Economia

Il programma di Macron per una guida franco-tedesca dell’Unione monetaria
di BENIAMINO MORO*

In cambio dell’impegno della Francia ad approvare riforme strutturali e ad adottare politiche fiscali restrittive, Macron chiede alla Germania di sostenere una maggiore integrazione dell’Eurozona, che includa in particolare la possibilità di avviare progetti d’investimento d’interesse europeo, l’emissione di debito comune (eurobonds), nonché la costituzione di un Ministero delle Finanze, di un bilancio e di un Parlamento comuni all’area dell’euro. Come si sostiene in un recente articolo dell’Economist, tenendo conto delle posizioni sinora consolidate, ciascuna di queste proposte, considerata isolatamente, verrebbe respinta dalla Germania. Ma non è detto che ciò accada. Il problema resterà aperto sino a dopo le elezioni politiche previste per il 24 settembre. Vediamo perché.

Continua
La narrativa economica fuorviante del governo
di BENIAMINO MORO*

Come ha scritto Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera, «La narrativa economica, che edulcora e a volte nasconde i problemi reali della nostra finanza pubblica, ha fatto passare un aumento delle imposte indirette per la concessione di uno sconto sull’Iva». Eh si, perché l’aumento dell’Iva, che come scrivevo nel mio precedente post del 20 aprile sembrava essere stato definitivamente scongiurato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nella manovrina di primavera da 3,6 miliardi (già andata in Parlamento) è invece ricomparso sotto forma di sconto dell’Iva.

Continua
Il tessile perduto del Nuorese, al suo posto si punta su turismo e agroalimentare
*Di Davide Madeddu © Il Sole 24 Ore

Dopo il tessile, attivo per tre decenni nel Nuorese (Sardegna centrale) e ora chiuso, si cerca la strada del turismo e agroalimentare. Ambiente, lapidei e industria 4.0. Nel frattempo però bisogna risolvere problemi legati a infrastrutture e energia. Diseconomie che hanno contribuito anche alla fine del settore tessile che nell’area per trent’anni ha garantito occupazione a oltre 1.800 persone. Una stagione florida, per un settore nato a ridosso degli anni 70 con le partecipazioni statali, dopo il polo chimico e sulla scia del cosiddetto “piano di rinascita”, che oggi ha lasciato a terra 450 lavoratori senza ammortizzatori sociali. 

Continua
Renzi vince un round, ma la partita dell’Iva resta aperta per la manovra autunnale
di BENIAMINO MORO*

«Non sempre è chiaro dove finisca il gioco delle parti e cominci un contrasto reale», scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, a proposito della contrapposizione (guerra di nervi?) tra il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e Matteo Renzi.
Formalmente, i termini del contendere riguardano il possibile aumento delle aliquote Iva per consentire un abbassamento del cuneo fiscale sul costo del lavoro. Renzi è stato perentorio al riguardo: «l’Iva non si tocca e non si toccherà. Il Pd è il partito che abbassa le tasse e non le alza», cui a stretto giro Padoan risponde apparentemente conciliante: «L’intendimento del governo nell’impostazione della legge di bilancio prevede di escludere l’aumento delle aliquote Iva, attuando una manovra alternativa».

Continua
Padoan marca la sua distanza da Renzi: avanti con la manovra
di BENIAMINO MORO*

Non è vero che l’Italia vuole tirare a campare con le riforme, né che intenda tergiversare sulla manovrina da 3,4 miliardi promessa a Bruxelles entro aprile, in attesa che il quadro politico si chiarisca con le primarie del Pd previste, appunto, a fine del prossimo mese. Lo ha dichiarato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ai colleghi dell’Ecofin riuniti a Bruxelles nei giorni scorsi, aggiungendo che la linea del governo è quella di rispettare le scadenze previste sia per il Def (Documento di economia e finanza), che sarà presentato tra il 7 e il 10 aprile, sia della manovrina da 3,4 miliardi che seguirebbe a ruota.

