10 domande a... Caterina Murino

Attrice, modella, show girl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Affabile e gioviale è donna di incredibile bellezza, più volte accostata allo stereotipo di bellezza sarda.

Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda.

Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale.

Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore".

Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.

Attrice, modella, showgirl e adesso anche produttrice di una linea di gioielli. Una vita piena di interessi, ma chi è Caterina Murino nella vita privata?

Difficile rispondere, credo solamente che solamente le persone che mi conoscono più a fondo possano dare una risposta a questa domanda. Mi vedo come una donna che non si ferma mai, che si fa abbattere dalle avversità della vita, ma solo per ventiquattro ore, poi riprende in mano le armi e continua il suo cammino. Credo ingenuamente nell'intelligenza e nella bontà delle persone che incontro. Quindi, immaginate bene la mia grande delusione quotidiana!

Cos’è cambiato dalla tue prime apparizioni in TV a oggi e quali sono le esperienze di cui hai fatto tesoro?

In venti anni di carriera, ciò che è cambiato maggiormente, sono le aspettative. Ora ho uno sguardo più distaccato e pondero in maniera diversa tutte le proposte. Non mi sono mai gettata su tutto ciò che mi è stato proposto, e credo che questo sia sempre stato chiaro agli occhi di tutti. Oggi faccio ancora altre riflessioni.

C’è stata una guida o un modello al quale ti sei ispirata nel corso o della tua vita professionale?

No, nessun modello. Ho avuto una guida, ma per poco tempo, ahimè. Il mio primo agente francese, che è passato a miglior vita oramai otto anni fa. Sicuramente mi manca una presenza simile ed è estremamente faticoso sbagliare da soli.

Vivi a Parigi da più di dieci anni, quali sono i tuoi legami con la Sardegna e quali tra atteggiamenti, pensieri, modi di vivere o di fare, rispecchiano maggiormente la tua sardità? Raccontaci qualche aneddoto.

Sono arrivata a Parigi nel 2003 e da allora questa città non mi ha mai stancata. Credo che la mia sardità, intrinseca in me, mi abbia aiutato nelle difficoltà tipiche di questo mestiere. L'essere tenace, non mollare innanzi alle avversità e avere delle radici ben salde, sono diamanti preziosi in una vita. D’altro canto l'essere testardi e inamovibili (come un nuraghe) a volte può essere sconveniente.

Perché hai scelto di vivere a Parigi?

Il perché di Parigi e della Francia è interamente legato al mio mestiere. Dal primo film " L'Enquete Corse" le proposte si sono susseguite, allora ci sono rimasta.

Cosa c’è nel tuo futuro?

Magari lo sapessi!!!!

Vivere fuori dalla Sardegna ti ha permesso di avere maggiore obiettività in merito alle considerazioni sull’attuale condizione della nostra Isola. Se potessi, cosa cambieresti?

Sicuramente stando lontana dalla tua Terra natale hai una visione più completa e obiettiva. Ho sempre amato la Sardegna ma negli ultimi quindici anni ancor più di prima. Tra tutti i nostri pregi, credo che l'integrità del nostro popolo sia quello che mi tocca più profondamente. Forse perché è cosi raro vederlo negli altri, che tendono ad andare dove tira il vento. Noi invece no. Le nostre radici non ce lo permettono.

L'unica cosa che probabilmente cambierei è la propensione e vocazione turistica. Una maggiore apertura, non certo a un turismo di massa come nelle altre isole del Mediterraneo (si salvi chi può !), ma una via di mezzo, ci aiuterebbe a vivere meglio traendo vantaggio dalle meraviglie della nostra isola.

Una “cosa” che ti manca della Sardegna e una che non ti manca per niente?

Sicuramente il colore del cielo, il nostro cibo e la nostra cordialità discreta. Ciò che non mi manca per niente è l’invidia cieca e sorda nei confronti dei nostri “fratelli”. Credo unico cancro della società sarda.

Parliamo per un momento di sardi all’estero. Nel corso della tua esperienza di vita avrai sicuramente avuto modo di avere a che fare con qualcuno di loro. Cos’hanno di diverso rispetto agli altri emigrati?

Purtroppo li ho sempre incontrati per poco tempo nel corso di alcune serate, difficile farsi un'opinione in merito.

L’ultima domanda è ormai una consuetudine per gli ospiti della rubrica “10 domande a..." Che consiglio ti senti di dare a un giovane sardo?

Non aver paura del mondo, se le valigie sono solide, come quelle che solo le famiglie sarde sanno dare. Andare, esplorare, essere. Siate certi che la sardità non vi abbandonerà mai.

