausta vitalità. Il passato che non passa si concretizza nella densa tragedia annunciata con la sua vittima sacrificale, un giovane bandito senza scampo: per lui non c’è più posto nel mondo”. (Giuria – Premio Italo Calvino 2017)
      scopri di più >>
    • Ploaghe: Gianni Tetti con il Grande Nudo Experience BiblioTour
      "Grande Nudo", ultimo romanzo del sassarese Gianni Tetti, riprende ancora una volta il suo viaggio in Sardegna. L'appuntamento è per venerdì 3 novembre a Ploaghe, alle 20.00 negli spazi dell’ex Convento dei Cappuccini in via Pietro Salis, dove a presentare l'opera, accanto all'autore, saranno il giornalista Giovanni Dessole e il delegato alla cultura del Comune di Ploaghe, Giovanni Salis.
      scopri di più >>
    • SINESTESIE: CineConcerti in scena
      Tre spettacoli, tre racconti proiettati in scena: questa la prima edizione della Rassegna di CineConcerti - SINESTESIE. Nel mese di Novembre la Casa di Suoni e Racconti proseguirà il suo impegno artistico nella creazione di un dialogo tra le Arti iniziato con la Rassegna di Spettacolo tra Parola e Musica - SIGNIFICANTE e il Festival delle Musiche dei Mondi - UCRONIE, progettando questa volta l’incontro tra il Cinema e la Musica.
      scopri di più >>