“360 gradi nell’Angolo” il primo libro del canoista Andrea Argiolas

La testimonianza di un’esperienza sportiva a tutto tondo

360 gradi nell’Angolo” è il titolo del primo libro di Andrea Argiolas, edito dalla casa editrice sarda Palabanda Edizioni, già disponibile nelle migliori librerie. Il manuale è stato presentato nella sede della società Canottieri Ichnusa, una location non casuale: è qui che, insieme a tanti altri contesti sportivi, è nata e maturata la carriera professionale di Argiolas.

Una vita dedicata allo sport, tra palestre e campi sportivi come docente di scienze motorie, atleta e dirigente federale, nel volume “360 gradi nell’Angolo” Argiolas raccoglie i suoi editoriali pubblicati nella rivista “Nuova Canoa Ricerca”: i corsivi chiamati “L’Angolo”, opinioni e consigli sullo sport scritti in modo originale.Partendo dalla sua esperienza, l’autore nel libro rappresenta la propria idea di sport maturata negli anni: un concentrato di citazioni, opinioni e consigli tecnici per la Canoa-Kayak, applicabili anche ad altre discipline sportive.

“Lo sport e il suo contesto: ovvero, come l'organizzazione sportiva può migliorare sé stessa e incidere significativamente sull'ambiente sociale nel quale opera – spiega Andrea Argiolas - Questo testo è una carrellata di riflessioni, ragionamenti, propositi e azioni poste in essere nel corso della mia esperienza "politico sportiva" nazionale. In un decennio irto di difficoltà di ogni tipo, questa testimonianza, che trae origine da un percorso di formazione continua fortemente arricchito dalla pratica, può rappresentare un modello sicuramente perfettibile, guai se così non fosse, ma "tremendamente" concreto”.

 

“Con Andrea condivido da sempre i valori di lealtà, unione e spirito di squadra grazie ai quali siamo riusciti a viaggiare compatti in questi anni e a pagaiare verso obiettivi sempre più ambiziosi e importanti – sottolinea il Presidente della Federazione Italiana Canoa e Kayak, nonché Vice Presidente Nazionale del Coni, Luciano Buonfiglio, che ha dato il suo prezioso contributo scrivendo la prefazione del manuale - Dal punto di vista umano, professionale e sportivo, Andrea Argiolas ha dato tanto a me, ma soprattutto alla canoa e allo sport italiano che si è fatto sempre più attento alla formazione, alla crescita dei tecnici e al miglioramento delle competenze abbandonando da tempo l’improvvisazione e la casualità e questo contributo ne è una testimonianza”. 

Presente anche l’editore della Casa Editrice Palabanda, Maria Gabriella Ranno. “Inauguriamo la collana saggi con un libro che è davvero una dichiarazione di civiltà sportiva  -  afferma Ranno -  Andrea Argiolas, in qualche modo potrebbe essere il rinnovamento nella gestione dello sport in Sardegna, e Palabanda ne vuole essere la madrina”.

Tra gli ospiti l’Autorità portuale, rappresentata dalla Marketing Manager Valeria Mangiarotti.


 

Il libro

Il testo raccoglie gli editoriali pubblicati dal 2005 al 2016 nella Rivista tecnica “Nuova Canoa Ricerca”, dei veri e propri corsivi chiamati “L’Angolo”. Un saggio dedicato alla canoa, e un manifesto programmatico sulla concezione dello sport inteso come idea democratica.

Negli editoriali, partendo da un’analisi generale del contesto, sono indicati gli indirizzi tecnici e programmatici della federazione all’interno della quale nasce la rivista, il Centro Studi Ricerca e Formazione, che l’autore ha condotto continuativamente per l’intera durata del suo mandato di Consigliere Federale.

Mentre nell’introduzione, Argiolas, illustra in modo semplice la sua idea di sport con riflessioni e spunti originali di politica sportiva. Chiude il testo una ricca appendice che raccoglie una selezione di azioni innovative proposte  e attuate direttamente sotto la responsabilità e il controllo dall’autore durante i suoi incarichi federali. I documenti, specifici per la Canoa-Kayak, per l’impostazione chiara, organica e metodologicamente coerente in tutte le parti, possono facilmente essere mutuati da altre discipline sportive e da organizzazioni economico-sociali con scopi, natura ed estrazione anche molto diversa. 

 