Continua
La Sardegna e le statistiche 2016: numeri inquietanti

Un quadro impietoso quello che emerge per la Sardegna dagli ultimi dati Istat, Eurostat e dal Rapporto OsservaSalute 2015. Troppo semplice pensare al paradiso terrestre, all’isola delle vacanze, delle feste e delle tradizioni, dell’ospitalità, del buon cibo. Siamo di fronte a un paradosso, la realtà che scaturisce dalle indagini è ben più scura del sole che splende sulle nostre coste: povertà, disoccupazione, imprese costrette a chiudere, malessere sociale, spopolamento.

 

Continua

    Primo piano

    • A CENA CON L’AUTORE TONINO OPPES: IL BALLO CON LE JANAS A PISA
      Si narra che le Janas siano creature minute, deliziose e bellissime, e soprattutto incantatrici e custodi di segreti e di magie. Le loro domus de janas, le case delle fate, si trovano in un’isola, la Sardegna, che per la sua forma sembra un’impronta di un piede, o meglio, di un sandalo. Un’isola bellissima, agreste, demoniaca e maliarda, proprio come le minuscole fatine danzanti, che scelgono come dimora delle rocce scavate dal Nord al Sud. Ovunque il loro aleggiare accompagnava la Terra Sarda;  i loro occhi hanno visto nascere comunità intere, generazioni e generazioni. Paesi minuscoli sparsi su montagne, colline e pianure, zone impervie e ricche di flora e di fauna, dove il filo che teneva uniti grandi e piccini era quello del valore della memoria.
      scopri di più >>
    • LA “SARDA TELLUS” DI GENOVA INCONTRA NERIA DE GIOVANNI PER IL RICORDO DEL NOBEL GRAZIA DELEDDA
      Nel novantesimo anniversario del conferimento del Premio Nobel a Grazia Deledda, la Sarda Tellus di Genova ha organizzato domenica 7 maggio un incontro dedicato alla grande scrittrice sarda con la partecipazione di una delle più grandi esperte sull'argomento, la critica letteraria Neria De Giovanni, presentata da Bruno Rombi, il quale ha esordito tracciando il profilo della studiosa.
      scopri di più >>
    • Musica: gli Yes aprono Rocce Rosse Blues
      Il progressive rock degli Yes dà il la a Rocce Rosse Blues 2017. Il festival ogliastrino si apre il 22 luglio nel piazzale degli scogli di Arbatax, frazione marina di Tortolì.  
      scopri di più >>
    • In Sardegna yacht vela più grande mondo
      Si chiama "A" ed è lo yacht a vela più grande del mondo: in questi giorni l'imbarcazione del miliardario russo Andrey Melnichenko è in Sardegna. Da ieri notte è ormeggiato davanti all'isola di Tavolara, nelle acque di Porto Taverna a Loiri Porto San Paolo, in Gallura.
      scopri di più >>
    • Cavalcata Sarda: successo a Sassari
      Una folla entusiasta e un cielo terso hanno decretato il successo della 68/a edizione della Cavalcata Sarda, a Sassari. Oltre 100 mila persone hanno assistito alla "Festa della bellezza", ammirando e applaudendo gli oltre 3mila figuranti che partendo da corso Francesco Cossiga hanno sfilato in via Asproni, via Roma, piazza d'Italia, portici Crispo, piazza Castello, via Cagliari, Emiciclo Garibaldi, viale Italia, viale Mancini e piazza d'Armi.
      scopri di più >>
    • Andrea Scanzi alla MEM e al Teatro Massimo di Cagliari
      Perché spesso in Italia la norma è eccezione e l'anomalia è regola? È quello che si chiedono Andrea Scanzi - giornalista, scrittore e autore teatrale, firma di punta del Fatto Quotidiano – e il cantautore e attore Giulio Casale nel loro "Il sogno di un'Italia", in scena a Cagliari questo sabato (20 maggio), al Teatro Massimo (Sala M2), per l'organizzazione della cooperativa Forma e Poesia nel Jazz. 
      scopri di più >>