10 domande a... Caterina Murino

Attrice, modella, show girl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Affabile e gioviale è donna di incredibile bellezza, più volte accostata allo stereotipo di bellezza sarda.

Caterina Murino, nata a Cagliari il 15 settembre 1977, è attrice, modella, showgirl e, di recente, anche produttrice di una linea di gioielli. Persona gioviale ed estremamente affabile è donna di incredibile bellezza, tant’è che più volte è stata accostata allo stereotipo di bellezza sarda.

Professionalmente, inizia a farsi conoscere nel 1997, quando arriva quinta al concorso di Miss Italia. Tuttavia, dopo piccole parti in fiction tv si trasferisce in Francia, dove matura esperienze in ambito cinematografico e teatrale, sino a divenire, nel 2006, la Bond girl di "Casino Royale": è un successo mondiale.

Impegnata nel sociale e attenta ai problemi dell'Africa, Caterina Murino è testimonial per Amref e, dopo un viaggio in Kenya, passato a osservare la pesante situazione nelle scuole del luogo, nel 2009 presta la sua immagine per la campagna pubblicitaria a favore del progetto "Adotta un ambasciatore".

Da sempre vicina alla sua terra, ai sui valori e alla sua gente, l’abbiamo incontrata per discutere in merito al suo legame con la Sardegna e per approfondire alcuni aspetti della sua quotidianità.

Attrice, modella, showgirl e adesso anche produttrice di una linea di gioielli. Una vita piena di interessi, ma chi è Caterina Murino nella vita privata?

Difficile rispondere, credo solamente che solamente le persone che mi conoscono più a fondo possano dare una risposta a questa domanda. Mi vedo come una donna che non si ferma mai, che si fa abbattere dalle avversità della vita, ma solo per ventiquattro ore, poi riprende in mano le armi e continua il suo cammino. Credo ingenuamente nell'intelligenza e nella bontà delle persone che incontro. Quindi, immaginate bene la mia grande delusione quotidiana!

Cos’è cambiato dalla tue prime apparizioni in TV a oggi e quali sono le esperienze di cui hai fatto tesoro?

In venti anni di carriera, ciò che è cambiato maggiormente, sono le aspettative. Ora ho uno sguardo più distaccato e pondero in maniera diversa tutte le proposte. Non mi sono mai gettata su tutto ciò che mi è stato proposto, e credo che questo sia sempre stato chiaro agli occhi di tutti. Oggi faccio ancora altre riflessioni.

C’è stata una guida o un modello al quale ti sei ispirata nel corso o della tua vita professionale?

No, nessun modello. Ho avuto una guida, ma per poco tempo, ahimè. Il mio primo agente francese, che è passato a miglior vita oramai otto anni fa. Sicuramente mi manca una presenza simile ed è estremamente faticoso sbagliare da soli.

Vivi a Parigi da più di dieci anni, quali sono i tuoi legami con la Sardegna e quali tra atteggiamenti, pensieri, modi di vivere o di fare, rispecchiano maggiormente la tua sardità? Raccontaci qualche aneddoto.

Sono arrivata a Parigi nel 2003 e da allora questa città non mi ha mai stancata. Credo che la mia sardità, intrinseca in me, mi abbia aiutato nelle difficoltà tipiche di questo mestiere. L'essere tenace, non mollare innanzi alle avversità e avere delle radici ben salde, sono diamanti preziosi in una vita. D’altro canto l'essere testardi e inamovibili (come un nuraghe) a volte può essere sconveniente.

Perché hai scelto di vivere a Parigi?

Il perché di Parigi e della Francia è interamente legato al mio mestiere. Dal primo film " L'Enquete Corse" le proposte si sono susseguite, allora ci sono rimasta.

Cosa c’è nel tuo futuro?

Magari lo sapessi!!!!

Vivere fuori dalla Sardegna ti ha permesso di avere maggiore obiettività in merito alle considerazioni sull’attuale condizione della nostra Isola. Se potessi, cosa cambieresti?

Sicuramente stando lontana dalla tua Terra natale hai una visione più completa e obiettiva. Ho sempre amato la Sardegna ma negli ultimi quindici anni ancor più di prima. Tra tutti i nostri pregi, credo che l'integrità del nostro popolo sia quello che mi tocca più profondamente. Forse perché è cosi raro vederlo negli altri, che tendono ad andare dove tira il vento. Noi invece no. Le nostre radici non ce lo permettono.

L'unica cosa che probabilmente cambierei è la propensione e vocazione turistica. Una maggiore apertura, non certo a un turismo di massa come nelle altre isole del Mediterraneo (si salvi chi può !), ma una via di mezzo, ci aiuterebbe a vivere meglio traendo vantaggio dalle meraviglie della nostra isola.

Una “cosa” che ti manca della Sardegna e una che non ti manca per niente?

Sicuramente il colore del cielo, il nostro cibo e la nostra cordialità discreta. Ciò che non mi manca per niente è l’invidia cieca e sorda nei confronti dei nostri “fratelli”. Credo unico cancro della società sarda.

Parliamo per un momento di sardi all’estero. Nel corso della tua esperienza di vita avrai sicuramente avuto modo di avere a che fare con qualcuno di loro. Cos’hanno di diverso rispetto agli altri emigrati?

Purtroppo li ho sempre incontrati per poco tempo nel corso di alcune serate, difficile farsi un'opinione in merito.

L’ultima domanda è ormai una consuetudine per gli ospiti della rubrica “10 domande a..." Che consiglio ti senti di dare a un giovane sardo?