Focusardegna
Author: Focusardegna

Una realtà libera e indipendente. Uno spazio giovane e dinamico dedicato alla Sardegna nel quale raccontare le sue storie, i suoi protagonisti, le sue eccellenze. Una piattaforma in cui condividere, approfondire, dibattere, nel quale ritrovarsi per discutere sul presente, imparando dal passato e volgendo lo sguardo al futuro. FocuSardegna è dedicato a chi la ama, a chi la porta nel cuore e a chi è disposto a tutto per proteggerla. Vieni a visitarci su www.focusardegna.com e contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • La leggenda del castello di Galtellì
    Una notte dello scorso dicembre restai più di due ore ascoltando attentamente una donna di Orosei che mi narrava le leggende del castello di Galtellì. Il suo accento era così sincero e la sua convinzione così radicata che spesso io la fissavo con un indefinibile sussulto, chiedendomi se, per caso, queste bizzarre storie a base di soprannaturale, che corrono pei casolari del popolo, non hanno un fondamento, e qualcosa di vero. Il castello di Galtellì - la Civitas Galtellina, altre volte così fiorente e popolata, ora decaduta in miserabile villaggio - è interamente distrutto; restano solo i ruderi neri e desolati, dominanti il triste villaggio, muti e severi nel paesaggio misterioso. La leggenda circonda quelle meste rovine con un cerchio magico di credenze strane, fra cui la principale è che l'ultimo Barone, ovvero lo spirito suo, vegli giorno e notte sugli avanzi del castello, in guardia dei suoi tesori nascosti. 
    scopri di più >>
  • Scambiarsi la fede sarda o coltello e maninfide
    Il Mercure, un brigantino della Repubblica Francese di Napoleone costruito nel 1805, fu ceduto al Regno Italico nel 1809. La notte del 21 febbraio 1812, questa imbarcazione, di scorta, insieme alle gemelle Jena e Mameluck, al vascello Rivoli, ebbe la sventura di incappare, fuori dal porto di Venezia, nella squadra navale inglese Royal Navy. Le due flotte diedero inizio a uno scontro (ricordato come battaglia di Grado), durante il quale il Mercure, sotto i colpi del brigantino inglese Weasel, esplose in mare. Si spezzò in due tronconi: quello di poppa affondò immediatamente, quello di prora si inabissò a circa cento metri di distanza.
    scopri di più >>
  • I personaggi del Carnevale sardo: Urthos e Buttùdos
    Nella tradizione carnevalesca di Fonni, ci sono due antiche maschere che sono S’Urthu e Su Buttudu. La prima, è interamente ricoperta di pelle di montone bianco, e costituisce l’epicentro del rito simbolico. Viene tenuto tramite una grossa e pesante catena di ferro da due Buttudos, che lo tengono a bada nel suo tentativo di avventarsi contro la gente. Chi rappresenta S’Urthu, è generalmente una persona forte e agile, tant’è che riesce ad arrampicarsi sui balconi, sui muri e nei posti più impensabili, nel tentativo di sfuggire alla sua sottomissione, creando scompiglio e meraviglia tra la gente.
    scopri di più >>
  • Commuoversi davanti a un ormai raro giuramento tra innamorati
    Circa venti giorni dopo la sagra del Girotonno, per l’esattezza durante la notte di San Giovanni Battista, che cade tra il 23 e il 24 giugno, a Carloforte si festeggiano due ricorrenze dal sapore antico: la promessa degli innamorati o giuramento di fedeltà, e l’elezione del compare e della comare, un patto indissolubile e sacro che pone il legame tra i contraenti un gradino sopra l’amicizia. Un tempo la promessa degli innamorati consisteva in un vero e proprio cerimoniale nel quale l’uomo donava alla donna alcuni chicchi di grano, simbolo di abbondanza, mentre questa stringeva il rosario, simbolo di fede.
    scopri di più >>
  • I personaggi del Carnevale sardo: Boes e Merdules
    Il coinvolgente carnevale di Ottana conserva riti e maschere molto simili a quelli originali. È rappresentato da tre personaggi: Su Merdule, Su Boe e Sa Filonzana. Tutte le maschere di Ottana vengono in genere chiamate “Merdules”. Ma su Merdule vero e proprio indossa bianche pelli di pecora (sas peddes), porta sul capo un fazzoletto femminile nero (su muccadore), e sul viso ha una maschera nera antropomorfa (sa carazza) in legno di pero selvatico, dall’espressione impassibile; sovente la maschera è resa deforme da bocche storte, denti in evidenza o nasi lunghi e adunchi. Ha in mano un bastone (su mazzuccu) e una frusta di cuoio (sa soca). Non porta campanacci. Ha gambali in cuoio (sos gambales) e calza sos cusinzos o bottinos, le scarpe da campagna del pastore. Si suppone che il suo nome sia di origine nuragica: da “mere” (padrone) e “ule” (bue): padrone del bue.
    scopri di più >>
  • I personaggi del carnevale sardo: sos Mamutzones e s’Urzu
    Il Carnevale di Samugheo s’inserisce nelle celebrazioni carnevalesche degli ambienti agro-pastorali della Sardegna. Presenta alcune varianti originali che ne spiegano le antichissime origini. Su Mamutzone indossa pantaloni di fustagno, o velluto nero, e pelli di capra; i gambali di cuoio sono ricoperti da pelli di capra. Annodati alla vita porta campaneddas e trinitos (sonagli) e al petto dei campanacci in ottone o bronzo. Nasconde le sembianze umane sotto uno strato di fuliggine di sughero bruciato. Il copricapo è piuttosto originale: si tratta di un recipiente di sughero (su casiddu o su moju), rivestito di lana di capra e con delle corna caprine, a volte bovine. Alcuni Mamutzones portano un bastone; un tempo pare venisse avvolto con pervinca o edera, a somiglianza del “Tirso“, il bastone del dio Bacco o Dioniso. S’Urtzu: è la vittima della rappresentazione. Indossa una pelle di caprone nero, completa della testa; porta sul petto pelli di capretto e pesanti campanacci.
    scopri di più >>