10 domande a... Patrizia Asproni

di Irene Bosu

Patrizia Asproni, nuorese, da oltre dieci anni si occupa di management culturale e di industrie creative. Marcello Fois, nel recente dibattito per la candidatura di Nuoro "Capitale della Cultura 2020", l'ha inserita tra gli 80 profili delle eccellenze moderne del Nuorese. Un dossier che contiene non solo letterati, artisti del passato e un premio Nobel, ma tante personalità con energie nuove, che danno spessore al sistema culturale.

Dal 2001, infatti, l'Asproni è alla guida di Confcultura e dal 2006 è Presidente della Fondazione Industria e Cultura di Confindustria, creata con l’obiettivo di creare un meeting place per aiutare le imprese ad utilizzare la cultura come leva di sviluppo economico e sociale.

Ex Presidente della Fondazione Torino Musei, attualmente presiede la Fondazione Museo Marino Marini a Firenze.

Il 25 novembre, a Torino, riceverà il premio "Flaiano Cultura 2017". 

  

Dal cuore della Barbagia a Firenze. Come vive questa dualità culturale?
Direi meglio dal cuore della Barbagia al resto del mondo. Ho sempre viaggiato moltissimo e mentre Firenze è "uno dei tanti" luoghi, la Barbagia è il luogo dell'anima.

 

Una “cosa” che le manca della Sardegna e una che non le manca per niente?
Mi manca l'isola, il profumo del cisto, la solidità immota dei nuraghi, il calore della gente. Non mi manca la difficoltà di fare rete, di lavorare insieme per creare sviluppo. Il bellissimo motto "forza paris" viene adottato solo nelle emergenze. Dovrebbe essere lo slogan dell'isola.

 

«... la Barbagia è il luogo dell'anima» 

 

Nuoro sogna di diventare Capitale della Cultura 2020. Pensa che ci siano tutte le carte in regola per poter conquistare la vittoria?
Nuoro è da sempre un luogo in cui la cultura, l'arte, la speculazione intellettuale sono parte integrante del suo essere. Grazia Deledda, Sebastiano Satta e scrittori del presente come Marcello Fois sono il prodotto di un genius loci vocato ad essere punto di riferimento culturale. Direi quindi che le premesse per essere capitale della cultura ci sono tutte. #forzanuoro

 

Cosa dovrebbe fare la Sardegna per trasformare il suo ricco patrimonio culturale in patrimonio economico?
La Sardegna ha tutto: un'isola fortunata che in fondo non è consapevole del suo essere privilegiata. Patrimonio culturale, ambientale, clima, enogastronomia, intelligenze, aspettativa e qualità della vita. Non è necessaria la bacchetta magica, basterebbe semplicemente lavorare insieme ad un progetto coerente di sviluppo. Spesso mancano le competenze, ma soprattutto, come ho detto prima, manca la capacità di unire le forze, di fare rete, di darsi obiettivi certi, fare, fare, fare.

 

«Il bellissimo motto "forza paris" viene adottato solo nelle emergenze.

Dovrebbe essere lo slogan dell'isola»

 

Dal 2001 è Presidente di ConfCultura e dal 2006 è Presidente della Fondazione Industria e Cultura di Confindustria, creata con l’obiettivo di aiutare le imprese ad utilizzare la cultura come leva di sviluppo economico e sociale. Quali caratteristiche dovrebbe avere un’impresa culturale per avere successo?
Oggi più che mai un'impresa culturale deve essere una "intrapresa" : avere visione, audacia, ma con i piedi per terra. Le possibilità sono tante, purtroppo gli ostacoli sono rappresentati dalla burocrazia e dalla pesante fiscalità .

 

Cosa, invece, dovrebbe fare la politica per sostenere le imprese culturali e creative?
Dovrebbe eliminare la burocrazia e tagliare le tasse. Il talento, la creatività vanno liberati dalle pastoie che impediscono loro di esprimersi. I giovani vanno all'estero perché lavorare è più semplice e meno oneroso.

 

«Il talento, la creatività vanno liberati dalle

pastoie che impediscono loro di esprimersi»

 

È stata per tanti anni la presidente della Fondazione Torino Musei e attualmente presiede la Fondazione Museo Marino Marini a Firenze. Quali intenti e quali aspettative l’hanno portata ad accettare questo ruolo?
Accettare questi incarichi, che - ci tengo a precisare- sono a titolo totalmente gratuito, è un servizio civile ma anche una sfida interessante. Trasferire know how all'interno di strutture dalle grandi potenzialità è un lavoro duro e impegnativo ma quando i risultati sono positivi la soddisfazione è veramente gratificante. 

 

La presenza dei musei è una carta vincente per il turismo?
Certamente. Non solo ricerche autorevoli ma evidenze empiriche - i numeri in crescita quasi esponenziale - lo dimostrano: i musei sono diventati grandi attrattori per il turismo. Il fatto che proprio in questi giorni si inauguri una "succursale" del Louvre ad Abu Dhabi, con un investimento "monstre" di oltre mezzo miliardo di dollari, fa chiaramente capire come l'arte e la cultura contenuti nelle strutture museali siano diventati fondamentali per richiamare un turismo qualificato. 

 

«L'arte e la cultura contenuti nelle strutture museali sono diventati

fondamentali per richiamare un turismo qualificato»

 

Focalizzando il discorso sul polo museale di Nuoro, con le sue complessità, quali strumenti culturali crede vadano messi in campo per esaltarne il potenziale?
I musei nuoresi sono un caso molto interessante di work in progress virtuoso. Il MAN ha ormai una caratura internazionale, il museo Etnografico restaurato è bellissimo e lo sarà ancora di più quando si concluderà la sua riqualificazione. Il museo Ciusa, la casa di Grazia Deledda, la Biblioteca Satta, le piazze, i nuraghi, ancora una volta la chiave per esaltare il potenziale è fare sistema e rete non solo fra musei ma con tutte le strutture culturali della città e dell'isola.