Non aver paura del mondo, se le valigie sono solide, come quelle che solo le famiglie sarde sanno dare. Andare, esplorare, essere. Siate certi che la sardità non vi abbandonerà mai.

Simone Tatti

foto di Alida Vanni per gentile concessione di Soha Sardinia

 

Simone Tatti
Author: Simone Tatti

Laureato in Economia ho poi conseguito un Master in Promozione Turistica e Territoriale. Mi occupo di analisi economiche e statistiche, di Turismo, Comunicazione e Cultura. Iscritto all’ordine nazionale dei giornalisti, ho collaborato con diverse testate off e on line. Sono Digital Champion del Comune in cui sono nato, nel quale abito e dal quale non vorrei andar via. Per amore di quest’Isola, partendo dal cuore, ho fondato Focusardegna con l’idea di creare uno spazio virtuale innovativo, libero e dinamico dove chiunque potesse ritrovarsi, proporsi e avere voce. Credo nella cultura digitale, nella sua capacità di arrivare rapidamente alle persone e nelle infinite opportunità che questa può offrire : “Quando soffia il vento del cambiamento alcuni costruiscono muri, altri mulini a vento.”

Su Twitter: @Simone_Tatti


FaceBook  Twitter

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Primo piano

  • I 3 martiri sardi menzionati nel Martirologio Geronimiano
    Antico calendario che riporta l’elenco dei martiri venerati nelle diverse località del mondo cristiano, sia in Oriente che in Occidente. Erroneamente attribuito a S. Gerolamo, dal quale ha preso il nome, si tratta in realtà di una compilazione anonima redatta, nella versione originaria, in Italia settentrionale nel secondo quarto del V secolo. Sebbene abbia un carattere assai scarno, il testo contiene le indicazioni essenziali per la celebrazione dei diversi martiri (le cosiddette “coordinate agiografiche”); per ogni giorno dell’anno registra, infatti, il nome di tutti i martiri festeggiati in quella data -si tratta, in genere, della data della morte, che i cristiani consideravano, tuttavia, il dies natalis- preceduto, ciascuno, dall’indicazione del luogo in cui ricorre la celebrazione, luogo che corrisponde, di norma, alla regione o alla città che custodisce l’oggetto che ha ingenerato il culto, ossia il sepolcro del martire.
    scopri di più >>
  • Dj Fanny: "Baglioni portami a Sanremo"
    Per passione fa il dj e la musica è il suo mondo. Andrea Turnu, di Ales (Oristano), ha 30 anni e da sei gli è stata diagnosticata la terribile SLA. Andrea vive immobile in un letto, ma i suoi occhi non si fermano mai. Dai suoi profili social (il suo account Facebook è significativamente #ConGliOcchi) comunica, lancia proposte, pubblica dirette video, partecipa a campagna di raccolta fondi per la ricerca. 
    scopri di più >>
  • A Mamoiada la magia dei fuochi di S.Antonio
    I fuochi di Sant'Antonio Abate illuminano il 16 e 17 gennaio Mamoiada, un rito propiziatorio millenario tra il sacro e il profano. Una quarantina di roghi, col suggestivo gioco di luci e bagliori, bruciano fino alle prime luci dell'alba tra slarghi e piazze. Il 17 pomeriggio, dalle 15 fanno, la loro comparsa le figure tradizionali dei Mamuthones e Issohadores, con i giri attorno al fuoco e le processioni danzanti per le vie del paese.
    scopri di più >>
  • Giulia Achenza: vi racconto la mia Sardegna, culla della bellezza
    Un mondo onirico, fatto di fotogrammi di luoghi in cui sappiamo di non essere mai stati ma per cui vien facile provare quella nostalgia della lontananza che i tedeschi chiamano "Fernweh". Un mondo in cui i personaggi si fondono con la natura e con la casa che, spesso sono uno stesso corpo. Un mondo di ricerca attenta e collaborazioni importanti che fanno di Giulia Achenza, classe 1989, una delle videomaker più promettenti della nuova generazione.
    scopri di più >>
  • Teatro: Macbettu miglior spettacolo 2017
    Il dramma shakespeariano trasportato in una Sardegna arcaica e senza tempo. Macbettu di Alessandro Serra, prodotto da Sardegna Teatro in collaborazione con Teatropersona, è vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior spettacolo dell'anno.
    scopri di più >>
  • Il Natale nella Letteratura sarda
    Salvatore Cambosu in Miele Amaro, il suo capolavoro, - che possiamo, considerare un’antologia, un catalogo generale dell’identità sarda, della sua storia e della sua civiltà - ora come etnologo e antropologo, ora come demologo e storico, ma soprattutto come narratore e poeta, racconta dall’interno, dal sottosuolo, facendosi portavoce del popolo, una sardità non mitizzante ma ancorata alla realtà. E con essa descrive riti e tradizioni. Fra i tanti temi a lui molto cari e tra i più frequentati vi è il Natale. Ecco cosa scrive in proposito nel capitolo Poesie Natalizie liete e tristi: «Certo, ci vuole proprio un villaggio perché un bambino come Gesù possa nascere ogni anno per la prima volta. In città non c'è una stalla vera con l'asino vero e il bue; non si ode belato, e neppure il grido atroce del porco sacrificato, scannato per la ricorrenza. In città è persino tempo perso andar cercando una cucina nel cui cuore nero sbocci il fiore rosso della fiamma del ceppo. E infine, con tante luci che vi oscurano le stelle, è troppo pretendere attecchisca la speranza che, alla punta di mezzanotte, i cieli si spalancheranno e dallo squarcio s'affaccerà una grotta azzurra...».
    scopri di più >>