Simone Tatti

foto di Alida Vanni per gentile concessione di Soha Sardinia

 

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • Impossibile non amare la Sardegna e i sardi. Emozionante lettera di un turista vicentino in vacanza
    Sono da poco rientrato da due settimane trascorse in giro per la Sardegna. Non ho scritto nulla sui miei spazi social durante i miei giorni nell’isola. Ho lasciato parlare le molte immagini fotografiche, abbagliato da ciò che vedevo, sentivo, odoravo, gustavo e toccavo. Perché l'isola mi è esplosa intorno, e inevitabilmente mi è esplosa anche dentro. Ma poi il risultato di queste deflagrazioni necessita di tempo per posarsi e decantare e ci vorrà ancora ulteriore tempo per coglierne appieno l'essenza e la persistenza. 
    scopri di più >>
  • Cresce l’occupazione dipendente in Sardegna: +3% in un anno
    Cresce nel secondo trimestre del 2017 l'occupazione dipendente in Sardegna. A certificarlo sono i dati del SIL Sardegna (Sistema informativo del lavoro) elaborati dall'Osservatorio del mercato del lavoro dell'ASPAL (Agenzia sarda per le Politiche Attive per il Lavoro) che fotografano i flussi dei contratti registrati sul sistema della Regione. 
    scopri di più >>
  • LA VOCE DEI MINATORI DELLA MINIERA DI OLMEDO, CONTINUITA’ E PERSEVERANZA AD ABBATTERE IL TEMPO E IL SILENZIO
    La terra e le sue ricchezze, il lavoro duro di chi porta alla luce e rende fruibili alla comunità i suoi frutti, siano essi cresciuti al sole o maturati nel suo grembo in un susseguirsi di tempi, di cui spesso l’uomo moderno ha perso cognizione; risorse che nel tempo e nello scandirsi dello sviluppo economico hanno ridisegnato una geografia di mancate corrispondenze tra l’abbondanza di ciò che la terra offre, la dignità di chi su quella terra è nato, e logiche economiche e politiche spesso discordanti che nel loro sterile autoalimentarsi rimangono indifferenti al grido di coloro a cui non vengono riconosciuti diritti di base in una Repubblica che come la nostra si dice fondata sul lavoro.
    scopri di più >>
  • In Sardegna B&B nei bunker militari
    Sfruttare lo straordinario patrimonio della seconda guerra mondiale in Sardegna, disseminata di piccoli e grandi bunker, per aprire una nuova frontiera del turismo sostenibile, naturalistico ed escursionistico. Accanto alla valorizzazione in chiave turistica dei fari costieri voluta dalla Regione, arriva ora la proposta di legge dei Riformatori per riqualificare queste ex postazioni militari e rispondere così alle nuove esigenze ricettive di un'utenza sempre più attenta a vacanze alternative.
    scopri di più >>
  • Un pezzo NY a Cagliari con Ape musicale
    Un pezzo di New York nel cuore di Cagliari, nel vecchio Teatro civico di Castello distrutto dalle bombe della seconda guerra mondiale e da qualche anno rimesso a nuovo: domani l'esordio nazionale de L'Ape musicale di Lorenzo Da Ponte, per la prima volta nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei su commissione del Teatro Lirico di Cagliari. L'opera è ambientata a Manhattan, ma ricorda molto anche la Sardegna tra sfondi di cielo azzurro, palme e casotti: sembra proprio di stare al Poetto, la spiaggia dei cagliaritani. 
    scopri di più >>
  • Amarcord Sardinia: un racconto corale della Sardegna Anni Settanta
    Ci sono quelle storie che si raccontano sulla carta, intrise di parole e descrizioni e quelle che vivono nelle sfumature di una foto, frutto di uno scatto curioso e indagatore. E sono queste ultime quelle che, con rara raffinatezza è riuscito a raccontare il fotografo milanese Ferdinando Longhi, artista dell’immagine quotato a livello internazionale che dal 2 al 5 settembre (H. 10-13, 17-21) con i suoi scatti in esposizione nella suggestiva Casa delle Dame, a pochi passi dal castello della Fava di Posada. Inaugurata il 2 settembre da Antonello Domenico Cabras, uno dei più promettenti ricercatori italiani nel campo della ricerca medica,  “Amarcord Sardinia”, realizzata col patrocinio del comune di Posada e con la collaborazione della Pro Loco, è una finestra aperta sugli anni Settanta nella Baronia che non ti aspetti.
    scopri di più >>