 

L’ultima domanda è ormai una consuetudine per gli ospiti della rubrica “10 domande a...". Che consiglio darebbe a un giovane sardo che vuole muoversi nel campo dell’industria culturale?
Nell'era digitale l'isola non è più una barriera ma un'opportunità. Consiglio comunque di viaggiare per vedere le cose da un altro punto di vista, imparare le lingue, imparare a leggere le call europee, quelle delle fondazioni bancarie e quelle regionali per farsi finanziare idee e progetti.  Ma anche qui la regola vincente è "forza paris".

 

20 novembre 2017 | © Riproduzione Riservata

Irene Bosu
Author: Irene Bosu

Nuorese, libera professionista nel settore della comunicazione. Dopo essermi laureata e specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo ho frequentato un Master in Management dello sviluppo turistico territoriale. Credo fortemente nella cultura digitale e nei social media, passione che negli ultimi anni è diventata professione.

Su Twitter: @Eneriry


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Al via il Progetto Criaduras - Domos de sa Cultura
    Mousikè, azienda di Nuoro specializzata in organizzazione e gestione eventi, aggiudicataria del bando POR 2014-2020 Domos de sa Cultura, con il progetto “Criaduras”, presenta, col patrocinio del Comune di Dorgali, la prima delle attività che si svolgeranno nel biennio 2018/19 nel territorio di Dorgali e Cala Gonone. Nell’ambito degli interventi culturali di animazione e salvaguardia dei beni culturali immateriali, il 28 Febbraio presso il Teatro “Centro Culturale” di Via Lamarmora a Dorgali sarà in scena il primo spettacolo della rassegna di Musica e Teatro “Quarto Movimento”. Lo spettacolo “Separazione” della compagnia Ludus in Fabula con con Marina Thovez e Mario Zucca, proposto in collaborazione con Cedac Sardegna (Circuito Multidisciplinare Sardegna) sarà il primo dei sette che faranno parte della rassegna Dorgalese.
    scopri di più >>
  • REMEMBERING CIABA: ARTISTI PER LA RICERCA
    Ciaba, al secolo Salvatore Pretta, era una persona dal cuore gigantesco con una sconfinata passione per la politica, la musica, la vita e un amore smisurato per il suo paese Meana Sardo, per la Barbagia e la Sardegna intera. Ha trasformato ogni sua passione in concreto lavoro, mettendosi al servizio della comunità e della collettività come amministratore comunale (dal 2003 al 2008), come vicepresidente della Pro Loco e come vicepresidente del Gruppo Sportivo Meana Sardo.
    scopri di più >>
  • Periodico "E Inzà?": sabato 17 febbraio la presentazione alla MEM
    Sabato 17 febbraio alle ore 16:00 presso la Mediateca del Mediterraneo a Cagliari, spazio ragazzi, i bambini e i giovani di Domusnovas presenteranno il loro periodicò "E inzà?". Il progetto della redazione dei bambini è curato dall'Associazione Elda Mazzocchi Scarzella, associazione di volontariato ONLUS, nata da un'idea di 5 mamme nel giugno 2016 con l'obiettivo di creare spazi ludico-ricreativi e culturali per i bambini e le famiglie del Sulcis Iglesiente. 
    scopri di più >>
  • Sardegna e Sanremo. Un amore lungo 52 anni
    Era il 1965, l’anno della prima edizione di giochi senza frontiere, della nascita dei Doors, dei Pink Floyd e degli Scorpions. Al 15esimo Festival di Sanremo, presentato da Mike Bongiorno, trionfava Bobby Solo con “Se piangi, Se ridi".  Era il 1965 e il primo sardo calcava il palcoscenico più famoso d’Italia conquistando un posto in finale. Lui era Vittorio Inzaina, classe 1942, nato a Telti e, dopo la vittoria al Festival di Castrocaro, conquistava l’Italia della musica con il brano “Si vedrà”, cantato con vigore alla kermesse nell’ accoppiata vincente con il gruppo malgascio di Les Surfs.
    scopri di più >>
  • Nuoro Capitale della Cultura 2020, oggi l'esame finale a Roma
    Oggi è il “Giorno del Giudizio” per Nuoro. Dalle 17 alle 18.15 Nuoro giocherà tutte le sue carte per portare a casa la nomina a Capitale italiana della Cultura 2020.
    scopri di più >>
  • A Nuoro l'unione bella e possibile tra balletto classico e tradizione popolare
    Balletto classico e ballo tradizionale sardo. Due mondi lontani, apparentemente inconciliabili, che vedono a confronto cultura accademica e tradizione popolare. Eppure queste realtà possono incontrarsi, dando vita a una nuova forma di spettacolo ancora intentata. E’ questo l’ obiettivo che si pone “Nuovo Ballo FolkClassico”, progetto entrato tra i vincitori del bando ScrabbleLab e di produzione della società Mousikè di Nuoro: introdurre la cultura sarda in un contesto elitario come quello del balletto e, al tempo stesso, far arrivare il mondo della danza classica in luoghi spesso culturalmente penalizzati. Il tutto portando in scena uno spettacolo di danza che coinvolga ed abbracci il pubblico, facendogli vivere la propria storia e tradizione in maniera del tutto nuova ed originale.
    scopri di più >>